La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

argomenti  Presentazione ciliegia;  Provenienza ed origine;  La coltivazione;  La raccolta;  Composizione chimica;  Il ginjinha;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "argomenti  Presentazione ciliegia;  Provenienza ed origine;  La coltivazione;  La raccolta;  Composizione chimica;  Il ginjinha;"— Transcript della presentazione:

1

2 argomenti  Presentazione ciliegia;  Provenienza ed origine;  La coltivazione;  La raccolta;  Composizione chimica;  Il ginjinha;

3 La ciliegia La ciliegia è il frutto del ciliegio. La pianta domesticata è stata ottenuta da ripetute ibridazioni della specie botanica. Il nome dialettale, così come quello portoghese, francese, spagnolo e inglese deriva dal greco κέρασος e da qui al nome della città di Cerasunte, nel Ponto da cui, secondo Plinio il Vecchio, furono importati a Roma nel 72 a.C. da Lucio Licinio Lucullo i primi alberi di ciliegie. In effetti il frutto può nascere da due diverse Specie botaniche. Da una parte il ciliegio dolce, che produce le ciliegie che siamo abituati a consumare come frutta fresca. Dall'altra il ciliegio visciolo che produce le amarene e le marasche, genericamente definite come ciliegie acide. Il frutto, normalmente sferico, di 0,7-2 centimetri di diametro, può assumere anche la forma a cuore o di sfera leggermente allungata. Il colore, normalmente rosso, può spaziare, a seconda della varietà, dal giallo chiaro del graffione bianco piemontese al rosso quasi nero del durone nero di Vignola. CILIEGIA LE ORIGINI Originario dell'Asia Minore, il ciliegio si diffuse in Egitto sin dal VII secolo avanti Cristo e, successivamente, in Grecia. Le prime testimonianze della sua presenza in Italia risalgono al II secolo avanti Cristo, quando Varrone ne illustrò dettagliatamente l'innesto. Più tardi, Plinio il Vecchio ne descrisse dieci varietà nella sua "Naturalis Historia".

4

5

6

7

8 La coltivazione Oltre che nell'Europa, il ciliegio è ampiamente coltivato anche in Asia, Australia, America. Con un raccolto annuo pari a circa quintali, l'Italia rappresenta uno dei principali produttori di ciliegie a livello europeo. Le regioni più importanti e più vocate per questa coltivazione sono Puglia, Campania, Emilia-Romagna e Veneto. Il panorama varietale comprende numerose cultivar, molte delle quali, però, hanno importanza solo locale.

9 La raccolta La raccolta delle ciliegie coincide nella maggior parte dei casi con il mese di giugno. Il 24 giugno, festa di San Giovanni, si completa la raccolta delle ciliegie precoci e di media maturazione, per questo le piccole larve bianche del Dittero Rhagoletis cerasi che si trovano nei frutti infestati in tale periodo, sono detti appunto "giovannini", o l'equivalente, nei vari dialetti o lingue locali. Ci sono però anche varietà che maturano più tardi, come per esempio la ciliegia S.Giacomo che, come suggerisce il nome, matura il 25 luglio, appunto nel giorno di San Giacomo il Maggiore, pur trovandosi nel sud Italia nei territori compresi tra Marzano Appio e Caianello, a bassa altitudine. Per la vendita al pubblico le ciliegie vengono suddivise in due categorie: nella prima, i frutti devono essere provvisti di peduncolo e corrispondere per forma e colore alla varietà dichiarata; per la seconda categoria si accettano piccoli difetti di forma e colori diversi. Per sua costituzione naturale buona parte del costo del frutto è dovuto agli oneri di raccolta; in alcuni casi i coltivatori organizzano la vendita "sull'albero"; il cliente ritira un canestro e provvede direttamente a raccogliere i frutti sull'albero ed a riempire il canestro. Provvedendo direttamente alla raccolta il cliente pagherà un prezzo molto limitato.

10

11

12 Acqua: 77-87% Zuccheri: 11-22,5% Grassi: 0,1% Proteine: 0,7-1% Vitamina A Vitamina C Fosforo Potassio Composizione chimica

13 La Ginja, o Ginjinha, è un liquore a base di amarena, tipico di Lisbona e delle non distanti città di Óbidos, famosa per il suo centro storico, e Alcobaça, famosa per le sue mele. Nel 1840 un monaco galiziano, Francisco Espinheira, ebbe l'idea di lasciare in infusione nell'acquavite le amarene con zucchero, acqua e cannella. L'intenzione era creare un medicamento che curasse una serie di malanni però evidentemente l'intruglio, più che come panacea, funzionò come nettare per ubriaconi. Il ginjinha

14 Lorenzo Tinelli Eseguito da:


Scaricare ppt "argomenti  Presentazione ciliegia;  Provenienza ed origine;  La coltivazione;  La raccolta;  Composizione chimica;  Il ginjinha;"

Presentazioni simili


Annunci Google