La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Corso “Media digitali: Televisione, video, Internet” Docente:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Corso “Media digitali: Televisione, video, Internet” Docente:"— Transcript della presentazione:

1 Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Corso “Media digitali: Televisione, video, Internet” Docente: Enrico Menduni Ottava lezione, seconda parte La fotografia dall’analogico al digitale Mercoledì 10 dicembre 2014 © Enrico Menduni 2014

2 Nella fotografia digitale all’interno della camera oscura la luce impressiona dei sensori digitali disposti in maniera simmetrica sul fondo della camera. Ciascun sensore è responsabile di un “puntino” dell’immagine. PIXEL = picture element Ciascun sensore invia informazioni digitali sul pixel ad un chip inserito nella fotocamera.

3 Nella fotografia analogica all’interno della camera oscura la luce impressiona, scurendoli, glomeruli di composti fotosensibili a base di argento spalmati su una pellicola di acetato. i glomeruli sono spalmati sulla pellicola in modo non completamente regolare proprio come nell’occhio umano sono disposti i bastoncelli che ci permettono di vedere.

4 Questa “irregolarità” rende la fotografia analogica così piacevolmente simile al nostro modo di vedere. Ingrandendo la fotografia analogica possiamo vedere, come applicando l’occhio a una lente, particolari nascosti. Ma possiamo anche ritoccare la foto.

5 Michelangelo Antonioni, 1966 Blow-up

6 Michelangelo Antonioni, 1966 Blow-up

7 Michelangelo Antonioni, 1966 Blow-up

8 Piazza S. Pietro, 1981

9 La risoluzione dell’immagine digitale Lo stesso oggetto campionato con una densità minore o maggiore di pixel (picture elements)

10 Ci sono tre modi per realizzare una immagine digitale: Scattare una foto con una fotocamera digitale; Scannerizzare una immagine esistente; Crearla con un programma di disegno.

11 Scanner: dispositivo per digitalizzare immagini analogiche

12 Photoshop: programma per disegnare, modificare immagini digitali, ritoccarle, unire fra loro più immagini

13 I TRE METODI PER CREARE IMMAGINI DIGITALI SONO INTEGRABILI FRA LORO FINE DEL CARATTERE TESTIMONIALE DELLA FOTOGRAFIA la foto non prova più che vi è stato un momento in cui il soggetto e il fotografo si sono trovati davanti, un una coincidenza di tempo e di luogo

14 La fotografia digitale prescinde dalla realtà Immagine di sintesi

15 La fotografia digitale prescinde dalla realtà Immagine di sintesi

16

17 La fotografia digitale si allontana dalla realtà potenziando in maniera enorme le possibilità che già il ritocco aveva fornito alla fotografia analogica Da un solo camion se ne fanno 10

18 La fotografia digitale si allontana dalla realtà Ritocco cosmetico

19 La realtà variabile a discrezione Una postproduzione digitale che modifica i colori (e l’abbronzatura) ed elimina la cicatrice dell’appendicite.

20 La fotografia digitale Sintesi di immagini ma il risultato finale è un’inquadratura che non è mai esistita a se stante.

21 La fotografia digitale trasforma le immagini precedenti Fotorestauro (ma anche il sorriso dei due personaggi è stato accentuato e tolto dall ombra)

22 Fotografare dal cellulare (dal 2002)

23 L’ultimo evento novecentesco L’attacco alle torri gemelle di New York dell’11 settembre 2001 è l’ultimo grande evento documentato esclusivamente da immagini professionali. Il primo cellulare con la macchina fotografica incorporata sarebbe stato lanciato il mese successivo.

24 Madrid 11 marzo 2004 Il primo importante e drammatico evento testimoniato soprattutto dalle fotocamere dei cellulari. I cellulari hanno poi fornito gli strumenti per collegare i cittadini che sono scesi in piazza contro il governo Aznar, reo di avere nascosto la pista del terrorismo islamico, dirottando le ire popolari contro l’ETA, gli indipendentisti baschi. Aznar perderà così le elezioni politiche in cui tutti lo davano vincitore.

25 Tsunami 26 dicembre 2004 Il primo grande e drammatico evento della modernità documentato solo da immagini non professionali

26 Tsunami 26 dicembre 2004

27 La foto di un turista

28 Flickr Nel 2004 nasce Flickr.com, oggi proprietà di Yahoo, grande sito di photosharing. Le immagini non professionali sono rese immediatamente disponibili per l’opinione pubblica e per i media ed entrano nel circuito dell’informazione.

29 La circolazione delle immagini non professionali sui media: Londra, 7 luglio 2005 Le foto scattate con i telefonini nella metropolitana di Londra dopo gli attentati del 7 luglio 2005 entrano immediatamente nel circuito dell’informazione. Alexander Chadwick mandò questa immagine, fatta con il telefonino durante l’evacuazione di un tunnel della metropolitana vicino a King's Cross, alla BBC che la mandò subito in onda.

30 Londra, 7 luglio 2005 Questa foto scattata da Adam Stacey con il telefonino nella metropolitana di Londra al mattino del 7 luglio 2005, poco dopo era su un blog (http://moblog.co.uk/view.php?id=77571), su Flickr, sul telegiornale Sky News.

31 La circolazione delle immagini non professionali sui media Le foto scattate con i telefonini nella metropolitana di Londra dopo gli attentati del 7 luglio 2005, pubblicate su Flickr, entrano immediatamente nel circuito dell’informazione.

32 La circolazione delle immagini non professionali sui media Londra 7 luglio 2005, l’autobus squarciato dall’esplosione in Tavistock Square, immagine non professionale.

33 La circolazione delle immagini non professionali sui media L’immagine della slide precedente messa su Flickr il mattino stesso del 7 luglio 2005 (http://www.flickr.com/photos/mkhalili/ /)

34 La circolazione delle immagini non professionali sui media La stessa immagine messa in onda dalla BBC.

35 Fotografia o post-fotografia? La foto digitale è fotografia a tutti gli effetti perché tutte le sue possibilità di alterazione dell’immagine erano già contenute della fotografia analogica Morte della fotografia? No, una nuova vita

36 Fotografia digitale Una pratica sociale della convergenza multimediale Molto più diffusa della fotografia analogica

37 Alcuni perché: Si possono far tutti gli scatti che si vuole senza spendere in pellicola; La fotocamera è estremamente semplice ed economica; Non c’è lo sviluppo: si vede subito quello che abbiamo fotografato e viene eliminato un processo lungo, costoso e dato a terzi; Non dovendo far sviluppare e stampare i rullini in un negozio nessuno vedrà le foto che facciamo se non lo vogliamo; Ritocco e fotomontaggio ce li facciamo da soli con un bricolage al computer. Anche la stampa è largamente accessibile al fotografo dilettante; La conservazione e l’invio a terzi delle foto non richiedono di stamparle. Il digitale consente di utilizzarle per ogni altra applicazione (testi, giornali, presentazioni, disegni ecc.); Con il telefonino (cameraphone) ci portiamo sempre dietro la macchina (non perdiamo occasioni) e possiamo dissimulare lo scatto; Per molti usi (non tutti) la qualità delle foto amatoriali è competitiva con quelle professionali; Si assottiglia la differenza tra scattare foto e girare video. Lo stesso apparecchio permette (per video di breve durata) di scegliere se fare un video o delle foto, e di trasformare una inquadratura video in foto.

38 Ormai la macchina fotografica si compra al supermercato In offerta speciale come i Pampers e i filetti di merluzzo

39

40

41


Scaricare ppt "Università Roma Tre Corso di laurea magistrale CINEMA TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Corso “Media digitali: Televisione, video, Internet” Docente:"

Presentazioni simili


Annunci Google