La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Energia e ambiente nel Regolamento generale di esenzione per categoria 2014 Valentina Sansonetti Aiuti di Stato Energia e Ambiente DG CONCORRENZA Roma,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Energia e ambiente nel Regolamento generale di esenzione per categoria 2014 Valentina Sansonetti Aiuti di Stato Energia e Ambiente DG CONCORRENZA Roma,"— Transcript della presentazione:

1 Energia e ambiente nel Regolamento generale di esenzione per categoria 2014 Valentina Sansonetti Aiuti di Stato Energia e Ambiente DG CONCORRENZA Roma, 3 marzo 2015 Le opinioni espresse sono quelle dei relatori e non possono in alcun caso essere considerate come espressione della posizione ufficiale della Commissione europea

2 Sommario Aiuti per la tutela ambientale Aiuti per andare oltre le norme dell'UE - art. 36 aiuti per l'adeguamento anticipato a future norme UE– art. 37 efficienza energetica – art. 38 e NEW 39 sgravi da imposte ambientali – art. 44 risanamento di siti contaminati – art. 45 NEW riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti – art. 47 NEW studi ambientali – art. 49 Aiuti per l'energia cogenerazione ad alto rendimento – art. 40 rinnovabili – art. 41 e NEW 42 teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti - art. 46 NEW infrastrutture energetiche - art. 48 NEW

3

4 Cosa cambia Soglia per aiuti agli investimenti: da EUR 7.5 mil a EUR 15 mil per impresa e per progetto; Bonus regionale; Vantaggi e costi operativi non presi in considerazione per calcolo costi aggiuntivi

5 Aiuti per la tutela ambientale A IUTI PER ANDARE OLTRE LE NORME DELL 'U NIONE ( ART. 36) -Max 15 milioni per impresa e per progetto -Andare oltre le norme UE o innalzare il livello di tutela ambientale in assenza di norme -Aiuti compatibili se -Investimenti necessari per adeguarsi a norme nazionali più rigorose, andando oltre norme UE -Investimenti per innalzare livello di tutela in assenza di norme UE -Aiuti incompatibili se -Investimenti necessari per adeguarsi a norme UE adottate ma non in vigore -Costi ammissibili: 40% dei c osti diret connessi alla tutela ambientale se distinguibili (add-on scenario); Differenza investimento meno env friendly/inv sovvenzionato + PMI BONUS + BONUS REGIONALE 5

6 Aiuti per la tutela ambientale AIUTI PER ADEGUAMENTO ANTICIPATO A FUTURE NORME UE ( ART. 37)  Max 15 milioni per impresa e per progetto  Costi ammissibili: - Se investimento ultimato + 3 anni prima della nuova norma: (20% per piccole e 15% per medie imprese) 10% dei costi diret connessi alla tutela ambientale se distinguibili (add-on scenario); Differenza investimento meno env friendly/inv sovvenzionato - Se investimento ultimato fra 1 e 3 anni: (15/10%) 5%  BONUS PMI e BONUS REGIONALE Aiuti per la tutela ambientale

7 A IUTI AGLI INVESTIMENTI A FAVORE DI MISURE DI EFFICIENZA ENERGETICA ( ART.38)  Max 15 milioni per impresa e per progetto  Costi ammissibili: 30% (+ BONUS PMI 50%-40%, + BONUS REGIONALE) di Add-on scenario Costo connesso alla maggiore efficienza energetica rispetto a investimento tecnicamente comparabile  No costi operativi Aiuti per la tutela ambientale

8 A IUTI AGLI INVESTIMENTI PER EFFICIENZA ENERGETICA IMMOBILI ( ART. 39)  10 milioni per progetto e per investimento  Tipo di aiuto: equity, garanzia, prestito agevolato (definizioni art. 2) – NO fondo perduto/conto capitale, ecc. (art. 39.6)  Costi ammissibili: costi complessivi del progetto Aiuti per la tutela ambientale

9 Aiuti la tutela ambientale S GRAVI DA IMPOSTE AMBIENTALI ( ART. 44)  Beneficiari selezionati in base a criteri trasparenti e obiettivi  Livello minimo di imposizione: direttiva 2003/96/CE  No aiuti a biocarburanti soggetti a obbligo di fornitura o miscelazione  Limite temporale: periodo di applicazione del reg – quindi fino a 31/12/2020 Aiuti per la tutela ambientale

10 R ISANAMENTO SITI CONTAMINATI ( ART. 45) Chi inquina paga NO aiuto al responsabile dell'inquinamento se può essere identificato e/o se può sostenere i costi di bonifica Resp inquinamento secondo diritto nazionale 100% costi ammissibili, meno aumento valore terreno (novità: esperto indipendente) Max 20 milioni per impresa e per progetto Aiuti per la tutela ambientale

11 R ICICLAGGIO E RIUTILIZZO DEI RIFIUTI ( ART. 47)  15 milioni per impresa e per progetto  Riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti prodotti da altre imprese.  Investimenti al di là dello stato dell'arte (art.2, 129)  Costi ammissibili: 35% dei costi supplementari, + BONUS PMI, + BONUS REGIONALE Aiuti per la tutela ambientale

12 STUDI AMBIENTALI ( ART. 49)  NO audit energetici obbligatori per grandi imprese, tranne se in aggiunta  Max 15 milioni  50% costi ammissibili + BONUS PMI, no BONUS REGIONALE Aiuti per la tutela ambientale

13 Aiuti per l'energia

14 C OGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO ( ART. 40) Solo per installazioni recenti o ammodernate Alto rendimento secondo direttive 45% costi ammissibili (costi suppl) + PMI BONUS, + BONUS REGIONALE 15 milioni per impresa e per progetto Un utile riferimento: allegato 2 Linee guida EEAG Aiuti per l'energia

15 A IUTI PER INVESTIMENTI IN RINNOVABILI ( ART. 41) - (I) Solo biofuel sostenibili e no quelli alimentari, eccetto se per convertire impianti No aiuti biofuel se obbligo di fornitura/miscelazione Solo nuovi impianti per rinnovabili 15 milioni per impresa e per progetto No aiuti se impianto già in esercizio Aiuti indipendenti dalla produzione Aiuti per l'energia

16 16 Costi ammissibili Se procedura di gara competitiva: 100% dei costi supplementari Senza procedura di gara competitiva : 45% se costo suppl è un investimento distinto Oppure se confronto con investimento di riferimento 30% per impianti di scala ridotta senza investimento di riferimento + BONUS PMI, + BONUS REGIONALE A IUTI PER INVESTIMENTI IN RINNOVABILI ( ART. 41) - (II) Aiuti per l'energia

17  Solo tramite gara aperta a tutte le tecnologie  15 milioni per impresa e per progetto  150 milioni l'anno per tutte le tecnologie  Feed in premium su prezzo di mercato  No aiuti per prezzi negativi  Fino al completo ammortamento dell'impianto  Limitate eccezioni alla gara aperta a tutti: Gara ristretta ad alcune tecnologie a certe condizioni, e solo per 5% della nuova capacità pianificata No gara per impianti: Fino a 1MW (es. solare e biomassa) 6MW o 6 Unità di produzione (solo eolico) Aiuti per l'energia A IUTI OPERATIVI PER RINNOVABILI ( ART. 42) Aiuti per l'energia

18  Feed-in tariff ancora possibile per installazioni sotto 500kW (es. solare e biomassa) 3MW o 3 unità produzione (eolico) tons/anno per biocarburanti sostenibili  Aiuto max: Differenza tra i costi totali livellati aggiornati annualmente e il prezzo di mercato Tasso di rendimento max: tasso swap punti base Fino al completo ammortamento dell'impianto Aiuti per l'energia A IUTI OPERATIVI PER IMPIANTI RINNOVABILI SU SCALA RIDOTTA ( ART. 43) Aiuti per l'energia

19 IMPIANTO:  costi supplementari per la costruzione, l'ampliamento e l'ammodernamento di unità di produzione di energia per realizzare un sistema di teleriscaldamento e teleraffreddamento rispetto a un impianto di produzione tradizionale.  Max 45 % dei costi ammissibili, + BONUS PMI, + BONUS REGIONALE RETE:  MAX FUNDING GAP: costi investimento MENO il risultato operativo, dedotto ex ante o mediante un meccanismo di recupero  20 milioni per impresa e per progetto 19 A IUTI PER TELERISCALDAMENTO / RAFFREDDAMENTO ( ART. 46) Aiuti per l'energia

20  Solo per infrastrutture nelle regioni assistite  FUNDING GAP: Ammissibili tutti i costi di investimento MENO: Risultato operativo (ex ante o ex post)  MAX 50 milioni per impresa e per progetto  Rispettano regolamentazione tariffaria e accesso NO: Stoccaggio Infrastrutture petrolifere 20 Aiuti per l'energia A IUTI PER LE INFRASTRUTTURE ( ART. 48) Aiuti per l'energia

21 Grazie per l'attenzione!


Scaricare ppt "Energia e ambiente nel Regolamento generale di esenzione per categoria 2014 Valentina Sansonetti Aiuti di Stato Energia e Ambiente DG CONCORRENZA Roma,"

Presentazioni simili


Annunci Google