La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Analisi e Pianificazione del territorio agroforestale Introduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Analisi e Pianificazione del territorio agroforestale Introduzione."— Transcript della presentazione:

1 Analisi e Pianificazione del territorio agroforestale Introduzione

2 Struttura del modulo Parte teorica 3-4 lezioni –Introduzione ai sistemi rurali –L’azienda agraria –La Politica Agricola Comunitaria –I fattori di sviluppo rurale (in parte tramite esercitazione) Produzioni di qualità Produzione di servizi (agriturismo)

3 Laboratorio: Analisi dei sistemi agroforestali Caratterizzazione della struttura dei sistemi rurali –Basi dati IFT – Fattori fisici Dettaglio maglia 400 metri Fonte: fornito dal docente –Censimento agricoltura 2000 (e precedenti per eventuali valutazioni dinamiche) – Fattori socioeconomici Dettaglio comunale Fonte: rete internet Formato elaborato: tabelle e cartogrammi comunali (A4) con brevi commenti

4 Laboratorio… segue Analisi dei fattori di sviluppo del territorio rurale –Individuazione delle colture “di pregio” Carte uso del suolo 4 livello CORINE a scala di dettaglio –Fonte: in stato di completamento per il Montalbano Inventario Forestale Toscano –Fonte: fornito dal docente –Risorse per le aziende agrituristiche Individuazione aziende agrituristiche –Fonte sito Web ARSIA, già georeferenziate per il Montalbano Individuazione rete percorsi e sentieri –Fonte: rilevate dal docente per il Montalbano Formato restituzione: cartografia e tabelle per quanto riguardo l’IFT

5 Laboratorio… fine Analisi risorse ambientali e forestali Uscita in bosco (Montalbano) –Carta forestale Fonte: in fase di completamento –Risorse Forestali: caratteristiche Fonte IFT, fornito dal docente Formato elaborati: Cartografie e tabelle.

6 Calendario di massima Ottobre – inizio novembre –Fine lezioni teoriche Novembre - Dicembre –Struttura Sistemi Rurali Gennaio – inizio Marzo –Recupero Marzo - Aprile –Risorse rurali Aprile – Maggio –Risorse forestali

7 L’economia agraria per la pianificazione territoriale Prima lezione

8 Le basi storiche dell’agricoltura Agricoltura:Agricoltura: complesso di operazioni che trasformano l’ambiente naturale per renderlo adatto alla crecita dei vegetali e all’allevamento degli animali. Sviluppo dell’agricoltura:Sviluppo dell’agricoltura: – a.c.

9 Fasi storiche e tecnologiche QuandodoveCosa e come a.c. Vicino oriente, Messico e America centrale Selezione specie, allevamento animali. Primi semplici strumenti agricoli a.c. Civiltà “potamiche” (Nilo, Mesopotamia, Cina, ecc.) Irrigazione a.c. – 100 d.c.Mediterraneo Importazione specie “esotiche” – 1.800Europa Importazione specie nuovi continenti – 1950Paesi sviluppati Nascita agricoltura moderna su basi scientifiche, fertilizzazione, meccanizzazione GlobaleBiotecnologie

10 Basi biologiche dell’agricoltura L’estensione delle colture agricole sul territorio è prima di tutto limitata da fattori ecologici: –Temperatura –Umidità –Rilievo –Suolo

11 Temperatura Limiti termici critici (minimo e massimo) –Sopravvivenza della pianta Periodo vegetativo: –Numero di mesi con temperatura superiore a 10° Minimo di accrescimento: –Temperatura minima necessaria per la crescita Minimo di florazione: –Temperatura minima necessaria per la produzione di fiori e quindi di frutti.

12 Piante megatermiche Temperatura media annua superiore a 20° Piante mesotermiche Temperatura media annua tra 10 e 20° Piante microtermiche Temperatura media annua tra 0 e 10°

13 Umidità Necessità fisiologica: –Respirazione e fotosintesi –Veicolazione sali in soluzione Quantità di precipitazioni (piovosità) Distribuzione delle precipitazioni (regime) Disponibilità di acqua –dipende dal suolo e dalle sue caratteristiche di trattenuta, permealbilità, rilascio, ecc..

14

15 Rilievo Pendenza e altitudine Pendenza –< 5% meccanizzazione facile –5-10% meccanizzazione media –10 – 18% meccanizzazione difficile Altitudine –A parità di latitudine, influenza la temperatura e la piovosità, sia in media che in regime

16

17

18 Suolo Classificazione agronomiche dei suoli –Trattate nel corso di pedologia Esistono rilievi a varie scale –Regionale –Nazionale –Comunitaria vedi a lato

19 Cenni di economia agraria

20 L’azienda agraria L’azienda agraria è la struttura produttiva “elementare” su cui è basata la produzione agricola Può essere definita come “superficie di terreno destinata alla produzione agricola, diretta e gestita da una o più persone”

21 I fattori della produzione agricola I fattori della produzione agricola sono gli input del processo produttivo In economia agraria si definiscono fattori della produzione agricola: –La terra ed i cosiddetti fattori naturali –Il lavoro –Il capitale –L’organizzazione imprenditoriale.

22 TERRA: introduzione Terra: rappresenta lo spazio nel quale viene esercitato il diritto di coltivazione: ruolo giuridico della proprietà rurale: Classificazione in base alla proprietà: –Pubblica –Collettiva –Privata Classificazione in base al possesso: –In proprietà –In affitto –In altra forma di “godimento” (usufrutto, usucapione, comodato, ecc.)

23 TERRA: struttura della proprietà Frammentazione: la terra risulta divisa in unità poderali minuscole. La proprietà è quindi costituita da molte piccole porzioni anche distanti fra loro. –Origini: divisioni ereditarie –Conseguenze difficoltà ad organizzare il lavoro –Fisiologica nel caso di alcune coltivazioni specializzate ad alto reddito: orticoltura, vivaismo, ecc.) Polverizzazione: la proprietà degli individui o delle aziende ha estensione molto ridotta (minifondi e microfondi). –Divisioni ereditarie –Difficoltà ad avere redditi sufficienti per la sussistenza di un nucleo familiare –Fisiologica nel caso di aziende part time.

24 50 Km

25 TERRA: il capitale fondiario Capitale fondiario = terra nuda (valore) + capitali stabilmente investiti Valore della terra: dipende da: –Fertilità, ubicazione, distanza dal mercato, superficie, numero e dimensione degli appezzamenti, ecc. Capitali stabilmente investiti: –Fabbricati di servizio –Sistemazioni idrauliche –Viabilità –Altri miglioramenti: recinzioni, cisterne ed invasi, pozzi, ecc.

26 CAPITALE Capitale fondiario Capitale di esercizio –Capitale di scorta Scorte vive Scorte morte fisse Scorte morte circolanti –Capitale di anticipazione

27 LAVORO Manuale: salari –Specializzazione –Tempo: indeterminato o determinato Direttivo: stipendi

28 ORGANIZZAZIONE IMPRENDITORIALE E’ operata dall’imprenditore che nelle società di mercato è il soggetto che beneficia dei risultati economici della attività produttiva e se ne assume i rischi. L’attività di organizzazione della produzione: differisce dal lavoro direttivo in quanto comporta il fattore rischio.


Scaricare ppt "Analisi e Pianificazione del territorio agroforestale Introduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google