La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rivelatori a semiconduttore I rivelatori a semiconduttore sono allo stato solido (quindi densità circa 1000 volte maggiori di quelle di un gas) e hanno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rivelatori a semiconduttore I rivelatori a semiconduttore sono allo stato solido (quindi densità circa 1000 volte maggiori di quelle di un gas) e hanno."— Transcript della presentazione:

1 Rivelatori a semiconduttore I rivelatori a semiconduttore sono allo stato solido (quindi densità circa 1000 volte maggiori di quelle di un gas) e hanno una risoluzione migliore di quelli a gas (circa 30 eV/coppia) e degli scintillatori (circa 100 eV/fotoelettrone). Elettroni Lacune+ Impiegati a partire dal 1960 per la rivelazione delle radiazioni Altri vantaggi: spessore e dimensioni compatte, basse tensioni alimentazione, tempi di risposta veloci. Svantaggi: sensibili alla temperatura, danneggiamento da radiazione

2 Principi di funzionamento/1 Possiamo immaginarli come l’equivalente a stato solido di una camera a ionizzazione, con un mezzo solido semiconduttore. Differenza: occorrono circa 3 eV per creare una coppia elettrone- lacuna. A parità di energia depositata, il n. di coppie elettrone-lacuna è 10 volte maggiore che nei gas. Risoluzione: circa 3 volte migliore

3 Principi di funzionamento/2 A causa della struttura del materiale, nei semiconduttori banda di valenza e banda di conduzione sono separate da un gap relativamente piccolo (circa 1 eV), intermedio tra conduttori e isolanti

4 Principi di funzionamento/3 Per effetto della temperatura, o per effetto del passaggio di una radiazione ionizzante, un elettrone può passare dalla banda di valenza a quella di conduzione, lasciando una lacuna. Dopo la creazione di una coppia elettrone- lacuna, queste possono diffondere – in modo analogo a quanto avviene per elettroni/ioni in un gas – seguendo un moto casuale, con mobilità di elettroni e lacune circa eguali, oppure muoversi sotto l’azione di un campo elettrico.

5 Effetti termici Il numero di elettroni/lacune creato per effetto termico è legato alla temperatura da: Valori tipici a temperatura ambiente (T=300 K): /cm 3 (Germanio), 1 su 10 9 atomi /cm 3 (Silicio), 1 su atomi

6 Semiconduttori intrinseci e drogaggio In un semiconduttore puro (intrinseco) il numero di elettroni in banda di conduzione è eguale esattamente al numero di lacune in banda di valenza. Sia gli elettroni che le lacune contribuiscono alla conducibilità elettrica. Un materiale di questo genere è molto difficile da ottenere: le proprietà di un semiconduttore tendono ad essere governate anche da piccoli livelli di impurezze (drogaggio). La struttura del semiconduttore viene alterata dall’aggiunta di atomi pentavalenti (semiconduttori di tipo n) o trivalenti (semiconduttori di tipo p)

7 Semiconduttori di tipo n Aggiunta di un atomo pentavalente (Fosforo) nella struttura tetravalente del Silicio, nella proporzione di alcune parti per milione, con alterazione della struttura dei livelli e della proporzione tra n. di elettroni e lacune N. di elettroni di conduzione= /cm 3 (cariche maggioritarie) N. di lacune = 10 3 /cm 3 (cariche minoritarie) Semiconduttore di tipo n

8 Semiconduttori di tipo p Aggiunta di un atomo trivalente (Boro) nella struttura tetravalente del Silicio, nella proporzione di alcune parti per milione, con alterazione della struttura dei livelli e della proporzione tra n. di elettroni e lacune, stavolta opposta a quella precedente Semiconduttore di tipo p

9 Rivelatori con e senza giunzione I rivelatori a semiconduttore sono basati in genere sull’utilizzo di una giunzione n-p. Nei rivelatori senza giunzione il rumore di fondo dovuto alla presenza di cariche libere sarebbe infatti troppo elevato. La giunzione n-p si ottiene da un unico materiale, le cui estremità opposte vengono drogate di tipo n e di tipo p. Nella zona di contatto elettroni tenderanno a migrare dalla zona n alla zona p, e le lacune dalla zona p alla zona n, fino a raggiungere l’equilibrio.

10 Depletion layer Il risultato è la creazione di una zona di svuotamento (depletion layer). Applicando una ddp si allarga la zona di svuotamento, che costituirà il volume sensibile per la rivelazione delle particelle. Un rivelatore non alimentato funzionerà ancora come rivelatore, ma con prestazioni scadenti (rumore, risoluzione)

11 Rivelatori a giunzione I rivelatori a giunzione possono essere costruiti sfruttando diversi processi per creare la barriera: a)Rivelatori a diffusione b)Rivelatori a barriera superficiale c)Rivelatori a deriva di Litio

12 Rivelatori a barriera superficiale

13 Alcune proprietà Tempo di risposta: I rivelatori a semiconduttore sono molto veloci (impulsi con tempi di salita di alcuni ns) Risoluzione in energia: A causa del numero elevato di coppie create per unità di energia depositata, la risoluzione è elevata Finestra di ingresso e soglia in energia La presenza di una zona morta prima del volume sensibile introduce una soglia in energia (circa 10 KeV per alfa da 5 MeV) Danneggiamento da radiazione L’uso prolungato con radiazioni introduce dei difetti nel reticolo cristallino, con peggioramento delle caratteristiche (rumore, risoluzione. Aspetto critico negli esperimenti ad alta energia o nello spazio

14 Applicazioni nella spettroscopia di particelle cariche A causa delle loro proprietà (risoluzione, timing,…) sono molto usati nella spettroscopia di particelle cariche. Singoli rivelatori disponibili in un’ampia varietà di spessori (da pochi micron a 5000 micron) e di area sensibile (da pochi mm 2 ad alcuni cm 2 ) Sensibili con efficienza 100% a protoni, particelle alfa e ioni pesanti. Spessore da valutare in base al tipo di particella da rivelare e al range. Per elettroni, lo spessore dei rivelatori disponibili è in genere troppo piccolo per poterli arrestare.

15 Range di alfa in rivelatori al silicio

16 Alcuni sviluppi moderni Nei grandi rivelatori per la fisica delle alte energie l’uso dei rivelatori al silicio è aumentato sempre più negli ultimi decenni, soprattutto a causa della riduzione dei costi di produzione e dell’avvento della microelettronica. Nella maggior parte dei casi i rivelatori sono attraversati dalle particelle (di alta energia), da cui la necessità di avere spessori piccoli (per non disturbare le traiettorie delle particelle) Oggi quasi tutti gli esperimenti di alta energia e nello spazio usano ampiamente i rivelatori al silicio

17 Uso di rivelatori al silicio in grandi esperimenti

18 Tipologie moderne di rivelatori al silicio Le versioni recenti di rivelatori al silicio sfruttano le buone capacità di tracciamento (risoluzione spaziale) e risoluzione energetica Due possibili scelte: Readout continuo: rivelatori a drift al silicio (silicon drift) Readout discreto: rivelatori a pixel e a microstrip drift pixel strip

19 Rivelatori a microstrip di silicio h+ e _ _ _ _

20 Rivelatori a drift di silicio P+ n+ n Particle

21 Main Features Colonne Righe Rivelatori a pixel I rivelatori a pixel sono matrici di singoli rivelatori corredate della opportuna elettronica montata a stretto contatto con il rivelatore. La cella (o le celle) colpite indicano la posizione (X,Y) relativa al passaggio della traccia, con risoluzioni dell’ordine della decina di micron.

22 Struttura di un rivelatore a pixel ibrido Rivelatori a pixel

23 Rivelatori a pixel in ALICE Prototype Cell size No. of cells Technology Omega 2 75 x x 63 3  Omega 3 50 x x  ALICE1 test 50 x x  ALICE2 test 50 x x  ALICE1 50 x x 

24 In ALICE il singolo rivelatore è una matrice di 8192 celle (50 x 425 micron) accoppiate ad altrettante celle di elettronica: il tutto in 1 cm 2 Rivelatori a pixel in ALICE

25 Bump bonding

26 Rivelatori a pixel in ALICE For ALICE each wafer has 86 readout chips Tests to be carried out on each chip: Current consumption (analog/digital) JTAG functionality Scan of all DACs Determination of minimum threshold Complete threshold scan of pixel matrix

27 Rivelatori a pixel in ALICE MB-card Power Supply VME-crate with pilot and JTAG controller Bridge to PC Power Supply Probe Station with Probe Card CLEAN ROOM

28 Rivelatori a pixel in ALICE 35 (41%)14 (16.5%)36 (42%)30 (35%)III 5 (6%)8 (9%) 10 (12%)II 37 (43%)64 (74.5%)36 (42%)46 (53%)I AV9VGWTAZ9VETTAB9VHXTAM9VG4TCLASS Chips classified as Class I (to be bump-bonded), Class II (minor defects), Class III (major defects)

29 I due strati più interni del rivelatore ALICE sono equipaggiati con pixel di silicio, per un totale di 1200 chip corrispondenti a 9.6 milioni di canali Rivelatori a pixel in ALICE

30 Rivelatori a pixel: il prossimo futuro

31 Danneggiamento da radiazione Many effects (not fully understood) involved in the radiation damage of silicon detectors Dose = Deposited energy/Mass (1 Gray = 1 Joule/kg = 100 rad) However, dose is not enough to understand the problem! Effects are dose dependent and particle species dependent! Bulk effects and Surface effects

32 Danneggiamento da radiazione Surface Damage Electronics Sensitive components are located close to the surface Bulk Damage Detectors Full bulk is sensitive to passing charged particles

33 Danneggiamento da radiazione Total Ionizing Dose (TID) Ionisation in the SiO2 and SiO2- Si interface creating fixed charges (all devices can be affected) Cumulative Effects Displacement Defects (bipolar devices, opto- components) Permanent (e.g. single event gate rupture SEGR) Static (e.g. single event upset SEU) Transient SEEs Single Event Effects (SEE)

34 Danneggiamento da radiazione a LHC At LHC, head-on collisions of protons (7 TeV on 7 TeV) and heavy ions (5.5 ATeV) will produce a lot of particles crossing silicon detectors! L max ~10 34 cm -2 s -1 At  = 4 cm ~ (neq) cm -2 in 10 years (>85% charged hadrons) ! RADIATION DAMAGE !

35 total dosefluence 1MeV n eq. [cm -2 ] after 10 years ATLAS Pixels50 Mrad1.5 x ATLAS Strips7.9 Mrad~2 x CMS Pixels~24Mrad~6 x * CMS Strips7.5 Mrad1.6 x ALICE Pixel500 krad~2 x LHCb VELO- 1.3 x /year** *Set as limit, inner layer reaches this value after ~2 years **inner part of detector (inhomogeneous irradiation ) Danneggiamento da radiazione a LHC


Scaricare ppt "Rivelatori a semiconduttore I rivelatori a semiconduttore sono allo stato solido (quindi densità circa 1000 volte maggiori di quelle di un gas) e hanno."

Presentazioni simili


Annunci Google