La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ing. Christian Oberbichler

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ing. Christian Oberbichler"— Transcript della presentazione:

1 Ing. Christian Oberbichler
Benvenuti Tetti verdi FONDAMENTI REFERENTE: Ing. Christian Oberbichler

2 Associazioni Tetti verdi
A.I.VE.P. Associazione Italiana Verde Pensile FBB : Fachvereinigung Bauwerksbegrünung BRD SFG Svizzera Fachvereinigung Gebäudebegr. V.f.B. Verband für Bauwerksbegr. Austria ZEOSZ Associazione ungherese verde pensile EFB Europäische Föderation Bauwerksbegrünung FLL Forschungsgesellschaft Landschaftsentw. Landschaftsbau e.V., Bonn, BRD 1

3 Un tetto verde è: un luogo particolare
privo di diretto contatto con il suolo costruito dagli uomini e ha quindi bisogno di una progettazione accurata una realizzazione solida e precisa utilizzo di materiali di alta qualità una manutenzione accurata 1

4 Statuti austriaci per le coperture a verde
ONORM B 7220 – Tetti con impermeabilizzazioni-norma di procedimento ONORM B – Lavori di impermeabilizzazione-norma di contratto d'opera, parte II: tetti utilizzati ONR – Garanzia della qualità in ambiente verde, direttive per la progettazione, l'esecuzione e il mantenimento

5 Cosa sono le ONR ? L'ONR colmano la lacuna tra le ÖNORMEN che si basano su un più largo consenso, e specifiche che vengono individuate da una o poche imprese o istituzioni È la soluzione veloce per quegli ambiti che non sono ancora legittimati per le norme. È un consiglio= regole riconosciute della tecnica

6 ONR 121131 Tetto verde direttive per la progettazione, l'esecuzione e il mantenimento
Contenuto (estratto) termini tipi di inverdimento / tipi di formazione requisiti / tecnica edilizia prestazioni dello strato drenante, dello strato filtrante e del substrato di vegetazione prestazione delle sementi, delle piante e della vegetazione procedimento per la copertura a verde, cura e mantenimento misure di sicurezza prove allegato: modello di valutazione 9

7 Definizione: Tetti inutilizzati e utilizzati
Tetti inutilizzati: sono quelli a cui si accede, a seconda dei casi, per scopi di manutenzione

8 Definizione: tetti inutilizzati e utilizzati
Eccezione: i tetti inverditi sono da ritenersi sempre come superfici utilizzate (anche in modo estensivo) Tetti utilizzati: sono concepiti per la permanenza di persone e per il traffico (sia a piedi che con veicoli)

9 Tetti con possibilità di inverdimento
Tetto a doppio strato - aerato (tetto freddo) Tetto monostrato – senza isolamento termico Tetto monostrato – con isolamento termico (tetto caldo) Tetto monostrato – con isolamento termico (tetto rovescio)

10 ÖNORM B 7220 5.2.7 Tetto inverdito
Nel caso di impermeabilizzazioni con coperture a verde, cambiano i rapporti fisico- costruttivi rispetto a tetti senza copertura Per questo è da prestare particolare attenzione all'influsso dell'umidità sugli strati del tetto (p.es. accumulo di falda) e alla fruizione

11 Tetto a doppio strato- aerato (tetto freddo)
vegetazione strato di vegetazione protezione/divisione/zona di accumulo impermeabilizzazione resistente alle radici zona di protezione e divisione tavolato controorditura di listelli per ventilazione barriera contro il vapore strato di compensazione della pressione vaporea travetti

12 Tetti con poca inclinazione su struttura in legno
Aree di attuazione tetto "Pult" case a basso consumo energetico case passive tetti a falda con travetti molto lunghi con forme del tetto semplici

13 Tetto a uno strato – senza isolamento termico
vegetazione strato di vegetazione protezione/divisione/zona di accumulo impermeabilizzazione resistente alle radici strato di compensazione p.es. copertura in calcestruzzo grezzo

14 Tetto a uno strato con isolamento termico (tetto caldo)
vegetazione strato di vegetazione protezione/divisione/zona di accumulo impermeabilizzazione resistente alle radici zona di divisione isolamento termico barriera contro il vapore strato di compensazione sottostruttura portante

15 Tetto a uno strato – con isolamento termico (tetto rovescio)
vegetazione strato di vegetazione filtro/drenaggio e ventilazione isolamento termico (XPS-G) impermeabilizzazione resistente alle radici strato di divisione e compensazione copertura in calcestruzzo grezzo

16 Isolamento termico per tetto a uno strato – tetto rovescio
Negli inverdimenti intensivi bisogna porre attenzione alla tenuta dell'isolameto termico Sopra l'isolamento termico XPS-G bisogna disporre un strato di espansione per il vapore (strato di ventilazione)

17 Tetti con coperture a squame
Le tecniche edilizie e i materiali per tetti con coperture a squame utilizzati attualmente non sono indicati per l'inverdimento. Quindi i tetti in mattone non sono indicati I tetti in lamiera sono indicati solo in alcuni casi con ulteriori accorgimenti

18 Elenco di verifica per il suo tetto verde
I seguenti punti devono assolutamente essere verificati prima della costruzione del suo tetto: STATICA PENDENZA PROTEZIONE DALLA PENETRAZIONE DI RADICI BORDI DEL TETTO/RACCORDI PARETI DRENAGGIO TETTO UBICAZIONE

19 A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 www.gruendach.at
Statica Analisi dei carichi Si deve calcolare la capacità massima di accumulo idrico della struttura con tutti i suoi strati. Vedi tabella 9, 10 e 11 del ONR Capacità all'aspirazione del vento I calcoli devono essere effettuati sulla struttura e tutti i suoi strati, in condizione asciutta. Fondamento è ÖNORM B 4014, parte 1. A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 19 © VfB, Österreich

20 Peso di un tetto verde Da considerare:
Peso proprio di tutto il tetto verde (saturo di acqua) Carico di neve Capacità all'aspirazione del vento Carico da uso Regola approssimativa: ca. 15 kg / m² per cm strato di costruzione

21 Pendenza del tetto secondo ÖNORM B 2220
1,8 % % = ca ° 5 % - 36 % = ca ° 36 % - 58 % = ca ° 58 % -100 % = ca ° I tetti piatti devono essere realizzati con una pendenza minima di 1,8 % ! A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 21

22 Dispositivi antiscivolamento e antitaglio
Nei dispositivi antiscivolamento e antitaglio bisogna differenziare Misure di tecnica edilizia: Onda trasmissione forza a taglio Profilo trasmissione forza a taglio Rete trasmissione forza a taglio Strati ad artiglio resistenti a trazione A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 22

23 Esempio di inverdimento per tetti inclinati estensivi Pendenza 15 - 25 °
Ulteriore sistema antitaglio con rete a doghe posata

24 Protezione delle radici lt. ONR 121131
2 tipi di protezioni delle radici sistemi integrati di protezione delle radici sistemi separati di protezione delle radici Test sulla la resistenza ai binari delle radici FLL 2002 test di 4 anni all'aperto test di 2 anni in serra LDA 1996

25 Principio della vasca da bagno

26

27 Impiego secondo ÖNORM B 2209-2, tetti utilizzati

28 Ulteriori e importanti dettagli per la costruzione
Drenaggio base di calcolo : erogazione massima acqua piovana di 300 l/ha.s. calcolo : Q = q . j . F Q = quantità di acqua da smaltire in litri q = calcolo dell'erogazione dell'acqua piovana (vedi sopra) j = coefficiente di deflusso F = superficie tetto inverdita j sta per inverdimenti intensivi= 0,2 per inverdimenti estensivi da 8 cm = 0,3 per inverdimenti estensivi sotto 8 cm = 0,5 A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 28 © VfB, Österreich

29 Dispositivi di drenaggio
Tra i dispositivi di drenaggio sono compresi Bocchette del tetto Grondaie per il drenaggio esterne e interne Canali di gronda o bocchettoni per lo smaltimento delle acque Nel caso si trovino all'interno dello strato di vegetazione, devono essere protetti da sporco e da piante selvatiche e tenuti liberi per il controllo, attraverso strisce di ghiaia della larghezza di cm. Nel caso la pendenza sia del 17 % (ca. 10°) bisogna considerare l'aumento improvviso di acqua nel profilo di gronda e tener conto di questo nel dimensionamento del drenaggio. A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 29 © VfB, Österreich

30 Dettaglio pozzetto di controllo

31 A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 www.gruendach.at
Scossaline Le scossaline sono costituite da : Elementi fuoriuscenti Componenti edili costruiti in opera come quelli in calcestruzzo in opera, murature, legno, metallo ecc. Componenti edili precostruiti come p.es. quelli in fibrocemento, legno, calcestruzzo, grès, materiale plastico Le scossaline devono essere stabili. Non deve esserci pressione sui bordi dell'impermeabilizzazione del tetto o comparire la protezione delle radici. A-1045 Wien, Wiedner Hauptstraße 63 31 © VfB, Österreich

32 Dettaglio del raccordo parete

33 Dettaglio scossalina

34 Esempio di elemento emergente della copertura
Dettaglio impermeabilizzazione! Strisce di ghiaia! Impianti aria condizionata Valvole di sfiato Impiantistica dell'edificio Ecc.

35 Prima della costruzione del tetto verde: definire le strategie di inverdimento!
Esaminare i requisiti di tecnica edilizia statica, pendenza, ecc. Prendere in considerazione fattori dell'ubicazione, sole, ombra, ecc. Riflettere su utilizzo e manutenzione Individuare la strategia di inverdimento estensiva, intensiva, combinata Stabilire le risorse finanziarie

36 Definizione di inverdimento estensivo
A strato sottile da 8 cm (il più delle volte cm) Peso della superficie: ca kg/m² saturo di acqua, inclusa la vegetazione Niente irrigazione artificiale Costi contenuti Manutenzione facile Agibile solo per controllo e manutenzione 7

37 Definizione di inverdimento estensivo
Scelta di piante limitata Forme di vegetazione con autoadattabilità: Sedum muschio Sedum muschio erbacea Sedum erbaceo Erbacea (prati aridi) ONR: termine inverdimento estensivo "ridotto" 7

38 Inverdimento estensivo
Poche pretese della vegetazione Basso spessore delle stratificazioni: 8 cm fino a 19 cm Pochi requisiti di carico: ca. 80 kg fino a 200 kg pro m² allo stato bagnato

39 Definizione di inverdimento intensivo
Spessore delle stratificazioni da 15 cm (il più delle volte 20 – 80cm) Peso delle superfici: da ca. 200 kg/m² saturo d'acqua, inclusa la vegetazione Irrigazione artificiale –Impianto di irrigazione Scelta di piante quasi illimitata Alti costi Molta manutenzione Spazio utilizzabile liberamente – copertura rada ONR: Termine inverdimento intensivo "ridotto" 7

40 Inverdimento intensivo
La vegetazione necessita di molta manutenzione e ha particolari esigenze! Spessore delle stratificazioni: il più delle volte 20 cm fino a 80 cm Molti requisiti di carico: più di 200 kg per m² allo stato bagnato

41 Strati funzionali Inverdimento Substrato di vegetazione
Strato filtrante Elemento di accumulo idrico Strato di protezione (separazione e rivestimento antifrizione) 11

42 Esempio 1 di costruzione dello strato estensivo
Materassino drenante Strato di protezione, drenaggio e filtraggio Indicato per tetto rovescio 15

43 Esempio 2 di costruzione dello strato estensivo
Componenti per accumulo e drenaggio P.es. in materiale plastico HD-PE Indicato per tetto rovescio È possibile la posa continua sotto lastre e superfici verdi Ulteriore elemento di accumulo idrico 15

44 Esempio 3 di costruzione dello strato estensivo
Elementi di drenaggio e accumulo P.es. in EPS Ulteriore protezione Ulteriore isolamento Ulteriore elemento di accumulo idrico 15

45 Esempio 4 di costruzione dello strato estensivo
Strato drenante minerale Lava Pietra pomice Ardesia espansa Argilla rotta Argilla riciclata Argilla espansa Ghiaia (?) 15

46 Estensiva – costruzione a uno strato
Compromesso (!) tra l'economicità e il risultato dell'inverdimento Per inverdimento di superficie estese industriali Per piccole superfici (private) Per esigenze limitate 15

47 Esempio di costruzione a strati, tetto inclinato 5 - 15°
L'elemento di accumulo idrico bilancia il drenaggio delle superfici Manca lo strato filtrante Il substrato antitaglio viene riempito direttamente Impermeabilizzazione continua, senza onde di scivolamento nella superficie 15

48 Inverdimento estensivo tetto inclinato Pendenza del tetto 15 - 25°
Ulteriore sistema antitaglio con rete a doghe Necessario solo fino a quando nel substrato si sono formate le radici 15

49 Esempio 1 di costruzione intensiva a strati
Con elemento di accumulo idrico Grande spessore degli elementi per l'ottimizzazione di "accumulo di acqua locale" Bolli nella parte inferiore a scopo di drenaggio Condizioni di crescita ottimali 15

50 Esempio 2 costruzione intensiva a strati
Con elementi di drenaggio e accumulo La resistenza alla pressione richiede materiali più solidi Impiegabile come rivestimento "perso" "Edificabilità" ottimale come requisito 15

51 Perchè tetti con substrati?
accumulo e smaltimento di acqua accumulo e ricambio di sostanze volume dei vuoti stabilità della struttuta peso a base di sostanze minerali inerti organici

52 Terriccio con processo di soffiaggio

53 Metodi di inverdimento estensivo
Semina a mano Piantagione con cespugli bassi Materassini con vegetazione precoltivati Semente bagnata

54 Semente bagnata - inverdimento a spruzzo
Varianti Sedum Sedum - erbacea Miscele particolari

55 La massa a spruzzo Protegge la semente e i germogli dall'inaridimento
Fa in modo che la semente e i germogli si leghino bene con il substrato di vegetazione Attiva la vitalità del terreno Assicura un rilascio lento e regolare delle sostanze nutritive Aumenta la capacità di accumulo idrico Protegge dall'erosione

56 Sviluppo dellla massa a spruzzo 1 giorno dopo la realizzazione
Massa a spruzzo ben riconoscibile Miglioramento del contatto e protezione dall'erosione

57 Fasi di sviluppo della massa a spruzzo ca
Fasi di sviluppo della massa a spruzzo ca. 8 settimane dopo la realizzazione A livello ottico poco è cambiato Ma i germogli di sedum hanno messo le radici

58 Fasi di sviluppo della massa a spruzzo ca. 8 settimane dopo
Piccole piante di sedum La semente è germogliata e ben sviluppata

59 Stuoie precoltivate Stuoie di sedum (erbe) precoltivate su un substrato biologico degradabile p.es. di fibra di cocco Per inverdimento estensivo di tetti piatti con pendenza fino a ca. 15°

60 Posa delle stuoie precoltivate

61 Manutenzione di avviamento (crescita)
Negli inverdimenti estensivi: Serve in primo luogo per raggiugere la forma di coltura desiderata (sviluppo della vegetazione adeguato) 60% di copertura del solaio 75% delle descritte talee di sedum sono cresciute 90% delle piante descritte sono cresciute 75% della copertura per mezzo delle stuoie di coltivazione Struttura uniforme, radicata ecc.

62 Operazioni colturali Negli inverdimenti estensivi e intensivi
Irrigazioni a richiesta fino alla quantità adeguata Irrigazione regolare negli inverdimenti intensivi Concimazione successiva Estirpazione di piante Taglio della superficie Potatura negli inverdimenti intensivi Nuova semina, reimpianto Controllo degli impianti di drenaggio

63 Manutenzione per la crescita e il mantenimento
La manutenzione per la crescita avviene dopo uno sviluppo della vegetazione adeguato fino alla consegna al committente La manutenzione per il mantenimento inizia dopo la consegna al committente. Possono essere richiesti interventi isolati : Controlli degli impianti di drenaggio Erogazione di sostanze nutritive Potatura o estirpazione di formazioni legnose Nuova semina per grandi superfici dove non sia avvenuto l'inverdimento Pulizia delle strisce di ghisa da fogliame e vegetazione selvatica

64 Il futuro ... è con i tetti verdi


Scaricare ppt "Ing. Christian Oberbichler"

Presentazioni simili


Annunci Google