La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

23. Tutela della concorrenza L’ATTIVITA’ DI IMPRESA E’ LIBERA In un sistema di economia di mercato che alloca efficientemente le risorse le imprese meno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "23. Tutela della concorrenza L’ATTIVITA’ DI IMPRESA E’ LIBERA In un sistema di economia di mercato che alloca efficientemente le risorse le imprese meno."— Transcript della presentazione:

1 23. Tutela della concorrenza L’ATTIVITA’ DI IMPRESA E’ LIBERA In un sistema di economia di mercato che alloca efficientemente le risorse le imprese meno efficienti cedono il passo a quelle più efficienti, nella quali le risorse investite sono in condizioni di creare maggiore ricchezza Solo una competizione piena può consentire che le imprese più efficienti progrediscano a scapito di quelle meno efficienti PRINCIPIO DELLA LIBERA CONCORRENZA FRA LE IMPRESE (artt. 81 ss. T.C.E.)

2 Affinché la competizione fra le imprese sia costante e si eviti il formarsi dei monopoli sono necessarie delle REGOLE CHE TUTELINO LA CONCORRENZA DISCIPLINA NAZIONALE DISCIPLINA COMUNITARIA Le due discipline hanno contenuto analogo e trovano applicazione, l’una o l’altra, a seconda che le condotte da valutare siano rilevanti anche per il mercato comunitario o solo per il mercato nazionale. LE INTESE RESTRITTIVE DELLE CONCORRENZA L’ ABUSO di POSIZIONE DOMINANTE LE CONCENTRAZIONI NON AUTORIZZATE Esse vietano:

3 LE INTESE  sono comportamenti concordati tra imprese  sono volte a limitare la propria libertà di azione sul mercato  sono lecite se non incidono in maniera rilevante sulla concorrenza nel mercato  sono vietate se hanno come scopo di impedire, restringere, o falsare in maniera consistente il gioco della concorrenza all’interno del mercato o di una sua parte  l’ Autorità Garante può consentire quelle che apportano benefici al consumatore.  le intese vietate sono nulle, e rilevabili da chiunque.

4 ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE  Non è vietato raggiungere una posizione preminente sul mercato.  E’ vietato sfruttare abusivamente una posizione preminente sul mercato, adottando ed imponendo comportamenti lesivi dei concorrenti e dei consumatori  Il divieto ha carattere assoluto e comporta la cessazione del comportamento, sanzioni pecuniarie e, in caso di reiterazione, la sospensione dell’attività fino a 30 giorni Si ha abuso di posizione dominante nel caso in cui l’impresa:  impone prezzi o condizioni contrattuali ingiustificati  impedisce o limita la produzione o gli accessi al mercato  applica condizioni diverse per prestazioni equivalenti

5 CONCENTRAZIONI Sono quelle operazioni a seguito delle quali ad una pluralità di operatori si sostituisce un’unica entità economica per fusione A seguito della stipula di accordi di acquisizione Per effetto della costituzione di sistemi di controllo unitario  le concentrazioni non sono in sé vietate.  laddove abbiano influenza sul mercato europeo o su quello nazionale, devono essere autorizzate.

6 IL RISPETTO DELLE REGOLE E L’IRROGAZIONE DELLE SANZIONI SONO AFFIDATI: a livello COMUNITARIO a livello NAZIONALE Alla Commissione U.E. All’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (L. 10 ottobre 1990, n.287)

7 LIMITAZIONI AL PRINCIPIO DI LIBERTA’ DELLA CONCORRENZA La limitazione è valida nella misura in cui non influenzi il mercato nel suo complesso  quando la legge riserva ad un determinato soggetto l’esercizio di una particolare attività economica  quando la legge subordina lo svolgimento di alcune attività al rilascio di apposite autorizzazioni LEGALI: CONVENZIONALI:  per effetto naturale di determinati contratti, in assenza di diversa disposizione delle parti  per effetto di apposite pattuizioni (provate per iscritto e di durata massima di 5 anni)


Scaricare ppt "23. Tutela della concorrenza L’ATTIVITA’ DI IMPRESA E’ LIBERA In un sistema di economia di mercato che alloca efficientemente le risorse le imprese meno."

Presentazioni simili


Annunci Google