La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Adriano Sella: Coordinatore della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita Esigenza di fede, fondamenti biblici e approccio cristiano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Adriano Sella: Coordinatore della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita Esigenza di fede, fondamenti biblici e approccio cristiano."— Transcript della presentazione:

1 Adriano Sella: Coordinatore della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita Esigenza di fede, fondamenti biblici e approccio cristiano

2 DIAMO UNO SGUARDO ALLA REALTA’

3 La crisi ecologica Un clamore sempre più forte: Il grido della Terra

4 Da consumismo a iperconsumismo La questione culturale: tutto si riduce al PIL come unico indicatore di benessere Da consumismo a iperconsumismo = “consumerismo”

5 QUESTIONE ANTROPOLOGICA CI RIDUCONO :  SOLAMENTE CONSUMATORI  TUBI DIGERENTI  BIDONI ASPIRATUTTO  BUDELLA (DAL SAPERMERCATO ALLA FOGNA)

6 QUESTIONE ECONOMICO- FINANZIARIA DA RISPARMIATORI A CREDITORI AL CONSUMO DIVENTANDO DEBITORI

7 La povertà relazionale: Bambini abbandonati davanti alla tv; giovani sempre più lasciati nel loro disagio; adulti che vivono nel malessere e svuotati; anziani sempre più soli e abbandonati; La questione esistenziale

8 Il nostro sogno impossibile Sogniamo un mondo giusto attestato sul nostro tenore di vita. Ma ci vorrebbero cinque pianeti Terra.

9 DOBBIAMO CAMBIARE

10 ESIGENZA ECCLESIALE

11 Una coscienza nuova: non più aiuti ma cambiare vita Inizi degli anni ‘80 è sorta una coscienza nuova: i cambiamenti strutturali devono essere provocati da un movimento pastorale che venga dal basso. Questa esigenza è stata promossa soprattutto dal mondo missionario, insieme con la Caritas, riflettendo sul problema della fame nel mondo.

12 La campagna “Contro la fame cambia la vita” Nel 1982 è sorto un comitato ecclesiale presso la CEI, formato dal Centro unitario per la cooperazione missionaria (Cum), dagli Istituti Missionari Italiani (CIMI), da altre organizzazioni missionarie, insieme con altre entità ecclesiali (Caritas Italiana…) per discutere ed approfondire il problema della fame nel mondo. Questa rete ha promosso nel 1985 la campagna “Contro la fame cambia la vita”, con l’obiettivo di promuovere una serie di proposte e di azioni di stili nuovi di vita. Il Comitato ha sottolineato l’importanza dei soggetti attivi dei cambiamenti che sono tutti i cittadini, organizzati in associazioni o gruppi (il principio di sussidiarietà).

13 Giovanni Paolo II e la campagna “Contro la fame cambia la vita” Giovanni Paolo II percepisce l’importanza di questo movimento di cambiamento di vita promosso dal basso e lo fa diventare parte della dottrina sociale della Chiesa, mediante i suoi documenti pontifici. Nell’enciclica Sollicitudo Rei Socialis (1987) il numero 47 contiene un appello che la base faccia pressione sui vertici mediante lo stile personale e familiare della vita; Nell'Enciclica Redemptoris Missio (1990) sottolinea che la nuova evangelizzazione porta a nuovi stili di vita, riprendendo la campagna ecclesiale Contro la fame cambia la vita: “una vita più austera che favorisca un nuovo modello di sviluppo” (n.59).

14 DAL MAGISTERO PONTIFICIO “ Costruire stili di vita, nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione con gli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti”. “Ciò sarà possibile non solo attingendo al superfluo, che il nostro mondo produce in abbondanza, ma soprattutto cambiando gli stili di vita, i modelli di produzione e di consumo, le strutture consolidate di potere che oggi reggono le società” (Giovanni Paolo II, Centesimus Annus 36 e 58).

15 DAL MAGISTERO PONTIFICIO “ Le modalità con cui l'uomo tratta l'ambiente influiscono sulle modalità con cui tratta se stesso e, viceversa. Ciò richiama la società odierna a rivedere seriamente il suo stile di vita che, in molte parti del mondo, è incline all'edonismo e al consumismo, restando indifferente ai danni che ne derivano. È necessario un effettivo cambiamento di mentalità che ci induca ad adottare nuovi stili di vita, ‘nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione con gli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti ” (Benedetto XVI, Caritas in Veritate 51); Consumare e acquistare è un atto morale. “E' bene che le persone si rendano conto che acquistare è sempre un atto morale, oltre che economico. C'è dunque una responsabilità sociale del consumatore, che si accompagna alla responsabilità sociale dell'impresa. (Caritas in veritate 66)

16 Dalla Dottrina Sociale della Chiesa Il Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa ha dedicato un capitoletto ai Nuovi Stili di Vita dentro al grande capitolo decimo che approfondisce il tema del Salvaguardare l’Ambiente (n.486). Anche altri numeri del documento sottolineano l’importanza dei nuovi stili di vita (n.360, 468).

17 CHIESA ITALIANA Educare alla vita buona del Vangelo Orientamenti pastorali dell’Episcopato italiano per il decennio CHIESA ITALIANA Educare alla vita buona del Vangelo Orientamenti pastorali dell’Episcopato italiano per il decennio La sfida educativa: educare in un mondo che cambia - tempo di discernimento Dio ha educato il suo popolo Alla scuola di Cristo, maestro e pedagogo La Chiesa discepola, madre e maestra La Chiesa, comunità educante far emergere la forza educativa della fede verso la pienezza della relazione con Cristo nella comunione ecclesiale. Percorsi di vita buona La sfida educativa: educare in un mondo che cambia - tempo di discernimento Dio ha educato il suo popolo Alla scuola di Cristo, maestro e pedagogo La Chiesa discepola, madre e maestra La Chiesa, comunità educante far emergere la forza educativa della fede verso la pienezza della relazione con Cristo nella comunione ecclesiale. Percorsi di vita buona

18 ALCUNI FONDAMENTI BIBLICI A.T. Co-creatori della Creazione che è aperta: - l’impegno di custodire e coltivare (Gn. 2) - rivisitazione di Gn. 1 “soggiogare e dominare” Il cammino di liberazione dall’oppressione alla terra promessa (passaggio dal vecchio al nuovo). Pesah: Pasqua Ebraica (Es.3).. La giustizia come dimensione fondamentale dell’azione di Dio (I profeti).

19 Card. Carlo Maria Martini “ Secondo la Bibbia, la giustizia è più del diritto e della carità: è l'attributo fondamentale di Dio. Giustizia significa impegnarsi per chi è indifeso e salvare vite, lottare contro l'ingiustizia. Significa un impegno attivo e audace perché tutti possano convivere in pace. La giustizia deve vegliare affinché il diritto, così com'è formulato nelle leggi, consenta a tutti gli uomini un'esistenza dignitosa. Gesù ha dato la vita per la giustizia (…) Viceversa, è ripugnante parlare di Dio e non essere fedeli alla sua caratteristica principale, la giustizia.” (Dal libro Conversazioni notturne a Gerusalemme)

20 ALCUNI FONDAMENTI BIBLICI del N.T. Lo stile di vita di Gesù : totalmente nuovo. La conversione (metà-noia) come cambiamento di mentalità (Mt 4,17). Il regno di Dio che cresce dal basso, come il granello di senapa (Mt. 13,31-32) oppure come il lievito (Mt 13,33-35), trasformando la realtà.

21 PAROLA DI DIO Dabar in ebraico È la forza creatrice e trasformatrice della realtà: il motore del cambiamento. Il Vangelo è una grande energia di trasformazione della realtà verso la realizzazione del Regno di Dio (Azione Regnocentrica e non Ecclesiocentrica)

22 Il CREATO: La prima Bibbia

23 Il grande dono di Dio e il bene comune  La dimensione del dono.  La gratitudine.

24 PRIMATO DELLA FEDE SULL’ETICA  I nuovi stili di vita non devono ridursi ad essere un nuovo decalogo, ossia un manuale di norme, comportamenti e pratiche che rende possibile i nuovi stili di vita;  supponendo che la persona umana da sola è capace di cambiare la vita.  I Nuovi stili di vita vengono generati dalla forte relazione con Dio, ossia dall’esperienza del Dio amore;  che ci rende capaci di realizzare nuovi stili di vita, ossia responsabili e idonei per poter trasformare il mondo. PRIMATO DELLA FEDE SULL’ETICA  I nuovi stili di vita non devono ridursi ad essere un nuovo decalogo, ossia un manuale di norme, comportamenti e pratiche che rende possibile i nuovi stili di vita;  supponendo che la persona umana da sola è capace di cambiare la vita.  I Nuovi stili di vita vengono generati dalla forte relazione con Dio, ossia dall’esperienza del Dio amore;  che ci rende capaci di realizzare nuovi stili di vita, ossia responsabili e idonei per poter trasformare il mondo. PRIMATO DELLA FEDE SULL’ETICA  I nuovi stili di vita non devono ridursi ad essere un nuovo decalogo, ossia un manuale di norme, comportamenti e pratiche che rende possibile i nuovi stili di vita;  supponendo che la persona umana da sola è capace di cambiare la vita.  I Nuovi stili di vita vengono generati dalla forte relazione con Dio, ossia dall’esperienza del Dio amore;  che ci rende capaci di realizzare nuovi stili di vita, ossia responsabili e idonei per poter trasformare il mondo.

25 PRIMATO DELLA FEDE SULL’ETICA  I nuovi stili di vita non devono ridursi ad essere un nuovo decalogo, ossia un manuale di norme, comportamenti e pratiche che rende possibile i nuovi stili di vita;  supponendo che la persona umana da sola è capace di cambiare la vita.  I Nuovi stili di vita vengono generati dalla forte relazione con Dio, ossia dall’esperienza del Dio amore;  che ci rende capaci di realizzare nuovi stili di vita, ossia responsabili e idonei per poter trasformare il mondo. PRIMATO DELLA FEDE SULL’ETICA  I nuovi stili di vita non devono ridursi ad essere un nuovo decalogo, ossia un manuale di norme, comportamenti e pratiche che rende possibile i nuovi stili di vita;  supponendo che la persona umana da sola è capace di cambiare la vita.  I Nuovi stili di vita vengono generati dalla forte relazione con Dio, ossia dall’esperienza del Dio amore;  che ci rende capaci di realizzare nuovi stili di vita, ossia responsabili e idonei per poter trasformare il mondo. CAMBIAMENTO DAL DI DENTRO “Solo gli amanti conoscono Dio, perché Dio si conosce solo attraverso l'amore” (David Maria Turoldo)  L'etica porta ad un cambiamento promosso soprattutto dall'esterno.  L'esperienza religiosa esige un cambiamento dal di dentro.

26 Il fondamento dei nuovi stili di vita è la Pentecoste L'esperienza di essere amati e trasformati da Dio La gioia di evangelizzare

27 DA NUOVI STILI DI VITA A NUOVI STILI DI CHIESA  Impegno pastorale ad extra: trasformazione della società e del mondo.  Impegno pastorale ad intra: trasformazione della Chiesa per la realizzazione del Regno di Dio.

28 Perché il cambiamento è una esigenza di fede e non solo un'esigenza sociale? È sufficiente l'etica, seppure è molto importante?

29 Grazie e buon cammino!


Scaricare ppt "Adriano Sella: Coordinatore della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita Esigenza di fede, fondamenti biblici e approccio cristiano."

Presentazioni simili


Annunci Google