La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Economia Aziendale 1 Il reddito. Corso di Economia Aziendale 2 La nozione di reddito Il reddito è definito come l’incremento (se positivo) o.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Economia Aziendale 1 Il reddito. Corso di Economia Aziendale 2 La nozione di reddito Il reddito è definito come l’incremento (se positivo) o."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Economia Aziendale 1 Il reddito

2 Corso di Economia Aziendale 2 La nozione di reddito Il reddito è definito come l’incremento (se positivo) o il decremento (se negativo) di ricchezza subito dal capitale iniziale per effetto della gestione. UTILE PERDITA L’impresa riesce a remunerare congruamente i beni/fattori produttivi utilizzati nello svolgimento dei processi L’impresa non riesce a remunerare congruamente i beni/fattori produttivi utilizzati nello svolgimento dei processi

3 Due forme di reddito Reddito d’impresa o totale Reddito d’esercizio Corso di Economia Aziendale 3

4 4 Il reddito di impresa E’ la variazione in aumento o in diminuzione subita dal capitale per effetto della gestione con riferimento all’intera vita aziendale.

5 Corso di Economia Aziendale 5 Determinazione del reddito totale Il reddito totale può essere determinato in tre diversi modi: come differenza fra il capitale finale ed il capitale iniziale dell’impresa (procedimento sintetico); come differenza tra tutti i ricavi conseguiti e tutti i costi sostenuti dall’impresa, dalla sua nascita sino al momento della sua liquidazione (procedimento analitico); come differenza tra tutte le entrate e tutte le uscite che si sono verificate durante la vita dell’impresa (escluse quelle relative alla costituzione del capitale iniziale e le uscite relative alla distribuzione del capitale finale).

6 Il reddito totale La determinazione del reddito totale si presenta agevole ma ha, di fatto, un basso contenuto conoscitivo fornendo informazioni solo a posteriori, una volta che la vita dell’impresa è finita. I soggetti aziendali hanno, al contrario, necessità di conoscere il reddito per periodi più brevi della durata della vita dell’impresa Corso di Economia Aziendale 6

7 Periodo amministrativo ed esercizio amministrativo Il periodo preso a riferimento è di durata solitamente annuale e generalmente coincidenti con l’anno solare. Tale periodo è denominato periodo amministrativo. L’insieme delle operazioni attribuibili ad un dato arco temporale è definito esercizio amministrativo Corso di Economia Aziendale 7

8 Periodo amministrativo ed esercizio amministrativo Il periodo amministrativo è quindi il periodo di tempo al termine del quale si procede al calcolo del risultato e l’esercizio è, invece, quella parte della gestione “attribuibile” ad un certo periodo amministrativo ai fini della determinazione del reddito Corso di Economia Aziendale 8

9 9 Il reddito d’esercizio Il risultato d’esercizio è, quindi, l’incremento o decremento subito dal patrimonio netto per effetto della gestione in un periodo amministrativo. Il reddito di esercizio può essere determinato con il procedimento sintetico o con il procedimento analitico mentre non può essere calcolato come differenza tra le entrate e le uscite

10 Corso di Economia Aziendale 10 Metodo sintetico Il reddito di esercizio si determina come differenza tra il valore del capitale netto alla fine dell’esercizio ed il valore del capitale netto all’inizio dello stesso.

11 Corso di Economia Aziendale 11 Limiti del metodo Tale procedimento consente di conoscere l’entità della variazione del capitale netto ma non fornisce alcuna informazione sugli elementi (positivi e negativi) che hanno concorso alla formazione della variazione né in che misura. METODO ANALITICO

12 Corso di Economia Aziendale 12 Metodo analitico Secondo il metodo analitico, il reddito d’esercizio si determina attraverso la somma algebrica di componenti positivi (ricavi) e negativi (costi) di competenza economica dell’esercizio.

13 Corso di Economia Aziendale 13 Il principio della competenza economica Per determinare il reddito d’esercizio è necessaria una chiara identificazione della competenza economica. Determinare la competenza economica di un costo o di un ricavo significa determinare la loro partecipazione al risultato d’esercizio.

14 Corso di Economia Aziendale 14 Il principio della correlazione La competenza economica si stabilisce applicando il principio della correlazione, ovvero cogliendo i collegamenti tra i costi e i ricavi. COSTI DI COMPETENZA ECONOMICA Sono quei costi relativi a fattori produttivi utilizzati nella produzione attuata e venduta nel periodo considerato o che in esso sono maturati o hanno comunque avuto il correlato ricavo. Es. costi di acquisto di imballaggi, costi per servizi,...

15 Corso di Economia Aziendale 15 Il principio della correlazione RICAVI DI COMPETENZA ECONOMICA Sono ricavi di competenza economica di un dato esercizio i corrispettivi delle cessioni di beni e servizi che nel periodo amministrativo hanno avuto il correlato costo o che nello stesso sono economicamente maturati. Es. ricavi di vendita, i proventi finanziari, i proventi diversi. I costi non correlabili ai ricavi (ad esempio, la svalutazione di una attività patrimoniale) sono di competenza dell’esercizio in cui avviene la contabilizzazione.

16 Corso di Economia Aziendale 16 Costi e ricavi d’esercizio I costi ed i ricavi di competenza economica sono detti rispettivamente costi d’esercizio e ricavi d’esercizio, dalla cui somma algebrica si ottiene il risultato d’esercizio.

17 Corso di Economia Aziendale 17 Costi e ricavi non di esercizio Quando costi e ricavi non sono interamente di competenza, per il principio della competenza economica, essi devono essere: - rettificati, si deve cioè togliere dall’esercizio la parte di essi che è di competenza dell’esercizio successivo - integrati, si deve cioè aggiungere all’esercizio la quota di costi e di ricavi economicamente maturate anche in assenza di manifestazione finanziaria.

18 Corso di Economia Aziendale 18 Costi sospesi È un costo che va tolto all’esercizio in cui si è verificato finanziariamente e trasferito (“sospeso”) all’esercizio/i successivo/i. In tal modo si riducono i costi d’esercizio (e a parità di altre condizioni aumenta il risultato d’esercizio) e per la stessa quota si aumentano le attività del patrimonio di funzionamento. Es. rimanenze di magazzino

19 Corso di Economia Aziendale 19 Ricavi sospesi I ricavi sospesi sono ricavi verificatesi finanziariamente in un certo esercizio ma in parte di competenza dell’esercizio successivo. Nel momento in cui dal ricavo viene tolta la parte di ricavi sospeso contabilmente si assisterà ad una riduzione dei ricavi d’esercizio e all’aumenta le passività del patrimonio di funzionamento.

20 Corso di Economia Aziendale 20 Costi e ricavi futuri Sono costi e ricavi di competenza economica di un certo esercizio ma la cui manifestazione finanziaria (verranno cioè pagati o riscossi) nell’esercizio o negli esercizi successivi (costi e ricavi futuri).

21 Corso di Economia Aziendale 21 Il costo dei fattori produttivi a utilità pluriennale si manifestano finanziariamente nell’esercizio in cui gli stessi sono acquistati ma cedono la loro utilità (sono cioè di competenza economica) in più esercizi. I costi di acquisizione sono reintegrati, ovvero recuperati attraverso i ricavi di vendita che l’azienda consegue nei vari esercizi nei quali i fattori produttivi sono impiegati.

22 Il costo dei fattori produttivi a utilità pluriennale Il costo associato a tali beni è definito pluriennale, ad indicare la necessità di “ripartire” il costo tra i vari esercizi nei quali i relativi fattori sono utilizzati. La quota di costo pluriennale che viene attribuita a ciascun esercizio prende il nome di quota di ammortamento. Corso di Economia Aziendale 22

23 Caratteristiche del reddito di esercizio E’ una quantità: economica; astratta; mai certa nel suo valore; dinamica. Corso di Economia Aziendale 23

24 Corso di Economia Aziendale 24 Le diverse configurazioni di reddito

25 Corso di Economia Aziendale 25 Grazie per l’attenzione!


Scaricare ppt "Corso di Economia Aziendale 1 Il reddito. Corso di Economia Aziendale 2 La nozione di reddito Il reddito è definito come l’incremento (se positivo) o."

Presentazioni simili


Annunci Google