La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I primi regni nazionali e la restaurazione dell’impero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I primi regni nazionali e la restaurazione dell’impero."— Transcript della presentazione:

1 I primi regni nazionali e la restaurazione dell’impero

2 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

3 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

4 Ultime incursioni in Europa Invasioni e razzie di Ungari, Saraceni e Normanni. A Lechfeld Ottone I pone fine alle scorrerie degli Ungari, che si convertono al cristianesimo e fondano il regno d’Ungheria. I Normanni invadono il nord e il sud Europa: si stanziano in Francia e Inghilterra. Le scorrerie dei Saraceni interessano la Provenza, la Spagna, l’Italia meridionale e la Sicilia.

5 Gli Ungari Gli Ungari sono un popolo di stirpe mongolica che si stabilisce lungo il Danubio. Da qui partono per scorrerie in tutta l’Europa centrale e nell’Italia settentrionale.

6 Gli Ungari Subiscono una definitiva sconfitta nella battaglia di Lechfeld nel 955 ad opera di Ottone I. Rientrano nei loro territori e costituiscono il regno d’Ungheria, dopo essersi convertiti al cristianesimo.

7 I Saraceni I pirati arabi, detti Saraceni, infestano le coste del Mediterraneo. Stabiliscono inoltre un dominio permanente sulla Sicilia per due secoli: dal 902 al 1091.

8 I Normanni I Normanni o Vichinghi sono una popolazione stanziata nella penisola scandinava. Sono suddivisi in Danesi, Norvegesi e Svedesi o Vareghi. Dal IX secolo si spostano in varie direzioni.

9 I Normanni I Vareghi si spostano in Russia e Ucraina intorno al IX secolo, dove fondano floridi principati. In seguito vengono a contatto, attraverso scambi commerciali lungo i fiumi, con l’impero bizantino e si convertono al cristianesimo.

10 I Normanni Gruppi di Danesi si stabiliscono in Normandia, riconosciuta loro come feudo nel 912. Qui si convertono al cristianesimo e adottano la lingua francese.

11 I Normanni Dalla Normandia, i Normanni partono alla conquista dell’Inghilterra, guidati da Guglielmo il Conquistatore. Nel 1066 sconfiggono gli Anglosassoni durante la battaglia di Hastings e prendono possesso dell’Inghilterra dando vita a una monarchia stabile.

12 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

13 Primi stati nazionali Disgregazione del Sacro romano impero carolingio.

14 Anarchia feudale Estrema debolezza dei successori carolingi Sono spesso in lotta fra loro e in continua disputa con l’autorità centrale. I signori feudatari diventano sempre più indipendenti. Incastellamento: estrema frammentazione del potere. Nuovi pericoli da popolazioni aggressive

15 Primi stati nazionali Guglielmo il Conquistatore dà vita a una dinastia monarchica che rimarrà salda fino al XII secolo. Inghilterra Europa Orientale Scandinavia Si costituiscono le monarchie di Norvegia, Svezia e Danimarca. Regni slavi di Croazia, Boemia, Serbia, Polonia. Regno di Bulgaria e regno di Ungheria. Francia Nel 987 Ugo Capeto viene eletto re e avvia un lungo processo di unificazione territoriale. Spagna Nel nord cristiano sorgono piccoli regni: Navarra, Leon, Aragona e Castiglia.

16 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

17 Germania e Italia I regni di Germania e Italia mantengono un’accentuata frammentazione. In Germania si impone la casata dei Sassoni: Ottone diviene re (936) e avvia una politica di consolidamento ed espansione territoriale. L’anarchia e le divisioni presenti nel regno d’Italia inducono Ottone a conquistarne la corona.

18 Il regno di Germania Dopo la nascita del regno di Germania, il potere si concentra nelle mani di cinque casate feudali in conflitto fra loro. Ferma le incursioni di Slavi e Ungari. Enrico I di Sassonia re dal 918 Le altre casate si rendono conto della necessità di un forte potere centrale e designano Ottone I re di Germania nel 936. Indica il proprio successore nel figlio Ottone I, pur essendo la carica elettiva.

19 La situazione italiana Nel Regno d’Italia, come in Germania, il sistema feudale ha favorito l’anarchia fra i nobili. Nord Sud Roma Lo Stato della Chiesa è lacerato dai conflitti fra le famiglie aristocratiche. Nel sud la situazione è estremamente caotica: coesistono i restanti domini bizantini in Puglia e Calabria, il ducato di Benevento longobardo, quello di Spoleto collegato al regno d’Italia, gli Arabi in Sicilia. Anche l’Italia si trova in una situazione di estrema frammentazione, complicata dalla presenza di numerosi centri di potere.

20 887 Crollo dell’impero carolingio e nascita del regno d’Italia. Nel 950 Berengario II, marchese di Ivrea, si impossessa della corona uccidendo il predecessore Lotario. I signori feudali si scontrano per oltre sessanta anni contendendosi la corona di re. La vedova di Lotario chiede aiuto a Ottone I. Il regno d’Italia Ottone I coglie l’occasione per estendere il suo regno verso sud.

21 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

22 Il Sacro romano impero germanico Ottone diviene imperatore: nasce il Sacro romano impero germanico (962). Con il Privilegio ottoniano e la creazione dei vescovi-conti viene affermato il primato dell’impero sul papato.

23 Ottone I in Italia Ottone I, con due spedizioni successive in Italia, dà nuovamente vita all’impero. 951 Il sacro romano impero germanico presenta notevoli differenze con quello carolingio. 962 Dopo aver sconfitto Berengario II, viene incoronato re d’Italia a Pavia. Sceso una seconda volta in Italia per sedare le rivolte dei nobili, viene incoronato imperatore da papa Giovanni XII.

24 Differenze con l’impero carolingio Dimensione ridotta rispetto al passato Debolezza dovuta al sistema feudale Sistema di successione elettivo Cambiamenti nei rapporti con il papato

25 Il Privilegio ottoniano del 962 Lo stesso anno della consacrazione a imperatore, Ottone I si arroga il diritto di intervenire nella scelta del papa. Estrema conflittualità dell’ambiente romano Ottone I rovescia il rapporto fra impero e papato che aveva instaurato Carlo Magno. Vicinanza territoriale ai confini dello Stato della Chiesa L’imperatore può facilmente affermare la superiorità del suo potere temporale su quello della Chiesa.

26 I vescovi-conti Ottone I utilizza la feudalità ecclesiastica per ottenere un duplice risultato. Rafforzamento della sua posizione nei confronti dei signori feudali I vescovi-conti manifestano la rapida decadenza morale della Chiesa. Non ereditarietà del feudo e conseguente maggior controllo sul territorio La creazione dei vescovi-conti comporta anche conseguenze per la Chiesa. Si apre un conflitto fra papato e impero destinato a perdurare.

27 Le campagne in Italia Ottone I riesce a sottomettere i ducati di Benevento e di Capua; l’imperatore bizantino gli riconosce il titolo imperiale Ottone II scende di nuovo in Italia meridionale, ma viene sconfitto a Stilo da una coalizione di Bizantini, Arabi e duchi longobardi Anche Ottone III cerca di riportare il baricentro dell’impero in Italia, incorrendo nel malumore della nobiltà germanica Enrico II scende più volte in Italia per stroncare le velleità autonomiste dei nobili italiani e del marchese Arduino d’Ivrea

28 Conseguenze per Italia e Germania La priorità politica data alla conquista dell’Italia da parte della dinastia sassone ha effetti duraturi nella storia di entrambi i paesi. Infine, il rapporto fra i due paesi sarà caratterizzato a lungo da discordia e diffidenza. Il rapporto di vassallaggio dell’Italia costituirà un freno allo sviluppo di una autorità accentratrice e di un sentimento nazionale. Anche il processo di unificazione tedesco verrà bloccato dalla continua attenzione data alle vicende italiane.

29 Ultime incursioni in Europa Germania e Italia Primi stati nazionali I Normanni nell’Italia meridionale Il Sacro romano impero germanico

30 I Normanni nell’Italia meridionale

31 L’arrivo dei Normanni Il sud Italia è dilaniato da continue lotte fra i vari stati indipendenti costituiti dalla stratificazione degli insediamenti nei secoli. Vi convivono ducati longobardi, domini bizantini, colonie arabe; premono inoltre dal nord lo Stato della Chiesa e l’impero. I Normanni si offrono come mercenari nelle dispute locali Rainulfo di Drengot ottiene la contea di Aversa. Roberto il Guiscardo, degli Altavilla, costituisce il grande ducato di Melfi.

32 La coalizione contro i Normanni viene sconfitta a Civitate sul Fortore Lo Stato della Chiesa ha bisogno di un alleato forte. I Normanni hanno bisogno di legittimazione. La Chiesa di Roma giunge alla rottura completa con l’impero bizantino. Scisma d’Oriente Accordo di Melfi I Normanni e il papato Lo Stato della Chiesa è inizialmente ostile alla formazione di un blocco di potere unitario nell’Italia del sud.

33 I Normanni si dichiarano vassalli del papa Accordo di Melfi Il papa concede il riconoscimento formale dei possedimenti degli Altavilla in Puglia e Calabria. Anche Riccardo Drengot ottiene la legittimazione sul principato di Capua.

34 Roberto Altavilla conquista i restanti territori del Sud Italia Totale occupazione della Sicilia Il fratello Ruggero I sbarca in Sicilia e affronta gli Arabi. Il regno normanno Unificazione sotto Ruggero II Potere centralizzatoAmministrazione efficiente Prosperità economica


Scaricare ppt "I primi regni nazionali e la restaurazione dell’impero."

Presentazioni simili


Annunci Google