La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MANUALE. Un giorno ho pensato perchè ho paura di essere un interprete? Che mi impedisce? La risposta era solo che ho paura e non sono sicura in mia conoscenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MANUALE. Un giorno ho pensato perchè ho paura di essere un interprete? Che mi impedisce? La risposta era solo che ho paura e non sono sicura in mia conoscenza."— Transcript della presentazione:

1 MANUALE

2 Un giorno ho pensato perchè ho paura di essere un interprete? Che mi impedisce? La risposta era solo che ho paura e non sono sicura in mia conoscenza. Ma è tutto? Non è bene. Se non provo allora non so mai niente. è basta solo provare. Se non ti piace allora smetti e cominci trovare il tou mestiere.

3 Ho deciso trovare un posto dove si puo avere una pratica e ho trovato. Era una fabbrica dei prodotti di ferro e di cemento. Prima tutto era molto difficile. Non sapevo niente nella questa sfera ne in russo ne in italiano. Non imagginavo nessuno termine. E anche ho capito che anche se studio bene nell’università qui al posto di lavoro tutta conoscenza non mi aiuta. Certo sapevo molto ma non era utile in quel momento.

4 Certo il problema era che non avevo una pratica. Ma è il problema? Allora tutto in mondo ha I problemi! Puoi pratica la lingua con la madrelingua! È lo chance! Grande e forse è uno su un millione! Prova, sbaglia, non sdarti!

5 Era il tempo molto difficile per me ed anche per gli italiani - penso cosi. Loro mi aiutavano, mi insegnavano. Ci voleva una grande pazienza per tutti. Dovevo solo chiedere tutto che non è chiaro. Non si deve avere paura che se chiedi qc anche se è molto semplice e facile, e quindi? TU non capisci e non c’è niente da morire. Solo vuoi diventare un bravissimo interprete! È lo scopo. Tutti hanno gli scopi.

6 I giorni passavano e poi i mesi. Mi piacevo molto il lavoro. Traducevo in modo orale, un’po in scritto, partecipavo nelle trattative, scrivevo e chiamavo in Italia. E un giorno all'improvviso ho notato che parlo piu veloce e quasi non penso prima di dire. Ero la persona piu felice nel mondo! E ho capito che questo è mio. Devo non smetterlo.

7 Provavo qusto ad ogni giorno. È una impressione insignificabile quando cominci a capire tutto che ti dicono, quando puoi chiacchierare con gli stranieri, quando ti raccontano del loro paese, puoi imparare che non ti dicono e non insegnano nell’università.

8 Chiedi e ti aiutano. Loro sono anche la gente.

9 Anche posso dire che loro capiscono meglio della nostra gente. Non avere paura!

10 E se succede che nell’azienda non hanno bisogno piu di te come interprete o gli stranieri non arrivano piu qui – non si deve preoccuparti. Trova, fa’ un curriculum, e la felicità ti ritrova!

11 Dopo quel lavoro dove lavoravo per circa 4 mesi mi ha trovato l’altra azienda – una cartiera. Adesso lavoro li. 3 mesi sono gia passati. Ringrazio tutti chi lavoravano con me. E credo che è detto giusto nel proverbio italiano: Chi bene incomincia è a metà dell'opera.

12 GRAZIE PER L’ATTENZIONE !


Scaricare ppt "MANUALE. Un giorno ho pensato perchè ho paura di essere un interprete? Che mi impedisce? La risposta era solo che ho paura e non sono sicura in mia conoscenza."

Presentazioni simili


Annunci Google