La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FORMAZIONE DELLE MONARCHIE NAZIONALI QUAL E' IL RUOLO DELLE MONARCHIE NEL MOMENTO DELLA MASSIMA ESPANSIONE DELLA SOCIETA' FEUDALE? 1) IL CASO FRANCESE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FORMAZIONE DELLE MONARCHIE NAZIONALI QUAL E' IL RUOLO DELLE MONARCHIE NEL MOMENTO DELLA MASSIMA ESPANSIONE DELLA SOCIETA' FEUDALE? 1) IL CASO FRANCESE."— Transcript della presentazione:

1 LA FORMAZIONE DELLE MONARCHIE NAZIONALI QUAL E' IL RUOLO DELLE MONARCHIE NEL MOMENTO DELLA MASSIMA ESPANSIONE DELLA SOCIETA' FEUDALE? 1) IL CASO FRANCESE. 987: INIZIA LA DINASTIA DEI CAPETINGI (UGO CAPETO). IN QUESTO PERIODO, IL POTERE DEL RE DI FRANCIA SI ESTENDE SOLO SU PARIGI E DINTORNI. NEL RESTO DELLA FRANCIA, IL POTERE ERA NELLE MANI A) DEI SIGNORI FEUDALI; B) DEI RE D'INGHILTERRA, PER VIA FEUDALE. DUNQUE DUNQUE: IL RE DI FRANCIA NON PUO': A) AMMINISTRARE LA GIUSTIZIA, B) RISCUOTERE TASSE, C) AVERE UN ESERCITO FORTE E FEDELE.

2 LA SITUAZIONE NEL XII SECOLO: L'”IMPERO ATLANTICO” DEI PLANTAGENETI

3 BATTAGLIA DI BOUVINES. 1214: BATTAGLIA DI BOUVINES.  LA FRANCIA CONDUCE UNA GUERRA CONTRO L'INGHILTERRA, PER NON ESSERE COMPLETAMENTE SOTTOMESSA.  FILIPPO II AUGUSTO, RE DI FRANCIA, RIESCE A SCONFIGGERE GLI INGLESI E A RICONQUISTARE GRAN PARTE DELLA FRANCIA OCCIDENTALE.

4

5 IL RE DI FRANCIA SI IMPEGNA ORA A RIORGANIZZARE IL SUO REGNO: FUNZIONARI BALIVI ISTITUISCE FUNZIONARI AL SUO SERVIZIO, CHE DEVONO RISCUOTERE LE TASSE E AMMINISTRARE LA GIUSTIZIA (=BALIVI) PREVOSTI ISTITUISCE FUNZIONARI CHE DEVONO AMMINISTRARE IL PATRIMONIO DEL RE (=PREVOSTI) CONSIGLIO DEL RE CREA INOLTRE: IL CONSIGLIO DEL RE PER GLI AFFARI GENERALI; IL PARLAMENTO DI PARIGI PER L'AMMINISTRAZIONE DELLAGIUSTIZIA; LA CORTE DEI CONTI PER LE ENTRATE DELLO STATO;

6 ESERCITO DI SOLDATI DI PROFESSIONE, CREA UN ESERCITO DI SOLDATI DI PROFESSIONE, PAGATI DALLO STATO, AL POSTO DELL'ESERCITO FEUDALE DUNQUE L RE DI FRANCIA, NEL CORSO DEL 1200, PUO' ESERCITARE SEMPRE DI PIU' SUL SUO TERRITORIO UN VERO POTERE, E NON SOLO UN POTERE ASTRATTO IL RE DI FRANCIA, NEL CORSO DEL 1200, PUO' ESERCITARE SEMPRE DI PIU' SUL SUO TERRITORIO UN VERO POTERE, E NON SOLO UN POTERE ASTRATTO

7 2) IL CASO INGLESE. IN INGHILTERRA LA MONARCHIA ESISTE DAI SECOLI IX-X, E' PIU' SOLIDA DI QUELLA FRANCESE: LA PRESENZA FEUDALE QUI E' MENO FORTE, IL RE PUO' RISCUOTERE UN'IMPOSTA SUI PATRIMONI TERRIERI E ESERCITA UN CERTO CONTROLLO SUL TERRITORIO. L'ESERCITO, INOLTRE, E' COMPOSTO DA UOMINI LIBERI, NON SOLO DA VASSALLI.  1066: GUGLIELMO, DUCA DI NORMANDIA, SCONFIGGE L'ESERCITO INGLESE NELLA BATTAGLIA DI HASTINGS E DIVENTA SOVRANO, CON IL SOPRANNOME DI “CONQUISTATORE”.

8 IL NUOVO RE INTRODUCE IN INGHILTERRA IL SISTEMA FEUDALE, MA MANTIENE VIVO IL VINCOLO DI SOTTOMISSIONE DEI VASSALLI E IL SISTEMA AMMINISTRATIVO E FISCALE PRECEDENTE: IL REGNO VIENE DIVISO IN CONTEE, AFFIDATE A SCERIFFI, FUNZIONARI DI NOMINA REGIA CHE AMMINISTRANO LA GIUSTIZIA E RISCUOTONO L'IMPOSTA PUBBLICA IL POTERE DEL RE SI RAFFORZA ULTERIORMENTE CON ENRICO II PLANTAGENETO: QUESTO - TOGLIE PRIVILEGI ALLA CHIESA INGLESE(AD ESEMPIO IL CONTROLLO SULL'ELEZIONE DEI VESCOVI E IL PRIVILEGIO DI ESSERE GIUDICATA DA TRIBUNALI ECCLESIASTICI);

9 - DA' AL GOVERNO UN ORDINAMENTO PIU' SOLIDO, CREANDO UNA BUROCRAZIA PIU' EFFICIENTE AL SUO SERVIZIO; - OTTIENE IL CONTROLLO SU GRAN PARTE DELLA FRANCIA OCCIDENTALE, IN PARTE PER VIA EREDITARIA E IN PARTE PER LA DOTE PORTATA DALLA MOGLIE ELEONORA D'AQUITANIA (“IMPERO ATLANTICO”, VEDI CARTA PRECEDENTE) MA - DOPO LA BATTAGLIA DI BOUVINES (1214), IL SUCCESSORE GIOVANNI, DETTO “SENZA TERRA” A CAUSA DELLA SCONFITTA SUBITA DAL RE DI FRANCIA, PERDE GRAN PARTE DEI TERRITORI FRANCESI

10 DUNQUE IL POTERE DEL RE SI INDEBOLISCE, A VANTAGGIO DELLA NOBILTA' E DEL CLERO, CHE, D'ACCORDO CON I BORGHESI DELLE CITTA', LO OBBLIGANO A CONCEDERE LA MAGNA CHARTA LIBERTATUM (=GRANDE CARTA DELLE LIBERTA', ALLA LETTERA; IN REALTA' NON SONO LIBERTA', MA PRIVILEGI E GARANZIE CHE LIMITANO DI FATTO IL POTERE DEL RE)

11 MAGNA CHARTA LIBERTATUM: - ELENCAVA UNA SERIE DI PRIVILEGI E GARANZIE CHE PROTEGGEVANO DAL POTERE DEL RE LA NOBILTA', IL CLERO E ALCUNE CITTA' COME LONDRA; - GARANTIVA ALCUNI DIRITTI FONDAMENTALI DEGLI “UOMINI LIBERI”: NESSUNO, AD ESEMPIO, POTEVA ESSERE ARRESTATO PRIVATO DEI BENI O ESILIATO, SENZA UN GIUDIZIO DI UOMINI DI PARI RANGO SOCIALE O IN BASE ALLE LEGGI DEL REGNO. DUNQUE IL RE DOVEVA GOVERNARE CERCANDO IL CONSENSO DELLE FORZE SOCIALI PIU' ELEVATE

12 - INTRODUCE IL PRINCIPIO CHE LE IMPOSTE DEBBANO ESSERE APPROVATE DAL CONSIGLIO DEL REGNO, UN'ASSEMBLEA FORMATA DAPPRIMA SOLO DA NOBILI ED ECCLESIASTICI, MA SUCCESSIVAMENTE ANCHE DA RAPPRESENTANTI DELLE CITTA' (BORGHESI) SI PONGONO COSI' LE BASI DELLA NASCITA DEL PARLAMENTO INGLESE, FORMATO, ALL'INIZIO, SOLO DALLA CAMERA DEI LORDS= RAPPRESENTANTI DI NOBILTA' E ALTO CLERO. E, POCHI DECENNI DOPO,DALLA CAMERA DEI COMUNI= RAPPRESENTANTI DELLA PICCOLO NOBILTA' E DELLA BORGHESIA

13 TRA IL XIII E IL XIV SECOLO LA MONARCHIA FRANCESE SI RAFFORZA CON IL RE FILIPPO DETTO IL BELLO CHE - RAFFORZA L'APPARATO AMMINISTRATIVO DELLO STATO (=LA BUROCRAZIA); - CONSIGLIO DEL RE(=ASSISTE IL SOVRANO NEGLI AFFARI GENERALI), PARLAMENTO DI PARIGI (ALTA GIUSTIZIA), CORTE DEI CONTI(=ESPERTI CONTABILI) DIVENNERO SEMPRE PIU' IMPORTANTI - NEL 1302 IL RE CONVOCA L'ASSEMBLEA DEGLI STATI GENERALI (POTERE CONSULTIVO), FORMATA DAI RAPPRESENTANTI DEI TRE ORDINI: NOBILTA', CLERO, TERZO STATO

14 IL RE DI FRANCIA RAFFORZA IL SUO POTERE (=LO CENTRALIZZA) SOPRATTUTTO CONTRO LA CHIESA: - IL PAPA BONIFACIO VIII, SOSTENITORE DELLA TEOCRAZIA, QUANDO IL RE IMPONE TASSE AGLI ECCLESIASTICI SENZA IL SUO CONSENSO, MINACCIA LA SCOMUNICA (=AL RE VIENE NEGATA LA LEGITTIMITÀ DERIVANTE DA DIO); - IL RE CONVOCA GLI STATI GENERALI CHE AFFERMANO CHE IL SUO POTERE DERIVA DIRETTAMENTE DA DIO, SENZA LA MEDIAZIONE DEL PAPA; - LO FA ADDIRITTURA ARRESTARE PER EVITARE LA SCOMUNICA.

15 - DA QUESTO MOMENTO SI RAFFORZA ENORMEMENTE LA MONARCHIA FRANCESE E LA SEDE DEL PAPATO VIENE CONDOTTA AD AVIGNONE, PER FARE IN MODO CHE LA CHIESA SIA STRETTAMENTE CONTROLLATA DAL RE DI FRANCIA. E' IL PERIODO DELLA COSIDDETTA “CATTIVITA' AVIGNONESE”

16 TRA IL 1337 E IL 1453 FRANCIA E INGHILTERRA HANNO COMBATTUTO UNA LUNGA GUERRA, DETTA DEI CENTO ANNI, PER LE SEGUENTI RAGIONI: - L'INGHILTERRA POSSIEDE ANCORA TERRITORI (POCHI) IN FRANCIA, - C'ERANO CONTRASTI ECONOMICI PER LA REGIONE DELL FIANDRE, FEUDO FRANCESE MA LEGATE IN REALTÀ ALL'INGHILTERRA, CHE IMPORTAVA DA LÌ' LANA PER LA PRODUZIONE TESSILE - IL RE D'INGHILTERRA PRETENDE DI AVERE ANCHE IL TRONO DI FRANCIA PER MOTIVI DINASTICI.Ù LA GUERRA SI CONCLUDE CON LA VITTORIA DELLA FRANCIA: L'INGHILTERRA DEVE ABBANDONARE TUTTI I POSSEDIMENTI IN FRANCIA, TRANNE CALAIS

17

18 CON LA GUERRA DEI CENTO ANNI SIA LA MONARCHIA FRANCESE, SIA QUELLA INGLESE SI CONSOLIDANO: -AUMENTANO LE COMPETENZE ECONOMICO- FINANZIARIE DEI COLLABORATORI DEL RE; -CRESCE IL NUMERO DEI FUNZIONARI DEL RE, - I RE RISCUOTONO LE TASSE CON SEMPRE MAGGIOR REGOLARITA'; L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA VIENE TOLTA AI SIGNORI FEUDALI E AFFIDATA A TRIBUNALI REGI, - L'ESERCITO, CON REPARTI DI ARTIGLIERIA E FANTERIA COMPOSTI DA SOLDATI DI LEVA E MERCENARI (INVECE CHE DALLA SOLA NOBILTA' FEUDALE) DIVIENE PIU' AFFIDABILE.

19 IN SEGUITO ALLA SCONFITTA, IN INGHILTERRA SI SCATENA UNA GUERRA CIVILE TRA LE DUE CASATE NOBILI DEI LANCASTER E DEGLI YORK. E' LA “GUERRA DELLE DUE ROSE” (= DAL SIMBOLO DELLE FAMIGLIE, RISPETTIVAMENTE UNA ROSA ROSSA E UNA ROSA BIANCA). LA GUERRA FINISCE CON L'ASCESA DI UNA NUOVA DINASTIA, QUELLA DEI TUDOR, E CON UNA GRAVE SCONFITTA DELLA FEUDALITA' INGLESE. TUTTAVIA, A DIFFERENZA DELLA FRANCIA, LA MONARCHIA INGLESE NON GIUNGE AD AVERE UN POTERE ASSOLUTO.

20 LA FINE DELLA GUERRA SEGNA L'INIZIO DI UNA RIPRESA ECONOMICA, LEGATA ALLA PRODUZIONE DI LANA, CHE PERMETTERA' ALL'INGHILTERRA DI COSTRUIRE UNA POTENTE FLOTTA E DIVENIRE IN BREVE TEMPO UNA GRANDE POTENZA MARITTIMA

21 3) IL CASO SPAGNOLO - LA SPAGNA ERA IN GRAN PARTE OCCUPATA DAGLI ARABI, CHE L'AVEVANO CONQUISTATA NEI SECOLI PRECEDENTI L'ANNO MILLE. 1212: I CRISTIANI SCONFIGGONO I MUSULMANI A LAS NAVAS DE TOLOSA. DA QUESTO MOMENTO NELLA PENISOLA IBERICA SI FORMANO 4 REGNI CRISTIANI: ARAGONA, CASTIGLIA, NAVARRA, PORTOGALLO. -PORTOGALLO: HA VITA AUTONOMA, E UN TERRITORIO NON ADATTO ALL'AGRICOLTURA; PERCIO' SI DEDICA ALL'ATTIVITA' MERCANTILE E MARINARA; -NAVARRA: SI UNIRA' AL RESTO DELLA SPAGNA NEL '500;

22

23 -1469: IL RE FERDINANDO D'ARAGONA SPOSA LA REGINA ISABELLA DI CASTIGLIA. DA QUI NASCE IL REGNO DI SPAGNA, CHE CONTINUA LA SUA LOTTA CONTRO I MUSULMANI E FINANZIA LA SPEDIZIONE DI COLOMBO. 1492: I MUSULMANI VENGONOCACCIATI DALLA LORO ULTIMA ROCCAFORTE, IL REGNO DI GRANADA; -NEL1492, FERDINANDO E ISABELLA DECIDONO DI CACCIARE DALLA SPAGNA GLI EBREI CHE NON SI SONO CONVERTITI AL CATTOLICESIMO; POCO DOPO CACCIANO I MUSULMANI CHE RIFIUTANO LA CONVERSIONE E ANCHE I MORISCOS (=I MUSULMANI CONVERTITI): QUEST'OPERAZIONE DI INTOLLERANZA RELIGIOSA, FATTA CON IL TRIBUNALE DELL'INQUISIZIONE, FINISCE PER IMPOVERIRE L'ECONOMIA DEL PAESE.


Scaricare ppt "LA FORMAZIONE DELLE MONARCHIE NAZIONALI QUAL E' IL RUOLO DELLE MONARCHIE NEL MOMENTO DELLA MASSIMA ESPANSIONE DELLA SOCIETA' FEUDALE? 1) IL CASO FRANCESE."

Presentazioni simili


Annunci Google