La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISUGUAGLIANZE DIFFERENZE DIVERSITA’ DISUGUAGLIANZE di genere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISUGUAGLIANZE DIFFERENZE DIVERSITA’ DISUGUAGLIANZE di genere."— Transcript della presentazione:

1 DISUGUAGLIANZE DIFFERENZE DIVERSITA’ DISUGUAGLIANZE di genere

2 Il concetto di genere Anno accademico Approfondimento Stefania Tirini

3 Le differenze fra donne e uomini possono essere ricondotte a due dimensioni: sesso determinato dalla specificità nei caratteri preposti alla funzione riproduttiva. Riguarda le differenze biologiche e fisiche fra femmine e maschi genere segnala le differenze socialmente costruite fra i due sessi e i rapporti che si instaurano tra essi. Il genere, i generi: concetti e relazioni

4 Genere e sesso sono termini interrelati ma non sinonimi il genere è un processo che trasforma le differenze biologiche in differenze sociali e definisce donna e uomo. E’ una specie di “rivestimento sociale” della base sessuale. E’ un prodotto della cultura umana. Genere e sesso

5 Genere è un concetto culturalmente specifico e dinamico: varia tra le culture così come cambiano le relazioni di genere Genere è un concetto dinamico

6 Genere è un concetto relazionale: non è sinonimo per donne ma si riferisce a donne e uomini e al loro modo di interagire Genere è relazionale

7 Genere cela una gerarchia connessa alle relazioni di potere. Il processo di costruzione dell’identità di genere parte dal presupposto che donne e uomini siano gerarchicamente ordinati e perpetua l’esistenza di una asimmetria sociale. Genere rivela le asimmetrie

8 Ciascuno di noi crea quotidianamente il genere,senza pensarci. Tra le prime cose che notiamo in una persona sono proprio la sua appartenenza sessuale e il livello di corrispondenza tra caratteristiche anatomiche e l’idea di donna e di uomo che ci aspettiamo, che accettiamo. Genere è ovvietà

9 Identità di genere: la percezione sessuata di sé e del proprio comportamento, acquisita attraverso l’esperienza personale e collettiva. E’ una delle componenti fondamentali del processo di costruzione dell’identità. Genere: identità sessuata

10 I ruoli di genere: modelli che includono comportamenti, doveri, responsabilità e aspettative connessi alla condizione femminile e maschile e oggetto di aspettative sociali. Su di essi si basano la divisione sessuale del lavoro e l’attribuzione delle responsabilità nella sfera matrimoniale e della riproduzione sociale. I ruoli di genere

11 Dalla seconda metà degli anni settanta il concetto di genere entra a far parte del patrimonio concettuale e delle prospettive analitiche e interpretative delle scienze sociali. 2 filoni teorici: - teorie essenzialiste: la differenza sessuale è un dato naturale, originario e immodificabile. - teorie del costruttivismo sociale: la differenza sessuale è relativa, storica, soggetta al cambiamento. Due approcci teorici

12 Il processo di acquisizione dell’identità di genere inizia già prima della nascita e continua lungo il corso della vita di donne e uomini. A questo processo contribuiscono tutte le agenzie di socializzazione: famiglia, scuola, gruppo pari, mezzi di comunicazione, esperienze lavorative… Concorrono alla polarizzazione di genere attraverso la produzione e riproduzione di stereotipi e luoghi comuni. Genere è un concetto appreso

13 I processi discriminatori basati sull’appartenenza sessuale passano attraverso le influenze familiari, la letteratura per l’infanzia, l’educazione scolastica, i messaggi dei mass media, i rinforzi istituzionali. lavoro di cura e cura di sé tempo per sé e tempo per gli altri lavoro e redditi sessualità Genere, differenze, disuguaglianze

14 Grande tensione fra tradizione e modernità sta ridisegnando i confini delle identità di genere. A) La vita delle donne presenta grandi cambiamenti: crescita dell’istruzione, aumento dell’occupazione, ridotta fecondità, autonomia economica e decisionale. B) La vita degli uomini è coinvolta da processi di ridefinizione dell’identità maschile, ma i contorni appaiono sfumati e poco chiari gli effetti che stanno producendo. Il mutamento in corso

15 Le DISUGUAGLIANZE di genere

16 TEORIA DELLA DIFFERENZA NATURALE La divisione sessuale del lavoro è fondata da fattori biologici. Uomini e donne svolgono i compiti per i quali sono biologicamente più portati (Murdock)

17 APPROCCIO FUNZIONALISTA Rigida divisione dei ruoli all’interno della famiglia (T. PARSONS) A. ruoli espressivi per le donne B. ruoli strumentali per gli uomini

18 Ruolo cruciale della madre per la socializzazione dei figli (J. BOWLBY) Privazione materna: se il figlio è separato dalla madre o quest’ultima è assente, si rischia una socializzazione inadeguata e quindi difficoltà sociali e psicologiche

19 IL FEMMINISMO Cerca di spiegare le disuguaglianze di genere, a partire da tre filoni di pensiero: 1. Femminismo liberale 2. Femminismo radicale 3. Femminismo nero

20 Femminismo liberale Lavorano all’interno del sistema culturale per riformarlo gradualmente. Agiscono su singole questioni (sessismo, discriminazione, disuguaglianza delle retribuzioni, ecc.) LIMITI: è una lettura parziale; non si coglie la natura sistemica del problema

21 Femminismo radicale Modello patriarcale: è sempre esistito in tutte le culture Gli uomini sono responsabili della sfruttamento delle donne e ne traggono i benefici Sfruttano il loro lavoro domestico e rendono loro inaccessibili i ruoli di potere e di influenza Classe sessuale (Firestone): gli uomini controllano la donna nella riproduzione e nell’educazione dei figli

22 LIMITI  il patriarcato non può essere considerato un modello universale. Non si considerano le varianti storiche che può assumere.  Restano fuori dall’analisi altri fattori che possono intervenire a creare disuguaglianza di genere, come l’etnia, la classe sociale, ecc.

23 Femminismo nero I modelli precedenti sono insufficienti perché si riferiscono alle donne bianche della classe media dei paesi industrializzati E le donne nere? Occorre riformulare un approccio che tenga conto di 3 elementi: genere, etnia e classe sociale (Hooks)

24 VIOLENZA MASCHILE E PERCHE’? violenze e molestie sessuali non sono casi isolati, frutto di psicopatologie, ma fanno parte dell’oppressione sistematica degli uomini sulle donne. Tutte le norme sociali e culturali che veicolano i comuni concetti di bellezza e di sessualità sono imposti dagli uomini alle donne e perpetuano la disuguaglianza di genere

25 Le relazioni di genere L’ordine di genere come “ambito organizzato di pratiche umane e relazioni sociali” che danno forma ai concetti di maschilità e femminilità (CONNELL)

26 L’ordine è costituito da 3 aspetti: Il lavoro: divisione sessuale delle attività, sia domestiche, sia professionali Il potere: le relazioni basate sull’autorità, sulla violenza o sull’ideologia La catessi: i rapporti intimi, affettivi ed emozionali L’interazione tra questi 3 elementi determina uno specifico ordine di genere

27 Più potere Meno potere Maschilitàegemone Maschilitàcomplice Maschilitàsubordinate Maschilitàomosessuale Femminilitàsubordinate Femminilitàenfatizzata Femminilitàresistenti

28 Maschilità egemone/complice La supremazia di genere viene esercitata attraverso dinamiche culturali che pervadono ogni ambito della vita. La m. egemone è collegata all’eterosessualità e al matrimonio Chi gode del dividendo patriarcale (cioè del dominio della mascolinità egemone nella gerarchia di genere) esercita una maschilità complice Maschilità egemone/complice La supremazia di genere viene esercitata attraverso dinamiche culturali che pervadono ogni ambito della vita. La m. egemone è collegata all’eterosessualità e al matrimonio Chi gode del dividendo patriarcale (cioè del dominio della mascolinità egemone nella gerarchia di genere) esercita una maschilità complice

29 Maschilità subordinata L’omosessualità incarna caratteristiche ripudiate dalla maschilità egemone e viene spesso stigmatizzata. Si colloca in una posizione di inferiorità nella gerarchia di genere

30 Femminilità subordinate  Femminilità enfatizzata: è complementare alla maschilità egemone. È caratterizzata dalla condiscendenza nei confronti dell’uomo.  Femminilità resistente: rifiuta il modello prevalente e propone una femminilità alternativa a quella enfatizzata (es. donne lavoratrici, femministe, lesbiche, single…). Sempre ignorate dalla storia

31 Crisi della gerarchia di genere Nuovo ordine per il genere, determinato da 3 fattori: 1. Crisi delle istituzioni (es. matrimonio) 2. Crisi della sessualità (indebolimento della maschilità egemone) 3. Cambiamento degli interessi sociali (promozione dei diritti delle donne sposate e dei diritti degli omosessuali; diffusione di atteggiamenti antisessisti tra gli uomini)

32 Crisi del male breadwinner Cambiamenti nel mondo del lavoro e nell’istituzione del matrimonio Dall’uomo castigatore all’uomo nuovo

33

34 BIBLIOGRAFIA DI APPROFONDIMENTO Aa. Vv. (2001), Con voce diversa, Guerini, Milano. Antinolfi. G [2004], Filosofia e sociologia dei sessi, Napoli, Cronopio Barbarulli C., Borghi L, [2006] [A Cura Di] Forme della diversità. Genere precarietà e intercultura, Cuec, Cagliari Botti C, [2000], Bioetica ed etica delle donne. Relazioni, affetti e potere, Zadig, Milano. Bourdieu. P, [1998], Il dominio maschile, Feltrinelli, Milano. Braidotti. R, [1994], Dissonanze. Le donne e la filosofia Contemporanea. Verso una lettura filosofica delle idee femministe, La Tartaruga, Milano..

35 Busoni M., [2000], Genere, Sesso, Cultura. Uno Sguardo Antropologico, Roma, Carocci. Butler J. [1996], Corpi che contano. I limiti discorsivi del ‘sesso’, tr. it., Feltrinelli, Milano. Butler J. [2004,] Scambi di genere. Identità, sesso e desiderio, tr. it., Sansoni, Milano. Butler J. [2006], La disfatta del genere, tr. it., Meltemi, Roma Campani. G [2010] [a cura di], Genere e Globalizzazione, ETS, Pisa Campani. G, [2000], Genere, etnia e classe. Migrazioni al femminile tra esclusione e identità, ETS, Pisa. Cavarero A, Restano. F, [1999], Le filosofie femministe, Paravia, Torino. Del Turco. L, [2005]. Donne, conflitti e processi di pace, Seu, Roma.

36 Durst M, [2005], [a cura di], Identità femminili in formazione, Franco Angeli, Milano. Forcina, M, [2003], Una cittadinanza di altro genere, Franco Angeli, Milano. Formenti, L, [1997], Adultità femminile e storie di vita, Cuem, Milano. Forni. S, Et Al [2006], Antropologia, genere, riproduzione. La costruzione della femminilità. Roma, Carocci. Gilligan, C., [1987], Con voce di donna, Feltrnelli Milano.

37 Irigaray, L, [1991], Parlare non è mai neutro, Ed. Riuniti, Roma. Irigaray. L, [1985], Etica della differenza sessuale, Feltrinelli, Milano. Mapelli B. [2008], [a cura di], Soggetti di storie. Donne, uomini e narrazioni di sé, Guerini, Milano. Mapelli. B, Piazza M [1997], Tra donne e uomini, Milano, Il Saggiatore. Piccone Stella S., Saraceno C. [1996] [a cura di], Genere. La costruzione sociale del femminile e maschile, Il Mulino, Bologna. Pulcini. E, [2009], La cura del mondo. Paura e responsabilità nell’età globale, Bollati Boringhieri, Torino.

38  Pulcini. E, [2003], Il potere di unire. Femminile, desiderio, cu ra, Bollati Boringhieri, Torino.  Pulcini E, [2000] Che genere di potere? Forme di potere e identità femminile. Progetto Now-Cassiopea: donne e empowerment, Arlem  Sevesi G., [2000], “Saperi femminili e discorso pedagogico”, in: E. Guidolin (a cura di), “Sguardi sulla donna”, Imprimitur Editrice, Padova,  Terragni L., [1998], La ricerca di genere, in A Melucci, Verso una sociologia Riflessiva, Il Mulino, Bologna,.  Touraine. A, [2008], Le Monde Des Femmes, Fayard, Trad it, Il Mondo Delle Donne, Saggiatore, Milano, 2009  Ulivieri S. [2007], [a cura di], Educazione al femminile. Una storia da scoprire, Edizioni A. Guerini, Milano.  Ulivieri S., [1995], Educare al femminile, ETS, Pisa.


Scaricare ppt "DISUGUAGLIANZE DIFFERENZE DIVERSITA’ DISUGUAGLIANZE di genere."

Presentazioni simili


Annunci Google