La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un anno prima del Capitolo, sentiti i Fratelli Direttori, il Visitatore e il Consiglio di Provincia definiscono il tema del Capitolo e nominano la Commissione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un anno prima del Capitolo, sentiti i Fratelli Direttori, il Visitatore e il Consiglio di Provincia definiscono il tema del Capitolo e nominano la Commissione."— Transcript della presentazione:

1

2 Un anno prima del Capitolo, sentiti i Fratelli Direttori, il Visitatore e il Consiglio di Provincia definiscono il tema del Capitolo e nominano la Commissione preparatoria. (Direttorio Provincia Italia, 17) Fratel Celestino ZanoniTorino Prof. Andrea BellocchiaTorino Fratel Lorenzo Filippi Roma Prof. Alberto RizziMilano Prof. Alberto TornatoraRoma Fratel Remo VergaroGrottaferrata Per la prima volta la Commissione Preparatoria è composta da Fratelli e Collaboratori Laici COMMISSIONE PREPARATORIA Le risposte dei lasalliani in una società che cambia TEMA

3 La Commissione Preparatoria ha il compito di: 1. Raccogliere tutta la documentazione utile. Coinvolgere Fratelli e Collaboratori nella preparazione. 2. Coinvolgere Fratelli e Collaboratori nella preparazione. 3. Predisporre quanto necessario per lo svolgimento del Capitolo. (Direttorio Provincia Italia, 17)

4 Stimolare il dibattito Stimolare il dibattito dei Fratelli e dei Collaboratori «LASALLIANI IN ITALIA» sito web: Comunità/Associazioni e personali Raccogliere gli interventi: Raccogliere gli interventi: inviare a: capitolo posta: Fratel Celestino Zanoni - Corso Trapani TORINO diffonderli e diffonderli tra i Fratelli e i Collaboratori. Gli interventi (firmati) verranno inviati via a tutte le Comunità e ai singoli Fratelli e Collaboratori che ne faranno richiesta; e saranno pubblicati nel sito web:

5 Incontri con Fratelli Fratelli Ritiri estivi Ariccia [1-5 luglio] fr. Lorenzo Filippi e Alberto Tornatora Paderno [7-11 luglio] fr. Celestino Zanoni e Alberto Rizzi Pra ’d Mill [13-20 luglio] fr. Celestino Zanoni e Andrea Bellocchia Comunità [Fratelli e Laici] Comunità [Fratelli e Laici] Singole o raggruppate mesi di aprile-maggio secondo un CALENDARIO concordato Famiglia Lasalliana Famiglia Lasalliana ‘Perugia’ fr. Remo V. e Alberto T. MEL fr. Remo V. e Alberto T. CONSIDERA fr. Celestino Z. e Andrea B. ………………….…. in base alle richieste

6 Le risposte dei lasalliani in una società che cambia Fratelli e Laici Lasalliani sono invitati a partecipare alla comune riflessione sul tema del Capitolo Attendiamo numerosi interventi di riflessione sul presente e sul futuro della Provincia, di critica costruttiva sulle scelte fatte e - soprattutto - di proposte operative sul futuro. Gli interventi verranno tempestivamente condivisi con i Fratelli e i Laici Lasalliani. TEMA Il Capitolo Provinciale è un’assemblea di carattere pastorale e amministrativo, che manifesta l’unità profonda tra i Fratelli e permette loro una partecipazione attiva, diretta o delegata, agli organismi di riflessione e di decisione della Provincia. [R. 128]

7

8 Prima del Capitolo Provinciale si terrà un’Assemblea MEL i cui risultati saranno presi in conto dal Capitolo stesso. [Direttorio 16] Prima del Capitolo Provinciale si terrà un’Assemblea MEL i cui risultati saranno presi in conto dal Capitolo stesso. [Direttorio 16]

9 Le risposte dei lasalliani in una società che cambia TEMA Cosa chiede a noi lasalliani la società italiana che cambia? A quali domande possiamo/vogliamo dare una risposta? Dalle risposte che diamo a questi interrogativi nasce il «volto» della Provincia Italia nei prossimi anni Dalle risposte che diamo a questi interrogativi nasce il «volto» della Provincia Italia nei prossimi anni Con quali risorse umane ed economiche? Fratelli e Laici insieme per realizzare un «progetto» condiviso

10 Le Istituzioni scolastiche «Siamo passati dalle scuole dei Fratelli alle scuole dei laici, ma con la stessa visione. Non abbiamo fatto realmente questa operazione di ritorno alle origini, di rinnovamento, di riscoperta di cos’è la missione in tutta la sua profondità». [Fratel Michel Sauvage] Abbiamo coinvolto alcuni Collaboratori Laici, anche in ruoli di responsabilità. Ora chiediamoci: In alcune Istituzioni «siamo passati dalle scuole dei Fratelli alle scuole dei laici», ma cosa è cambiato oltre alle persone? E come abbiamo scelto, formato, accompagnato i Laici ai quali abbiamo affidato ruoli di responsabilità? E fino a che punto la collaborazione con i Laici è una scelta da noi liberamente voluta o impostaci dalla situazione in cui ci troviamo? E siamo convinti che la scuola sia l’unico modo per essere presenti «in una società che cambia»? Su tre ambiti ci dobbiamo porre domande e, soprattutto, elaborare risposte:

11 Il servizio educativo dei poveri «Se si fosse partiti dai poveri di oggi, dai bisogni di oggi, avremmo un Istituto diverso». [fratel Michel Sauvage] «L’immagine corporativa che abbiamo oggi come Istituto non è quella del servizio dei poveri. Certamente abbiamo fatto degli sforzi, ma nella maggioranza non siamo con i poveri, siamo lontani dall’ideale che ci eravamo proposto che questo fosse la regola e non l’eccezione». [Fratel Àlvaro] In questi anni abbiamo avviato alcune opere significative in questo campo con il sostegno della Provincia e l’impegno di alcuni Fratelli e di numerosi Laici, ma quanto afferma fratel Álvaro rimane purtroppo vero anche per la Provincia Italia. A mio avviso non basta qualche ‘aggiustamento’, serve una vera ‘rifondazione’ se vogliamo cambiare «l’immagine corporativa che abbiamo oggi come Istituto» e fare in modo che «l’ideale che ci eravamo proposto [il servizio dei poveri] sia la regola e non l’eccezione».

12 La Comunità Nella Provincia Italia, in questi anni, il rapporto Comunità-Istituzione è molto cambiato e, con la diminuzione dei Fratelli-insegnanti, è destinato a cambiare ancora di più. Stiamo passando da un modello di rapporto in cui la Comunità si “identificava” nell’Istituzione, a un rapporto in cui la Comunità rischia di diventare “ospite” dell’Istituzione. Il Capitolo Provinciale è chiamato a delineare il “volto nuovo” della Comunità nel contesto presente affinché «partecipi, in modo appropriato, all’animazione delle Istituzioni in cui è impegnata». La ‘nuova’ impostazione della Famiglia Lasalliana prospetta un più stretto collegamento tra Fratelli e Laici lasalliani, in particolare con quanti (Associati) si sono impegnati a condividere la Missione Educativa Lasalliana. Il Capitolo dovrà ribadire l’impegno affinché l’“associazione per la Missione Educativa Lasalliana” sia innanzitutto capita e accettata (anche dalla Comunità) per costruirla ‘insieme’.

13 Søren Kierkegaard: La vita non può essere compresa che guardando indietro, ma dev’essere vissuta guardando avanti.

14 Le risposte dei lasalliani in una società che cambia


Scaricare ppt "Un anno prima del Capitolo, sentiti i Fratelli Direttori, il Visitatore e il Consiglio di Provincia definiscono il tema del Capitolo e nominano la Commissione."

Presentazioni simili


Annunci Google