La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 L’Istituto comprensivo “25 APRILE” di Cormano Vi dà il benvenuto!!!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 L’Istituto comprensivo “25 APRILE” di Cormano Vi dà il benvenuto!!!"— Transcript della presentazione:

1 1 L’Istituto comprensivo “25 APRILE” di Cormano Vi dà il benvenuto!!!

2 2 Come contattarci  I nostri indirizzi Via Molinazzo D.S. : Via Beccaria, 15 – Indirizzo sito:  Telefono Tel (via Molinazzo) (Via Beccaria)

3 ORGANIGRAMMA Dirigente Scolastico. Giuseppe De Antoni Collaboratore D.S. Vicario: Daniele Traverso Responsabili di plesso Secondaria 1°grado:Daniele Traversoi Primaria: Via Molinazzo: Lorena Benettii Via Beccaria:Giovanna Plano Infanzia: D.Daniela Andreella Funzioni Strumentali POF: Chiodini-Piva DA/DSA: Ciriolo-Ravalli Tecnologie: S.Rosa Orientamento: A.Capietti-A.Savini Dispersione:Leali Stranieri:Agnolon-Palermo Valutazione: Corvaglia D.S.G.A. Linda Ida Sangiorgi

4 Scuola – Alunno/a – Famiglia sottoscrivono il seguente Patto educativo di corresponsabilità COME CONDIVISIONE DELLE FINALITÁ EDUCATIVE

5 IMPEGNO DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA CHIAREZZA nel Piano dell’Offerta Formativa. FINALIZZARE il successo formativo GARANTIRE il rispetto dell’orario scolastico e lo svolgimento regolare delle lezioni. GARANZIA di comportamenti conformi alle finalità educative dell’Istituto. GARANZIA di trasparenza e il miglioramento continuo del sistema. PROMOZIONE di rapporti interpersonali positivi fra alunni ed insegnanti, stabilendo regole certe e condivise. GARANZIA di trasparenza della valutazione.

6 IMPEGNO DEI DOCENTI Rispettare il proprio orario di servizio. Creare a scuola un clima di serenità, cooperazione e armonia. Favorire l’integrazione scolastica di tutti gli alunni. Promuovere un clima di confronto e di reciprocità Realizzare il Piano dell’Offerta Formativa e i curricoli disciplinari verticali Controllare assenze, ritardi, giustificazioni. Comunicare costantemente con le famiglie, informandole sull’andamento didattico-educativo degli studenti. Ricevere i genitori negli orari fissati e compatibilmente con il proprio orario di servizio (mai durante l’ingresso degli alunni).

7 IMPEGNO DEGLI ALUNNI/E Rispettare le diversità personali e culturali, la sensibilità altrui. Rispettare le persone che operano nella scuola e i compagni della propria e delle altre classi. Rispettare le cose proprie e altrui. Rispettare l’ambiente scolastico. Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità. Svolgere regolarmente il lavoro assegnato a scuola e a casa. Portare tutto e solo il materiale richiesto per le attività didattiche e per l’adempimento dei propri doveri. Non usare a scuola telefono cellulare, fotocamere, videocamere o registratori vocali e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica.

8 IMPEGNO DEI GENITORI Instaurare un dialogo costruttivo con i docenti. Conoscere e condividere il Piano dell’Offerta Formativa e il Regolamento dell’Istituto, impegnandosi a evidenziarne l’importanza ed il rispetto con i propri figli. Rispettare l’orario d’ingresso a scuola delle lezioni mattutine e pomeridiane, evitando i ritardi e di lasciare con troppo anticipo i figli davanti alle scuole. Giustificare sempre le assenze. Controllare quotidianamente il diario e il quaderno delle comunicazioni scuola-famiglia. Attivarsi, in caso di assenza del figlio/a, per conoscere le attività svolte e i compiti assegnati. Controllare attraverso un contatto frequente con i docenti che l’alunno rispetti: le persone che operano nella scuola, i compagni della propria e delle altre classi, le cose proprie e altrui, l’ambiente scolastico. Aiutare i figli a pianificare e ad organizzarsi, controllando che l’alunno/a curi l’esecuzione dei compiti e le attività di studio con attenzione, serietà e puntualità. Collaborare al progetto formativo partecipando a riunioni, assemblee, consigli di classe e colloqui. Riconoscere l’autorità della scuola nell’assunzione di provvedimenti disciplinari e condividere le strategie di recupero dei comportamenti scorretti.

9 La valutazione degli alunni/e La cosa peggiore che si può dire ad un bambino, ad un ragazzo, ad un figlio, ad un alunno, è : hai sbagliato! La cosa migliore è chiedergli: come hai fatto? Ernst von Glaserfeld D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122 La valutazione è parte integrante della progettazione, non solo come controllo degli apprendimenti, ma come verifica dell’intervento didattico al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo. I docenti pertanto hanno nella valutazione lo strumento privilegiato che permette loro la continua e flessibile regolazione della progettazione educativo/didattica.

10 Valutazione diagnostica come analisi della situazione iniziale dei prerequisiti di base per affrontare un compito di apprendimento. Prove (concordate per classi parallele a livello d’istituto) Osservazioni sistematiche e non Libere elaborazioni Colloquio individuale con le famiglie per comunicare la situazione iniziale nel primo bimestre. Valutazione formativa per una costante verifica della validità dei percorsi formativi. Serve ai docenti per monitorare il percorso di apprendimento in itinere e scegliere le soluzioni migliori, riprogettando eventualmente il percorso: osservazioni sistematiche e non libere elaborazioni verifiche oggettive degli obiettivi intermedi e finali analisi della congruenza tra obiettivi e risultati Valutazione intermedia e annuale (finale) Fa un bilancio consuntivo degli apprendimenti degli alunni/e, mediante l’attribuzione di voti numerici espressi in decimi, e delle competenze acquisite a livello di maturazione culturale e personale mediante un giudizio analitico. Essa svolge una funzione comunicativa non solo per l’alunno/a ma anche per le famiglie. Valutazione orientativa Favorisce un’accurata conoscenza di sé in vista delle scelte future. La valutazione degli alunni/e

11 11 Orario scolastico Orario scolastico modulo di 30 spazi settimanali da 55 minuti Il tempo scuola della Scuola Secondaria di Primo Grado è strutturato su un modulo di 30 spazi settimanali da 55 minuti  5 mattine di 6 spazi orari, dalle 8,00 alle °ora 8,00 - 9,00 2°ora 9,00 - 9,55 3°ora 9, ,50 Intervallo 10, ,00 4°ora 11, ,55 5°ora 11, ,50 Intervallo 12, ,55 6°ora 12, ,50

12 12 Risorse della scuola Laboratori informatica e multimedialità con 1 lavagna Lim Aule Arte e immagine Palazzetto dello sport Biblioteca in rete Servizio mensa * Sala professori Ufficio di segreteria (via Molinazzo 35) Ufficio del dirigente scolastico Auditorium

13 13 Lingue straniere Tutti i corsi prevedono come prima lingua comunitaria l’INGLESE. La seconda lingua comunitaria offerta dalla scuola può essere Francese o Spagnolo.

14 14 Ore curricolari Tempo normale  30 ore settimanali Materia N. ore Religione/Alternativa1 Lettere (Italiano, Storia, Geografia) 10 Matematica e Scienze 6 Lingua straniera Inglese 3 Seconda lingua comunitaria 2 Tecnologia2 Arte e immagine 2 Musica2 Scienze Motorie 2 MATERIA N. ORE Religione/Alternativa1 Lettere (Italiano, Storia, Ed. Cittadinanza, Geografia) Matematica e Scienze 6 Lingua straniera Inglese Seconda lingua comunitaria 3 Tecnologia Arte e immagine Musica Scienze Motorie

15 15 Orientamento Musicale 33 ore settimanaliMateria N. ore Religione/Alternativa1 Lettere (Italiano, Storia, Ed. Cittadinanza,Geografia) 10 2 Musica2 2 3 Matematica e Scienze 6 Lingua straniera Inglese 3 Seconda lingua comunitaria 2 Tecnologia 2 Arte e immagine Scienze Motorie Strumento

16 16 ORIENTAMENTO MUSICALE I genitori possono chiedere l’iscrizione a corsi ad indirizzo musicale. I corsi si svolgono oltre l’orario obbligatorio normale delle 30 ore di lezione. Le indicazioni relative all’insegnamento della musica, per valorizzarne l’apprendimento pratico, anche con l’ausilio di laboratori musicali, nei limiti delle risorse esistenti, sono definite con decreti del Ministro della Pubblica Istruzione.

17 FORMAZIONE CLASSI

18 I criteri: Eterogeneità delle classi al loro interno Omogeneità delle classi tra di loro

19 19 PROGETTI DI ISTITUTO  Iniziative di accoglienza, di continuità nel raccordo in verticale e lezioni di docenti delle medie alla scuola primaria  Orientamento con raccordo in verticale con la secondaria di secondo grado ed istituti professionali (Campus) Sportello psico – attitudinale *  GLH GLI  Educazione linguistica (KET, LATINO)*  Tecnologie informatiche (LIM)  Laboratori  Attività didattiche personalizzate per favorire l’integrazione, il sostegno e il recupero delle competenze/mediatori linguistici  Iniziative culturali /incontri con «personalità»(alunni/genitori)  Uscite – viaggi di istruzione  Educazione all’affettività  Campionati studenteschi compreso scacchi  Corsi di recupero ( italiano, matematica, lingue straniere )  Biblioteca in rete  Legambiente  Mostra del libro

20 20 PROGETTI CON IL TERRITORIO  RAP: supporto didattico e studio assistito  PROGETTI SPORT: piscina  EDUCAZIONE ALLA SALUTE: Coop, affettività

21 21 RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA Classi prime: incontri con le famiglie per: Scheda conoscitiva,compilata tramite le notizie acquisite negli incontri individuali, su una traccia indicativa predisposta dalla scuola nel rispetto della privacy. Tali incontri hanno l’obiettivo di favorire una migliore conoscenza dei nostri ragazzi per potersi rapportare in modo più adeguato alle loro esigenze. Tutte le classi: Valutazione intermedia quadrimestrale. (Pagellino) Scheda di valutazione quadrimestrale. Uso del libretto personale. Colloqui calendarizzati con le famiglie. Ricevimento genitori Osservazioni sistematiche. Assemblee di classe. Comunicazioni scritte con circolari e fogli informativi. Affissione all’albo dei genitori di tutte le note informative di interesse generale. Giornate di scuola aperta. Incontri col Dirigente Scolastico su appuntamento.

22 Le iscrizioni COME Solo on line tenendo a portata di mano codice fiscale del genitore, codice fiscale dell’alunno/a, il proprio documento di identità Scegliendo la scuola dal sito del MIUR QUANDO Dal 27 al 31 gennaio possibilità di registrarsi Iscrizione vera e propria dal 3 febbraio al 28 febbraio Firmando il “patto di corresponsabilità educativa” CHI RICHIEDE L’ISCRIZIONE I genitori del ragazzo Per le famiglie che necessitano di assistenza per la compilazione delle iscrizioni on line sarà possibile rivolgersi alla Segreteria nei seguenti giorni: lunedì mercoledì e giovedì e martedì e venerdì Sabato 22 febbraio dalle 9 alle 12

23 Il nostro impegno per valorizzare il comprensivo Insegnanti: impegno a definire il curricolo continuo di Istituto scambio di informazioni tra ordini di scuole scambi professionali

24 Genitori: rafforzare la partecipazione a livello di plesso coordinarsi a livello di Istituto

25 ARRIVEDERCI A SETTEMBRE!  ARRIVEDERCI A SETTEMBRE! ARRIVEDERCI A SETTEMBRE!ARRIVEDERCI A SETTEMBRE!


Scaricare ppt "1 L’Istituto comprensivo “25 APRILE” di Cormano Vi dà il benvenuto!!!"

Presentazioni simili


Annunci Google