La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SF cinema, narrazione transmediale e il lavoro dei fans Sociologia delle Comunicazioni Tiziana Terranova 16.3.10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SF cinema, narrazione transmediale e il lavoro dei fans Sociologia delle Comunicazioni Tiziana Terranova 16.3.10."— Transcript della presentazione:

1 SF cinema, narrazione transmediale e il lavoro dei fans Sociologia delle Comunicazioni Tiziana Terranova

2 Cultura Convergente Le caratteristiche della ‘convergence culture’ per Henry Jenkins: a.Flusso dei contenuti su più piattaforme b.Cooperazione tra più settori dell’industria dei media c.Migrare del pubblico alla ricerca di intrattenimento. d.Rifocalizzazione dell’industria dei media sui ‘fans’ e.Nuove relazioni tra produttori e consumatori (‘prosumer’)

3 Il metodo Jenkins Non critica ma osservazione Considerazione delle prospettive dell’industria e i fans/consumatori (due insiemi di interessi convergenti?) Il caso della tv: la cultura convergente e la reality TV dal punto di vista del tentativo dell’industria della comunicazione di catturare l’attenzione del pubblico (American Idol) e dal punto di vista dei fans (gli spoilers di Survivor)

4 La cultura convergente e il cinema Due casi-studio, due blockbuster di fantascienza: The Matrix (Andy e Larry Wachowski 1999-, Warner Bros) Star Wars (George Lucas, , Twentieth Century Fox)

5 Un franchise transmediale: The Matrix “In questo capitolo andrò a descrivere il fenomeno The Matrix come esempio di narrazione transmediale, ovvero come una storia raccontata su diversi media… Un buon franchise transmediale cerca di attirare pubblici differenziati proponendo i suoi contenuti in modo un po’ diverso per ciascun medium.” (Jenkins 2007: 84)

6 Le fasi/i momenti della franchise transmediale I films (la trilogia The Matrix) I corti animati (The Animatrix cf. ch?v=l3m62R4ZMag) ch?v=l3m62R4ZMag La serie a fumetti(The Matrix Comics 2003) Il video gioco (Enter the Matrix Shiny Entertainment) Il gioco massive multiplayer (Matrix Online) (http://thematrixonline.statio n.sony.com/index.vm)

7 “The Matrix è anche intrattenimento per l’era dell’intelligenza collettiva… L’opera diverrà ciò che Lévy chiama un ‘attrattore culturale’, vale a dire un prodotto che unisce diverse comunità offrendo loro un terreno comune: possiamo anche descriverla come un attivatore culturale poiché stimola attivamente alla sua interpretazione, esplorazione ed elaborazione.” (p. 83)

8 “In un insieme di siti web e liste discussione, i fan stavano in effetti assemblando informazioni, seguendo allusioni, ricostruendo le catene di comando, costruendo cronologie, scrivendo guide di riferimento, trascrivendo dialoghi, espandendo la storia con la loro fan fiction, e discutendo come matti sul significato del tutto.” (p. 125)

9 “The Matrix rendeva impossibile per ogni singolo spettatore “capirlo” fino in fondo, ma l’ergere della comunità del sapere garantiva al gruppo in quanto collettività di scavare più a fondo in quel testo infinito.” (p. 125)

10 “Abitare un mondo così sembra essere, in senso letterale, un gioco da ragazzi. La narrazione transmediale più elaborata che si è vista finora è probabilmente quella dei franchise mediatici per bambini, come Pokémon... “Pokémon è qualcosa che fai, non semplicemente che leggi, guardi o consumi” (p. 126)

11 Il caso Star Wars Star Wars (1977); Return of the Jedi (1983); The Phantom Menace (1999)

12 “Star Wars è…l’esempio principe di convergenza mediatica in azione. La scelta di Lucas di ritardare il suo compenso per il primo film di Star Wars, in cambio di una percentuale sui diritti secondari, è stata ampiamente citata come punto di svolta nell’emergere di una nuova strategia di produzione e distribuzione. Grazie ad essa, Lucas ha fatto soldi a palate e Twentieth Century Fox ha imparato una lezione preziosa.” (p. 147)

13 “Il ricco universo narrativo della saga di Star Wars ha fornito innumerevoli immagini, icone e oggetti riproducibili in un’ampia varietà di forme…. Lucasfilm ha continuato a trarre profitti dal franchise Star Wars grazie alla produzione di racconti originali e fumetti, la distribuzione di videocassette e audiocassette, il marketing ininterrotto dei giocattoli e del merchandise, nonché per mezzo del mantenimento di un complesso apparato pubblicitario, che include una curata newsletter mensile destinata ai fan.” (p. 147)

14 Star Wars and Fan films Joe Nussbaum George Lucas in Love (1999) # Evan Mather Les Pantless Menace (1999) ntless_menace/ Shane Faleux (2005) Star Wars; Revelations


Scaricare ppt "SF cinema, narrazione transmediale e il lavoro dei fans Sociologia delle Comunicazioni Tiziana Terranova 16.3.10."

Presentazioni simili


Annunci Google