La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MEDIAMENTE SCUOLA DOTT.SSA ROSSELLA PAGNOTTA PEDAGOGISTA MEDIATORE FAMILIARE E SOCIALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MEDIAMENTE SCUOLA DOTT.SSA ROSSELLA PAGNOTTA PEDAGOGISTA MEDIATORE FAMILIARE E SOCIALE."— Transcript della presentazione:

1 MEDIAMENTE SCUOLA DOTT.SSA ROSSELLA PAGNOTTA PEDAGOGISTA MEDIATORE FAMILIARE E SOCIALE

2 La scuola è una delle più importanti agenzie di socializzazione, luogo di crescita e di formazione per la personalità dei singoli individui.

3 Se dovessi descrivere, attraverso una metafora, la complessità dei rapporti, all’interno della scuola, la paragonerei alla TELA DEL RAGNO. Tela del ragno, in quanto le dinamiche relazionali, i vissuti, le emozioni, le soggettività che s’incontrano, sono molteplici e s’ intersecano l’una con l’altra.

4 Lo scenario scolastico è caratterizzato da episodi sempre più frequenti d’intolleranza, prepotenza e bullismo. Luogo di comportamenti conflittuali caratterizzati da prevaricazione, esclusione e violenza psicologica tra allievi e allievi, docenti a allievi, docenti e docenti, come pure tra allievi,docenti e genitori.

5 Una situazione conflittuale, oltre a demotivare gli alunni e a rallentare l’impegno allo studio, è una delle cause della dispersione scolastica. È compito primario e fondamentale della scuola impegnarsi nel fronteggiare questi continui e allarmanti segnali.

6 Un itinerario auspicabile sarebbe quello di attivare un processo di recupero delle risorse relazionali, in grado di far incrociare i curricoli didattici tradizionali con strumenti di formazione innovativi, promotori sia di valori civili che di beni solidali.

7 Il mediatore scolastico, come terzo neutrale, mira a ristabilire il dialogo tra le parti, con l'obiettivo di sollecitare una riorganizzazione delle relazioni, che risulti soddisfacente per tutti coloro che sono implicati nel conflitto.

8 Il mediatore scolastico facilita nelle persone in conflitto, la comprensione delle proprie e delle altrui emozioni, stabilendo un clima di fiducia e offrendo una visione alternativa del conflitto

9 PROGETTO MEDIAMENTE SCUOLA

10 La mediazione scolastica mira a proprio alla creazione di uno spazio per la gestione dei conflitti nell’intento di ridefinire i rapporti tra gli attori della comunità educativa, partendo dalla comprensione reciproca di bisogni e interessi.

11 Obiettivi generali del progetto Promuovere lo sviluppo di abilità empatiche; Maggiore rispetto reciproco; Rispetto degli altri; Promuovere una serena convivenza sociale ed individuale; Affrontare e risolvere i conflitti in modo positivo

12 Le tecniche usate in mediazione L’empatia; Espressione delle emozioni, dei sentimenti; Ascolto attivo; Assertività; Comunicazione verbale e non verbale

13 La mediazione scolastica Crea a scuola un ambiente più rilassato e produttivo; Contribuisce a sviluppare interesse e rispetto per l’altro; Aiuta a riconoscere e a valorizzare i sentimenti, gli interessi, le necessità, i valori propri e degli altri; Aumenta lo sviluppo di attitudini cooperative; Aumenta la capacità di risoluzione non violenta dei conflitti; Contribuisce a sviluppare le capacità di dialogo e a migliorare le competenze comunicative, soprattutto l’ascolto

14 La cultura della mediazione spoglia il conflitto di quelle valenze negative che comunemente gli sono attribuite, per ridefinirlo come una risorsa per la crescita dell’individuo. Diffondere la pratica della mediazione nelle scuole quindi significherebbe usare il conflitto come educazione alla crescita, come una singolare opportunità formativa.

15 PROTOCOLLO OPERATIVO

16 Destinatari del progetto (scuole del I ciclo) Dirigenti scolastici Insegnanti Alunni Personale ATA Consulenti esterni Famiglie degli alunni

17 Articolazione del percorso Conferenza di servizio secondo calendario allegato: in tale momento viene presentata l’iniziativa e consegnate le schede di adesione Incontri informativi Apertura di sportelli di mediazione presso gli istituti scolastici Realizzazione di percorsi formativi

18 Personale impegnato nel progetto 8 mediatori specializzati nella gestione del conflitto 1 psicologo 1 pedagogista Il personale è coordinato dalla responsabile dell’Associazione Giustizia Mite.

19 Organizzazione dei percorsi Presso gli istituti scolastici individuati, per l’apertura degli sportelli di mediazione, l’Associazione Giustizia Mite in collaborazione con la dott.ssa Rossella Pagnotta, Responsabile del progetto, svolgeranno l’attività come segue:

20 Prima fase Attuazione di un percorso formativo rivolto a tutto il personale scolastico ed extra, strutturato in due incontri così articolati:  Primo incontro: saper riconoscere il conflitto, saper valutare le conseguenze di un conflitto, saper superare il conflitto, sviluppare la capacità di riconoscere e denominare le emozioni, sviluppare la capacità di ascoltare, sviluppare l'empatia e la capacità di assumere il punto di vista altrui  Secondo incontro: il mediatore, la mediazione e le sue tecniche, la mediazione e l’applicazione delle tecniche

21 Seconda fase  La seconda fase, prevede l’apertura dello sportello di ascolto, che sarà gestito dal personale addetto, in collaborazione con il Dirigente della Scuola ospitante, secondo gli accordi da definirsi di volta in volta.

22 Metodologia operativa Il personale coinvolto nel progetto opererà nella sede della Scuola aderente, in un ambiente riservato e accogliente. Sarà effettuato un calendario mensile con la programmazione degli interventi: 3 ore settimanali (9:00 – 12:00), di mattina durante l’orario scolastico. Il coordinatore avrà il compito di coordinare l’intero gruppo operativo, definire il calendario di intervento secondo gli accordi e le esigenze della Scuola, compatibilmente con gli impegni richiesti dagli incarichi ricoperti dagli stessi. La segreteria dell’Associazione Giustizia Mite sarà punto di riferimento per qualsiasi richiesta e responsabile della conservazione della documentazione prodotta in fase di attuazione del progetto e sarà responsabile dell’archiviazione. Il personale addetto relazionerà periodicamente sugli sviluppi delle attività svolte, sugli interventi in essere e sugli esiti.

23 Verifiche e controlli L’Associazione Giustizia Mite, in sinergia con gli altri partner coinvolti nell’accordo, svolgerà azioni di controllo, di verifica e di monitoraggio del progetto. Nello specifico monitorerà: La modalità organizzativa Il numero di utenti coinvolti Il numero di interventi svolti Gli esiti degli interventi Il raggiungimento degli obiettivi previsti nel progetto

24 Ai fini del miglioramento dell’efficacia e dell’operatività del progetto, si prevede anche la possibilità di attuare tavoli di benchmarking in presenza: incontri dedicati al confronto e al dialogo, sulle procedure attuate, sugli esiti e sui possibili miglioramenti da apportare, per il pieno soddisfacimento delle aspettative e delle esigenze dell’utenza coinvolta. Si prevede altresì, come modalità di confronto e di scambio di buone prassi sia con le scuole della rete campana che con quelle di Vercelli, un’area riservata del sito


Scaricare ppt "MEDIAMENTE SCUOLA DOTT.SSA ROSSELLA PAGNOTTA PEDAGOGISTA MEDIATORE FAMILIARE E SOCIALE."

Presentazioni simili


Annunci Google