La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il marketing dei piccoli Musei Scaletta Seminari con il Prof. Giancarlo DallAra 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il marketing dei piccoli Musei Scaletta Seminari con il Prof. Giancarlo DallAra 2009."— Transcript della presentazione:

1 Il marketing dei piccoli Musei Scaletta Seminari con il Prof. Giancarlo DallAra 2009

2 www.marketing-turistico.com I temi dellintervento Il turista culturale, i musei e il marketing dei musei I piccoli musei: specificità I Visitatori: chi manca allappello Occorre una svolta: – i nuovi orientamenti, – gli interventi sul prodotto, – nuovi concept museali. Il marketing dei piccoli Musei Il Museo fuori dal Museo Le competenze, i materiali e gli strumenti di marketing

3 www.marketing-turistico.com Museo unistituzione permanente senza fini di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che conduce attività di ricerca su tutte le testimonianze materiali delluomo e del suo ambiente, le colleziona, le conserva, ne diffonde la conoscenza e soprattutto le espone con finalità di studio, di didattica e di diletto – Intern. Council of Museums

4 www.marketing-turistico.com La situazione attuale Le ricerche mostrano che la situazione dei piccoli musei in Italia, se valutata in base al numero dei visitatori è disastrosa. – da un lato i supervisti (Vaticani, Brera, Uffizi..) – dallaltra quelli sconosciuti, o evitati… LItalia dei musei è – si dice - un paese a doppia faccia.

5 www.marketing-turistico.com Ma il mercato ci sarebbe Una ricerca Astra pubblicata nel gennaio 2009 mostra che gli Italiani si recano, o si sono recati in Svizzera, soprattutto per motivi connessi alla cultura e al leisure: l82% per vacanze e sci o altri sport, il 27% per fare shopping, il 14% per visitare musei, mostre e partecipare ad eventi culturali e artistici, il 4% per andare a concerti. I dati del turismo culturale.......

6 www.marketing-turistico.com Il turismo culturale Le città darte sono il prodotto pivot e determinano limmagine del sistema turistico nazionale, così si esprime il XVI Rapporto sul Turismo in Italia 2009, per il quale nel periodo 2000 – 2007 il movimento turistico nelle località ove la motivazione di interesse storico ed artistico prevale è aumentato del 19% circa, ad un tasso medio annuo del 2,5%, in termini di presenze, un aumento maggiore di quello registrato dagli altri turismi (assieme). Secondo lIstat nel 2007 il movimento nelle città darte ha raggiunto i 93,2 milioni di presenze (33,7 milioni di arrivi) con una incidenza nazionale del 24,7% (35,0%). LIstat classifica le città come di interesse storico e artistico in base alla tipologia di turismo prevalente. Da notare che prevalgono gli arrivi e le presenze di stranieri con una quota di 58-59%..

7 www.marketing-turistico.com Il turista culturale Nell'accezione comune il turismo culturale è costituito dal movimento turistico finalizzato alla visita e fruizione di beni culturali, intesi come monumenti, chiese, musei, castelli, siti storici ed archeologici, ecc.

8 www.marketing-turistico.com Ma cosa vuole davvero il turista culturale? La cultura come motivazione alla base dell'esperienza turistica vive raramente da sola.

9 www.marketing-turistico.com I due modelli tradizionali di Museo product oriented: orientato al prodotto, mostra scarsa attenzione allutente, – I nostri vecchi musei sono assediati dalla richiesta pressante che viene dalla civiltà del mercato di diventare luoghi di divertimenti, pieni di video-percorsi, gadget, negozi... A. Mottola Molfino e market oriented: che affonda le radici nellemporio delle curiosità e stranezze di Barnum,

10 www.marketing-turistico.com Il marketing Il mktg: un metodo, uno strumento, – non una ideologia Il mktg dei Musei oggi – un mktg tradizionale, acritico Limiti del mktg attuale – guardando i risultati (modesti) si vede che cè qualcosa che non va

11 www.marketing-turistico.com Piccoli Musei: specificità le ricerche tradizionali non distinguono tra grandi e piccoli Ma vi sono molte differenze (....) I nuovi trend della domanda, le aspettative dei visitatori, dei potenziali visitatori, di chi fa turismo culturale...

12 www.marketing-turistico.com Chi visita i Musei e chi manca allappello? Indagine rivolta a studenti di Licei classici e scientifici della Toscana (Cecina e Pisa) Dove passi il tuo tempo libero? – shopping center 21% – discoteca 16% – pub 14% – multisala 7,4% – sala video giochi 4% – il 20% visita una biblioteca più una volta al mese Univ di Pisa/Cnr indagine pubblicata a febbraio 09

13 www.marketing-turistico.com Occorre un svolta I nuovi orientamenti – un museo non è solo una sommatoria di contenitore e contenuto La funzione accoglienza Gli interventi sul prodotto – Un punto informazioni... – Un negozio....

14 www.marketing-turistico.com Quanto spendono i visitatori dei musei I bookshop in Italia sono attualmente 89, erano 101 nel 2005 Gli scontrini sono crollati da 28.800 a punto vendita nel 2005 agli attuali 19 mila. La media di quanto spendono i visitatori dei musei in un bookshop sarebbe pari ad 1 Euro. Il dato è contenuto nel dossier dellAssociazione Italiana Editori presentato a Bologna in occasione della sesta edizione di Artelibro (2009).

15 www.marketing-turistico.com Occorre una svolta? Luoghi noiosi e austeri? Tutto il contrario. Da New York a Londra, da Montreal a Milano, i musei diventano teatro di divertimenti. Band dal vivo, balli, aperitivi. E persino scontri con pistole ad acqua (Corriere della Sera 20 agosto 2009) E' passato un secolo da quando Filippo Tommaso Marinetti invocava la distruzione di tutti i musei - «identici a cimiteri e dormitori pubblici» nonché simbolo del passato - e forse oggi il provocatore futurista rimarrebbe stupito nel vedere in che cosa si sono trasformati i suoi bersagli. Non più simboli di conservazione della cultura, ma veri e propri contenitori di eventi dove larte si sposa agli happening. Come succede a Londra con Lates, appuntamento che una volta al mese apre il Museo della Scienza solo agli adulti: happy hour a base di cocktail e intrattenimento scientifico. (...)

16 www.marketing-turistico.com Nuovi concept museali Per affrontare lo specifico dei Piccoli Musei bisogna uscire dalla logica dello standard, – occorre una cultura specifica, Nuovi concept di museo – Esaltare le ritualità – Musei dinamici – Un museo caldo, animato e senza barriere – Musei di charme? – Il museo che manca (...) Nuovi stili gestionali casi

17 www.marketing-turistico.com Esperienza Oggi il pubblico dellarte è sensibilmente cresciuto rispetto al passato, ma ha anche esigenze profondamente diverse, non si accontenta di vedere le opere, di apprenderne la storia e goderne la bellezza, ma vuole che questa conoscenza si trasformi un una emozione, in unesperienza memorabile. Se un luogo darte non è in grado di soddisfare questi requisiti ben difficilmente sarà in grado di competere con quelli che lo fanno. Fondazione Altagamma, Bella e Possibile Milano 2009

18 www.marketing-turistico.com Il marketing dei piccoli musei Il marketing delle relazioni Il marketing interno Il marketing del Ricordo – Le 5 azioni di base per gestire il Ricordo Il marketing di nicchia Il marketing verso i Residenti Costruire alleanze e reti di proposte – fuori dal solito giro

19 www.marketing-turistico.com Le fonti di informazione In base ai dati dellOsservatorio del Trentino, stampa (quotidiani, tv), passaparola, e web sono gli strumenti chiave (1/3 a testa) – le analisi disponibili chiariscono che per il lancio la stampa e i media sono lelemento chiave, ma poi lentamente il passaparola diventa trainante – Ma il passaparola non può essere lasciato vegetare spontaneamente

20 www.marketing-turistico.com Il mktg degli eventi Programmare per tempo La condivisione di un evento è un progetto Costruire assieme dei prodotti turistici, delle filiere in loco (Luoghi Animati) Gestire il mktg degli eventi nei mercati

21 www.marketing-turistico.com I canali di distribuzione Una strategia di distribuzione multicanale: Canali diretti Web marketing Canali intermediati Canali paralleli Il marketing qui

22 www.marketing-turistico.com Un T.O. speciale In Gran Bretagna opera il tour operator BRITISH MUSEUM TOURS, la cui proprietà fa capo al celebre museo londinese. L'operatore propone viaggi culturali e di studio in tutto il mondo, legati all'arte, all'archeologia, alla storia, alla etnografia, per "viaggiatori illuminati". I viaggi garantiscono la presenza di uno specialista preparato in materia (spesso ricercatori o docenti universitari, collaboratori del museo, ecc.), che fornisce tutte le informazioni e gli approfondimenti sulle località visitate.

23 www.marketing-turistico.com Le nuove competenze Nuove competenze professionali e nuovi profili professionali per lo sviluppo dei musei – Promuovere, – accogliere, – animare, – divulgare, raccontare....

24 www.marketing-turistico.com Il Museo fuori dal Museo Il Museo promotore dello sviluppo locale? Fare rete – Ma cosa significa davvero rete Dalla mostra al Distretto – Per i visitatori il bene culturale non è dato tanto dal monumento o dal museo, quanto dal contesto, dal continuum tra museo e ambiente esterno

25 www.marketing-turistico.com I materiali e gli strumenti di marketing Tre tipi di letterature Strumenti interni Strumenti di promozione e di accoglienza Strumenti per il Trade

26 www.marketing-turistico.com Per saperne di più Giancarlo DallAra Le nuove frontiere del marketing nel turismo nuova edizione FrancoAngeli Milano, marzo 2009 Giancarlo DallAra Dalla promozione al marketing degli Eventi. Normativa, casi e prospettive Halley editrice, Matelica maggio 2009 Giancarlo DallAra La gestione degli Uffici informazione turistica: normativa, nuovi concept, casi Halley editrice, Matelica 2008


Scaricare ppt "Il marketing dei piccoli Musei Scaletta Seminari con il Prof. Giancarlo DallAra 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google