La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL CROLLO DEI REGIMI COMUNISTI. LA CRISI DELL’URSS NEGLI ANNI ‘80 Negli anni ‘80 emergono diversi fattori critici in URSS: 1) corruzione e inefficienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL CROLLO DEI REGIMI COMUNISTI. LA CRISI DELL’URSS NEGLI ANNI ‘80 Negli anni ‘80 emergono diversi fattori critici in URSS: 1) corruzione e inefficienza."— Transcript della presentazione:

1 IL CROLLO DEI REGIMI COMUNISTI

2 LA CRISI DELL’URSS NEGLI ANNI ‘80 Negli anni ‘80 emergono diversi fattori critici in URSS: 1) corruzione e inefficienza della burocrazia del PCUS (Partito comunista dell’Unione Sovietica) 2) Produzione di armamenti (corsa al riarmo contro gli USA) a scapito di quella di beni di consumo 3) Non autosufficienza alimentare

3 LA CRISI DELL’URSS NEGLI ANNI ‘80 4) La popolazione vive frugalmente, e i beni di prima necessità scarseggiano 1986: disastro nucleare nella centrale ucraina di Cernobyl Nel 1985 alla guida dell’Unione Sovietica è scelto Michail Gorbaciov, che predispone un piano di riforme

4 LA POLITICA DI GORBACIOV In campo internazionale, inizia una politica di distensione con gli USA di Ronald Reagan (decisione di ridurre gli arsenali nucleari, in particolar modo gli euromissili); inoltre stabilisce il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan, invaso nel 1979 Per quanto riguarda l’economia, realizza alcune riforme atte ad introdurre elementi di economia di mercato (maggiore autonomia per le imprese): è la perestroika (ristrutturazione)

5 GORBACIOV e REAGAN

6 LA POLITICA DI GORBACIOV In politica punta sulla glasnost (trasparenza): libertà di stampa, di associazione, di opposizione al governo, di religione. Inizia così un processo di democratizzazione del paese. Per queste sue aperture, nel 1990 Gorbaciov viene insignito del premio Nobel per la pace

7 GORBACIOV e L’EUROPA DELL’EST Politica di aperture di Gorbaciov Nei paesi dell’Europa dell’Est crescono le richieste di autonomia Nel 1989 i regimi comunisti dell’Europa orientale cadono come birilli…

8 1989: l’anno che cambiò l’Europa Grandi manifestazioni popolari pacifiche in Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia, Germania Est e Bulgaria Nascita della democrazia con elezioni libere (passaggio indolore). L’URSS non si oppone! Solo in Romania il regime comunista, guidato da Nicolae Ceausescu, cercò di opporsi, ma fu rovesciato con la forza

9 La riunificazione tedesca Nel novembre ‘89 il muro di Berlino fu abbattuto L’anno successivo le due Germanie si riunificarono

10 La riunificazione tedesca

11 LA FINE DELL’URSS Perestroika (passaggio all’economia di mercato) Crisi economica (calo produzione, inflazione, disoccupazione) Molte delle 15 repubbliche che formano l’URSS chiedono l’indipendenza (la stessa Russia, guidata da Boris Eltsin!)

12 LA FINE DELL’URSS Agosto 1991: tentativo di colpo di stato militare a Mosca (ritorno al pre-Gorbaciov): fallito Gorbaciov è indebolito, e si dimette Dicembre ‘91: l’URSS cessa di esistere

13 I 15 NUOVI STATI (EX URSS)


Scaricare ppt "IL CROLLO DEI REGIMI COMUNISTI. LA CRISI DELL’URSS NEGLI ANNI ‘80 Negli anni ‘80 emergono diversi fattori critici in URSS: 1) corruzione e inefficienza."

Presentazioni simili


Annunci Google