La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roberta Arbolino Che cos’è e come si misura la disuguaglianza economica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roberta Arbolino Che cos’è e come si misura la disuguaglianza economica."— Transcript della presentazione:

1 Roberta Arbolino Che cos’è e come si misura la disuguaglianza economica

2

3

4

5

6 Alcune scelte preliminari

7

8

9 Problemi c’è eguaglianza di benessere all’interno della famiglia ? Differenze nelle condizioni di vita e nelle opportunità soprattutto nei paesi arretrati per quanto riguarda le donne e i minori. Letteratura su intrahousehold allocation and distribution come confrontare famiglie diverse in quanto a dimensione, composizione e caratteristiche ? - - scale di equivalenza più “raffinate” : considerano elementi quali le economie di scala (“beni pubblici famigliari”) e la differenziazione dei bisogni (ad esempio, fra adulti e bambini), oltre ad altre caratteristiche rilevanti che influenzano i bisogni e la capacità di soddisfarli (l’età, la professione, la salute e le invalidità, la localizzazione geografica, ecc.)

10

11 Ordinamenti completi: le misure positive della diseguaglianza (gli indici statistici) misura cardinale con intervallo di valori definito Alcuni fra i principali indici statistici 1. la distanza: 2. confronto fra percentili 3. lo scarto relativo medio 4.la varianza 5. l’indice di Gini (o rapporto di concentrazione)

12 Assiomi normalmente richiesti ad un indice sintetico di diseguaglianza: Il coefficiente di Gini soddisfa quattro importanti principi: Anonimia: non importa chi siano quelli che guadagnano molto e quelli che guadagnano poco. Indipendenza di scala: il coefficiente di Gini non considera la dimensione dell'economia, come sia misurata, o quanto sia ricco o povero in media un Paese. Indipendenza dalla popolazione: non importa quanto sia grande la popolazione di un Paese. Principio di trasferibilità detto anche principio di Pigou- Dalton: se il reddito (meno la differenza), fosse trasferito da una persona ricca a una povera (trasferimento progressivo) la distribuzione risulterebbe più equa.

13 l’indice di Gini (o rapporto di concentrazione) soddisfa i tre assiomi di base e tiene conto della diversa posizione occupata da ciascun individuo nella scala dei redditi, assegnando un peso differenziato in relazione a tale posizione: indica la differenza in valore assoluto fra livelli di reddito della coppia di individui i e j ; G=0 perfetta equidistribuzione ; G=1 massima concentrazione del reddito.

14

15

16

17 Ordinamenti completi: le misure normative analisi normativa = riconduce la misurazione della diseguaglianza ad un sistema di valori e di preferenze collettive ( la misura di diseguaglianza diventa una misura del benessere sociale) ; quadro teorico di riferimento è quello welfarista (il benessere sociale è definito in relazione a funzioni individuali di utilità e queste sono definite solitamente come funzioni del solo reddito monetario) : W = W [U(x)] = W [U1 (x1), U2 (x2),..., Un (xn)] con i = 1,...,n problema : scegliere un’adeguata funzione di benessere sociale, confrontare diversi profili distributivi e ordinarli in relazione agli effetti sul benessere collettivo

18 Alcune fra le principali misure normative l’indice di Dalton (1920): fa riferimento ad una funzione di benessere sociale che ha come argomento il reddito degli individui ed è espressa come somma delle funzioni di utilità degli individui stessi: l’ipotesi è che il benessere sociale sia massimo quando tutti i soggetti percepiscono lo stesso reddito (distribuzione egualitaria) ; l’indice di diseguaglianza di Dalton è espresso come rapporto tra il benessere sociale conseguito dalla distribuzione effettiva dei redditi e il massimo benessere conseguibile:

19 l’indice di Atkinson Anziché due livelli di benessere (massimo ed effettivo), confronta il reddito medio effettivo con il reddito medio equivalentemente equidistribuito (xe= reddito pro-capite) che, se fosse percepito in eguale misura da ogni individuo garantirebbe lo stesso benessere sociale totale generato dai redditi effettivi. La misura di disuguaglianza è definita come scostamento percentuale di xe dal reddito medio della distribuzione di partenza: es. uno scostamento del 20% significa che l’80% del reddito complessivo, se distribuito in modo uguale, consentirebbe di raggiungere lo stesso livello di benessere sociale della distribuzione iniziale (disuguale) L’indice di Atkinson misura la frazione di reddito totale a cui la società potrebbe rinunciare senza alcuna perdita di benessere a patto che la quota di reddito rimanente sia ripartita in parti eguali.

20

21 Il coefficiente di variazione è dato dal rapporto tra sigma/media. Permette di valutare la dispersione dei valori attorno alla media indipendentemente dall'unità di misura. Dire che CV=0,50 è identico rispetto a dire che CV=5%. Rappresenta semplicemente la differenza tra il valore massimo e il valore minimo dei dati!!

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46


Scaricare ppt "Roberta Arbolino Che cos’è e come si misura la disuguaglianza economica."

Presentazioni simili


Annunci Google