La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI ai sensi dell’art. 34, commi 2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI ai sensi dell’art. 34, commi 2."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI ai sensi dell’art. 34, commi 2 e 3 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. CORSO DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI ai sensi dell’art. 34, commi 2 e 3 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. Modulo 3. TECNICO – individuazione e valutazione dei rischi

2 MODULO 3. TECNICO– individuazione e valutazione dei rischi A. I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione. B. Il rischio da stress lavoro – correlato. C. I rischi ricollegabili al genere, all’età ed alla provenienza da altri paesi. D. I D.P.I. E. La sorveglianza sanitaria. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi

3 Identificati i fattori di rischio lavorativo applicabili nelle condizioni normali e in quelle di emergenza, si valutano i loro livelli e si adottano misure di prevenzione degli infortuni e di protezione dei lavoratori di tipo tecnico, organizzativo e procedurale idonee a evitarlo o limitarli. I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione. Luoghi di lavoro; Fabbricati; Microclima; Viabilit à ; Mezzi di trasporto; Macchine; Apparecchi di sollevamento; Apparecchi a pressione; Utensili; Impianti di distribuzione (no impianti elettrici); Elettricit à ; Ergonomia del posto di lavoro; Attrezzature munite di videoterminali; Agenti chimici; Agenti cancerogeni e mutageni; Materiali contenenti amianto; Agenti biologici; Rumore; Vibrazioni; Campi elettromagnetici; Radiazioni ottiche artificiali; Radiazioni ionizzanti; Atmosfere esplosive; Incendio e altre emergenze; Incidenti rilevanti; Cantieri temporanei e mobili; Contratti d ’ appalto, d ’ opera o di somministrazione Lavori in quota Stress lavoro correlato; Fumo passivo; Lavoro notturno; Consumo di bevande alcoliche e problemi alcol correlati; Assunzione di sostanze (alcool-tossicodipendenze); Differenza di genere, et à e provenienza da altri paesi; Lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento; Lavoratori diversamente abili; Lavoratori minori; Visitatori; Altri agenti fisici; Specifica tipologia contrattuali; R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

4 I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione: alcuni esempi R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

5 I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

6 I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

7 I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

8 I pricipali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

9 Le misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_A

10 squilibrio “le richieste avanzate nei loro confronti e le capacità e le risorse a loro disposizione per far fronte a tali richieste” Lo stress lavoro - correlato si manifesta quando le persone percepiscono uno squilibrio tra “le richieste avanzate nei loro confronti e le capacità e le risorse a loro disposizione per far fronte a tali richieste” Lo stress, quando è prolungato nel tempo, diventa un rischio per la salute personale e per la sicurezza propria e degli altri. Lo stress lavoro correlato I motivi dello stress sono (in generale): Innovazioni Innovazioni apportate alla progettazione, all’organizzazione e alla gestione del lavoro Precarietà Precarietà del lavoro Aumento del carico Aumento del carico di lavoro e del ritmo di lavoro Elevate pressioni Elevate pressioni emotive esercitate sui lavoratori Violenza e molestie Violenza e molestie di natura psicologica Scarso equilibrio Scarso equilibrio tra lavoro e vita privata R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_B

11 Eustress stress positivo. Eustress: se l’individuo è capace con le proprie risorse e strategie di reagire alle pressioni, nel breve termine, si parla di stress positivo. Distress stress negativo. Distress: se le condizioni sfavorevoli superano le capacità e le risorse proprie, oppure sono prolungate nel tempo, l’individuo diventa incapace di reagire e offre risposte poco adattive. Si parla di stress negativo. LO STRESS NON È UNA MALATTIA MA UN’ESPOSIZIONE PROLUNGATA ALLO STRESS PUÒ RIDURRE L’EFFICIENZA SUL LAVORO E CAUSARE PROBLEMI DI SALUTE Disturbi digestivi Disturbi del sonno Ritmo rallentato Insicurezza Irritabilità Difficoltà a prendere decisioni Errori frequenti Preoccupazione Difficoltà a concentrarsi Lo stress lavoro correlato R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_B

12 VALUTAZIONE PRELIMINARE una necessaria VALUTAZIONE PRELIMINARE attraverso indicatori verificabili relativi all’organizzazione aziendale ed al contesto del lavoro VALUTAZIONE APPROFONDITA una VALUTAZIONE APPROFONDITA eventuale nel caso in cui la valutazione preliminare riveli elementi di rischio da stress lavoro- correlato e le misure di correzione adottate a seguito della stessa, dal datore di lavoro, si rivelino inefficaci. Il metodo proposto si articola in: Lo stress lavoro correlato R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_B

13 Lo stress lavoro correlato R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_B

14 Fra le vittime di infortuni, talune categorie di lavoratori sono maggiormente esposte (dati INAIL): Giovani Neo assuntiLavoratori temporanei stranieri I rischi ricollegabili alle differenze di età, genere, alla provenienza da altri Paesi e alla tipologia contrattuale In relazione alle loro specificità e a quelle di altre categorie di lavoratori, e la loro tutela, l’art. 28 comma 1 del DL 81/2008 prevede “la valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari…..nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi.” anche basandosi su quanto affermato dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro nonché sui dati esistenti in letteratura. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

15 Vi sono le prescrizioni normative per la tutela delle lavoratrici in gravidanza e puerperio, per alcune indicazioni relativamente ai pesi movimentabili e nelle indicazione delle etichettature dei preparati pericolosi, sono invece scarse le indicazioni ulteriori ed occorre riferirsi a dati di letteratura medica. Secondo l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, dato che vi sono differenze di genere in un’ampia serie di problematiche più vaste legate alle circostanze di lavoro, quali le molestie sessuali, la discriminazione, la partecipazione al processo decisionale sul luogo di lavoro, e che vi sono conflitti tra lavoro e vita privata, è necessario affrontare la prevenzione dei rischi in modo olistico. Un altro obiettivo è di individuare pericoli meno evidenti e problemi di salute che si manifestano più frequentemente nelle donne. Tale ultimo aspetto trova una verifica da parte del medico competente, il quale, attraverso la conoscenza dei posti di lavoro - che gli deriva dalle informazioni fornitegli dal datore di lavoro, dalla collaborazione prestata alla valutazione dei rischi e dai periodici sopralluoghi - e la sorveglianza sanitaria verifica l’assenza di controindicazioni allo svolgimento dell’attività lavorativa specifica ed il mantenimento nel tempo dello stato di salute. Differenze di genere R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

16 Mentre la normativa tutela il lavoro minorile – non rappresentato nelle realtà aziendali – nulla dice riguardo ai cosiddetti “lavoratori anziani”. Nell’assenza di specifici riferimenti normativi, è usuale rivolgersi ai dati della letteratura, dai quali è possibile desumere alcuni elementi di base: le differenze all’interno della popolazione “anziana” sono maggiori rispetto a quelle tra “giovani” e “anziani”; l’età cronologica non è un indicatore dell’età fisiologica né mentale; se da un lato gli anziani mostrano un graduale declino in alcune capacità (per esempio nella forza muscolare), dall’altro sviluppano strategie compensatorie rinforzabili con l’esercizio. Al fine della valutazione dei rischi occorre prestare quindi particolare attenzione ai seguenti aspetti: disturbi/patologie muscolo-scheletrici; movimentazione manuale dei carichi; disturbi/patologie da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori; lavoro notturno; lavoro a turni; stress correlato al lavoro; riduzione di capacità visiva; riduzione di capacità uditiva; Differenze di età R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

17 Differenze di età e genere: misure di prevenzione É prassi consolidata che nell’assegnazione dei lavoratori alle mansioni si prendano in considerazione genere ed età; per quanto riguarda il genere, ad esempio: considerando i pericoli più frequenti nei lavori a prevalenza maschile e in quelli a prevalenza femminile; verificando che gli strumenti ed i dispositivi usati per la valutazione tengano conto dei problemi specifici per le donne e per gli uomini; non trascurando le problematiche legate al genere quando si esaminano le implicazioni di eventuali cambiamenti sul luogo di lavoro; considerando tutti i settori interessati dalla salute riproduttiva, non soltanto la gravidanza; scegliendo l’equipaggiamento di protezione in base alle esigenze individuali, adatto anche alle donne ed agli uomini «non medi»; assicurandosi che tanto le donne quanto gli uomini ricevano informazioni e formazione sulla SSL relative ai compiti che svolgono, alle loro condizioni di lavoro ed alle ripercussioni sulla salute. Tutti gli aspetti citati al punto precedente sono abitualmente monitorati in corso di sorveglianza sanitaria preventiva e periodica da parte del medico competente. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

18 La principale criticità è rappresentata dalle eventuali barriere linguistiche, seguita dalle differenze culturali e di usi e abitudini. Per tale motivo il caposaldo della prevenzione è rappresentato dall’aspetto informativo e formativo, regolamentato dagli art. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08. La capacità di comprendere la lingua italiana da parte di lavoratori provenienti da altri paesi è un elemento indispensabile al fine di una corretta attuazione dei disposti aziendali volti alla prevenzione degli infortuni sul lavoro ed alla tutela della salute dei lavoratori. La capacità comprendere la lingua italiana da parte di lavoratori provenienti da altri paesi viene già effettuata in sede di colloquio dal selezionatore e dal RSPP in occasione dei successivi momenti informativi e formativi mirati ed anche dal medico competente in occasione della visita medica preventiva. Il medico competente collabora alle citate attività in particolare con informazioni nel campo specifico della salute e tiene conto dell’etnia e della provenienza in corso di sorveglianza sanitaria. Differenze di provenienza R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

19 Differenze di tipologia contrattuale Dalle valutazioni dei rischi, solitamente emerge che i potenziali pericoli a cui possono essere soggetti i lavoratori, indipendentemente dalla specifica tipologia contrattuale (part-time, contratti a termine, contratto di inserimento, apprendistato, tirocinio formativo, somministrazione di lavoro ex lavoro interinale]), distaccati, trasfertisti) sono i medesimi di quelli dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato e pertanto si applicano le medesime misure di prevenzione e protezione già previste per questi ultimi così come i DPI. Tuttavia è proprio “l’insicurezza”, la provvisorietà e l’aleatorietà e il cambiamento continuo del posto di lavoro che condiziona l’approccio alla sicurezza e quindi il comportamento del lavoratore, che tenderà da un lato ad essere passivo nei confronti della propria sicurezza e dall’altra meno attento a imparare davvero e metabolizzare gli aspetti specifici del luogo in cui opera. La partita della prevenzione si gioca quindi subito (come con i neo-assunti e i giovani di scarsa esperienza lavorativa) promuovendo particolarmente nella loro formazione e nel fare comprendere l’impegno aziendale sulla sicurezza.. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_C

20 TIPI DI PROTEZIONE Con il termine protezione collettiva si intende il complesso delle misure protettive adottate dall’azienda quando la stessa prende in considerazione l’adozione dei dispositivi di protezione collettiva (DPC) che hanno la “funzione di salvaguardare le persone da rischi per la salute e la sicurezza”. I DPC sono strumenti fruibili da tutti i lavoratori, senza che gli stessi debbano indossarli, come ad esempio ponteggi, parapetti, protezioni fisse di macchine e attrezzature.. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

21 TIPI DI PROTEZIONE Con il termine protezione individuale, invece, intendiamo qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. I sistemi impiegati per tale funzione sono i “conosciuti” DPI (Dispositivi di Protezione Individuale). R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

22 TIPI DI PROTEZIONE Un approccio rigoroso riguardo alla tutela di salute e sicurezza dei lavoratori è infatti quello di considerare l’adozione dei DPC come prioritaria rispetto all’uso dei DPI, infatti se l’art. 15 del D.Lgs. 81/08 stabilisce che le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: …… i) la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale, l’articolo 75 afferma che: I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro. (Art. 75 D.Lgs. n.81/08) R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

23 Misure di protezione passiva Misure di protezione attiva TIPI DI PROTEZIONE R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

24 Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): elmetto; occhiali (limitatamente alle fasi di lavoro con proiezione di schegge e frammenti); cuffie o inserti auricolari antirumore; tuta con polsini elastici; guanti di protezione; scarpe di sicurezza; maschere di protezione a rifornimento d’aria (autorespiratori); imbracatura e dispositivi anticaduta. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

25 I categoria semplice D.P.I. di progettazione semplice destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità. Ad esempio: guanti per detersivi, giardinaggio, ecc. II categoria D.P.I. che non rientrano né in categoria I, né in categoria II. Ad esempio: caschi, otoprotettori, ecc. III categoria salvaguardare da rischi di morte D.P.I. di progettazione complessa destinati a salvaguardare da rischi di morte o lesioni gravi e di carattere permanente. Ad esempio: dispositivi anticaduta dispositivi anticaduta, ecc. NON sono D.P.I. gli indumenti di lavoro generici che non garantiscono una protezione da rischi specifici per la sicurezza e la salute dei lavoratori; i vestiari per uso privato contro le condizioni atmosferiche, l’umidità e l’acqua, quali ad esempio copricapo, indumenti per la stagione, ecc.; i sistemi di salvataggio su navi a aeromobili; i mezzi di soccorso e salvataggio; Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

26 I D.P.I. devono soddisfare i seguenti requisiti generali: adatti al tipo di rischio devono essere adatti al tipo di rischio ed alle condizioni di lavoro; non devono determinare un incremento del rischio; agevoli da indossare devono proteggere la salute del lavoratore ed essere agevoli da indossare; regolabili al corpo devono essere regolabili al corpo del lavoratore; deve essere garantita l’igiene indossando un D.P.I. deve essere garantita l’igiene; quando si devono usare più D.P.I. contemporaneamente, ad esempio casco, visiera e cuffie, questi devono essere compatibili fra loro; avere la marcatura CE devono essere certificati ed avere la marcatura CE, in modo visibile, leggibile ed indelebile; essere corredati da istruzioni devono essere corredati da istruzioni che ne spieghino le modalità d’uso, le modalità di manutenzione e conservazione, il grado di protezione assicurato, il termine di scadenza. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

27 certificazione CE La certificazione CE è il requisito principale che il D.P.I. deve possedere e dimostra il possesso dei R.E.S. (requisiti essenziali di salute e sicurezza) nomemarchio modello caratteristiche La marcatura deve comprendere il nome, marchio o altro elemento di identificazione del fabbricante, il modello del D.P.I. (nome commerciale, codice, ecc.) e le caratteristiche del D.P.I. (taglia, prestazioni, pittogrammi, ecc.). Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

28 Dispositivi di posizionamento I dispositivi di posizionamento sul lavoro sono destinati a sostenere guardafili ed altri addetti che devono operare in altezza con sostegno sui pali od altre strutture, consentendo loro di poter lavorare con entrambe le mani libere. Questi sistemi non sono destinati all’arresto delle cadute. Sistemi di arresto cadute I sistemi di arresto caduta sono dispositivi che comprendono un’imbracatura per il corpo, un assorbitore di energia ed un collegamento. Tali dispositivi possono essere ancorati ad un punto fisso, con o senza dispositivo anticaduta di tipo retrattile o su dispositivo anticaduta di tipo guidato su linea di ancoraggio rigida o flessibile. Dispositivi di discesa I dispositivi di discesa sono utilizzati per il salvataggio e l’evacuazione di emergenza per mezzo dei quali una persona può scendere da sola, o con l’assistenza di una seconda persona, a velocità limitata da una posizione elevata ad una posizione più bassa. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

29 Imbracature I dispositivi contro la caduta dall’alto devono essere conformi alle norme EN 361 (cinghie, bretelle, cosciali e sottonatiche). I cosciali e le sottonatiche devono essere indossati e posizionati comodamente e permettono all’utilizzatore un migliore arresto in caso di caduta. L’imbracatura è un supporto per il corpo che arresta la caduta; può comprendere cinghie, accessori, fibbie od altri elementi, che servono a sostenere il corpo del lavoratore e tenerlo durante la caduta e dopo l’arresto della caduta. Il corretto utilizzo è quello per cui l’imbracatura deve essere adattata al corpo del lavoratore attraverso i sistemi di regolazione, come illustrato nel manuale di istruzioni. Un’imbracatura è correttamente adattata al corpo quando le cinghie non si spostano e non si allentano da sole. Gli elementi di attacco del sistema anticaduta possono essere collocati davanti al torace, ossia attacco sternale, sopra il centro di gravità, o alle spalle o alla schiena dell’utilizzatore, ossia attacco dorsale. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

30 Imbracature Le imbracature con cintura di posizionamento devono soddisfare le norme UNI EN Il cordino di posizionamento sul lavoro deve essere dotato di un dispositivo di regolazione di lunghezza ed avere una lunghezza massima di due metri e regolato in modo tale che l’eventuale caduta sia contenuta in uno spazio 0,50 metri massimo. Tutti gli accessori delle imbracature dovranno rispondere alle norme: bretella di collegamento = UNI EN 354; funi di trattenuta con assorbitore di energia massimo due metri = UNI EN 355; sistemi di arresto caduta = UNI EN 363; anticaduta a fune retrattile = UNI EN 360. Ogni lavoratore deve avere cura dei D.P.I. che gli sono stati forniti, controllarne lo stato di conservazione, occuparsi della loro pulizia e disinfezione, effettuarne la manutenzione e richiedere la sostituzione delle parti deteriorate. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

31 Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

32 elmetti e caschi I lavoratori esposti al pericolo di ricevere colpi al capo, per caduta di materiali dall’alto o per contatto ed urto con parti pericolose, devono essere provvisti di copricapo appropriati, quali elmetti e caschi. Gli elmetti ed i caschi debbono essere robusti, resistenti agli urti ed essere leggeri. materiali idonei forma confortevole La bardatura interna deve essere costituita da materiali idonei (tessuto, plastica, cuoio, ecc.) e da una forma confortevole. La forma del casco deve essere tale da distribuire omogeneamente gli urti in caso di impatto e garantire una facile pulizia. I materiali interni, nel caso che vengano a contatto con la cute, non devono provocare irritazioni. Per i lavori all’aperto nei cantieri edili devono essere scelti copricapo adatti all’azione prolungata dei raggi del sole. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

33 Occhiali a stanghetta, con ripari laterali Adatti per limitati lavori di molatura o scalpellatura, lavorazioni e finitura di pietra, ecc. Visiere Adatti per lavorazioni che comportano la proiezione di schegge ad alta velocità, manipolazione di sostanze irritanti per la cute e/o corrosive, operazioni di sabbiatura, ecc. Occhiali di protezione dalle radiazioni Adatti per lavorazioni che comportano esposizione a calore radiante, con cannello ossiacetilenico, ecc. Gli occhiali usati per la saldatura elettrica o a gas devono garantire l’assorbimento delle radiazioni pericolose; i vetri impiegati devono presentare un gradi di trasparenza per le diverse radiazioni: 0,0003 ÷ 0,066% nello spettro ultravioletto; 3,2 ÷ 1,2% nello spettro visibile VIS; 16% nello spettro infrarosso. Visiera per saldatura Adatta a lavori di saldatura ad arco elettrico, con tecnologie speciali, ecc. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

34 La protezione dal rumore è uno degli esempi tipici in cui i D.P.I. rappresentano l’ultimo intervento possibile dopo aver compiuto tutti gli sforzi per ridurre il rumore all’origine.Cuffie Le cuffie sono costituite da conchiglie che coprono le orecchie, aderendo ermeticamente alla testa attraverso cuscinetti riempiti di materiale liquido od espanso e rivestite da materiale fonoassorbente. Esse sono tenute insieme da un archetto in metallo o plastica. Le cuffie dovrebbero essere indossate sistemando e regolando correttamente l’archetto di sostegno sulla testa o dietro la nuca. Inserti auricolari Inserti auricolari, a perdere e riutilizzabili. Gli inserti auricolari dovrebbero essere introdotti sufficientemente nel condotto acustico esterno per evitare una perdita considerevole di attenuazione sonora. Devono essere introdotti sempre puliti e con le mani pulite. Inserti auricolari con archetto Inserti auricolari collegati da un archetto di sostegno, che può essere indossato sotto il mento o dietro la nuca. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

35 I sistemi di protezione delle vie respiratorie si classificano in: dipendenti dall’atmosfera ambiente dipendenti dall’atmosfera ambiente (dispositivi filtranti contro particelle, gas e vapori, particelle / gas / vapori) prelevano aria contaminata dall’ambiente di lavoro e la purificano per filtrazione; possono essere distinti in respiratori a filtro: non assistiti non assistiti (l’aria ambiente è resa respirabile dal filtro e passa attraverso il facciale mediante l’azione dei polmoni); a ventilazione assistita a ventilazione assistita (l’aria ambiente, resa respirabile dal filtro viene immessa all’interno del facciale, che può essere una maschera intera, semintera o un quarto di maschera, mediante un elettroventilatore trasportato dall’utilizzatore); a ventilazione forzata a ventilazione forzata (l’aria ambiente, resa respirabile dal filtro viene immessa all’interno del facciale che è un cappuccio o un elmetto, mediante un elettroventilatore trasportato dallo stesso utilizzatore). non dipendenti dall’atmosfera ambiente non dipendenti dall’atmosfera ambiente (dispositivi di tipo isolante) quando prelevano aria pulita da ambienti diversi dall’ambiente di lavoro. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

36 I guanti proteggono gli arti superiori da rischi specifici. Nella scelta il D.L. deve attuare un compromesso tra le protezioni offerte dal guanto, la tipologia delle lavorazioni e le esigenze del lavoratore di muovere liberamente le dita e di percepire al tatto attraverso il guanto. Guanti resistenti al calore od ignifughi Devono essere in grado di costituire una barriera contro la trasmissione di calore ed avere un effetto isolante. Un guanto ignifugo per poter venire a contatto con elementi molto caldi, quali fiamme o metalli incandescenti, deve avere caratteristiche sia isolanti che un’adeguata resistenza meccanica. Tra i metalli maggiormente utilizzati vi sono le tipo Kevlar, Nomex, ecc. e di carbonio, eventualmente accoppiati con altri materiali termoriflettenti. Guanti elettricamente isolanti Questo tipo di guanto è in grado di isolare il lavoratore dal contatto con parti in tensione. Ne esistono diverse classi a seconda della tensione elettrica a cui sono destinati; Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

37 Guanti per rischi chimici Adatti per manipolazione di oggetti acidi, basi, solventi, oli, ecc. La protezione offerta dai guanti per le sostanze chimiche dipende: dal tipo di materiale di cui è fatto il guanto (gomma, lattice, nitrile); dalla temperatura delle sostanze chimiche, poiché i guanti proteggono meno per liquidi caldi piuttosto di quelli freddi; dallo spessore del guanto (è opportuno scegliere guanti con uno spessore maggiore per sostanze più aggressive, quali ad es. l’acido muriatico); il tempo di immersione, se le lavorazioni prevedono lunghi tempi di contatto con le sostanze chimiche (si dovranno scegliere dei guanti più resistenti in quanto con il tempo il materiale che li costituisce viene aggredito ed il guanto lesionato). Se si utilizzano sostanze o preparati molto pericolosi, prima di impiegare una tipologia di guanti, è sempre opportuno eseguire una semplice prova di contatto tra il guanto e la sostanza e verificare se il guanto è rimasto danneggiato nella prova o se invece è utilizzabile. I materiali d’impiego più comuni sono: lattice, neoprene, nitrile, pvc, polietilene, butile, ecc. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

38 Quando si è in presenza di rischi particolari è necessario proteggere il corpo con tute od impermeabili in tessuti plastificati o gommati. Per la protezione da atmosfere nocive si può ricorrere a tute antigas ermeticamente chiuse, anche a pressurizzazione interna, mentre contro il calore od a contatto diretto con le fiamme o materiale incandescente, si impiegano, a seconda del caso, indumenti in materiale ignifugo od autoestinguente, termo riflettente ed ad alta coibenza. Giubbotti ad alta visibilità, con strisce riflettenti Vengono utilizzati nei lavori notturni od in condizioni di scarsa visibilità e sempre nei cantieri stradali / autostradali, ecc. Quando vi sono lavorazioni con pericoli di ustioni, di punture o schiacciamento, i lavoratori devono essere provvisti di calzature resistenti ed adatte al tipo di rischio. Per attività con rischi di schiacciamento dei piedi, per esempio per maneggio di materiali pesanti, si usano scarpe rinforzate sulla suola e con puntale in metallo per proteggere le dita dei piedi. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

39 Nel caso di lavori edili, i lavoratori devono indossare scarpe dotate di soletta antiperforazione. Per lavori su impalcature, tetti e simili, le scarpe devono essere antisdrucciolevoli. Se esiste il rischio di sostanze aggressive, quali metalli fusi o acidi, è opportuno indossare calzature a sfilamento rapido. Lo sfilamento rapido è necessario se il piede rimane ad esempio imprigionato o se nell’ambiente di lavoro è possibile lo sversamento di un contaminante che può permeare attraverso la scarpa. Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_D

40 SORVEGLIANZA SANITARIA di cui all’art. 41 del D.Lgs. 81/08 La sorveglianza sanitaria è effettuata dal Medico Competente nei casi previsti dalla normativa vigente. La sorveglianza comprende: una visita medica preventiva intesa a constatare, l'assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare lo sua idoneità alla mansione specifica; una visita periodica per controllare lo stato di salute e di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione; visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuto dal Medico Competente correlata ai rischi professionali o alle sua condizioni di salute; visita medica in occasione del cambio di mansione onde verificare l'idoneità alla mansione specifica. R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_E

41 Come già esplicitato nella formazione generale, ricordiamo che gli esiti della visita medica devono essere allegati alla cartella sanitaria e di rischio. Il medico competente, esprime uno dei seguenti giudizi relativi alla mansione specifica: a) idoneità; b) idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni; c) inidoneità temporanea; d) inidoneità permanente. Nel caso di espressione del giudizio di inidoneità temporanea vanno precisati i limiti temporali di validità. Dei giudizi di idoneità rilasciati, il medico competente informa per iscritto il datore di lavoro e il lavoratore. SORVEGLIANZA SANITARIA di cui all’art. 41 del D.Lgs. 81/08 R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_E

42 SORVEGLIANZA SANITARIA di cui all’art. 41 del D.Lgs. 81/08 Normalmente le visite mediche sono integrate con controlli clinici e biologici ed indagini diagnostiche mirati al controllo di rischi specifici... Normalmente le visite mediche sono integrate con controlli clinici e biologici ed indagini diagnostiche mirati al controllo di rischi specifici... (ad esempio per esposizione al rumore superiore a 85 dB(A) la sorveglianza di norma avviene una volta all'anno) alcoolsostanze stupefacenti … tra questi, evidenziamo a titolo informativo, gli accertamenti sanitari mirati all’individuazione dell’uso/abuso di alcool e sostanze stupefacenti, che la normativa prevede in caso di mansioni da ritenersi altamente rischiose per la sicurezza, l’incolumità e la salute di terzi. “ [ … ] i controlli alcolimetrici nei luoghi di lavoro possono essere effettuati esclusivamente dal medico competente, ovvero dai medici del lavoro dei servizi per la prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro, con funzioni di vigilanza competenti per territorio, delle aziende unit à sanitarie locali [ … ] ” (Legge n° 125 del 30 marzo 2001 ) R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_E

43 SORVEGLIANZA SANITARIA di cui all’art. 41 del D.Lgs. 81/08 mirati al rischio professionale Tali accertamenti (es. esame delle urine e prelievo del sangue) se richiesti dal M.C. sono obbligatori ed il rifiuto di sottoporvisi è sanzionato dalla normativa, dando origine, nell’eventuale incollocabilità del lavoratore stesso, a licenziamento per giusta causa; gli esami sono mirati al rischio professionale e possono essere effettuati nel corso delle visite mediche periodiche condotte sui lavoratori per il controllo di altri rischi per la salute. “[…] ai lavoratori affetti da patologie alcol – correlate che intendano accedere ai programmi terapeutici e di riabilitazione […]” “[…] se assunti a tempo indeterminato abbiano diritto alla conservazione del posto di lavoro per il tempo in cui la sospensione delle prestazioni lavorative è dovuta all’esecuzione del trattamento riabilitativo e, comunque, per un periodo non superiore ai tre anni […]” La Legge n° 125/2001 afferma che “[…] ai lavoratori affetti da patologie alcol – correlate che intendano accedere ai programmi terapeutici e di riabilitazione […]” si applica l’articolo n° 124 del T.U. 309/1990, che afferma come questi lavoratori “[…] se assunti a tempo indeterminato abbiano diritto alla conservazione del posto di lavoro per il tempo in cui la sospensione delle prestazioni lavorative è dovuta all’esecuzione del trattamento riabilitativo e, comunque, per un periodo non superiore ai tre anni […]”, salvo differente disciplinare dei singoli contratti collettivi (più restrittivo). R.S.P.P._Modulo 3_Tecnico_individuazione e valutazione dei rischi_E


Scaricare ppt "CORSO DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI ai sensi dell’art. 34, commi 2."

Presentazioni simili


Annunci Google