La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Misura di figure Figure equivalenti e aree. Cosa vuol dire misurare una figura geometrica? Possiamo misurare la parte di piano che occupa cioè la sua.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Misura di figure Figure equivalenti e aree. Cosa vuol dire misurare una figura geometrica? Possiamo misurare la parte di piano che occupa cioè la sua."— Transcript della presentazione:

1 Misura di figure Figure equivalenti e aree

2 Cosa vuol dire misurare una figura geometrica? Possiamo misurare la parte di piano che occupa cioè la sua estensione. Possiamo misurare la parte di piano che occupa cioè la sua estensione. Parlando di misura la parola “uguaglianza”, “congruenza” non è più sufficiente. Parlando di misura la parola “uguaglianza”, “congruenza” non è più sufficiente. Infatti due figure che hanno la stessa estensione non è detto che siano congruenti! Infatti due figure che hanno la stessa estensione non è detto che siano congruenti! Introduciamo il concetto di EQUIVALENZA tra figure. Introduciamo il concetto di EQUIVALENZA tra figure.

3 Figure equivalenti Due figure si dicono EQUIVALENTI se vale almeno una delle tre affermazioni che seguono: 1) Sono congruenti 2) Sono equicomposte o equiscomponibili 3) Sono ottenute per sottrazione di figure uguali da figure uguali in partenza

4 1) Congruenti Perfettamente sovrapponibili mediante movimento rigido (rotazione, traslazione, roto- traslazione)

5 2) Equicomposte o equiscomponibili

6 3) Ottenute per sottrazione di figure uguali da figure uguali in partenza

7 Due poligoni equivalenti hanno la stessa estensione Due poligoni equivalenti hanno la stessa estensione AREA = misura dell’estensione di una superficie (parte di piano) AREA = misura dell’estensione di una superficie (parte di piano)Quindi: Due figure EQUIVALENTI hanno la stessa AREA

8 Come misurare un’area? Misurare  confronto Misurare  confronto Come unità di misura conviene scegliere una piccola area quindi una piccola figura Come unità di misura conviene scegliere una piccola area quindi una piccola figura Proviamo ad effettuare un RICOPRIMENTO della figura da misurare Proviamo ad effettuare un RICOPRIMENTO della figura da misurare Per avvicinarsi il più possibile alla misura “reale”, le unità di misura che affianchiamo non devono soprapporsi, non devono creare buchi, non devono lasciare avanzi. Per avvicinarsi il più possibile alla misura “reale”, le unità di misura che affianchiamo non devono soprapporsi, non devono creare buchi, non devono lasciare avanzi.

9 Ricoprimenti Ricopriamo un rettangolo con CERCHI Ricopriamo un rettangolo con CERCHI

10 Ricopriamo un rettangolo con PENTAGONI Ricopriamo un rettangolo con PENTAGONI

11 Ricopriamo un rettangolo con ESAGONI Ricopriamo un rettangolo con ESAGONI

12 Ricopriamo un rettangolo con ESAGONI e ROMBI Ricopriamo un rettangolo con ESAGONI e ROMBI

13 Ricopriamo un rettangolo con ROMBI Ricopriamo un rettangolo con ROMBI

14 Ricopriamo un rettangolo con RETTANGOLI Ricopriamo un rettangolo con RETTANGOLI

15 Ricopriamo un rettangolo con QUADRATI Ricopriamo un rettangolo con QUADRATI

16 Perché l’area si ottiene da un prodotto di lunghezze? L’area come prodotto di lunghezze deriva dal fatto che consideriamo come unità di misura un poligono che si possa affiancare in modo tale da non lasciare buchi e che abbia i lati sottomultipli dei lati della figura da misurare. L’area come prodotto di lunghezze deriva dal fatto che consideriamo come unità di misura un poligono che si possa affiancare in modo tale da non lasciare buchi e che abbia i lati sottomultipli dei lati della figura da misurare. Affinché l’unità di misura sia la stessa sia per la lunghezza sia per la larghezza, conviene scegliere come unità di misura un QUADRATO di lato unitario. Affinché l’unità di misura sia la stessa sia per la lunghezza sia per la larghezza, conviene scegliere come unità di misura un QUADRATO di lato unitario.

17 Area di poligoni

18 Rettangolo N.B. Tracciando una diagonale del rettangolo, si ottengono due triangoli rettangoli congruenti. Quindi per il triangolo rettangolo vale

19 Parallelogrammo Un parallelogrammo è equivalente ad un rettangolo avente la stessa base e la stessa altezza Un parallelogrammo è equivalente ad un rettangolo avente la stessa base e la stessa altezza

20 Triangolo Ogni diagonale del parallelogrammo lo divide in due triangoli congruenti (acutangoli o ottusangoli) quindi per ogni triangolo Ogni diagonale del parallelogrammo lo divide in due triangoli congruenti (acutangoli o ottusangoli) quindi per ogni triangolo

21

22 Quadrato l l

23 Rombo Un rombo è equivalente alla metà di un rettangolo che ha per lati le diagonali del rombo Osservazione: Questo vale per qualsiasi quadrilatero avente le diagonali perpendicolari

24 Considerando il quadrato come rombo Le due diagonali sono congruenti, quindi

25 Trapezio Un trapezio è equivalente alla metà di un parallelogrammo di uguale altezza ed avente per base la somma delle basi del trapezio stesso. Un trapezio è equivalente alla metà di un parallelogrammo di uguale altezza ed avente per base la somma delle basi del trapezio stesso.


Scaricare ppt "Misura di figure Figure equivalenti e aree. Cosa vuol dire misurare una figura geometrica? Possiamo misurare la parte di piano che occupa cioè la sua."

Presentazioni simili


Annunci Google