La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contaminazione del prodotto Associazione degli Industriali della Provincia di Udine Udine, 22 Settembre 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contaminazione del prodotto Associazione degli Industriali della Provincia di Udine Udine, 22 Settembre 2005."— Transcript della presentazione:

1

2 Contaminazione del prodotto Associazione degli Industriali della Provincia di Udine Udine, 22 Settembre 2005

3 A chi si rivolge? Produttori di : zalimentari zcosmetici ztabacco inclusi i distributori stessi …..e non solo

4 Perché assicurarsi? zMezzi di communicazione: Sudan I zNuova legislazione: EC 178/2002  Cognizione consumatore zRichiesta commerciante al dettaglio

5

6

7 Perché assicurarsi? In via preventiva per: z proteggere il marchio z difendersi dall’assalto dei “Media” zcontrollare un mercato sempre più “globale” e il nuovo contesto distributivo

8 Perché assicurarsi? E in caso di sinistro?: z Forti perdite di immagine e di quote di mercato z calo e\o azzeramento delle vendite z “recall” del prodotto e tensioni finanziarie z stato di confusione interna e difficile gestione della crisi

9 Ritiro Prodotti Contaminati

10 EVENTI ASSICURATI : 1.TAMPERING “Azione di adulterazione dolosa del prodotto,reale o presunta, da parte di un dipendente o da parte di terzi, attuata in fase di produzione e\o distribuzione del prodotto e “

11 EVENTI ASSICURATI : 1.TAMPERING che sia tale da rendere il prodotto inadatto o pericoloso all’uso cui era destinato o da suscitare tale impressione presso il pubblico”

12

13 EVENTI ASSICURATI : 2. A.C.I.  Contaminazione accidentale ovvero: ”qualsiasi danneggiamento e\o errata etichettatura dei prodotti assicurati, verificatesi in fase di produzione e\o confezionamento, a condizione che il suo utilizzo o consumo cagioni o possa cagionare un danno fisico entro gg. 7 dal suo consumo/utilizzo ”

14

15 DANNI RISARCIBILI zSpese sostenute dall’Assicurato per ispezione, distruzione e/o ritiro e rimpiazzo del prodotto (i.e. trasporto, stoccaggio, personale, affitti, analisi del prodotto ecc.) zperdita di profitto netto per calo nelle vendite conseguente ad un evento assicurato

16 DANNI RISARCIBILI z qualsiasi spesa extra “ragionevole e necessaria” sostenuta per riabilitare e/o riportare il prodotto assicurato ai livelli di vendita precedenti alla contaminazione ztariffe e spese da corrispondersi ai consulenti anti-crisi previo preventivo assenso scritto dell’Assicuratore

17 ESCLUSIONI zModificate preferenze della clientela e/o nel mercato, contaminazione di un prodotto concorrente,variazioni demografiche zdolo di Amm.ri, sindaci e/o dirigenti dell’Assicurato zdanni a persone e/o cose

18 ESCLUSIONI zerrore di progettazione, vizio intrinseco, graduale deterioramento del prodotto zviolazione di norme inerenti alla fabbricazione e vendita del prodotto nonché uso di sostanze vietate zradiazioni, guerra, invasione e ostilità in genere

19 PRINCIPALI CONDIZIONI zClausola di riservatezza zDichiarazione iniziale e finale di danno (dai 12 a 24 mesi) z Clausola peritale zFranchigia per MPT/ACI zCoassicurazione per ACI

20 PRINCIPALI ESTENSIONI zPerdita del profitto lordo zCosti di estorsione quali riscatto, smarrimento del riscatto, interessi debitori ecc. (non praticabile in Italia) z“Extra expenses” quali pulizia dei macchinari, subappalto della produzione a terzi per periodi limitati z Ritiro Indiretto (prodotto di terzi)

21 Come valutare il rischio? zMassimali e franchigie zTipologia e distribuzione geografica dei prodotti ztipologia di “package” zRicerche su animali/export in paesi “a rischio” zRecenti controlli di qualità/esistenza di piano di ritiro e/o anticrisi zEsperienza sinistri (i.e. ritiro prodotti)

22 EVENTI RECENTI zAMSTEL- 1milione di bottiglie ritirate in UK nel Novembre 97 zHUDSON FOOD:1.2 milioni di libbre di carne surgelata ritirata in USA per contaminazione con E coli nel Giugno 97

23 Il caso:10 Dicembre 1998 “abbiamo avvelenato i panettoni ” zDue confezioni di panettone manomesse e avvelenate recapitate alle agenzie Ansa di Firenze e di Bologna zMessaggio firmato dall’Alf annunciando di aver “utilizzato siringhe in vari supermercati” per introdurre un potente topicida nei panettoni

24 Esempio di Spremuta di Frutta zProduttore di bibita di spremuta di frutta zVenduto a 3 grande commerciante al dettaglio zErrato di temperatura di deposito zFermentazioni Prodotti

25 zCOSTI DI RITIRO z1. Prodotti Terminato in magazzino €19,972 z2. Materie prime in magazzino €9,324 z3. Costi distruzione €2,933 z4. Prodotti ritorno di cliente €32,926 z5. Reclamazione consumatore: €194,083 zTOTALE COSTI DI RITIRO €259,238 Esempio di Spremuta di Frutta

26 zINTERRUZIONI D’ATTIVITA zPerdita del profitto lordo € 93,653 zSPESE DI RIABILITAZIONE z3 clienti distinto € 404,773 Esempio di Spremuta di Frutta

27 Fruit Juice Case zTOTALE RITIRO PRODOTTI zCosti di ritiro € 259,238 zInterruzione d’attivita € 93,653 zSpese di Riabilitazione € 404,773 zTOTALE€ 757,664


Scaricare ppt "Contaminazione del prodotto Associazione degli Industriali della Provincia di Udine Udine, 22 Settembre 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google