La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Si conoscono più di 15 milioni di sostanze diverse, ma questo è pur sempre un numero limitato, ben inferiore a quello ottenibile con un calcolo combinatorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Si conoscono più di 15 milioni di sostanze diverse, ma questo è pur sempre un numero limitato, ben inferiore a quello ottenibile con un calcolo combinatorio."— Transcript della presentazione:

1 Si conoscono più di 15 milioni di sostanze diverse, ma questo è pur sempre un numero limitato, ben inferiore a quello ottenibile con un calcolo combinatorio tra gli elementi della tavola periodica…

2 Quando due (o più atomi), avvicinandosi, interagiscono  si possono rompere vecchi equilibri tra le forze in gioco per crearne dei nuovi. abbassano l’energia potenziale Se questi nuovi equilibri abbassano l’energia potenziale totale  gli atomi formano un legame chimico Il legame chimico tra atomi porta alla formazione delle molecole: le particelle più piccole che costituiscono una qualsiasi sostanza. Il legame chimico tra atomi dello stesso tipo porta alla formazione di sostanze elementari (o elementi). Quello tra atomi di differente tipo porta a sostanze composte (o composti) energia potenzialeminore Un composto si forma solo se il valore della sua energia potenziale è minore della somma di energie potenziali dei singoli atomi isolati che lo costituiscono.

3 Un legame chimico tiene uniti gli atomi con una determinata forza, che occorre vincere se si vuole separare i suoi componenti. Per fare ciò, per rompere cioè tale legame, occorre una determinata energia: Energia di legame mole quantità di energia che è necessario fornire a una mole di sostanza per rompere il legame che tiene insieme i suoi elementi.

4 Le teorie sul legame chimico Si fondano essenzialmente su: Leggi dell’elettromagnatismo Leggi dell’elettromagnatismo Teorie Meccanica quantisticaTeorie Meccanica quantistica

5 gas nobili otto elettroni Gli elementi più stabili e meno reattivi che si conoscono, i gas nobili, presentano otto elettroni (due nel caso dell’elio) nell’ultimo livello. assomigliare numero atomico Tutti gli altri elementi sono instabili e reattivi tendono a modificare il loro ultimo livello (livello di valenza): cedono, acquistano o condividono elettroni, in modo da assomigliare quanto più possibile al gas nobile con il numero atomico (z) più vicino. legami combinazioni Questa tendenza spinge gli atomi a formare legami in svariate combinazioni, più o meno stabili. Un atomo è stabile quando si ritrova con otto elettroni nel suo ultimo livello energetico (di valenza), fatta eccezione per idrogeno ed elio (ne bastano due). caratteristiche chimico-fisiche Esisto, perciò, milioni di sostanze con caratteristiche chimico-fisiche specifiche che dipendono sia dai tipi di atomi che le costituiscono, sia dai tipi di legame che si instaurano tra questi. Regola dell’ottetto-duetto (Lewis ).

6 Conducibilità elettrica differente differente possibilità Il fatto stesso che le sostanze abbiano una differente conducibilità elettrica, porta ad ammettere una differente possibilità di formare di cariche elettriche libere (responsabili di corrente elettrica). Questo indica, ad esempio, una differente “forza” di trattanere gli elettroni. Facilmente si può intuire che il tutto dipende dal modo con cui gli atomi sono legati tra loro (tipologia di legame). Le esperienze di tipo elettrochimico, come la misura della conducibilità elettrica, oltre a conoscere caratteristiche chimico-fisiche macroscopiche (Per es. alcuni materiali, allo stato solido, sono buoni conduttori di elettricità, altri cattivi conduttori. Altri ancora diventano buoni allo stato fuso, altri se sono sciolti in acqua, altri ancora rimangono cattivi conduttori in qualsiasi stato ecc.), informazioni forniscono significative informazioni relativamente al legame tra gli elementi di una determinata molecola.

7 proprietà Le proprietà elettrochimiche, inoltre, sono correlate con altre proprietà chimico-fisiche dei materiali. Per esempio, le sostanze altamente conducibili, hanno: Alte temperature di fusione e di ebollizione Sono fragili (si sgretolano) Si sciolgono in solventi polari Formando soluzioni con alta conducibilità el. Formano cristalli (disposizione poliedrica delle particelle)

8 positivenegative Per spiegare l’alta conducibilità elettrica di determinate sostanze, pur essendo complessivam,ente neutre (ad es. il sale da cucina), si pervenne all’idea che esse siano costituite da “aggregati” di particelle elettriche positive e negative tenute insieme da semplici attrazioni elettrostatiche in modo da far risultare neutra la sostanza stessa, ma in grado di creare corrente elettrica se sottoposta a particolari stimoli e condizioni. ioni Ora, dato che le particelle in questione sono gli atomi, quest’ultimi, per avere una carica elettrica, devono perdere o acquistare elettroni diventando, così, ioni. aggregato ionicocomposto ionico reticolo ionico legame ionico Si introdussero, quindi, concetti come: aggregato ionico, composto ionico, reticolo ionico e, ovviamente, legame ionico. Legame ionicoceduto acquistati Legame ionico: legame di natura elettrostatica tra elementi di cui uno ha ceduto uno o più elettroni e l’altro li ha acquistati.

9 elettrodo negativo (-) elettrodo positivo (+) Direzione di migrazione degli ioni verso i due elettrodi immersi in un composto ionico allo stato fuso o in soluzione. Caratteristiche dei composti ionici Allo stato solido, le forze di attrazione elettrica e la disposizione a reticolo non permettono alcun movimento delle particelle, per cui la conducibilità elettrica è nulla. Allo stato liquido (alte temperature), data l’agitazione termica, le particelle possono scorrere le une attorno alle altre: questa libertà di movimento grarantirà una buona conducibilità elettrica. Allo stato di soluzione, ogni ione viene circondato dalle molecole di solvente e sarà libero di muoversi in tutto il solvente stesso: la conducibilità è molto alta.

10 Formazione del legame ionico nel cloruro di sodio (NaCl) 1 – L’atomo di sodio perde il suo elettrone esterno e diventa uno ione positivo. Na = Nucleo di sodio (Na) Na + + e -

11 2 – L’atomo di cloro acquista l’elettrone perduto dal cloro e diventa ione negativo. Cl + e - Cl -

12 Na + + Cl - NaCl = Ione sodio (Na + ) = Ione cloro (Cl - ) 3 – I due ioni, avendo cariche elettriche di segno opposto, si attirano e restano uniti.

13 Il modello ionico, tuttavia, non spiega il comportamento di tutte le sostanze conosciute. Ad esempio, considerando uno stesso elemento, ad es. il cloro (Cl) NaCl HCl Cl 2 Alte Tfus. e Teb., Cristallizza, si scioglie in solventi polari. Alta conducibilità elettrica, Liquido (a t°ambiente). Basse Tfus. e Teb., Non cristallizza, si scioglie in solventi polari. Medio-bassa conducibilità elettrica. L’acido (HCl) sembra formare ioni, ma non con la stessa modalità di un quantitativo equivalente di sale. In qualche modo è lecito credere che la dissociazione elettrolitica delle molecole di acido ( HCl  H + + Cl - ) sia solo parziale. Nel caso del gas (Cl 2 ) si può pensare, invece, ad una quasi assenza di ioni. Si parla, quindi, di percentuale e di probabilità di ionizzazione di una sostanza (e relativa molecola). cambia Le varie esperienze portarono all’evidenza che ogni atomo cambia la sua tendenza a formare ioni in base al compagno cui è combinato nella molecola. Stato gassoso (a t°ambiente). Non cristallizza. Non si scioglie in solventi polari. Bassissima conducibilità elettrica.

14 In altre parole… occorre ammettere che solo in condizioni particolari gli elettroni “saltano” da un atomo all’altro formando ioni. Ma, se è comprensibile che gli ioni si tengano uniti (cariche opposte)… come spiegare che gli atomi si tengono strettamente legati nelle molecole senza formare ioni? Quali sono le forze in gioco? Non si poteva pensare, certo, a forze di natura differente da quella elettrostatica, ma la configurazione e l’equilibrio elettrostatico risultante, quelli sì… dovevano essere diversi da quelli ionici. Lewis, fu lui stesso il primo a intuire la possibilità di una configurazione, alternativa a quella ionica, in cui l’equilibrio elettrostatico viene raggiunto, nel rispetto della regola dell’ottetto, dalla condivisione di doppietti elettronici e non da un salto definitivo di elettroni da un atomo all’altro. Secondo la sua idea, in questi casi, un e - per ogni atomo salterebbe su un nuovo livello energetico, precedentemente inesistente, comune ai due atomi, tenendoli “vincolati” l’un l’altro e impedendone la ionizzazione: nacque, in tal modo, il concetto di orbitale molecolare. Il legame venne definito legame covalente.

15 Considerando le caratteristiche dei singoli atomi e le energie in gioco, attraverso A.E ed E.I., si pervenne ad espressioni matematiche che permettono tuttora di fare corrette previsioni sul tipo di legame nonché sulle caratteristiche chimico-fisiche delle sostanze risultanti dalle varie combinazioni tra atomi. Per semplificare i calcoli fu comodo, ad un certo punto, introdurre un nuovo parametro matematico che sintetizzasse il tutto: l’Elettronegatività. Introdotta da Pauling, l’elettronegatività fu interpretata come la “tendenza (o capacità) di un atomo ad attrarre gli elettroni di legame”

16 Pauling stabilì una scala di elettronegatività sulla base della misurazione, in laboratorio, dell’energia, sotto forma di calore liberato durante la formazione di vari composti (entalpia di legame). Sintetizzò la sua idea con le seguenti formule: Altri proposero scale differenti sulla base di altre esperienze o calcoli. Ad esempio, la formula più semplice è quella introdotta da Mulliken: Elettronegatività= (E.I. + A.E.)/2

17 Qualunque scala si usi, l’aspetto fondamentale è la differenza di elettronegatività tra gli atomi coinvolti in un legame. Il legame ionico ha probabilità considerevoli di formarsi tra fra atomi la cui differenza dei valori di elettronegatività è superiore a 1,7. Al di sotto di tale valore la probabilità (percentuale) di ionizzazione diminuisce gradualmente e significativamente, mentre aumenta quella di formare orbitali molecolari  legame covalente Il legame covalente è il legame chimico più forte conosciuto. Si distinguono due tipi di legame covalente: 1 – Legame covalente puro (o apolare o omopolare o omonucleare o neutro) 2 - Legame covalente polare (o eteropolare o eteronucleare)

18 Legame omonucleare Legame eteronucleare più o meno polarizzato Come si può facilmente intuire, il grado di polarizzazione è importante per le caratteristiche chimico-fisiche delle sostanze. N.B. INVERTIRE LE FIGURE (orbitale pìu’ grande dalla parte del piu’ elettronegativo)

19

20 Formule di Lewis - Simboli degli elementi con gli elettroni di valenza indicati come punti (in coppia o isolati) e/o trattini (un trattino indica una coppia di elettroni). - La coppia di punti (o il trattino) non utilizzata nel legame si indica con il termine di doppietto solitario; Il punto singolo si indica come elettrone spaiato o singoletto. Formule di struttura Lewis introdusse anche una simbologia molto semplice, ma efficace, per rappresentare le configurazioni elettroniche nei vari legami in rispetto delle regola dell’ottetto-duetto.

21 Legame omonucleare Legame eteronucleare Singoletti

22 Ordine di legame

23 o di coordinazione donatoreaccettore E’ un sottotipo di legame covalente, in cui un atomo mette a disposizione una coppia elettronica e l’altro dispone di un orbitale vuoto per riceverli. Lo ione H + e il B, si ritrovano con l’orbitale vuoto. L’O e l’N, possiedono almeno un doppietto libero Da un punto di vista chimico-fisico non si distingue da quello polare se non per l’origine degli elettroni e, quindi, per la sua modalità di formazione  due elettroni di un solo atomo che “saltano” su un livello comune determinando l’orbitale molecolare.

24 Un limite delle formule di Lewis è quello di non considerare la geometria delle molecole, la disposizione cioè nello spazio dei vari atomi. Quest’ultima ha una notevole importanza per le caratteristiche chimico- fisiche della sostanza. Per fare un esempio, in una molecola bi-atomica i due atomi sono disposti sempre e solo su una linea retta e, se essa contiene un legame covalente polare, l’intera molecola sarà polare: avrà, cioè, un’estremità positiva e una negativa ( vettore forza ≠ 0). Nel caso di molecole con più di due atomi la situazione è più complessa: i vettori in gioco sono due o più e la polarità della molecola intera dipende dalla risultante della composizione dei vettori che, a sua volta, è determinata anche dalla geometria molecolare.

25

26 La disposizione geometrica dei legami attorno ad un atomo dipende dal numero totale di coppie elettroniche (di legame e solitarie) che lo circondano. Le coppie elettroniche si dispongono nello spazio in modo da minimizzare la loro mutua repulsione Valence Shell Electron Pair Repulsion Repulsione delle coppie elettroniche nel guscio di valenza

27 Momento Risultante = 0  apolareMomento Risultante ≠ 0  polare

28

29 2.Gli ibridi di risonanza La molecola dell’ozono (O 3 ) Formula di Lewis Geometria molecolare Non c’è motivo di pensare che il doppio legame sia a destra o a sinistra Si può, quindi, ragionevolmente supporre che la molecola reale sia un ibrido delle due forme. Un ibrido di risonanza è una molecola la cui struttura reale è intermedia tra due o più possibili strutture di Lewis.

30 2.Gli ibridi di risonanza Lo ione nitrato (NO 3 - )

31 2.Gli ibridi di risonanza Il benzene C 6 H 6

32 2.Gli ibridi di risonanza Il fluoruro di Boro (BF 3 ) Esistono due modi per rappresentare la molecola con la teoria di Lewis, entrambi insoddisfacenti. In questo modo il boro sarebbe con soli 6 elettroni sul suo livello esterno (non si stabilizzerebbe) In questo modo un fluoro metterebbe a disposizione del boro una coppia di elettroni, il che lo farebbe stabilizzare. Questo comporterebbe, però, una carica parziale positiva sul fluoro, il che lo destabilizzerebbe, dato che la sua elettronegatività è maggiore di quella del boro.

33 2.Gli ibridi di risonanza Io ione solfato (S ) A parte le strutture di risonanza, notare che lo zolfo S si stabilizza con 12 elettroni. Situazioni analoghe si riscontrano in molecole come: SF 6 (S con 12 e - ); con XeO 4 (Xe con 16 e - ) Più strana è la situazione di B 2 H 6

34 - Un legame covalente si forma grazie alla “fusione” di due orbitali atomici (OA) costituendo un orbitale molecolare (OM) - Gli orbitali atomici che si sovrappongono devono avere energie simili - I due atomi deve contribuire con un OA che contenga un solo e - per ciascuno, oppure una coppia di e - l’uno e un orbitale vuoto, l’altro, in modo che nell’OM vi si ritrovano due e - aventi spin antiparallelo - Il numero di legami che può formare un atomo è pari al numero di orbitali semivuoti (o di singoletti) disponibili Pauling e altri, per superare la teoria ferrea dell’ottetto, proposero un modello che si rifaceva, in definitiva, alla teoria degli orbitali.

35 I legami σ sono più stabili, più forti

36

37 - Rappresentare molecole poliatomiche con la “fusione” degli orbitali è molto complessa e, praticamente, inefficace - Alcune molecole, pur semplici come il metano CH 4, non sono spiegabili con la questa teoria. La configurazione elettronica del C allo stato fondamentale, nel suo ultimo livello, è la seguente Secondo la teoria di Pauling, essendoci due elettroni spaiati, il C dovrebbe formare due legami con l’idrogeno  CH 2 (composto non esistente) L’unica spiegazione plausibile è quella che prevede un salto quantico di un elettrone dall’orbitale 2s a quello 2p vuoto. Dato, inoltre, che i 4 legami nel metano sono equienergetici, occorre supporre la formazione di orbitali molecolari perfettamente uguali. Questa supposizione portò a ipotizzare la fusione del’orbitale di tipo s con i 3 di tipo p. In tal modo risulterebbero 4 orbitali atomici ibridi perfettamente uguali. Tale situazione è nota come ibridazione sp 3 Esistono ibridazioni sp 2 ed sp

38 Forte fu, quindi, la spinta ad elaborare una teoria più complessa e più strutturata al fine di poter spiegare qualsiasi molecola. Tale teoria fu trovata ricorrendo alla meccanica quantistica di Shroedinger: si applicò la sua funzione d’onda ψ 2 (utilizzata per trovare gli orbitali atomici) per studiare gli orbitali molecolari. Principio di tale teoria è quello di considerare il legame chimico come il risultato delle interazioni tra tutti gli orbitali atomici degli elementi combinati nella molecola. In tal senso vi partecipano tutti gli elettroni (non solo quelli di “valenza”). Dallo studio matematico (probabilistico) delle interazioni tra due orbitali atomici, si ottennero due orbitali molecolari (non uno unico, come nella teoria VB): cosa prevedibile dato sia il fatto che si tratta di funzioni d’onda di II grado (due soluzioni possibili), sia il fatto che l’interferenza di onde simili ha probabilità di avvenire sia in fase (interf. costruttiva) sia in opposizione di fase (interf. distruttiva) Tali orbitali furono definiti: uno di legame (interf. costruttiva), l’altro di antilegame (interf. distruttiva). La presenza di elettroni in orbitali di antilegame destabilizza la molecola, mentre in quelli di legame, la stabilizza.

39 Lo studio quanto-meccanico delle interazioni tra tutti gli orbitali atomici degli elementi che si combinano è in grado di spiegare tutte le molecole conosciute e tutti i comportamenti chimico-fisici delle sostanze. Grazie ad una formula sintetica, si può, inoltre, stabilire l’ordine di legame tra due elementi (semplice, doppio, triplo...) ordine di legame = (elettroni leganti - elettroni antileganti) / 2

40

41

42


Scaricare ppt "Si conoscono più di 15 milioni di sostanze diverse, ma questo è pur sempre un numero limitato, ben inferiore a quello ottenibile con un calcolo combinatorio."

Presentazioni simili


Annunci Google