La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUARESIMA. Quando i discepoli si riunirono intorno a Gesù sulla montagna, Egli disse loro: “Se volete vivere come giusti, guardatevi dal praticare le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUARESIMA. Quando i discepoli si riunirono intorno a Gesù sulla montagna, Egli disse loro: “Se volete vivere come giusti, guardatevi dal praticare le."— Transcript della presentazione:

1 QUARESIMA

2 Quando i discepoli si riunirono intorno a Gesù sulla montagna, Egli disse loro: “Se volete vivere come giusti, guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. Quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagòghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. Quando i discepoli si riunirono intorno a Gesù sulla montagna, Egli disse loro: “Se volete vivere come giusti, guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. Quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagòghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

3 QUARESIMA L’elemosina non è quella che facciamo noi, quella che intendiamo noi, no! Elemosina, è amore che trabocca. In realtà vuol dire questo. E’ come un vaso pieno il cui contenuto si riversa. L’elemosina è la partecipazione misericordiosa alla condizione dell’altro. Solo allora tu, in questa maniera, entri nella sfera di Dio, perché Dio è l’esser per l’altro. L’elemosina non è quella che facciamo noi, quella che intendiamo noi, no! Elemosina, è amore che trabocca. In realtà vuol dire questo. E’ come un vaso pieno il cui contenuto si riversa. L’elemosina è la partecipazione misericordiosa alla condizione dell’altro. Solo allora tu, in questa maniera, entri nella sfera di Dio, perché Dio è l’esser per l’altro.

4 L’importante non è quanto facciamo, bensì l’amore che poniamo in quello che facciamo. Gesù non ha detto: “Amate il mondo intero”, ma ha detto: “Amatevi l’un l’altro”. Non si può che amare uno per volta. Se uno guarda la quantità, si perde. E mentre si ferma a parlare della fame, qualcuno al suo fianco sta morendo. La fame non è di solo pane. C’è fame d’amore. Di essere amati. Di amare. Una fame terribile quella dell’amore! La solitudine: un’altra fame terribile! L’importante non è quanto facciamo, bensì l’amore che poniamo in quello che facciamo. Gesù non ha detto: “Amate il mondo intero”, ma ha detto: “Amatevi l’un l’altro”. Non si può che amare uno per volta. Se uno guarda la quantità, si perde. E mentre si ferma a parlare della fame, qualcuno al suo fianco sta morendo. La fame non è di solo pane. C’è fame d’amore. Di essere amati. Di amare. Una fame terribile quella dell’amore! La solitudine: un’altra fame terribile!

5 Se mi sento forte, ricordami di inginocchiarmi;

6 se mi sento giusto, ricordami quanti diritti ho calpestato;

7 se parlo troppo, ricordami l’inutilità di tante mie parole;

8 ricordami di ripartire; se mi sento arrivato,

9 se mi sento a posto, ricordami che mi aspetti per perdonarmi;

10 se mi trovo a criticare, ricordami di non rattristarti;

11 ricordami che ti addolora sentirti ignorato; se mi sento solo,

12 se sono invidioso, ricordami dei talenti che mi hai affidato;

13 se sono deluso, ricordami che mi aspetti per consolarmi;

14 se ti rimprovero,

15 se rincorro illusioni, ricordami quale è la tua speranza;

16 ricordami che tu mi cammini sempre accanto; se ti credo assente,

17 se mi sento peccatore, ricordami che tu festeggi per la mia conversione;

18 ricordami che mi vuoi libero; se temo il giudizio degli altri,

19 se mi sento sconfitto, ricordami di pensare a te sulla Croce;

20 se mi sento importante, ricordami il tuo affetto per i piccoli e gli ultimi;

21 se mi sento stanco, ricordami il dolore che non può aspettare;

22 ricordami di pregare; se la mia fede vacilla,

23 se il mondo mi chiede di prostrarmi agli idoli, ricordami che solo tu sei il mio Signore;

24 se voglio salvare la mia vita, ricordami del tuo sacrificio sulla croce per me.

25 Signore, per tutto questo e per ogni volta che ho la tentazione di sfuggire al dolore, ricordami della tua Resurrezione e della tua vittoria, una volta per sempre, sulla morte.


Scaricare ppt "QUARESIMA. Quando i discepoli si riunirono intorno a Gesù sulla montagna, Egli disse loro: “Se volete vivere come giusti, guardatevi dal praticare le."

Presentazioni simili


Annunci Google