La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 1 “Nuove metodologie di prevenzioni incendi: Fire Safety Engineering e Risk Management” Bologna - 29/11/2003 Nuove.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 1 “Nuove metodologie di prevenzioni incendi: Fire Safety Engineering e Risk Management” Bologna - 29/11/2003 Nuove."— Transcript della presentazione:

1 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 1 “Nuove metodologie di prevenzioni incendi: Fire Safety Engineering e Risk Management” Bologna - 29/11/2003 Nuove possibilità progettuali per la redazione dell’esame progetto ai fini del rilascio del C.P.I. Documento di: Ing. Tiziano ZUCCARO Geom. Emanuele NICOLINI Relatore:Ing. Tiziano ZUCCARO

2 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 2 I principali regolamenti vigenti in Italia in materia di Prevenzione Incendi D.P.R. 689/1959 D.M. 16/02/1982 D.P.R. 577/1982 Elenco attività sottoposte a controllo da parte dei VVF (in parte regolate da specifiche norme tecniche) Criteri generali di prevenzione incendi D. Lgs. 626/94 D.M. 10/03/1998 Obbligo della valutazione del rischio per tutti i datori di lavoro Linee guida per la valutazione del rischio di incendio D.P.R. 246/1993 Recepimento Direttiva CEE 106/89 per quanto riguarda l’applicazione dell’approccio prestazionale alla valutazione della sicurezza in caso di incendio (con particolare riferimento al Documento Interpretativo n. 2) Obiettivi di sicurezza antincendio D.P.R. 37/1998 D.M. 04/05/1998 Procedure per il rilascio del Certificato di Prevenzione incendi

3 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 3 D.M. 4 MAGGIO … procedimenti di prevenzione incendi… Art. 1 - Richiesta esame progetto DOMANDA 2 copie (1 in bollo) VERSAMENTO (L. 966/65) DOCUMENTAZIONE TECNICO PROGETTUALE Scheda informativa Informazioni generali sulle attività soggette Indicazioni tipo progetto Relazione tecnica Individuazione dei pericoli di incendio Descrizione condizioni ambientali Valutazione qualitativa del rischio Compensazione rischio incendio (strategia antincendio) Gestione dell’emergenza Elaborati grafici MAX A2 (piegati A4) planimetria generale (1: :200) piante (1:50 - 1:200) sezioni (1:50 - 1:200) particolari (scala adatta) 2 copie

4 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 4 Individuazione dei pericoli di incendio (verifica degli scenari di incendio) Descrizione condizioni ambientali Valutazione qualitativa del rischio Compensazione rischio incendio (strategia antincendio) Gestione dell’emergenza D.M. 4 MAGGIO … procedimenti di prevenzione incendi… Art. 5 - Richiesta deroga

5 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 5 Redazione/revisione del documento Identificazione dei pericoli di incendio Individuazione persone esposte ai pericoli di incendio Eliminazione/riduzione dei pericoli Classificazione del livello di rischio di incendio Adeguatezza delle misure di sicurezza SI Rischio residuo accettabile NO D.M. 10/03/1998

6 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 6 Gli “obiettivi di sicurezza” DIRETTIVA 106/89 e DOCUMENTO INTERPRETATIVO N. 2 L’approccio ingegneristico è previsto dal Documento Interpretativo n. 2 I requisiti (“goals”) essenziali stabiliti dal documento sono: La capacità portante dell’edificio deve essere garantita per un periodo di tempo determinato La produzione e la propagazione del fuoco e del fumo all’interno dell’opera siano limitate La propagazione del fuoco ad opere vicine sia limitata Gli occupanti possano lasciare l’opera in sicurezza o essere soccorsi altrimenti Sia presa in considerazione la sicurezza delle squadre di soccorso Minimizzare le occasioni di incendio Sono stati recepiti anche nelle più recenti normative tecniche di prevenzione incendi: Es.: D.M. 18/09/2002 (Ospedali) Art. 2 (Obiettivi di sicurezza)

7 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 7 OBIETTIVI DI SICUREZZA MISURE COGENTI E VOLONTARIE VINCOLI ARCHITETTONICI, STRUTTURALI, ECC. MISURE DI SICUREZZA COMPENSATIVE Adeguatezza delle misure Metodologia operativa

8 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 8 I principali regolamenti vigenti in Italia in materia di Prevenzione Incendi e l’applicazione della Fire Safety Engineering ATTIVITÀ NORMATE ATTIVITÀ NON NORMATE FIRE SAFETY ENGINEERING (Metodo prestazionale) Nessuna problematica particolare Necessità di richiesta di DEROGA

9 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 9 1. Realizzano specifici obiettivi di sicurezza antincendio per situazioni ben definite ben definite 2. Misurano le prestazioni dell’intero pacchetto di sicurezza antincendio 3. Definiscono in modo univoco i fattori di sicurezza utilizzati 4. Si basano principalmente su dati scientifici ed ingegneristici 5. Utilizzano modelli di simulazione (modelli “a zona”, o “di campo”, ecc.) applicati tramite l’implementazione di algoritmi matematici sviluppati con applicati tramite l’implementazione di algoritmi matematici sviluppati con l’ausilio dei computer (es. CFAST della N.I.S.T., Exodus della F.S.E.G., l’ausilio dei computer (es. CFAST della N.I.S.T., Exodus della F.S.E.G., ecc.) ecc.) I metodi prestazionali

10 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 10 Carico di incendio e curva RHR Carico di incendio (Energia - kcal o MJ) Curve RHR (Rilascio potenza termica - kW) Fornisce solo l’indicazione dell’energia presente nei materiali combustibili posti all’interno dell’attività. Non fornisce indicazioni relative a “come” e “dove” questa energia viene rilasciata Fornisce informazioni relative al rilascio dell’energia nel tempo (“come” e “dove”) È quindi possibile valutare l’andamento di alcuni parametri di riferimento per stabilire con maggior precisione obiettivi di sicurezza e metodi per raggiungerli ENERGIA POTENZIALE RILASCIABILE TASSO DI CALORE RILASCIATO

11 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 11 Il tasso calore rilasciato (curva RHR) Il valore del tasso di calore rilasciato nella fase stazionaria dell’incendio. A parità di carico di incendio, le modalità con cui avviene la combustione dipende dalla configurazione del locale e dalla natura del combustibile e può svilupparsi secondo due diverse processi.

12 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 12 Nel primo caso nel locale c’è sufficiente disponibilità di ossigeno per sostenere la combustione ed il massimo valore della curva RHR dipende dalla quantità di combustibile presente (incendio controllato dal combustibile). Il tasso calore rilasciato (curva RHR)

13 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 13 Nel secondo caso la ventilazione del locale è insufficiente ed il massimo valore della curva RHR dipende dalla quantità di ossigeno disponibile (incendio controllato dalla ventilazione). Il tasso calore rilasciato (curva RHR)

14 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 14 Modelli di zona I fenomeni relativi ad un incendio possono venire considerati relativi a tre zone omogenee in relazione alle grandezze termodinamiche Strato caldo superiore Strato caldo inferiore la plume dove avviene la combustione

15 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 15 Software “Zone model” USA Harvard Computer Fire Code, FIRST CFAST, CCFM, FAST ACOS(network), ASET, FPETOOL JAPAN BRI2(T), SMKFLOW(net work model) various kind of Code developed by Construction Company (based on BRI2) AUSTRALIA FIRECALC Modelli di zona

16 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 16 Modelli di campo

17 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 17 Modelli di campo

18 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 18 1) La capacità portante dell’edificio deve essere garantita per un periodo di tempo determinato 2) La produzione e la propagazione del fuoco e del fumo all’interno dell’opera siano limitate 3) La propagazione del fuoco ad opere vicine sia limitata 4) Gli occupanti possano lasciare l’opera in sicurezza o essere soccorsi altrimenti 5) Sia presa in considerazione la sicurezza delle squadre di soccorso Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza occupanti (esodo)

19 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 19 Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza occupanti (esodo) Studio nella fase prima del FLASHOVER Stabilire i tempi di esodo necessari in relazione allo sviluppo dell’incendio e dei suoi prodotti (fumo, gas tossici, calore, fuoco)

20 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 20 Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza occupanti (esodo)

21 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 21 Andamento delle temperature Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza occupanti (esodo)

22 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 22 Altezza dello strato di fumo da terra Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza occupanti (esodo)

23 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 23 1) La capacità portante dell’edificio deve essere garantita per un periodo di tempo determinato Gli “obiettivi di sicurezza” - Sicurezza soccorsi e capacità portante 2) La produzione e la propagazione del fuoco e del fumo all’interno dell’opera siano limitate 3) La propagazione del fuoco ad opere vicine sia limitata 4) Gli occupanti possano lasciare l’opera in sicurezza o essere soccorsi altrimenti 5) Sia presa in considerazione la sicurezza delle squadre di soccorso

24 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 24 Gli “obiettivi di sicurezza” - Capacità portante Studio nella fase dopo il FLASHOVER Stabilire la durata dell’incendio e le temperature raggiunte per verificare la resistenza delle strutture

25 Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 25 Calcolo analitico della resistenza al fuoco degli elementi costruttivi (EUROCODICI, UNI 9502, 9503, 9504, NORMA C.R.N. 12/99) Incendio reale Incendio che si sviluppa effettivamente in un certo ambiente con contenuti ben precisati Norme a carattere volontario che permettono di determinare il solo parametro “R” (resistenza al fuoco) mediante calcolo analitico. Rappresentano un’alternativa alle prove sperimentali ed utilizzano come curva di riferimento la curva “temperatura/tempo” degli incendi convenzionali (curva standard ISO 834. Il metodo di simulazione dell’evoluzione dell’incendio reale si basa su principi ingegneristici e permette di approssimare con maggiore precisione l’andamento delle curve “temperatura/tempo” di un incendio reale Incendio reale Incendio convenzionale Gli “obiettivi di sicurezza” - Capacità portante


Scaricare ppt "Studio Associato ZUCCARO - BELARDINELLI 1 “Nuove metodologie di prevenzioni incendi: Fire Safety Engineering e Risk Management” Bologna - 29/11/2003 Nuove."

Presentazioni simili


Annunci Google