La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La gestione di alunni con difficoltà relazionali e comportamentali Relatore Dott. Mauro Mario Coppa -psicoterapeuta, pedagogista- Direttore Ci.Erre.E.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La gestione di alunni con difficoltà relazionali e comportamentali Relatore Dott. Mauro Mario Coppa -psicoterapeuta, pedagogista- Direttore Ci.Erre.E."— Transcript della presentazione:

1 la gestione di alunni con difficoltà relazionali e comportamentali Relatore Dott. Mauro Mario Coppa -psicoterapeuta, pedagogista- Direttore Ci.Erre.E. Centro Risorse per l’Educazione- Ancona

2 Ci.Erre.E. Centro Risorse per l’Educazione- Via Madre Teresa di Calcutta, 1- Ancona Screening precoce dei DSA e DSL Programmi didattici di potenziamento cognitivo, comunicativo, adattivo-sociale «Coaching educativo» a scuola e casa con training intensivi curati da un insegnante specializzato Consigli educativi a genitori di bambini con deficits di attenzione e iperattività,D.S.L, D.S.A. disturbi del comportamento, disabilità Verifica in progress degli esiti dei programmi e monitoraggio degli apprendimenti

3 Il «Protocollo Coppa» per la gestione delle problematiche comportamentali in classe Obiettivi: Fornire strumenti operativi per : 1. Screening di 1° livello 2. Protocollo di intervento educativo individualizzato per sezioni (scuola d’infanzia, primaria, secondaria di 1° e 2° grado) attraverso Osservazioni sistematiche e analisi funzionale Osservazioni sistematiche e analisi funzionale Utilizzo di materiali diagnostici Utilizzo di materiali diagnostici Strategie educative e procedure di gestione di problematiche comportamentali e relazionali Strategie educative e procedure di gestione di problematiche comportamentali e relazionali

4 I disturbi del comportamento in classe: alcuni dati 36% di compresenza di DDAI e disturbo della condotta 36% di compresenza di DDAI e disturbo della condotta 59% per il disturbo oppositivo provocatorio 59% per il disturbo oppositivo provocatorio Il DDAI ha un’incidenza tra il 3% ed il 5% dei bambini in età scolare Il DDAI ha un’incidenza tra il 3% ed il 5% dei bambini in età scolare Il 32% di bambini con DDAI (componente impulsività/iperattività) è coinvolto nel fenomeno del bullismo Il 32% di bambini con DDAI (componente impulsività/iperattività) è coinvolto nel fenomeno del bullismo

5 Classificazione delle funzioni dei comportamenti problematici Maggiori tassonomie: Maggiori tassonomie: 1. Ricevere attenzione, approvazione, premi tangibili, stimolazione sensoriale 2. Evitare una stimolazione, attenzione, compiti/attività 3. Fuga/evitamento da situazioni non gradite 4. Potere/controllo; espressione di sé; gratificazione, vendetta

6 Indici predittivi di alunni con quadro comportamentale a rischio 1. La gravità dei sintomi 2. La pervasività dei sintomi 3. Le difficoltà socio-relazionali

7 Principali cause di difficoltà nella gestione dei disturbi del comportamento Diagnosi tardiva Diagnosi tardiva Strumenti diagnostici poco efficaci Strumenti diagnostici poco efficaci Inadeguata presa in carico da parte della rete educativa Inadeguata presa in carico da parte della rete educativa Mancanza di percorsi di consulenza e formazione per genitori ed insegnanti Mancanza di percorsi di consulenza e formazione per genitori ed insegnanti

8 Alunni con Disturbo oppositivo-provocatorio Caratterizzato da: Comportamento negativistico, Comportamento negativistico, disobbediente, disobbediente, ostile verso l’autorità, ostile verso l’autorità, opposizione attiva e rifiuto di regole opposizione attiva e rifiuto di regole Insorgenza: prima dei 18 aa. Frequenza: comune in genitori con disturbi dell’umore,in grave disaccordo coniugale, comune in genitori con disturbi dell’umore,in grave disaccordo coniugale, madri con disturbo depressivo madri con disturbo depressivo

9 Alunni con Disturbo della Condotta Caratterizzato da comportamenti ripetitivi e persistenti di. Aggressività fisica verso persone Aggressività fisica verso persone Aggressività verso cose, oggetti Aggressività verso cose, oggetti Frode/furto Frode/furto Gravi violazioni di regole Gravi violazioni di regole Insorgenza: anche in età prescolare, fino all’adolescenza Cause: familiarità (genitore con disturbo antisociale di personalità,dell’umore) antisociale di personalità,dell’umore)

10 Alunni con Deficit di attenzione ed iperattività Caratterizzato da Inattenzione Inattenzione Impulsività Impulsività Iperattività Iperattività Insorgenza: prima dei 7 anni Comorbilità con D.O.P., D.C, D.S.A. Cause: genetiche (nei maschi piùfrequente) ed ambientali apprese

11 Le famiglie di bambini con disturbi comportamentali I genitori presentano atteggiamenti di scarsa coerenza educativa I genitori presentano atteggiamenti di scarsa coerenza educativa Spesso le relazioni disfunzionali anche a casa si cronicizzano Spesso le relazioni disfunzionali anche a casa si cronicizzano Presentano rabbia, sfiducia, sensi di colpa Presentano rabbia, sfiducia, sensi di colpa Scaricano le tensioni alla ricerca del capro espiatorio Scaricano le tensioni alla ricerca del capro espiatorio Ineluttabilità, misconoscimento, spesso rassegnazione verso i disturbi del proprio figlio Ineluttabilità, misconoscimento, spesso rassegnazione verso i disturbi del proprio figlio

12 Quali strumenti valutativi usare? D.D.A.I (ADHD) Test MF: è una prova di confronto di figure che valuta l’attenzione sostenuta ed il controllo della risposta impulsiva (per scuola primaria, secondaria 1° grado). Test MF: è una prova di confronto di figure che valuta l’attenzione sostenuta ed il controllo della risposta impulsiva (per scuola primaria, secondaria 1° grado). Gli alunni impulsivi agiscono senza riflettere, non rispettano i turni, agiscono senza riflettere, non rispettano i turni, non pensano alle conseguenze delle proprie azioni, non pensano alle conseguenze delle proprie azioni, compiono più errori quando leggono, compiono più errori quando leggono, tendono verso giochi o attività con ricompensa immediata, tendono verso giochi o attività con ricompensa immediata, A rischio di insuccessi nei primi anni della primaria A rischio di insuccessi nei primi anni della primaria

13 Quali strumenti valutativi usare? D.D.A.I: (ADHD) Scala SDAI (versione insegnante) valuta disattenzione (items dispari) e iperattività (item pari) (critico il punteggio pari o superiore a 14 in almeno una delle due scale) Scala SDAI (versione insegnante) valuta disattenzione (items dispari) e iperattività (item pari) (critico il punteggio pari o superiore a 14 in almeno una delle due scale) Test CP: valuta l’attenzione visiva sostenuta (maggior numero di omissioni ed errori in alunni con tratti di disattenzione e iperattività) Test CP: valuta l’attenzione visiva sostenuta (maggior numero di omissioni ed errori in alunni con tratti di disattenzione e iperattività)

14 Quali strumenti valutativi usare? Disturbo della condotta/disturbo oppositivo- provocatorio Test SEDS: scala di valutazione (32 items) adatta per alunni dai 5 anni fino ai 18 Obiettivi: Facilita l’identificazione di alunni con disturbi emozionali e comportamentali Facilita l’identificazione di alunni con disturbi emozionali e comportamentali Individua più precisamente alcune categorie di comportamento problematico Individua più precisamente alcune categorie di comportamento problematico Individua relazioni interpersonali critiche tra alunno/i e docenti Individua relazioni interpersonali critiche tra alunno/i e docenti

15 Quali strumenti valutativi usare? Disturbo della condotta/disturbo oppositivo- provocatorio Scala COM: questionario osservativo (30 items) adatta per alunni dalla 3 alla 5 classe primaria Problematiche rilevate Apprendimento scolastico e sociale Apprendimento scolastico e sociale Presenza di tic vocali e motori Presenza di tic vocali e motori Comportamenti aggressivi Comportamenti aggressivi Comportamenti oppositivo/provocatori Comportamenti oppositivo/provocatori Difficoltà comunicative/stereotipie Difficoltà comunicative/stereotipie Tristezza, stanchezza, autosvalutazione Tristezza, stanchezza, autosvalutazione Preoccupazione e ansia Preoccupazione e ansia

16 La gestione dei comportamenti problema gravi in classe - Il piano di trattamento è Il piano di trattamento è ed interessa: ed interessa:

17 Dinamiche relazionali dei bambini con disturbi del comportamento 1 Quelli con disturbi non hanno amici che possano stimolare comportamenti sociali adeguati, anzi si affiliano con coetanei devianti Quelli con disturbi non hanno amici che possano stimolare comportamenti sociali adeguati, anzi si affiliano con coetanei devianti Hanno posizioni marginali ed ininfluenti all’interno della classe Hanno posizioni marginali ed ininfluenti all’interno della classe

18 Dinamiche relazionali dei bambini con disturbi del comportamento 2 Tendono ad essere meno accettati ed identificati per i loro comportamenti negativi (es. aggressività) Tendono ad essere meno accettati ed identificati per i loro comportamenti negativi (es. aggressività) Le conseguenze emozionali del rifiuto dei pari sono spesso considerate la causa dei problemi di adattamento Le conseguenze emozionali del rifiuto dei pari sono spesso considerate la causa dei problemi di adattamento

19 Gli interventi educativi «indiretti» sulle competenze sociali della classe

20 Atteggiamenti e comportamenti positivi diretti ad aiutare o beneficiare un’altra persona o un gruppo di persone, senza ricevere ricompense

21 Componenti e Funzioni della prosocialita’ Componenti Stimolare la valutazione positiva dell’altro bambino (Luigi mi abbraccia forte) Stimolare la valutazione positiva dell’altro bambino (Luigi mi abbraccia forte) Stimolare un atteggiamento non egocentrico (cosa sta pensando adesso, che mi stringe le mani..) Stimolare un atteggiamento non egocentrico (cosa sta pensando adesso, che mi stringe le mani..)Funzioni Aiutare fisicamente il bambino ad azionare un gioco Aiutare fisicamente il bambino ad azionare un gioco consegnare in mano la merenda consegnare in mano la merenda Condividere, ovvero offrire la propria merenda, giocare insieme allo stesso gioco Condividere, ovvero offrire la propria merenda, giocare insieme allo stesso gioco Gesti di intimità, come fare una carezza, gratificare il bambino con un “Bravo” Gesti di intimità, come fare una carezza, gratificare il bambino con un “Bravo”

22

23 Training di abilità prosociali in scuola primaria Passi programmatici Passi programmatici  Esperienze in classi relative ad alcune unità prosociali unità prosociali Stati d’animo e reazioni Stati d’animo e reazioni Donare Donare Ascolto Ascolto Empatia Empatia Aiuto fisico Aiuto fisico  Modellamento di atteggiamenti adeguati nelle relazioni tra compagni di classe

24

25 La promozione del benessere… Metodologia di lavoro: Metodologia di lavoro: Il “Circle time” favorisce la riflessione condivisa sulla libera espressione delle proprie emozioni e sentimenti, e di quelle altrui Il “Circle time” favorisce la riflessione condivisa sulla libera espressione delle proprie emozioni e sentimenti, e di quelle altrui Sviluppa il senso di consapevolezza e di padronanza rispetto alle emozioni Sviluppa il senso di consapevolezza e di padronanza rispetto alle emozioni

26 La promozione del benessere… Le regole: Le regole: 1. Ogni partecipante ha il diritto di parlare ed il dovere di ascoltare 2. Mentre un alunno parla, gli altri ascoltano senza interrompere, criticare, deridere ecc. 3. Aspettare il proprio turno per parlare 4. Rimanere al proprio posto

27 Gli interventi educativi «diretti» con l’alunno con problemi comportamentali

28 I gruppi di apprendimento cooperativo Definizione:Il bambino viene inserito in un gruppo di lavoro con altri alunni della classe È un modo per: È un modo per: 1. Far cooperare e lavorare insieme gli alunni, per raggiungere obiettivi didattici 2. Adattarsi alle reciproche caratteristiche 3. Promuovere e sostenere interazioni sociali positive sulla base della imitazione, reciprocità e complementarietà

29 Condizioni per un efficace apprendimento cooperativo 1. Eliminare simboli e stimoli di competitività 2. Usare un linguaggio cooperativo 3. Creare la sensazione di coesione ed appartenenza del gruppo 4. Stimolare gli alunni a vedere gli altri come risorse 5. Stimolare gli alunni a riconoscere i successi degli altri

30 Il Tutoring Definizione: affidare agli alunni responsabilità educative nei confronti di altri alunni Passi procedurali: Passi procedurali: 1. Definizione degli obiettivi 2. Scelta del tutor (naturale/strategico) 3. Preparazione del tutor 4. Durata del tutoring 5. Guida e supervisione del tutor

31

32 Il Contratto Educativo Premessa: Premessa: l’aggressività cresce anche da sistemi disciplinari incoerenti, senza chiare regole da seguire, né sanzioni previste È un impegno del tipo “ se..allora ” per cui lo studente ( o la classe) riceve gratifiche in relazione a comportamenti positivi Stabilire regole chiare scritte, o con immagini, in cui viene specificato ciò che non viene ammesso, ed i comportamenti positivi attesi negoziati tra le parti, equi, e chiari I termini del contratto debbono essere negoziati tra le parti, equi, e chiari

33 La Token economy Prevede l’assegnazione di gettoni (tokens) in relazione al comportamento appropriato (costo della risposta) Il ritiro sistematico ed immediato (costo della risposta) in relazione a comportamenti devianti congrua gratifica Il “monte-tokens” può essere scambiato con una congrua gratifica in base al tipo di richiesta tabellone delle regole”, Occorre organizzare lo spazio della classe per costruire il “tabellone delle regole”, dove attaccare i tokens mediatori cognitivi quali l’autoistruzione Eliminare gradualmente il sistema quando il/i bambini non hanno più bisogno di aiuti esterni,ma utilizzano mediatori cognitivi quali l’autoistruzione

34

35

36 Dr. Mauro Mario Coppa -psicoterapeuta, pedagogista Direttore Ci.Erre.E.- Centro Risorse per l’Educazione, Ancona

37 A scuola poche risorse per l’intervento individualizzato e affollamento delle classi poche risorse per l’intervento individualizzato e affollamento delle classi problematiche complesse, difficoltà di attenzione e concentrazione, insofferenza alle regole problematiche complesse, difficoltà di attenzione e concentrazione, insofferenza alle regole nei docenti, stati di frustrazione, rabbia, impotenza nei docenti, stati di frustrazione, rabbia, impotenza A casa incoerenza parentale incoerenza parentale scarso supporto alla genitorialità da parte dei servizi educativi scarso supporto alla genitorialità da parte dei servizi educativi tempi ridotti per il dialogo, stress, problematiche economiche che influiscono sulla qualità dei rapporti della coppia genitoriale e nello stile di attaccamento nei confronti del figlio tempi ridotti per il dialogo, stress, problematiche economiche che influiscono sulla qualità dei rapporti della coppia genitoriale e nello stile di attaccamento nei confronti del figlio

38 Il «coach» è una figura mutuata dall’esperienza sportiva Il «coach» è una figura mutuata dall’esperienza sportiva Ha competenze tecnico-metodologiche e relazionali Ha competenze tecnico-metodologiche e relazionali Collabora con i docenti nell’avviamento dell’intervento educativo in classe e ne presiede le fasi realizzative Collabora con i docenti nell’avviamento dell’intervento educativo in classe e ne presiede le fasi realizzative Supporta i genitori, mantenendo posizioni di neutralità rispetto alle dinamiche famigliari Supporta i genitori, mantenendo posizioni di neutralità rispetto alle dinamiche famigliari Viene supervisionato dallo psicoterapeuta, che lo tutela da possibili invischiamenti relazionali ed alleanze illecite Viene supervisionato dallo psicoterapeuta, che lo tutela da possibili invischiamenti relazionali ed alleanze illecite

39 Prevede 5 fasi, secondo un format di 10 incontri, 3 incontri di consulenza psicopedagogica con i genitori, follow-up a mesi 1. Fase di indagine diagnostica: lo psicoterapeuta incontra genitori ed insegnanti per conoscere le problematiche 2. Attuazione del programma: viene illustrato a docenti e genitori il programma di intervento 3. Coaching educativo: il coach avvia il programma a scuola ed a casa 4. Counseling psicopedagogico: lo psicoterapeuta effettua colloqui con docenti e genitori 5. Conclusione del programma: vengono fornite ai genitori ed insegnanti indicazioni didattiche e suggerimenti pratici

40 I cartoncini-guida per l’autoregolazione dell’impulsività

41 Gestione dell’attenzione con supporto visivo

42 Impulsività ed autocontrollo un programma in 16 incontri Metodologia di lavoro Batteria di valutazione pre-post intervento Incontro con i genitori- docenti Contenuti: Come parlare a se stessi Mi concentro prima di fare Controllo della rabbia e frustrazione Gestione dello scarso impegno Allenamento alle autoistruzioni per dominare l’impulsività

43 Indicazioni bibliografiche Menesini: Bullismo: le azioni efficaci della scuola. Ed. Erickson Menesini: Bullismo: le azioni efficaci della scuola. Ed. Erickson Sharp-Smith: Bulli e prepotenti nella scuola. Ed. Erickson Sharp-Smith: Bulli e prepotenti nella scuola. Ed. Erickson I problemi del comportamento in classe: Meazzini: La conduzione della classe. Ed. Giunti Meazzini: La conduzione della classe. Ed. Giunti Fabiani-Passantino: Risolvere i conflitti in classe. Ed. Erickson Fabiani-Passantino: Risolvere i conflitti in classe. Ed. Erickson Di Pietro-Bassi-Filoramo: L’alunno iperattivo in classe. Ed. Erickson Di Pietro-Bassi-Filoramo: L’alunno iperattivo in classe. Ed. Erickson Cornoldi e coll.:Impulsività ed autocontrollo. Ed. Erickson Cornoldi e coll.:Impulsività ed autocontrollo. Ed. Erickson Hutton-Roberts: Test SEDS- test di valutazione dei problemi comportamentali ed emozionali. Ed. Erickson Hutton-Roberts: Test SEDS- test di valutazione dei problemi comportamentali ed emozionali. Ed. Erickson McGinnis e coll. Manuale di insegnamento delle abilità sociali. Ed. Erickson McGinnis e coll. Manuale di insegnamento delle abilità sociali. Ed. Erickson


Scaricare ppt "La gestione di alunni con difficoltà relazionali e comportamentali Relatore Dott. Mauro Mario Coppa -psicoterapeuta, pedagogista- Direttore Ci.Erre.E."

Presentazioni simili


Annunci Google