La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Marco Guida Dip. Biologia lab. di Igiene Via mezzocannone, 16 0812534641

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Marco Guida Dip. Biologia lab. di Igiene Via mezzocannone, 16 0812534641"— Transcript della presentazione:

1

2 Prof. Marco Guida Dip. Biologia lab. di Igiene Via mezzocannone,

3 Qualità e sicurezza Negli ultimi decenni, il concetto di qualità di un alimento si è esteso a comprendere una valutazione globale, dalle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche al giusto rapporto qualità prezzo, dalla comodità di uso fino alla salubrità che rimane, ovviamente, il requisito principale della qualità. Tutti questi aspetti dovrebbero essere contemporaneamente presentiNegli ultimi decenni, il concetto di qualità di un alimento si è esteso a comprendere una valutazione globale, dalle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche al giusto rapporto qualità prezzo, dalla comodità di uso fino alla salubrità che rimane, ovviamente, il requisito principale della qualità. Tutti questi aspetti dovrebbero essere contemporaneamente presenti Per la chiara informazione e per la tutela della salute, è necessario sollecitare i necessari controlli e segnalare alle autorità abusi e frodi.Per la chiara informazione e per la tutela della salute, è necessario sollecitare i necessari controlli e segnalare alle autorità abusi e frodi.

4 Si verificano nella commercializzazione del prodotto; cioè durante il trasporto, stoccaggio, conservazione Primarie si verificano negli alimenti in fase di produzione (materie prime) ad opera dell'aria, dell'acqua, del suolo e dell'animale produttore stesso Secondarie Si verificano in fase di lavorazione; dipendono pertanto dall'ambiente di lavoro, dagli strumenti utilizzati e dalla manipolazione Quaternarie Si verificano in fase di consumo degli alimenti; sono particolarmente importanti nella ristorazione collettiva Terziarie

5 Miliardi di dollari di spesa sanitaria Centinaia di milioni di casi ed elevata mortalità infantile

6 Ricomparsa di batteri in aree indenni: patogeni riemergenti Comparsa di batteri non collegati ad alimenti: patogeni emergenti Salmonella, Clostridium botulinum L. monocytogenes, E.coli O157:H7, Cyclospora cayatanensis, Virus epatite A

7 Adozione di nuovi sistemi di conservazione Aumento delle sicurezza delle derrate alimentari Nuovo approccio nella gestione delle problematiche igienico-sanitarie

8 DEFINIZIONE DI PERICOLO Un agente biologico, chimico e fisico potenzialmente in grado di causare un danno alla salute

9 DEFINIZIONE E MISURA DEL RISCHIO  “ Viene definito RISCHIO la probabilità (o frequenza) dell’accadimento di una certa dimensione (magnitudo) di effetti o conseguenze non desiderate (VISMARA 1992)  RISCHIO: probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di impiego e/o esposizione (CEE 1992) Le due definizioni riportate, tratte dalla letteratura scientifica e dalla normativa europea chiariscono che il rischio non è l’evento pericoloso o il danno, con i quali spesso vengono identificati, ma una probabilità, intesa in senso quanti-qualitativo, ovvero il rischio dipende dalla:  Gravità del danno possibile  Probabilità di accadimento del danno

10 La gravità del danno, detta anche magnitudo si configura sulla base di: Persone direttamente o indirettamente coinvolte Beni durevoli e/o materiali interessati Ambiente coinvolto La probabilità di accadimento è legata a: Frequenza o durata dell’esposizione all’evento pericoloso Probabilità di accadimento di un evento pericoloso Misure per evitare o limitare il danno DEFINIZIONE E MISURA DEL RISCHIO

11 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO La matrice del rischio

12 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO La matrice del rischio L’attribuzione dei parametri G e P determina univocamente, in base al grafico Matrice dei Rischi, il grado di criticità C del rischio, ed in conseguenza di esso devono essere eseguiti gli interventi necessari per eliminarlo (interventi di tipo strutturale o sull’attività lavorativa svolta).

13 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO La matrice del rischio I RISCHI C4 sono inaccettabili; è necessario affrontarli immediatamente, e nelle more degli interventi correttivi l’attività lavorativa è sospesa. I RISCHI C3 sono gravi; è necessario affrontarli tempestivamente. I RISCHI C2 sono relativi ad eventi che si manifestano con maggiore frequenza significativa ma con conseguenze «raramente» gravi; verranno pertanto affrontati con la dovuta attenzione. I RISCHI C1 possono essere considerati trascurabili; vanno comunque tenuti sotto controllo.

14 PROVVEDIMENTI Misure preventive : provvedimenti tecnici e procedurali volti a diminuire la probabilità che si verifichino eventi indesiderati Misure mitigative : provvedimenti tecnici e e procedurali volti a ridurre l’entità delle conseguenze delle sfavorevoli

15 LE CURVE DI ISORISCHIO (isochindone) ab dalla situazione a alla b occorre impiegare misure preventive ac dalla situazione a alla c occorre impiegare misure mitigative ad dalla situazione a alla d occorre impiegare misure preventive e mitigative

16 CURVE DI RISCHIO Rapporto complessità - rischio del sistema

17 GESTIONE DEL RISCHIO ANALISI VALUTAZIONE CONTROLLO Obiettivi Prevenzione Protezione Mezzi Sistemi procedurali e tecnici Sistemi relazionali Eliminazione dei rischi Riduzione dei livelli di rischio Monitoraggio Informazione Formazione lavoratori addetti Coinvolgimento decisionale Risk assessment

18 Ricaduta in termini di riduzione del rischio a livello di popolazione Non corrispondenza Identificazione e gestione dei CCP

19

20 Spesso insufficiente a produrre alimenti con un livello di sicurezza prevedibile mancanza di uno strumento in grado di quantificare la reale diminuzione del rischio

21 Evoluzione normativa Obbligo di attuazione (da parte del Responsabile dello stabilimento di produzione) di un’attività di autocontrollo sulle diverse fasi di produzione Direttive Comunitarie Verticali Direttiva 43/1993/CEE (Direttiva orizzontale) Recepita in Italia con il D.lgs 155/97 Estende a tutte le attività commerciali riguardanti alimenti l’obbligo di predisporre i piani di autocontrollo Libro Bianco (2000) realizzato con il Reg. 178/2002 Approccio metodologico basato sull’Analisi del rischio Regolamento 852/2004/CE Sottolinea e ribadisce l’importanza delle HACCP per le imprese

22 Regolamento 2073/2005 Individua criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari …la sicurezza dei prodotti alimentari è garantita da misure di prevenzione quali HACCP e GMP

23 FAO/OMS (1997) “Il raggiungimento della completa assenza dei rischi in campo alimentare è oggi un obiettivo non sempre conseguibile” Contenere il “rischio alimentare entro limiti ragionevoli e tollerabili”, in comparazione con gli altri rischi della vita di ogni giorno

24 Nella fase di gestione implica scelte, anche politiche, che coinvolgono un insieme di comportamenti che investono l’intera filiera e non solo punti di controllo di una singola struttura produttivo-trasformativa

25 PUBBLICO ANALISI DEL RISCHIO CONTROLLO VALUTAZIONE COMUNICAZIONE ESPERTI

26 Insieme di operazioni tese ad ottenere conoscenze necessarie a definire l’entità del rischio nelle varie circostanze Valutazione del rischio Gestione dei rischio Comunicazione del rischio Obiettivi di sicurezza alimentare FSO Appropriato livello di protezione della popolazione ALOP

27 Procedura conoscitiva- gestionale Si estende ad ogni tipologia alimentare Caratterizzazione del pericolo Valutazione del livello di esposizione Individua gli FSO e definisce gli ALOP Sistema di contenimento del rischio Deve poter individuare CCP Analizza solo CCP di una singola struttura

28 VALUTAZIONE DEL RISCHIO Collega la probabilità del verificarsi dell’esposizione ad una individuata noxa patogena e gli effetti dell’esposizione stessa in una categoria di soggetti esposti La Commissione europea ha indicato nella valutazione del rischio il sistema più attendibile per definire il livello massimo di pericolo nelle derrate alimentari

29 VALUTAZIONE DEL RISCHIO

30 GESTIONE DEL RISCHIO Vengono considerati aspetti sociali ed economici Percezione del consumatore del pericolo Distribuzione dei rischi e dei benefici Responsabilità di vari soggetti (settore produttivo, consumatori) “Definisce i livelli tollerabili di rischio alimentare e le misure per raggiungerli”

31 Appropriato livello di protezione - ALOP- Stabilisce il livello di protezione che è ritenuto appropriato (dai paesi membri) per stabilire una misura di protezione sanitaria o fitosanitaria per la vita o la salute dell’uomo, degli animali, delle piante all’interno del loro territorio Potenziamento del sistema di sicurezza alimentare

32 ALOP “numero massimo di casi di malattia riferibili ad un agente patogeno su abitanti in un anno” analisi del rischio per i patogeni alimentari Frequenza di esposizione Gravità degli effetti Reversibilità degli effetti Fattibilità tecnica Nuovi rischi fisico-chimici e microbiologici Entità dei benefici nutrizionali Rapporti costi-benefici Preferenze pubbliche

33

34 Obiettivi di sicurezza alimentare - FSO – Trasforma un ALOP in un obiettivo misurabile per le aziende alimentari e le autorità preposte. ALOP = FSO RISCHIO = PERICOLO

35 FSO “Massima concentrazione di un pericolo microbiologico in un alimento che non produca effetti nocivi sulla salute (WTO)” NOAEL La massima concentrazione di una sostanza chimica che non produca nessun effetto osservabile (WHO)

36

37 Esempi applicativi di FSO s  Il livello di L. monocytogenes nei cibi pronti per il consumo non deve eccedere le 100 U.F.C. per grammo  Il livello di enterotossina stafilococcica nel formaggio non deve eccedere 1 µg/100g  La concentrazione di Salmonella nel latte in polvere deve essere inferiore a 1/100g

38 Valori soglia [ oltre il quale possono insorgere tossinfezioni alimentari e malattie infettive ] AGENTE Livello soglia per popolaz. sana Salmonella <10 5 Tossina stafilococcica <1 mcg Clostridium perfrigens 10 6 Campylobacter Vibrio cholera 10 6 Shigella 10 1 – 10 2 H.A.V Yersinia 10 9 Norwalk virus 10

39 Corretta prassi igienica Analisi dei pericoli Valutazione dei rischi Gestione dei CCP

40 MISURE DI CONTROLLO

41 CRITERI DI PERFORMANCE - criteri d’efficacia – Vengono definiti come il risultato microbiologico richiesto da una o più misure di controllo che possono contribuire ad assicurare la sicurezza di un alimento Risultato microbiologico richiesto da una o più misure di controllo espresso come cambiamento nel livello di pericolo in un alimento, assicurando il raggiungimento di un FSO es. riduzione nel livello di un patogeno in concentrazione o n log 10

42 A differenza di un FSO, questa opzione è limitata ad una o più misure di controllo che contribuiscono ad assicurare la sicurezza di un alimento, oppure che contribuiscono al raggiungimento di un FSO ( FAO/WHO 2002 ) CRITERI DI PERFORMANCE - criteri d’efficacia –

43 (Log 10 H 0 – log 10 H) + log 10 SF Dove H 0 = concentrazione iniziale del pericolo considerato H = concentrazione finale del pericolo (dopo trattamento) SF = fattore di sicurezza eventualmente imposto dall’Autorità Sanitaria (in genere viene assunto 100 volte più basso del peggior caso di contaminazione) Es. H 0 = 10 4 patogeni/g H = 10 –6 patogeni/g SF = 100 Cr. Per. = 4 - (-6) + 2 = = 12

44 Se un criterio di performance è utile per pervenire ad un FSO (Log 10 H 0 + Log 10 H G – log 10 H R )  log 10 FSO Dove H 0 = iniziale livello di pericolo H G = aumento totale del pericolo considerato dovuto al processo H R = riduzione totale del pericolo considerato dovuto al processo FSO = obiettivo di sicurezza alimentare Es. H 0 = 10 3 ufc/g FSO = < 1 ufc/100g Cr. Per. = – log 10 H R  – 2 = – log 10 H R  –5 = log 10 H R  5

45 Parametro di controllo di un processo ad uno specifico stadio che può essere applicato per raggiungere un criterio di performance (temperatura, tempo, Aw, pH, ecc) CRITERI DI PROCESSO Es. I parametri di controllo della pastorizzazione del latte in strato sottile sono 71,7°C per 15 secondi Es. Per le conserve acidificate il pH deve essere inferiore a 4,4

46 CRITERI MICROBIOLOGICI Accettabilità di un prodotto (o di un lotto di alimenti) sulla base della presenza/assenza o del numero di agenti patogeni (inclusi parassiti, tossine, metaboliti) per unità di massa, volume, area o lotto) Obiettivo del Reg. 2073/2005: protezione della salute pubblica

47  Elenco dei microrganismi o loro tossine/metaboliti di rilievo e ragione della loro scelta  Metodi analitici atti a rilevarli, compreso il limite di rilevabilità e le tolleranze  Piano di campionamento che indiche il numero e la dimensione delle unità campionarie e i limiti di conformità  Limiti specifici per il tipo di alimento, in un determinato punto  Specifiche sui punti di prelievo  Azioni da intraprendere in caso di non conformità CRITERI MICROBIOLOGICI – elementi costitutivi –

48 CRITERI MICROBIOLOGICI – impieghi – Validare e verificare che le misure di controllo adempiano ai criteri di performance (es. verifica dell’HACCP) Determinare l’accettabilità di un alimento in assenza di sistemi efficaci per accertarlo (es GHP e HACCP non verificabili)

49 CRITERI MICROBIOLOGICI Di processo Del prodotto finito Si applica a livello dell’impianto che realizza il prodotto Individua uno specifico prodotto o fase del processo Non si applica al prodotto una volta sul mercato Consente di verificare l’adozione dei piani HACCP o GHP Si applica al prodotto finito immesso sul mercato Si applica alla fase di distribuzione, vendita agli operatori al dettaglio e al consumatore

50 Criteri microbiologici e FSO - le differenze – L’FSO  non viene applicato ad un singolo lotto  non specifica piani di campionamento, unità analitiche, ecc  definisce il livello di controllo che ci si aspetta da un’operazione su alimenti che può essere raggiunto attraverso l’implementazione di piani HACCP o GHP e applicazioni di criteri di performance e di processo

51 GLI FSO e gli eventi di filiera Riprodurre non solo le condizioni della lavorazione ma anche quelle di conservazione, distribuzione e preparazione e le condizioni di abuso

52 Se in alcuni prodotti non è possibile un ulteriore sviluppo microbico o un ulteriore significativa contaminazione a livello di produzione e distribuzione Gli FSO e gli eventi di filiera

53 Raggiungimento di un livello prefissato di contaminazione da patogeni o di parametri che indirettamente garantiscono salubrità (pH, T, t, ecc)

54 Impiego degli FSO Punto fondamentale Politica sanitaria della sicurezza alimentare Valutazione e corretta gestione rischi Definizione dei livelli di accettabilità

55 In conclusione… Risulta necessario:  maggiore collaborazione tra le industrie alimentari e le autorità preposte al controllo  continua riconsiderazione e rivalutazione degli FSO, in modo da individuare i punti della filiera bisognosi d’intervento


Scaricare ppt "Prof. Marco Guida Dip. Biologia lab. di Igiene Via mezzocannone, 16 0812534641"

Presentazioni simili


Annunci Google