La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Concetti base di informatica. Processo e algoritmo Con tale termine si intende indicare l'attività di esecuzione di un compito o algoritmo. La ricetta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Concetti base di informatica. Processo e algoritmo Con tale termine si intende indicare l'attività di esecuzione di un compito o algoritmo. La ricetta."— Transcript della presentazione:

1 Concetti base di informatica

2 Processo e algoritmo Con tale termine si intende indicare l'attività di esecuzione di un compito o algoritmo. La ricetta di una pietanza rappresenta l'algoritmo da seguire Nel momento in cui comincio a realizzare la ricetta, eseguo un processo In informatica quindi il processo è la fase di esecuzione di un algoritmo di una procedura

3 Processore È un dispositivo elettronico, presente nei calcolatori, in grado di eseguire algoritmi e quindi di fare cose Se chiedo al computer di fare una serie di calcoli Excel allora sarà il processore che li esegue realmente Se chiedo al computer di creare un filmato dalle mie foto delle vacanze, è il processore che materialmente esegue la creazione (rendering) del filmato.

4 Numerazione binaria Il calcolatore lavora in aritmetica binaria basata su sole due simboli, 0 ed 1. La sua elettronica è infatti basata su elementi bistabili cioè in grado di assumere due posizioni diverse ON ed OFF Pertanto esso è predisposto all'uso dell'aritmetica a due simboli, mentre noi siamo abituati ad usare quella a 10 simboli (0,1,2... 9).

5 I numeri in aritmetica binaria Un numero in aritmetica binaria ha solo i due simboli 0 e 1 per cui appare cosi: A cosa corrisponde tale numero? Esiste la seguente tabella: Il computer esaurisce subito la 1° cifra in quanto può usare solo 2 simboli Il numero 9 usa addirittura 4 cifre binarie

6 Aritmetica binaria È ovvio che il calcolatore scrive numeri con “molte più cifre” delle nostre A parità di valore il numero in aritmetica binaria è più lungo 91001

7 Aritmetica posizionale In entrambe le “aritmetiche” il valore di un numero aumenta se spostiamo a sinistra un simbolo: Il numero “7100” usa gli stessi simboli “7”, “1” e “0” di “1070” ma vale di più. Quindi la posizione del “7” incide sul valore del numero

8 Aritmetica posizionale Il motivo è questo: ogni posizione ha un suo “peso”: la prima sono le unità, la seconda le decine, la terza cifra sono le centinaia è pari ad 1 migliaio più 7 decine, quindi: 1070=1* *10 1 Mentre 7010 è pari a 7 migliaia e 1 decina: 7010=7* *10 1 (potenze di 10 perché l'aritmetica è decimale) Morale: il valore del numero dipende dalla posizione dei simboli

9 Aritmetica posizionale Anche l'aritmetica binaria è posizionale Il numero 5 e 6 hanno entrambi 2 simboli “1” ed un simbolo “0” ma hanno posti diversi! Vale che: 110 = 1*2 2 +1*2 1 (Potenze di 2 perché l'aritmetica è binaria)

10 Aritmetica posizionale 110 = 1*2 2 +1*2 1 (Potenze di 2 perché l'aritmetica è binaria) Il numero sopra è effettivamente equivalente a 6 (sei) infatti: 110 = 1*2 2 +1*2 1 = = =

11 Conversione di base Si scrive che: (110) 2 = (6) 10 Dove il pedice 2 ed il pedice 10 indicano in che base è da intendersi il numero. In altre parole il numero 110 iscritto in base 2 è pari al numero 6 scritto in base 10 cioè quella che usiamo di solito.

12 Conversione di base Per fare la conversione di base si usa la regola: “somma di potenze di 2”, cioè si sommano le potenze di 2 ciascuna moltiplicata per la cifra corrispondente. Esempi : 111 = 1*2 2 +1*2 1 +1*2 0 = 4+2+1= = 1*2 4 +1*2 2 +1*2 1 =16+4+2= 22 Quindi 7 nel primo caso e 22 nel secondo.

13 Potenze di = = = = = = = = = 256 Mano mano che aumenta l'esponente, i valori raddoppiano.

14 Conversione in binario Per ottenere un numero in binario si effettua la divisione ricorsiva per 2 Si prende il numero dalla colonna dei resti Il numero si deve leggere dal basso verso l'alto 137Resti

15 Verifica A quanto equivale questo numero?... dobbiamo convertirlo in decimale e dovremmo trovare = 1*2 0 +1*2 3 +1*2 7 = = =

16 Esercizi: 1100 = 1*2 2 +1*2 3 = 4+8= = 1*2 0 +1*2 2 +1*2 3 = 1+4+8= = 1*2 0 +1*2 7 = 128+1= = 1*2 1 +1*2 7 = 128+2=130 Per abbreviare, contate da sinistra 1,2,4,8,16,32,64, : = 128+2= = =140

17 Variabili binarie e connettivi logici Una variabile può contenere un numero binario a = E le variabili binarie 0 / 1 possono essere sostituite da Vero / Falso Sulle variabili binarie posso applicare le operazioni di somma, prodotto, sottrazione, divisione come per l'algebra decimale Inoltre esistono i seguenti “connettivi logici”: “e”, “o”, “non”

18 Connettivi “o” “O” sta per “oppure” e il connettivo “o” si scrive tra due variabili in questo modo: a O b A seconda dei valori di “a” e “b” il connettivo vale: aba O b FFF FVV VFV VVV

19 Connettivi “o” a Or b Quando tale connettivo è vero? “O” sta per oppure, dunque (a Or b) è vera se “a” oppure “b” è vera aba O b FFF FVV VFV VVV

20 Connettivi “e” a AND b Quando tale connettivo è vero? “AND” sta per “e”, “entrambi”, dunque (a AND b) è vera se entrambe, contemporaneamente “a” e “b” sono vere aba AND b FFF FVF VFF VVV

21 Connettivi “non” a NOT b Quando tale connettivo è vero? “NOT” sta per “non”, dunque (Not b) è vera quando “b” è falso bNOT b FV VF

22 Espressioni logiche F = b OR (a AND b) Questa è una espressione con connettivi logici e variabili binarie (dette anche booleane) Si risolve costruendo la tabella della “Verità” corrispondente: aba AND bF FFFF FVFV VFFF VVVV F è la OR tra la seconda colonna e la terza

23 Porte logiche Ognuno dei 3 connettivi logici AND, OR, NOT si rappresenta con una “porta logica” AND OR NOT

24 Porte logiche Ogni “porta logica” ha in ingresso le due variabili a e b ed in uscita il valore del connettivo. AND OR NOT A a AND b B A a OR b B B Not b

25 Espressioni logiche F = b OR (a AND b) Questa espressione è equivalente ad un circuito logico:

26 Sistema di elaborazione Le componenti hardware di un S.E. Sono:  CPU - Central Processing Unit (processore)  RAM - Memoria centrale  INPUT - Dispositivi di input (tastiera)  OUTPUT - Dispositivi di output (video, stampanti)  HDD - Memoria di massa (DVDdrive, Usb key...) Le componenti software sono:  I sistemi operativi e di base  I software applicativi

27 Tipi di calcolatori Tascabili: lettori multimediali, mini controllori PDA: personal digital assistant (palmari, smartphone, tablet, notebook, desktop pc) Grandi sistemi di elaborazione: mainframe e supercomputer.

28 Reti informatiche Sono su scala locale, metropolitana o sovranazionale. – LAN, MAN, WAN, GAN La rete Globale si estende su tutto il globo terrestre, esempi sono – Internet, – la rete delle università, – dei centri di ricerca, – reti militari.

29 La CPU Central Processing Unit  ALU unità aritmetica e logica Esegue i calcoli matematico aritmetici, di logica  Registri: unità elementari di memoria usate per contenere risultati di operazioni in corso e dati temporanei.  CU unità di controllo Controlla e gestisce lo spostamento dei dati all'interno della CPU  Clock (temporizzatore) Da il tempo a tutte le unità, ad ogni impulso del clock viene fatto uno spostamento dati o operazione

30 CPU

31 Specifiche della CPU Le caratteristiche di una CPU sono:  La velocità del clock  Il numero di “Core” cioè di nuclei interni Nota bene che: La velocità varia tra 1GHz e 4 GHz circa  Ghz significa miliardi di Hz impulsi al secondo. I Core sono 1, 2, 4, 6, 8  Ogni CPU possiede al suo interno più CPU collegate a fare il lavoro contemporaneamente.

32 Dual Core o Quad Core

33 8 Core al microscopio

34 Le memorie Una memoria RAM è realizzata su schede di forma rettangolare (barrette, dimm) contenenti chip di memoria. Per avere memorie più grandi:  Uso più chip (4, 8, 16)  Uso chip più grandi (128MB, 256MB, 512MB)  Uso più bacchette

35 Termini relativi alle memorie Chip: scheggia di silicio, rettangolino di plastica in cui è contenuta memoria elettronica. Pin: contatti elettronici che le bacchette di ram hanno per collegarsi alla scheda madre Bit e Byte unita di misura della memoria 1 Byte = 8 Bit KB, MB, GB, TB multipli del Byte Kb, Mb, Gb, Tb multipli del Bit

36 Unità di misura 1 Byte = 8 Bit 1 Kbyte = 8 KBit= 1024 Byte = 8192 bit 1 Mbyte = 8 MBit= 1024 Kbyte = 8192 Kbit 1 Gbyte = 8 GBit= 1024 Mbyte = 8192 Mbit 1 Tbyte = 8 TBit= 1024 Gbyte = 8192 Gbit

37 Ascii estesa È una tabella con 256 elementi (ASCII estesa) contenente tutti i caratteri alfanumerici, cioè numeri, lettere, simboli, punteggiatura, quindi Servono 8 bit per memorizzare informazioni 256 caratteri

38 Ascii standard Ha solo 128 caratteri, in figura una porzione.

39 All'interno della memoria È come una griglia: ogni quadratino è una cella di memoria e contiene una informazione Ogni cella può essere di 8bit, 16bit, 32bit, 64bit ed è anche chiamata “parola” o “word” Alcune memorie sono a “sola lettura” cioè non ci si può aggiungere altre informazioni o modificare le esistenti cella

40 Schema memoria RAM

41 Parametri memorie Dimensione parola: 8bit, 16bit, 32bit, 64bit Capacità della memoria (4GB, 8GB, 16GB) Modalità di accesso: solo lettura o r/w Volatilità: alcune memorie funzionano anche se non alimentate da corrente, altre no Velocità: si misura in nano-secondi (access time) Frequenza: si misura in MHz

42 Indirizzo Per trovare un dato in una cella di memoria (word) bisogna conoscerne l'indirizzo Anche gli indirizzi sono espressi in bit

43 Ram e Rom La ROM (readly only memory) è di sola lettura La RAM (random access memory) è di scrittura e lettura Una ROM è ad uso esclusivo dell'hardware (della scheda grafica, della mainboard, delle periferiche), non è per inserirci dati e ne contiene pochi (128Kb, 256MB). Questo vuol dire che non si può salvare alcun dato in una ROM Non è una memoria di massa Non è gestita dal sistema operativo

44 Altre memorie La memoria CACHE è inserita tra la cpu e la ram È più veloce della RAM e quasi quanto il processore

45 Operazioni con i numeri binari

46 Somma di numeri binari Regole della somma: 0+0=0 0+1=1 1+0=1 1+1=0 con riporto di 1 In rosso sono indicati i riporti = Esempio di somma

47 Verifica della somma = Convertendo i numeri: =2+8+32= = = = =57 effettivamente 42+15=57

48 Sottrazione Regole: 0-0=0 1-0=1 1-1=0 0-1=1 con prestito da sinistra Esempio: = Quando capita la sottrazione 0-1, si segna 1 come risultato e si cambiano tutte le cifre a sinistra fino al simbolo “1

49 Verifica della Sottrazione = = =1+2+8= 11 = = = 122 Esempio: =

50 Unità di input Elenco delle più importanti unità di inserimento dati: 1)Mouse 2)Tastiera 3)Touchpad 4)Lettore di codici a barre 5)Stilo 6)Scanner 7)Webcam 8)Digital camera 9)Microfono

51 Unità di output Elenco delle più note unità di riproduzione dei dati: 1)Stampante laser, inkjet 2)Plotter 3)Casse acustiche 4)Cuffie 5)Monitor / video 6)Proiettore

52 Unità input / output Alcune unità con funzione doppia di i/o: 1)Modem 2)Touchscreen

53 Osservazioni sulle stampanti Le stampanti possono essere di 4 o 5 tipi principali: 1)Inkjet (getto di inchiostro) 2)Laser 3)A trasferimento termico 4)Ad impatto 5)Ad aghi Gli ultimi due tipi erano molto diffuse fino agli anni

54 Osservazioni sulle stampanti Le sta mpanti …... 1)sono dotate di una propria memoria a bordo, più ce ne è più pagine riescono a memorizzare per la stampa e più veloci sono 2)sono dotate di un proprio processore: il processore elabora le pagine da stampare e le trasforma da sequenze di bit in ordini per la testina a getto di inchiostro o per il fusore della laser. 3)si connettono al computer tramite cavo e porta di comunicazione. Sono utilizzate la USB e la porta di rete 4)si connettono via wireless tramite bluetooth o wifi

55 Le memorie di massa Si chiamano memorie di massa perché: SERVONO A MEMORIZZARE MASSE DI DATI Sono memorie: Permanenti Con elevata capacità Talora estraibili o esterne Meno veloci delle memorie centrali

56 Memorie di massa Elenco delle memorie di massa maggiormente note / usate: Hard disk drive (dischi fissi) Solid state drive (dischi a stato solido) Masterizzatori DVD USB key (pennette) Tape o nastri Masterizzatori CDROM Memorie SD / Compact flash Catridge

57 Hard disk drive Al suo interno il disco rigido possiede uno o più piatti  I piatti sono di tipo metallico e magnetizzabili  Un braccio meccanico si sposta sul piatto che gira  Alla punta vi è una elettrocalamita  L'elettrocalamita magnetizza il piatto  A seconda della polarità si ha 1 o 0  Tutto questo è controllato da un “controller” cioè un processore

58 Hard disk drive

59 controllerPiatto rotante e testina

60 Piatto del HDD Il disco del HDD è di plastica ricoperto di uno strato metallico – magnetico. Quando viene costruito, viene fatta la “formattazione fisica” con la quale si creano: 1) Tracce (cerchi) 2) Settori (spicchi) 3) Blocchi

61 Come funziona il HDD Per leggere i dati sul disco rigido succede che: 1 passo: posizionamento della testina sulla traccia 2 passo: rotazione del piatto sotto la testina 3 passo: lettura dei dati sul/sui blocchi. 1 2

62 Capacità = 500GB, 1 TB, 2 TB TB Tempo di accesso = Seek time → posizionamento della testina + Latency → giro del disco + Transfer rate → lettura/scrittura

63 Formattazione La formattazione serve a ripulire il disco rigido o l'unità di memoria di massa. 2 tipi formattazione: Formattazione fisica Formattazione logica Viene fatta la quando è costruito il drive Consiste nel creare tracce, settori, cluster Serve a creare cartelle e file, ripulisce il disco da tutti i dati vecchi, cancella ogni tato.

64 Incisione laser DVD - CD

65 DVD e CDrom drive-masterizzatori Scrivono su un disco di plastica sparando un laser su di esso che lo “brucia” creando buchi (PIT) = 1 oppure non creandoli (LAND) = 0 PIT buco LAND piatto

66 Velocità di un CDROM drive I primi drive avevano velocità tali da poter scrivere/leggere 150KB ogni secondo … poi le velocità sono raddoppiate, quadruplicate … Velocità 1x = 150 KB/sec 2x = 300 KB/sec … x = 4800 KB/sec = 4,69MB/sec 48x = 7200 KB/sec = 7,03 MB/sec

67 HDD vs CDrom Velocità a confronto: 100 MB/sec 10 MB/sec

68 Cassette a nastro magnetico Servono per fare il backup dei dati Sono cassette con nastro avvolgibile Capacità elevata 1TB Velocità molto bassa Costo basso ( 15€ ) SVANTAGGIO La cassetta va avvolta ogni volta fino al punto in cui c'è il programma che serve

69 Porte ed interfacce Porta seriale : trasmettere i bit uno per volta su un'unica linea ad alta velocità, creata molti anni fa, è ora in disuso nei computer da ufficio Porta parallela : trasmette più bit per volta (8 o 16 per volta) anche essa è in disuso sui pc per ufficio, serviva per le stampanti Porta USB : trasmette i bit in serie ma ad alta velocità

70 Software Di base Software Applicativo Sistemi operativiProgrammi scritti dall'utente DriverTools software Linguaggi e compilatori Programmi applicativi

71 Release o versioni Ogni software viene rilasciato una prima volta e poi aggiornato in versioni successive: Alcune delle versioni di Windows sono: Windows 3.0 Windows 95 Windows 98 Windows Me Windows XP Windows 7 Windows 8

72 I sistemi operativi Funzioni del sistema operativo: Gestione del processore, memoria centrale, memoria di massa, periferiche, Interfaccia verso l'utente

73 3 tipi di interfaccia utente Grafica A menù Testuale GUI Grafic user interface CLI Command line interface

74 Linguaggi di programmazione

75 Licenza software Shareware software condiviso a tempo o in forma limitata. Shareware software condiviso a tempo o in forma limitata. Open source software libero e modificabile nel codice sorgente Freeware software libero non modificabile


Scaricare ppt "Concetti base di informatica. Processo e algoritmo Con tale termine si intende indicare l'attività di esecuzione di un compito o algoritmo. La ricetta."

Presentazioni simili


Annunci Google