La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Corso di formazione sul monitoraggio e la valutazione dei Piani di zona avviati in Provincia di Torino Secondo Modulo: La valutazione del livello di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Corso di formazione sul monitoraggio e la valutazione dei Piani di zona avviati in Provincia di Torino Secondo Modulo: La valutazione del livello di."— Transcript della presentazione:

1 1 Corso di formazione sul monitoraggio e la valutazione dei Piani di zona avviati in Provincia di Torino Secondo Modulo: La valutazione del livello di implementazione del Piano di Zona Katja Avanzini Carla Dessi Diletta Cicoletti

2 2 Il programma delle cinque giornate l Prima giornata – 29 maggio (con il gruppo stabile dei referenti) –Gli indirizzi politici; –Le linee strategiche e le azioni operative dei Piani di zona. l Seconda giornata – 12 giugno (con il gruppo stabile dei referenti) –I principi metodologici del modello –L’identificazione dei criteri specifici per le azioni ed i progetti dell’area. l Terza giornata – 26 giugno (con il gruppo allargato ai referenti dei tavoli tematici) –L’identificazione degli indicatori specifici di output, outcome, esito per le azioni ed i progetti; –La messa a punto di compiti e funzioni dei tavoli tematici all’interno del sistema valutativo, identificazione dei criteri specifici per le azioni ed i progetti dell’area. l Quarta giornata – 28 giugno (con il gruppo allargato ai referenti dei tavoli tematici) –L’identificazione degli indicatori specifici di output, outcome, esito per le azioni ed i progetti; –La messa a punto di compiti e funzioni dei tavoli tematici all’interno del sistema valutativo, identificazione dei criteri specifici per le azioni ed i progetti dell’area. l Quinta giornata – 12 luglio (con il gruppo stabile dei referenti) –La messa a punto degli strumenti di monitoraggio, valutazione in itinere ed ex post della attuazione/ implementazione del piano e identificazione degli indicatori specifici di output, outcome, esito per le azioni ed i progetti; –Tempi e scadenze della valutazione, distribuzione dei ruoli e determinazione dei passaggi dalla valutazione alla ripianificazione.

3 3 Quali indirizzi dalla l. r.1/04? Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento

4 4 Le politiche di promozione regionale La seconda parte della l.r.1/04 individua i “filoni di intervento” specificando per ciascuno: l Gli obiettivi regionali l I servizi e le prestazioni I filoni di intervento sono: l Capo I. Politiche per le famiglie l Capo II. Politiche per la tutela materno-infantile l Capo III. Politiche per le persone disabili l Capo IV. Politiche per le persone anziane l Capo V. Politiche per altri soggetti deboli –per persone detenute ed ex detenute –per persone senza fissa dimora –per persone con problemi di dipendenza

5 5 Politiche per la famiglia l I principi per lo svolgimento delle attività di promozione delle politiche familiari sono i seguenti: a) predisposizione di una politica organica ed integrata volta a promuovere la famiglia nello svolgimento delle sue funzioni sociali; b) programmazione dei servizi e valorizzazione delle risorse di solidarieta' della famiglia, della rete parentale e delle reti di solidarieta' sociali; c) sostegno alla formazione ed allo sviluppo di nuove famiglie, alla cura ed educazione dei figli, al reperimento del lavoro e di abitazioni adeguate con idonee politiche lavorative e abitative, anche attraverso un apposito fondo sociale per gli affitti; d) promozione e sostegno dell'armonioso sviluppo delle relazioni familiari, delle funzioni educative, della corresponsabilita' dei genitori negli impegni di cura e di educazione dei figli nonche' dei rapporti di solidarieta' tra generazioni della famiglia. l I possibili interventi riguardano: –Centri per le famiglie –Tempi di cura, tempi di lavoro e tempi delle citta'

6 6 Politiche per la tutela materno-infantile Gli obiettivi regionali: a) promozione dello sviluppo e della salute psicofisica di ogni persona minore di età; b) riduzione e rimozione delle condizioni di disagio individuale, familiare e sociale; c) realizzazione dei servizi socio-educativi, anche sperimentali e innovativi, per l'infanzia e l'adolescenza, secondo quanto previsto dalla specifica normativa vigente in materia; d) sostegno alla formazione, quale garanzia di sviluppo e di crescita; e) valorizzazione delle funzioni genitoriali e parentali e della solidarieta' tra i componenti della famiglia; f) sviluppo delle reti di solidarieta' di auto-aiuto e mutuo-aiuto fra le famiglie; g) incentivo alle iniziative per la prevenzione e il contrasto del fenomeno dell'abuso e del maltrattamento a danno dei minori e delle donne; h) sostegno all'affidamento e all'adozione in attuazione della legislazione nazionale e regionale vigente; i) individuazione delle misure di coordinamento degli interventi locali di raccolta ed elaborazione dati, al fine di monitorare i flussi informativi sulle condizioni e i servizi a favore dei minori.

7 7 Gli interventi di tutela l I possibili servizi: a) attività di sostegno alla famiglia e alla genitorialità; b) servizi socio-educativi per l'infanzia e l'adolescenza; c) servizi di animazione per l'infanzia e per l'adolescenza; d) centri di ascolto per adolescenti; e) servizi di intervento educativo-terapeutico per i minori e per le famiglie; f) servizi per l'affidamento familiare e per l'adozione; g) servizi di assistenza educativa territoriale; h) servizi finalizzati all'accoglienza di bassa soglia per minori stranieri non accompagnati. l Si può prevedere l'istituzione di comunità familiari e comunità educative, anche mediante riqualificazione delle strutture assistenziali esistenti per minori, nonchè la promozione di azioni progettuali sperimentali mirate.

8 8 Politiche per la disabilità Gli obiettivi regionali: a) sostegno alle responsabilita' familiari lungo tutto il ciclo di vita della persona con disabilita'; b) sviluppo delle autonomie e delle abilita' possibili, in particolare dei disabili gravi; c) promozione degli interventi atti ad assicurare la vita indipendente; d) potenziamento e diffusione omogenea sul territorio dei servizi di assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata e di assistenza socio-educativa territoriale; e) realizzazione di progetti individualizzati per l'integrazione scolastica e universitaria nonche' di formazione e di accompagnamento al lavoro della persona disabile; f) incremento della rete dei centri diurni, dei Centri addestramento per disabili (CAD) nonche' l'estensione della loro fascia oraria; g) individuazione di nuove tipologie di risposte residenziali che assicurino una vita di relazione simile al nucleo familiare; h) rimozione degli ostacoli che aggravano la condizione di disabilita'; i) promozione dell'acquisto di strumenti tecnologici innovativi atti a facilitare la vita indipendente e il reinserimento sociale e professionale; j) sviluppo di iniziative permanenti di informazione e di partecipazione della popolazione per la prevenzione e per la cura della disabilita', la riabilitazione e l'inserimento sociale di chi ne e' colpito. Il riconoscimento di persona in situazione di handicap grave ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), costituisce condizione di priorita' nell'accesso ai programmi ed ai servizi territoriali.

9 9 Gli interventi per la disabilità a) aiuto alla persona; b) assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata e assistenza socio-educativa territoriale; c) centri diurni; d) integrazione scolastica e lavorativa; e) sostegno e sostituzione temporanea della famiglia; f) accoglienza residenziale; g) famiglie-comunita' sostitutive della famiglia di origine. l Il piano di zona puo' inoltre individuare altri servizi tesi a favorire la piena integrazione sociale della persona disabile nonche' la fruizione dei beni culturali, ambientali, la pratica sportiva ed il turismo.

10 10 Politiche per gli anziani l Gli obiettivi regionali: a) realizzazione di interventi diretti a mantenere l'autonomia della persona anziana, prioritariamente in un contesto familiare, ad evitare i rischi della non autosufficienza e a favorire un passaggio graduale dalla autonomia alla non autonomia prevedendo il piu' ampio coinvolgimento di tutti gli attori del percorso di presa in carico; b) diffusione omogenea dell'assistenza a domicilio su tutto il territorio; c) potenziamento dei servizi di supporto alla famiglia, compresi contribuiti economici e assegni di cura per quelle famiglie che si fanno carico di garantire l'assistenza di un proprio componente anziano non autosufficiente; d) realizzazione di servizi e strutture di sollievo per sostenere e integrare l'attivita' della famiglia nel lavoro di cura; e) diffusione e utilizzo di strumentazioni tecnologiche per il collegamento, anche a fini di monitoraggio e di tutela, della persona anziana che vive nella propria casa con centri di pronto intervento, nonche' informazione sulle nuove tecnologie che facilitino il mantenimento della qualita' della vita all'interno della propria casa sia all'anziano con limitata autonomia sia ai familiari e agli operatori coinvolti nel percorso di cura; f) affidamento di anziani a famiglie selezionate al fine di favorire l'anziano nel mantenimento delle proprie abitudini di vita e del proprio contesto territoriale; g) realizzazione di forme di accoglienza familiare notturna; h) apertura delle strutture residenziali e diurne alla comunita' locale per la promozione dell'incontro intergenerazionale e per favorire le relazioni sociali delle persone anziane; i) istituzione di soggiorni marini e montani, con la possibilita' di scambi di periodi di residenzialita' per le persone autosufficienti tra strutture di regioni diverse; j) istituzione di servizi civici e di centri di aggregazione e di informazione a cui partecipano le persone anziane attive per valorizzarne le esperienze e competenze; k) sostegno dell'attivita' di volontariato e di utilita' sociale, per lo sviluppo di esperienze di auto-aiuto e mutuo- aiuto al fine di migliorare la qualita' della vita quotidiana; l) incentivi per la permanenza dei cittadini anziani nelle abitazioni di proprieta' attraverso il recupero del patrimonio residenziale esistente ed il frazionamento delle unita' abitative eccedenti le ordinarie necessita' degli anziani che le abitano; m) adozione di misure di umanizzazione delle condizioni, anche ambientali, di soggiorno nelle strutture residenziali e semiresidenziali.

11 11 Gli interventi per l’anziano a) attivita' di prevenzione per il mantenimento dell'autonomia e per ridurre i rischi di non autosufficienza; b) assistenza domiciliare e assistenza domiciliare integrata; c) contributi economici; d) servizi di accoglienza residenziale e semiresidenziale anche temporanea; e) servizi di sollievo alla famiglia e di affidamento familiare; f) centri diurni di aggregazione sociale e di socializzazione

12 12 Politiche per i soggetti deboli-1 l Attività di promozione per persone detenute ed ex detenute a) realizzazione di politiche tese al reinserimento sociale e lavorativo di detenuti o di ex detenuti; b) sostegno al miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti nelle carceri mediante attivita' di preparazione professionale, sportive, culturali e ricreative e progetti di attivita' lavorative intramurarie; c) promozione dell'attivita' di formazione congiunta tra operatori penitenziari e operatori dei servizi sul territorio; d) realizzazione di politiche tese a ridurre la conflittualita' sociale e a favorire l'elaborazione, a livello locale, di progetti tesi a creare una nuova cultura sui problemi della devianza e della sicurezza; e) promozione dei progetti presentati da comuni o da altri soggetti ai fini della realizzazione di strutture di accoglienza per detenuti semiliberi, ammessi al lavoro all'esterno, affidati in prova al servizio sociale e per ex detenuti; f) promozione di progetti di sostegno alle famiglie e di mediazione fra vittime e autori di reati; g) promozione di progetti mirati a rispondere a bisogni specifici di particolari tipologie di persone detenute, quali popolazione femminile, donne con figli, immigrati extracomunitari, persone con problemi di dipendenza, detenuti che necessitano di un particolare trattamento rieducativo in relazione al tipo di reato commesso.

13 13 Politiche per i soggetti deboli-2 l Attività di promozione per persone senza fissa dimora a) sensibilizzazione culturale della societa' verso le persone senza fissa dimora; b) promozione di processi integrati per lo sviluppo di percorsi di aiuto, sostegno e di accompagnamento sociale all'autonomia; c) attivazione di unita' mobili di approccio che favoriscano l'incontro e la conoscenza delle persone; d) attivazione di centri di accoglienza aperti ventiquattro ore al giorno, per la predisposizione e realizzazione di progetti individuali sui singoli casi; e) attivazione di micro strutture residenziali, anche temporanee, protette e di gruppi famiglia e comunita' in grado di avviare le persone ad una graduale riabilitazione sociale; f) attivazione di dormitori e di strutture notturne di accoglienza

14 14 Politiche per i soggetti deboli-3 l La Regione promuove azioni di sostegno per le persone che presentano rischio, uso o dipendenza da sostanze psicoattive ed azioni finalizzate alla prevenzione di fattori di rischio, mirate al coinvolgimento e alla responsabilizzazione del contesto familiare, educativo e formativo in cui la persona e' inserita e svolte in stretta collaborazione con tutti i soggetti istituzionali e del privato sociale. l Gli interventi sociali destinati alle persone con problemi di dipendenza si esplicano attraverso: a) gli interventi domiciliari di sostegno alla persona e alla famiglia; b) gli interventi di inserimento o reinserimento lavorativo, formativo e sociale; c) la realizzazione di progetti integrati tra scuola, enti locali, servizi sociali e servizi sanitari, finalizzati al coinvolgimento e al reinserimento sociale delle persone con problemi di dipendenza.

15 15 Come i territori hanno lavorato? l Politiche per la famiglia l Politiche per la tutela materno-infantile l Politiche per gli anziani l Politiche per la disabilità l Politiche per i soggetti deboli l Area minori giovani e responsabilità familiari l Area anziani l Area disabili l Area “adulti in difficoltà”: –Immigrazione –Dipendenze –Contrasto alla povertà

16 16 Obiettivi l Messa a punto di un sistema di indicatori per la valutazione rispetto alla dimensione relativa al livello di attuazione/ implementazione del Piano. l Costruzione di un sistema condiviso di valutazione dal livello provinciale eventualmente con specifici indicatori locali l Le giornate sono proposte al livello tecnico impegnato nei territori con specifiche “aperture” ai coordinatori dei tavoli tematici dei diversi territori Destinatari Monitoraggio e valutazione delle azioni II modulo

17 17 L’unità di analisi: l’implementazione del sistema dei servizi del pdz Piano di zona Area anziani Area disabili Area minori e famiglia Ob: potenziare la domiciliarità Ob.:Tutela del bambino SAD Ricoveri di sollievo Assegni di servizio Area …

18 18 Una valutazione “frattale” 1. Valutazione del singolo intervento 2. Valutazione zonale della politica di uno specifi-co settore (anziani) 3. Valutazione del piano di zona 4. Valutazione degli interventi provinciali di coordinamento e sostegno 5. Valutazione della politica regionale

19 19 Esercitazione 1 1. Primo step individuale: ricostruire la mappa delle azioni di ciascun pdz 2. Secondo step, suddividendosi in 4 gruppi per aree d’intervento, alla luce della singola mappa delle azioni evidenziare similitudini e differenze nella programmazione

20 20  E’ quando un intervento \ progetto supera una fase sperimentale e viene messo a regime diventando “servizio”  Oppure quando un servizio viene ampliato e rinforzato CONSOLI- DAMENTO

21 21  E’ quando sulla scorta dell’esperienza di un precedente intervento o progetto si realizza un progetto nuovo che è costruito “sulle fonda- menta” dell’esperienza precedente, e fa tesoro di quanto si è appreso attraverso questa SVILUPPO E MIGLIORA MENTO

22 22  E’ quando a seguito dell’emergere di un problema o bisogno nuovo e inaspettato si cercano, con interventi o progetti, soluzioni per affrontarlo, procedendo in modo flessibile e, spesso, per prova ed errore INNOVA- ZIONE E SPERIMENT AZIONE

23 23 Il monitoraggio e la valutazione Ovvero la valutazione in itinere

24 24 Nella letteratura specializzata al monitoraggio viene data rilevanza relativa, non esistono testi specifici sul monitoraggio, le definizioni ed applicazioni del monitoraggio si ritrovano al’interno dei manuali sulla valutazione degli interventi e delle politiche. IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

25 25 “Il monitoraggio è un processo di raccolta di dati e informazioni sulle modalità di attuazione di un intervento o di una politica. E’ utilizzato spesso a fini di accountability; in altre parole, i dati e le informazioni vengono raccolti dalle strutture di attuazione per mostrare a soggetti esterni di controllo (le agenzia che hanno erogato i finanziamenti oppure le agenzie responsabili per il rispetto degli standard) che l’intervento viene realizzato secondo quanto previsto dal programma originario ”. C. Weiss 1972 IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

26 26 “Il monitoraggio serve per verificare se la politica: l sta raggiungendo il target di destinatari previsto, l è attuata in modo fedele al disegno originario, l sta utilizzando le risorse (finanziarie, umane, tecnologiche, ecc.) in modo economico ed efficiente”. P.H. Rossi - H.E. Freeman 1989 IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

27 27 “Monitoraggio = funzione che consiste nell’accertamento e nella descrizione puntuale e metodica dell’avanzamento di un progetto e nella segnalazione tempestiva delle discrepanze rispetto a quanto stabilito” Il Calamaio e l’arcobaleno 2000 IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

28 28 “ Una funzione del management che, attraverso una raccolta metodica di dati, verifica se le risposte materiali e finanziarie impiegate in un’iniziativa sono sufficienti, il personale impiegato è adeguatamente preparato e qualificato, le attività in atto sono previste nei termini di riferimento e sono stati raggiunti gli obbiettivi prefissati nei piani di lavoro” Pennisi 1991 IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

29 29 Le parole chiave che maggiormente ricorrono in queste definizioni sono: l Accountability (rendicontazione) l Verifica (rispetto di obbiettivi dati) l Avanzamento (rispetto dei tempi) IL MONITORAGGIO : DEFINIZIONI

30 30 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE MONITORAGGIO l Fornisce l’informazione l viene fatto con rilevazioni regolar i misura il raggiungimento di standard Stame 1998 VALUTAZIONE l Formula il giudizio l Può essere fatta in momenti diversi, o in un solo colpo misura delle dimensioni: efficienza, efficacia, qualità

31 31 Il monitoraggio è pertanto una funzione all’interno della più complessa esperienza della valutazione. Il monitoraggio, in sé, non è una disciplina, ma una funzione \ strumento utile per rendere conto, e verificare lo sviluppo di una politica nel corso del tempo, utile, in altri termini, per realizzare le valutazioni in itinere. MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

32 32 Il monitoraggio può allora essere una funzione “molto utile per la valutazione in itinere …... Per es. le eventuali deviazioni dal disegno iniziale possono derivare non tanto da errori degli attuatori, ma da una progettazione operativa deficitaria. Oppure ancora, il disegno originario può essere eseguito correttamente, senza tuttavia produrre i risultati in itinere attesi”…..;. MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

33 33 “ Quando attraverso il monitoraggio emergono aspetti di questo genere, e la valutazione in itinere è in grado di fornire le spiegazioni appropriate, vengono messi a disposizione dei decisori importanti elementi per una modificazione della politica in corso; oppure evidenziata l’esigenza di una nuova politica.. ” Vecchi 2000 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

34 34 IL MONITORAGGIO: A CHE COSA SERVE? l Lo stato di avanzamento dei programmi, delle politiche, degli interventi; l Le piste di approfondimento per mettere in luce criticità e i fattori di successo nello sviluppo di un singolo intervento, di un distretto, di un’area tematica; l Le informazioni basilari per procedere a una valutazione in itinere degli interventi e delle politiche (è un sensore). Serve per evidenziare : Serve per evidenziare :

35 35 IL MONITORAGGIO: A CHE COSA NON SERVE? l dare informazioni sulla qualità degli interventi e delle politiche l dare informazioni sugli esiti, sui risultati ottenuti per l’utente finale, cioè sulla efficacia degli interventi e delle politiche Non Serve per: Non Serve per:

36 36 Il Dpr 309/90 la legge 285/97 e la 328/2000 hanno fra i loro meriti quello di aver introdotto, per gli interventi e i servizi l’idea che il loro monitoraggio e la valutazione siano una prassi, una parte specifica e imprescindibile del processo di progettazione e realizzazione delle politiche e degli interventi. IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE

37 37 Al 309 e alla 285 e alla 328 va attribuito un elemento di innovazione che la caratterizza rispetto alle prassi in uso presso i servizi sociali e socioeducativi; tale elemento è costituito dal fatto che il monitoraggio e la valutazione non sono concepiti come forme di controllo ispettivo o di adempimento burocratico, ma di ricerca della maggiore efficienza ed efficacia della politica e degli interventi, nell’interesse di tutti gli attori in campo. IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE: A CHI SERVONO?

38 38 La valutazione in itinere e finale di un piano di zona

39 39 Punti di attenzione 1 1. La valutazione è opportuno che avvenga ai diversi livelli della programmazione in un quadro, però nel quale tali livelli si alimentino a vicenda, divenendo l’uno risorsa per l’altro. 2. La valutazione dei programmi d’intervento deve concentrarsi non solo sui documenti ma soprattutto sulle azioni concrete, sugli interventi sociali che a seguito dei piani vengono realizzati.

40 40 Punti di attenzione 2 3. La valutazioni dei piani è opportuno che sia orientata anche all’analisi costi benefici, 4 I disegni di valutazione dei programmi d’intervento, saranno più efficaci se utilizzeranno metodologie miste, che si basino su più strumenti e più fonti informative, e che assumano una logica di piano

41 41 Punti di attenzione 3 5. La valutazione deve essere condotta in modo partecipato e deve essere interpretata come processo di apprendimento collettivo dei soggetti che insieme concorrono alla realizzazione delle politiche sociali pubbliche, che, anche grazie alla valutazione, imparano a “governare” insieme un sistema locale di servizi alla persona.

42 42 ESEMPI DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONI IN ITINERE Le fasi del percorso monitoraggio valutazione in itinere

43 43 ESEMPI DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE IN ITINERE Le fasi del percorso monitoraggio valutazione in itinere

44 44 LO STRUMENTO CARATTERISTICHE DELLO STRUMENTO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE IN ITINERE (SCHEDA) La scheda conterrà domande di rilevazione di informazioni e dati “oggettivi” sullo stato di realizzazione del progetto e opinioni dei compilatori sui risultati raggiunti e sui processi in corso (principio di non autoreferenzialità) Le domande saranno strutturate in modo tale da rendere possibile, anche a chi le compila, un confronto fra quanto progettato a priori e quanto effettivamente successo in fase di realizzazione del progetto (principio di autovalutazione).

45 45 LO STRUMENTO CARATTERISTICHE DELLO STRUMENTO DI MONITORAGGIO (SCHEDA) Per rendere lo strumento utilizzabile da un punto di vista analitico alcune domande saranno chiuse (principio di confrontabilità). Per non tralasciare aspetti non sempre prevedibili sarà però sempre possibile argomentare meglio il senso delle risposte chiuse alla voce “altro” o rispondere in modo articolato alle domande aperte che chiedono di spiegare il perché di determinate risposte.

46 46 LO STRUMENTO CONTENUTI DELLO STRUMENTO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE IN ITINERE Dimensioni da valutare: –lo stato degli interventi, –il livello di partecipazione \ “'integrazione" raggiunto, –lo stato della valutazione degli interventi e le esperienze di formazione, accompa- gnamento e sostegno degli operatori –I risultati fino ad oggi rilevabili in relazione ai bisogni ai quali si intendeva offrire risposte


Scaricare ppt "1 Corso di formazione sul monitoraggio e la valutazione dei Piani di zona avviati in Provincia di Torino Secondo Modulo: La valutazione del livello di."

Presentazioni simili


Annunci Google