La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Donne e lavoro in Piemonte Mauro Durando Osservatorio Regionale sul Mercato del Lavoro 17 dicembre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Donne e lavoro in Piemonte Mauro Durando Osservatorio Regionale sul Mercato del Lavoro 17 dicembre 2008."— Transcript della presentazione:

1 Donne e lavoro in Piemonte Mauro Durando Osservatorio Regionale sul Mercato del Lavoro 17 dicembre 2008

2 Vista in un’ottica di lungo periodo la performance occupazionale femminile è stata nettamente migliore di quella maschile. Gli uomini sono stati penalizzati dalla progressiva caduta dell’occupazione nell’industria, mentre le donne sono state favorite dall’espansione delle attività terziarie, dove tendono a collocarsi.

3

4 La presenza femminile fra gli occupati resta comunque minoritaria, anche se la loro quota è significativamente aumentata nel tempo. La riduzione del divario di genere nell’occupazione è stata determinata sia dalla crescita delle lavoratrici, sia dalla rilevante flessione degli uomini occupati.

5

6 Tuttavia, se restringiamo la visuale agli ultimi anni, osserviamo come, in un contesto generale di espansione occupazionale, sia pur contenuta, la tendenza al progressivo aumento della presenza femminile, verso il raggiungimento di un sostanziale equilibrio di genere, si è arrestata nella fase di crisi economica, tornando a crescere solo nel successivo periodo di ripresa. L’incidenza delle lavoratrici, che aveva raggiunto il 42,6% nel 2002, è scesa nel 2005 al 41,9%, e solo l’anno successivo è risalita, recuperando i livelli di partenza.

7

8 Come il grafico seguente ben evidenzia, secondo le stime ISTAT la crisi industriale ha colpito pesantemente le lavoratrici, con una flessione delle addette all’industria di quasi il 25% tra il 2002 e il 2004 ( unità). E’ questa la ragione della riduzione della presenza femminile tra gli occupati in tale periodo, perché prosegue ad un ritmo sostenuto la crescita dell’occupazione delle donne nel terziario. Un fenomeno analogo pare si stia ripetendo: nel I semestre 2008, la caduta dell’occupazione industriale investe in misura più che proporzionale le lavoratrici.

9

10 Per conseguenza, i servizi rappresentano sempre di più l’area di assorbimento principale della manodopera femminile. Le donne, inoltre, tendono a concentrarsi nel lavoro alle dipendenze: le lavoratrici autonome nel 2007 sono il 20,2% delle donne occupate, contro una percentuale del 32% fra gli uomini.

11

12 Nel terziario le lavoratrici sono il 54% del totale nel 2007, ma la quota sale al 78% nel comparto istruzione e sanità e raggiunge il massimo dell’84,2% nei servizi personali e familiari. La quota maschile, per contro, è largamente maggioritaria in agricoltura, nelle attività industriali in genere e nel ramo trasporti e comunicazioni.

13

14 Se per segregazione orizzontale di genere, riferita cioè alla composizione dell’occupazione per settore, si intende il superamento della quota dei 2/3 per l’uno o per l’altro sesso, l’area caratterizzata da una ripartizione di genere squilibrata copre il 60% circa del totale, con una fetta maschile di dimensione doppia di quella femminile.

15

16 Al di là dei valori quantitativi, tuttavia, l’occupazione femminile ha un “peso specifico” più basso di quella maschile, sia in relazione alla posizione nella professione, sia in rapporto alla stabilità dell’impiego e alle ore lavorate. Come illustra il grafico successivo, le donne sono fortemente sottorappresentate fra i dirigenti e fra le figure imprenditoriali, mentre si concentrano nei dipendenti fra gli impiegati esecutivi, e nei lavoratori autonomi fra le posizioni di carattere para- subordinato o assimilabili, con ovvie ricadute sui livelli retributivi.

17

18 Il 12,4% delle lavoratrici alle dipendenze, inoltre, detiene un’occupazione temporanea, contro l’8,8% degli uomini: la quota di occupate precarie sale al 50% fra le giovani tra 15 e 24 anni, a fronte del 46% maschile, ma il divario di genere si accentua con l’età con uno scarto massimo tra i 35 e i 44 anni (9% femminile, contro 4,2% maschile). L’incidenza del part-time, che la nuova indagine ISTAT ha notevolmente rialzato, raggiunge in Piemonte il 24,3% fra le donne, contro il 4,2% degli uomini.

19

20 Il volume di lavoro prodotto dalle donne, a parità di teste interessate, risulta molto più basso di quello maschile, sia per il part-time, sia per le assenze legate alla maternità o alla cura dei figli, sia per il maggior ricorso degli uomini a prestazioni straordinarie. Quindi, il peso relativo delle donne occupate scende di ben 5 punti percentuali, se si guarda alle ore di lavoro effettive.

21

22 Il tasso di occupazione è dato dal rapporto % tra occupate e popolazione in età di anni. Nel 2007 in Piemonte il valore femminile è pari al 56,3%, quello maschile al 73,4%, con un divario di genere di 17 punti percentuali. Il grafico seguente evidenzia le forti differenze territoriali e la difficoltà per l’Italia di raggiungere entro il 2010 la quota del 60% per le donne, uno degli obiettivi fondamentali della Strategia Europea per l’Occupazione. Solo l’Emilia-Romagna ha già raggiunto nel 2005 tale soglia; in Piemonte il tasso dovrebbe crescere mediamente di 1,2 punti all’anno per arrivare al 60% nel Tra il 2000 e il 2005 l’incremento medio annuo è stato di 0,8 punti, ma nel 2007 il ritmo di crescita si è dimezzato, ed è improbabile che si possa registrare un’accelerazione del dato di qui al 2010.

23

24 Il divario di genere in termini di tasso di occupazione si amplia al crescere dell’età, a partire dai 25 anni, mentre è relativamente contenuto fra i giovani. Il dato femminile ha comunque registrato nell’ultimo decennio un aumento ragguardevole nelle classi di età centrali, tra i 35 e i 54 anni: tra il 1993 e il 2007 il tasso di occupazione medio in questa fascia ventennale è salito di ben venti punti percentuali, dal 52,5% al 72,7%. In generale, la curva dell’occupazione scende bruscamente dopo i 50 anni: l’UE ha previsto di raggiungere entro il 2010 un tasso di occupazione del 50% fra i 55 e i 64 anni, ma attualmente in Piemonte il dato si colloca solo al 29,4% (22,1% per le donne, 37% per gli uomini).

25

26 La disoccupazione, individuata secondo gli standard internazionali, considerando cioè solo le persone immediatamente disponibili a lavorare e con azioni concrete di ricerca negli ultimi 30 giorni, si distribuisce diversamente fra uomini e donne in relazione all’età. Fra le donne, è più ampia la fascia centrale, fra i 30 e 49 anni, per la forte spinta al lavoro esercitata dalle donne adulte in cerca di reinserimento lavorativo, mentre gli uomini sono più presenti in proporzione ai due estremi della scala delle età: fra i giovani, per la tendenza a effettuare un minore investimento in istruzione, fra gli over 50, dove il divario di genere a sfavore della componente maschile è più evidente, per il peso della disoccupazione in età matura derivante dalla crisi industriale.

27

28 Il tasso di disoccupazione è sensibilmente diminuito in Piemonte negli ultimi 15 anni, ma anche il divario di genere si è ridotto: da un massimo di 1:2,4 nel 1999 è sceso nel 2007 a 1:1,5, cioè 3,5% per gli uomini contro 5,2% per le donne. I livelli di disoccupazione restano comunque molto più elevati tra i giovani, e la disoccupazione piemontese, in linea con quella italiana, mostra una prevalenza di giovani e donne, anche se la componente adulta è in aumento.

29

30

31 Il grafico seguente mostra il buon rendimento del titolo di studio per le donne: i livelli di disoccupazione femminile diminuiscono sensibilmente al crescere del grado di istruzione, anche per la presenza di numerose donne adulte a bassa qualifica, mentre le barre maschili risultano abbastanza allineate, con miglioramenti marginali all’aumentare del livello di scolarità.

32

33 La disoccupazione ufficiale, come prima definita, non rende però conto dell’insieme di persone che dichiarano di essere in cerca di lavoro, cioè dell’offerta di lavoro esplicita o potenziale presente sul mercato del lavoro piemontese. Questa conta, tra le donne, nel 2006, persone: oltre alle disoccupate riconosciute come tali, ci sono donne che affermano di cercare lavoro ma non risultano disponibili o non hanno svolto azioni concrete di recente, e occupate in cerca di un nuovo impiego e disponibili ad accettarlo.

34

35 La presenza femminile è prevalente in tutte le componenti dell’offerta di lavoro, con un massimo del 67% fra la disoccupazione potenziale, ad indicare come le statistiche ufficiali diano un’immagine parziale dell’effettiva consistenza delle donne in cerca di lavoro, pur evidenziandone il segmento più significativo. Da notare come le donne siano la maggioranza anche fra gli occupati in cerca di lavoro, pur essendo una minoranza in questo aggregato, un dato che conferma la relativa debolezza dell’occupazione femminile.

36


Scaricare ppt "Donne e lavoro in Piemonte Mauro Durando Osservatorio Regionale sul Mercato del Lavoro 17 dicembre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google