La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Errori di realizzazione dei pezzi ERRORI DIMENSIONALI Deviazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Errori di realizzazione dei pezzi ERRORI DIMENSIONALI Deviazioni."— Transcript della presentazione:

1 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Errori di realizzazione dei pezzi ERRORI DIMENSIONALI Deviazioni delle dimensioni reali da quelle nominali (Specifiche Geometriche dei Prodotti GPS) ERRORI GEOMETRICI Deviazioni delle superfici reali da quelle nominali Tolleranze dimensionali (lineari, angolari) Errori microgeometrici Errori macrogeometrici Rugosità, ondulazione Tolleranze geometriche (forma orientamento. localizzazione oscillazione)

2 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

3 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese MECCANISMO: CONNESSIONE DI UNO O Più COMPONENTI ACCOPPIAMENTO AGGIUSTAGGIOINTERCAMBIABILITA’ i pezzi da accoppiare sono adattati uno per uno al momento del montaggio. Questo sistema è utilizzato ormai solo nella produzione di pochi pezzi, in casi particolari, perché richiede manodopera specializzata, tempi lunghi e quindi costi elevati. uno qualsiasi dei pezzi prodotti possa essere accoppiato con un altro qualsiasi fra i pezzi che costituiscono il lotto

4 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese tolleranze Produzione di massa produzione dei singoli particolari in luoghi e in tempi diversi la sostituzione senza difficoltà di un pezzo, rotto o deteriorato dall'uso l'accoppiamento dei pezzi finiti senza aggiustaggi

5 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese CRITERIO: economicità e funzionalità TOLLERANZA DI LAVORAZIONE COSTI DI PRODUZIONE

6 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese il controllo dimensionale dei pezzi tra due limiti fissi. Queste due quote rappresentano il limite inferiore e superiore del campo di tolleranza controllo del livello dell'olio di un automobile I due livelli incisi sull'astina rappresentano i limiti superiore ed inferiore del campo di tolleranza in cui può variare il livello dell'olio senza arrecare danni al motore

7 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese calibro differenziale a forcella ha un'apertura uguale alla misura massima (50,1) e viene chiamato lato passa ha un'apertura uguale alla minima consentita (49,9) e viene chiamato lato non passa. Tutti gli alberini che passano nel lato passa e non passano nel lato non passa possono essere accettati

8 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Calibro per interni a tampone.

9 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Per il corretto funzionamento della carriola la ruota viene montata con interferenza e l'albero con giuoco nell'apposita sede.

10 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese L'albero abbia ad esempio un diametro nominale di 10 mm con un campo di tolleranza di 0,3 mm dimensione massima di 10mm dimensione minima di 9,7 mm. Per il foro dimensione massima di 10,3 mm Dimensione minima di 10,1 mm, tolleranza quindi di 0,2 mm ESEMPIO: ACCOPPIAMENTO CON GIOCO

11 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

12 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

13 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese L'accoppiamento risulta sempre di tipo mobile se le tolleranze dei due elementi soddisfano due condizioni essenziali: a) le zone di tolleranza albero-foro non risultano parzialmente sovrapposte b) la zona di tolleranza del foro è sempre superiore a quella dell'albero.

14 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Accoppiamento con interferenza

15 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Accoppiamento con interferenza

16 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Accoppiamento incerto

17 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Accoppiamento incerto

18 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese La quota nominale è uguale per un albero ed un foro. termini albero e foro possono essere anche riferiti alle dimensioni esterne o interne dei pezzi, anche non cilindrici.

19 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Dimensione è il numero che esprime, nell'unità scelta, il valore dì una lunghezza; quando è scritta su un disegno è chiamata quota. La dimensióne effettiva è quella realizzata nell'esecuzione di un pezzo e viene determinata mediante misurazione Dimensione nominale o quota nominale, è il valore di riferimento per una data dimensione e rappresenta la quota ideale che il progettista vorrebbe realizzare. Dalla dimensione nominale derivano le dimensioni limite applicando le tolleranze secondo esigenze di economicità e funzionalità Dimensioni limite, massima e minima, sono le due dimensioni estreme ammissibili di un pezzo entro le quali (dimensioni estreme comprese) deve trovarsi la dimensione effettiva

20 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Scostamento è la differenza algebrica tra una dimensione (effettiva, massima, ecc.) e la dimensione nominale corrispondente. Scostamento superiore è la differenza algebrica tra la dimensione massima e la dimensione nominale corrispondente; è indicato con Es per i fori e con es per gli alberi. Scostamento inferiore, è la differenza algebrica tra la dimensione minima e la dimensione nominale corrispondente. E indicato con Ei per i fori e con ei per gli alberi.

21 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Linea dello zero: nella rappresentazione grafica delle tolleranze e degli accoppiamenti è la linea retta rappresentante la dimensione nominale (che ha scostamento zero) ed alla quale vengono riferiti gli scostamenti e le tolleranze

22 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Tolleranza è la differenza tra la dimensione limite massima e quella limite minima

23 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese IT (che vuol dire International Tolerance). Tenendo presente le definizioni date, si può scrivere per i fori: IT=Es-Ei Es = IT+Ei Ei = Es-IT e per gli alberi: lT = es- ei es = IT + ei ei = es - IT

24 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese La tolleranza per l'albero A può essere calcolata con: lT = es- ei = - 0,045 - (- 0,070) = 0,025

25 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese per l'albero B: IT = es - ei = + 0, ,025 = 0,025

26 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese e per il foro: IT = Es - Ei = 0,020 - (- 0,039) = 0,059

27 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese GRADI DI TOLLERANZE NORMALIZZATE IT IT Lavorazioni meno precise

28 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

29 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese scostamenti fondamentali Linea dello zero definiscono la posizione della zona di tolleranza rispetto alla linea dello zero

30 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

31 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Gli scostamenti fondamentali js e JS. prescrivono una ripartizione simmetrica del grado di tolleranza normalizzato rispetto alla linea dello zero

32 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

33 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

34 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

35 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

36 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Rappresentazione degli scostamenti con il metodo ISO Rappresentazione degli scostamenti simmetrici Ordine di scrittura degli scostamenti

37 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Esempio:

38 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese TOLLERANZE GENERALI tabella UNI ISO 2768 SI STABILISCE UN LIVELLO DI TOLLERANZA PER TUTTO IL DISEGNO disegni sono di più facile lettura ed interpretazione; il progettista risparmia tempo evitando calcoli dettagliati di tolleranze i restanti elementi, oggetto di tolleranze specifiche, nella maggioranza dei casi, richiedono tolleranze relativamente ristrette e quindi necessitano di maggiori attenzioni durante la produzione.

39 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese GLI ACCOPPIAMENTI NEL SISTEMA ISO SI INDICA SEMPRE PRIMA IL FORO E POI L’ALBERO

40 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Albero base: è un insieme sistematico di accoppiamenti nel quale i diversi giochi ed interferenze sono ottenuti combinando fori aventi diverse zone di tolleranza con un albero base avente la posizione h (cioè la dimensione limite massima dell'albero è eguale a quella nominale, lo scostamento superiore è nullo) Esempi: 40H6/h5 28 G7/h6

41 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

42 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

43 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese

44 Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese


Scaricare ppt "Le tolleranze DISEGNO PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Prof.ssa ing. Ester Franzese Errori di realizzazione dei pezzi ERRORI DIMENSIONALI Deviazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google