La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria."— Transcript della presentazione:

1 Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di tipo esclusivo con la riforma costituzionale del titolo V. Prima della riforma costituzionale del titolo V il turismo era materia di competenza legislativa concorrente e le funzioni amministrative spettavano alle Regioni che le esercitavano delegandole agli enti locali o valendosi dei loro uffici. Dopo la riforma costituzionale del titolo V lo spazio per l’amministrazione statale in tema di promozione, informazione e accoglienza turistica o non dovrebbe esistere o dovrebbe concernere solo compiti che non possono essere adeguatamente gestiti nell’ambito delle autonomie territoriali regionali e locali.

2 Prime norme di trasferimento delle funzioni amministrative alle Regioni ordinarie (decreto legislativo n. 6 del 1972) le Regioni ereditano quelle strutture statali decentrate per la promozione e l’informazione turistica (enti provinciali per il turismo nati nel 1935 e costituiti presso ogni capoluogo di provincia come enti che dipendevano dallo Stato) = diventano enti dipendenti dalle Regioni. Anche le aziende di cura, soggiorno e turismo (nate nel 1926) diventano enti dipendenti dalle Regioni. Legge cornice n. 217 del 1983 = scioglimento degli enti provinciali del turismo e delle aziende autonome di cura, soggiorno e turismo = prefigura quali nuovi enti funzionali dipendenti dalle Regioni le aziende di promozione turistica da istituire con legge regionale. Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

3 Principio di sussidiarietà = art. 118 Cost. Regione Veneto = legge regionale n. 11 del 2011 trasferisce alle province l’attività di promozione, informazione, accoglienza e assistenza turistica (soppressione delle aziende di promozione turistica dal 1° gennaio 2002). Regione Puglia = legge n. 24 del 2000 = l’accoglienza turistica è in capo ai Comuni. Regione Toscana = legge regionale n.87 del 1998: le province hanno le funzioni amministrative di accoglienza, promozione e informazione turistica locale; i comuni hanno le funzioni di accoglienza, informazione e promozione della conoscenza sulle caratteristiche dell’offerta turistica del territorio comunale. Non vi è un unico modello organizzativo per la promozione, l’accoglienza e l’informazione turistica valevole per tutte le Regioni. La Regione mantiene un ruolo di indirizzo e coordinamento mediante la Giunta (assessorati regionali al turismo e relativi uffici amministrativi). Agenzie regionali per il turismo.

4 Le funzioni amministrative quando vengono conferite agli enti locali senza vincoli di natura organizzativa possono essere eserciate nelle forme decise dagli enti locali in piena autonomia. Decreto legislativo n. 267 del 2000 (testo unico sugli enti locali) = individua le forme organizzative con le quali possono essere esercitate le funzioni amministrative in tema di turismo da parte degli enti locali (istituzione, azienda speciale, società a capitale misto pubblico-privato o interamente pubblico, consorzio). Le forme di gestione per l’esercizio dei compiti di promozione, accoglienza, informazione turistica sono diverse: 1) possono essere lasciate all’autonoma decisione degli enti locali (comuni e province); 2) possono essere già stabilite dalla legge regionale che trasferisce le funzioni agli enti locali; 3) la Regione può trattenere la competenza.

5 Legge n. 135 del 2001 e decreto legislativo n. 79 del 2011= stimola il dialogo fra enti locali, enti funzionali, soggetti privati e singoli con lo scopo dell’aggregazione e del coordinamento dell’offerta nella promozione e nell’informazione turistica = sistema turistico locale. Sistema turistico locale = i contesti turistici omogenei o integrati che comprendono ambiti territoriali che possono appartenere anche a Regioni diversi caratterizzati dall’offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche inclusi i prodotti agricoli tipici, dell’artigianato locale, e dalla presenza diffusa di imprese turistiche. I sistemi turistici locali devono essere fissati dalle Regioni = materia di competenza legislativa esclusiva. Il sistema turistico locale è elemento di promozione turistica. Regione Veneto = legge regionale n. 33 del 2002: area turistica o tema turisticamente rilevante. Legge regionale Veneto n. 11 del 2013: I sistemi turistici locali sono sostituiti dai sistemi turistici tematici che dovranno promuoversi in modo unitario e organico sui mercati nazionali e internazionali attraverso i consorzi di imprese. Lombardia = sistemi turistici locali sono l’insieme dei programmi, progetti e servizi orientati allo sviluppo turistico del territorio e all’offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche compresi i prodotti tipici della produzione e dell’enogastronomia.

6 Liguria = il sistema turistico locale è il soggetto che realizza la collaborazione fra pubblico e privato nella formazione di un prodotto turistico a livello territoriale sulla base di un piano di sviluppo complessivo e di progetti specifici (legge regionale n. 14 del 2004). Legge regionale Puglia n. 1 del 2002 = i sistemi turistici locali hanno lo scopo di favorire l’integrazione armonica e compatibile tra le politiche del turismo, quelle del governo per il territorio e quelle dello sviluppo economico. Provincia autonoma di Bolzano = Consorzi turistici locali. Sicilia = distretti turistici = contesti omogenei o integrati comprendenti ambiti territoriali appartenenti anche a più province e caratterizzati da offerte qualificate di attrazioni turistiche e di beni culturali, ambientali, ivi compresi i prodotti tipici dell’agricoltura e dell’artigianato locale. Per perseguire tale scopo si prevede la costituzione di organizzazioni promosse enti pubblici, enti territoriali e soggetti privati che intendono concorrere allo sviluppo turistico del proprio territorio o di più territori appartenenti anche a province diverse, mediante la predisposizione e l’attuazione di specifici progetti.

7 L’attività di promozione turistica è svolta da soggetti privati: Associazioni pro loco; Touring Club Italiano; Centro turistico studentesco e giovanile; Fondo Ambiente Italiano; Club Alpino Italiano. Decreto legge n. 70 del 2011 convertito in legge n. 106 del 2011 = costituzione di distretti turistici nei territori costieri con gli obiettivi di riqualificare e rilanciare l’offerta turistica a livello nazionale e internazionale, di migliorare l’efficienza nell’organizzazione e nella produzione dei servizi, di assicurare garanzie giuridiche alle imprese che vi operano con particolare riferimento alle opportunità di investimento, di accesso al credito, di semplificazione e celerità nei rapporti con le pubbliche amministrazioni. Distretti sono creati nei territori costieri su richiesta delle imprese.

8 Delimitazione dei territori è effettuata dalle Regioni d’intesa con il Ministero dell’economia e delle finanze e con i Comuni interessati. Agevolazioni dei distretti = zone a burocrazia zero (legge n. 122 del 2010). I distretti turistici costieri sono liberi raggruppamenti di imprese insediate nei territori costieri per accrescere lo sviluppo delle aree e dei settori di riferimento, di migliorare l’efficienza nell’organizzazione e nella produzione secondo il principio di sussidiarietà verticale e orizzontale. Sussidiarietà verticale art. 118 comma 1 Cost.: “Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per l’esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato, sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza”. Sussidiarietà orizzontale art. 118 comma 4 Cost.: “Stato, Regioni, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”.

9 Artt. 117 comma 9 Cost.: le Regioni nelle materie di propria competenza possono concludere accordi con Stati o intese con enti territoriali interni ad altro Stato = azione regionale per la promozione all’estero del proprio territorio ai fini turistici. Il potere estero delle Regioni può essere esercitato nei casi e con le forme disciplinati da leggi dello Stato. Legge n. 131 del 2003 = le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano nelle materie di loro competenza legislativa possono concludere con altri Stati accordi di natura tecnico-economica o di natura programmatica finalizzati a favorire il loro sviluppo economico, sociale e culturale previa comunicazione al Ministero degli affari esteri. Attività promozionali all’estero delle Regioni = mette in crisi il ruolo dell’ENIT. Le Regioni infatti potrebbero mediante i sistemi turistici interregionali costituire forme di promozione turistica all’estero relative all’immagine complessiva del Paese.

10 Compiti statali di promozione del turismo: Enit; Conferimento di attestazioni annuali con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Capo del Governo) come il Maestro della cucina italiana, Maestro dell’ospitalità italiana, ecc.; Circuiti nazionali di eccellenza; Comitato permanente di promozione del turismo in Italia. Politiche regionali e locali: finanziamenti, certificazioni di qualità e marchi turistici regionali.

11 Promozione del turismo sostenibile: Organizzazione mondiale del turismo «le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un’area turistica per un tempo illimitato, non alterano l’ambiente naturale, sociale e artistico e non ostacolano lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche»


Scaricare ppt "Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria."

Presentazioni simili


Annunci Google