La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

HYPER-V STATO DELL’ARTE Ermanno Goletto MVP - MCSE - MCITP MCTS

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "HYPER-V STATO DELL’ARTE Ermanno Goletto MVP - MCSE - MCITP MCTS"— Transcript della presentazione:

1

2 HYPER-V STATO DELL’ARTE Ermanno Goletto MVP - MCSE - MCITP MCTS Roberto Massa

3 Agenda Overview Management Storage Networking Clustering e Replica Novità in Windows Server Technical Preview

4 OVERVIEW Stato dell’arte di Hyper-V e novità riguardanti le Virtual Machine

5 Novità in Windows Server 2012 R2 Virtual Receive Side Scaling (vRSS) NIC Teaming Dynamic Mode HV vSwitch Extended Port ACLs Online VHDX Resize Storage Quality of Service (QoS) Shared VHDX VM Generation 2 Enhanced session mode Gestione Hyper-V in WS2012 Automatic VM Activation (AVMA) File copy da host a guest online Export VM online Extended Replication Frequenza Replica configurabile Hyper-V Recovery Manager VM live migration on Shutdown Dynamic Witness Active Directory detached cluster

6 Scalabilità Hyper-V vs VMware SistemaRisorsa Valori massimi WS 2012/R2vSphere 5.5 Host Processori logici hardware320 Memoria fisica4 TB Processori virtuali per host Virtual machine Processori virtuali per VM64 Memoria per VM1 TB Dimensione vDisk64 TB vhdx62 TB vmdk VM attive per host Cluster Nodi6432 Virtual machines VMware Fault Tollerance è possibile solo su VM con 1 vCPU

7 Funzionalità HV vs VMware RisorsaFunzionalitàWS 2012/R2vSphere 5.5 Scalabity Hot-Adjust Virtual CPUSì Hot-Add Virtual RAMSì Storage 4K Disk supportSìNo Hot Add, Expand vScsi HDSì Hot Shrink vScsi HDSìNo Hot Live migration vStorageSìSì (max 2) Network Extensible vSwitchSìSostituibile Private Virtual LAN (PVLAN)Sì IPsec Task OffloadSìNo Virtual Port ACLsSì Cluster Live MigrationSì Live Migration over RDMASìNo Live Migration compressionSìNo HA VMSì Max 4 con Nic 1Gb Max 8 con Nic 10Gb

8 Supporto a OS Guest Server OS Server MicrosoftvCPUs Windows Server 2012 R264 Windows Server Windows Server 2008 R2 SP1 (DC, Ent, Std, Web)64 Windows Server 2008 SP2 (DC, Ent, Std, Web 32/64 Bit)8 Windows Home Server Windows Small Business Server 2011 Standard4 Windows Small Business Server 2011 Essentials2 Windows Server 2003 R2 SP2 (DC, Ent, Std, Web 32/64 Bit)2 Windows Server 2003 SP2 (DC, Ent, Std, Web 32/64 Bit)2 OS Server non MicrosoftvCPUs CentOS / Red Hat Enterprise Linux , , 5.9, , 6.4, SUSE Linux Enterprise Server 11 SP2/SP364 OpenSUSE Ubuntu 12.04, 12.10, 13.04, Oracle Linux 6.4, Oracle Linux UEK R3 QU164 Oracle supporta l’esecuzione in Hyper-V e in Windows Azure

9 Supporto a OS Guest Client OS Client MicrosoftvCPUs Windows Windows 832 Windows 7 / SP1 (Ult, Ent, Pro 32/64 Bit)4 Windows Vista SP2 (Bus, Ent, Ult + K/KN)2 Windows XP SP3 (Pro)2 Windows XP x64 SP2 (Pro)2 OS Client non MicrosoftvCPUs CentOS / Red Hat Enterprise Linux Desktop , , 5.9, , 6.4, SUSE Linux Enterprise Desktop 11 SP2/SP364 OpenSUSE Ubuntu Desktop 12.04, 12.10, 13.04, Microsoft ha sviluppato i LIS (Linux Integration Services) come membro della Linux Community per garantire la compliance. I LIS sono integrarti nelle nuove versioni di Kernel Linux (per esempio in Debian GPU/Linux 7.0 oltre alle versioni di Linux supportate)

10 Maggior supporto a Linux Server Hardware Independent Hardware Vendor Drivers Windows Kernel Virtual Service Provider Configuration Store Worker Processes Management Service WMI Provider Hyper-V Driver video specifico per Linux Dynamic Memory Online VHDX resize Online Backup Supporto a Kdump/kexec per la creazione di Kernel dump Supporto a NMI Supporto MMIO gap utilizzato spesso da appliance Migliore integrazione con Hyper- V Full HD (1920x1080) Miglior supporto al puntatore mouse

11 Virtual Machine Generation 2 Hyper-V generation 2 VM conversion utility (PS script) – By John Howard -MSFT

12 Hardware Virtual Machine Generation 2 Legacy Devices Rimossi IDE Controller IDE CD-ROM Legacy BIOS Legacy NIC Floppy & DMA Controller UART (COM Ports) i8042 keyboard controller PS/2 keyboard PS/2 mouse S3 video PCI Bus Programmable Interrupt Controller (PIC) Programmable Interrupt Timer (PIT) Super I/O device Devices sostituiti Virtual SCSI Controller Virtual SCSI CD-ROM UEFI firmware Synthetic NIC Floppy non supportato Optional UART for debugging Software based input Software based keyboard Software based mouse Software based video VMBus Non più richiesto WS2008R2 e W7 richiedono PIC Miglioramenti Boot from VHDx (64TB max size, online resize) Hot add/remove Secure Boot Network boot con IPv4 & IPv6 Più veloce e affidabile (COM abilitabile via PS) Nessuna emulazione, minori risorse richieste Firmware UEFI 64 Bit senza modulo di compatibilità per OS a 32 Bit Lo stack di RemoteFX richiede PCI

13 Virtual Machine Generation 2 deep dive Gestione tramite PowerShell New-VM –Name “VMG2” -Generation 2 Set-VMFirmware / Get-VMFirmware Boot order Secure boot First boot device Network boot protocol Default Gen 1 Creazione VM Gen 2Gestione Firmware UEFI Disabilitazione Secure Boot: Set-VMFirmware –Vmname VMG2 -EnableSecureBoot Off Aggiunta porta COM: Set-VMComPort –VMName VMG2 1 \\.\pipe\TestPipe Abilitazione del kernel debugging tramite msconfig Utilizzare windbg sull’Host connettendosi a \\.\pipe\TestPipe Abilitazione kernel debugging tramite COM Il kernel debugging non è compatibile col Secure Boot Le porte COM delle VM Gen2 non sono visibili nella Hyper-V Manager console 1 2 3

14 Enhanced session mode Connessione alla VM tramite RDP da VM Connect Redirezione risorse locali utilizzando VM Connect Configurazione Display Audio Stampanti Clipboard Drive Smart cards, Devices USB Device Plug and Play Remote Desktop over VMBus Abilitata per default su Client Hyper-V (W8.1) Disabilitata per default su Hyper-V (WS2012R2)

15 Basic vs Enhanced session mode Le redirezioni RDP possono essere limitate da eventuali GPO locali nella VM\ Non sono richieste RDS CAL E’ possibile salvare le impostazioni di connessione Non è disponibile al primo boot, ma solo dopo aver completato l’OOBE setup Non è compatibile con Guest RemoteFX enabled

16 Funzionalità deprecate o rimosse FunzionalitàWS2012WS2012 R2Note Servermanagercmd.exeDeprecataRimossaCmdlet PowerShell Oclist.exeRimossaDism.exe Built-in drivers for tape drivesRimossaDriver produttore Windows Authorization Manager (AzMan)DeprecataRimossaCmdlet PowerShell/SCVMM WMI root\virtualization\v1 namespaceDeprecataRimossaroot\virtualization\v2 IScsiVirtualDiskSnapshot e relativi metodi WMIDeprecata VM Chimney (Guest TCP Offload)Rimossa Static VMQ, NetDMA, Token RingsRimossaI driver usano NDIS 6.3 e Dynamic VMQ API NDIS 5.0, 5.1, 5.2DeprecataRimossa

17 DEMO VM Generation 2 e Enhanced session mode

18 MANAGEMENT Novità nella gestione delle Virtual Machine

19 Le VM sono attivate automaticamente se eseguite su di un host attivato Automatic Virtual Machine Activation AVMA evita la gestione di product key e funziona anche in ambienti disconnessi E’ possibile usare le AVMA keys anche in installazioni unattend Datacenter: Y4TGP-NPTV9-HTC2H-7MGQ3-DV4TW Standard: DBGBW-NPF86-BJVTX-K3WKJ-MTB6V Essentials: K2XGM-NMBT3-2R6Q8-WF2FK-P36R2 AVMA sfrutta l’Integration Service Data Exchange

20 Consente la copia di file tra Host e Guest tramite il cmdlet Copy- VMFile (o WMI Api) Guest Service Nuovo Integration Service che utilizza un nuovo servizio nel Guest OS (Hyper-V Guest Service Interface)  #Abilitazione IS Guest Service Get-VM –Name VMName | Enable-VMIntegrationService -Name "Guest Service Interface" #Verifica stato servizio nella VM Get-Service -ComputerName VMName –DisplayName “Hyper-V Guest Service Interface" #Copia file da Host a VM Get-VM –Name VMName | Copy-VMFile -SourcePath "PathHost\Filename.ext" -DestinationPath "PathVM\Filename.ext" -CreateFullPath -FileSource Host –Force #Disabilitazione IS Guest Service Get-VM –Name VMName | Disable-VMIntegrationService -Name "Guest Service Interface" Disabilitato per default

21 Export di una VM in esecuzione Creazione di scenari di troubleshooting senza downtown per la VM primaria Test di migrazione da private cloud a cloud hosting provider o viceversa Export da checkpoint esistente Viene eseguito automaticamente il merge dei Checkpoints in un singolo virtual disk Troubleshooting issue di applicazioni Export VM online Duplicazione VM Online 1 Avvio export VM in esecuzione 2 Hyper-V esegue un live export creando i file nella nuova locazione 3 Importazione nuova VM spenta sull’host di destinazione, finalizzazione delle configurazioni e avvio della VM 4 Virtual Machine Manager permette la selezione dell’host durante l’export wizard VM1 VM2 VM1 VM2 Export-VM Export-VMSnapshot

22 Console per gestione locale e remota 5nine Manager Supporta HV 2008 R2 Sp1 e succ. Installabile sulla core (richiede.NET 4.5) OS Client: W7/W8/W8.1 x64 Free Editio n ProHVM (Hyper-V Manager) Supporta HV 2008 e succ. Installabile sulla core OS Client: XP e succ. x32 e x64 Perso nal Free Free RDP Appliance for Hyper-V Server VM CentOS PSHVM 3.0 Powershell Hyperv Manager Supporta HV 2012 Installabile sulla core Integrato con Corefig 1.1 Remote Server Administration Tools Supporta HV 2012 e succ. OS Client: W8.1 Pro/Ent x32 e x64 Free

23 Tool di conversione Microsoft Assessment & Planning Toolkit 9.0 (MAP) Agentless inventory, assessment e reporting tool per vari scenari di migrazione 5nine V2V Easy Converter Conversione di VM Vmware in Hyper-V Supporta HV 2008 R2 Sp1 e succ. Supporta VMware ESXi 4.x e succ. StarWind V2V Converter Conversione di VMDK in VHD Free Migration Automation Toolkit (MAT) PowerShell scripts collection per automatizzare MVMC (richiede SQL Server Express o sup.) Microsoft Virtual Machine Converter 1.0 (MVMC) Converte VM VMware vSphere 4.1/5.0 hosts in Hyper-V 2012 (richiede VMware vSphere Client 4.1/5.0) Non supporta WS2012R2 Disk2vhd v2.01 Utilizzabile per P2V/V2V Consente la creazione di VHD/VHDX WinPE USB (WAIK) per P2V offline

24 System Center 2012 R2

25 STORAGE Novità riguardanti lo storage e il formato dei dischi virtuali

26 Shared VHDX I VHDX connessi a controller SCSI sono utilizzabili come storage condiviso per un numero illimitato di VM Utilizzabili per deploy di Hyper-V guest Failover Cluster Ideali per SQL Server DB files, File Server e DB files su dischi condivisi Sono supportati Guest OS WS2012 R2 e WS2012 con IS 2012 R2 Utilizzano SCSI-persistent reservations Esposti alle VM come virtual disk SAS Guest clustering slegato da una topologia di storage (iSCSI, FC, SMB) Deploy a Guest Cluster Using a Shared Virtual Hard Disk: Scale-Out File Server Storage Spaces WS2012 permette: Fibre Chanel FCoE iSCSI SMB

27 Storage Spaces Scale-Out File Server Clusters Storage Spaces Virtualization and Resiliency SMB Shared JBOD Storage PowerShell & SCVMM 2012 R2 Management Hyper-V Clusters Guest Clusters Hard Disk Drives Hot data Cold data Solid State Drives Storage Spaces

28 Online VHDX Resize Espansione dischi virtuali SCSI 1.Aumento dimensioni VHDX con VM Online 2.Espansione volume tramite il Guest OS Shrink dischi virtuali SCSI 1.Riduzione volume tramite Guest OS 2.Shrink dimensione VHDX con VM Online Storage VM flessibile Hyper-V Manager #Resize Hyper-V PowerSell Get-VM VMName | Get-VMHardDiskDrive -ControllerType SCSI | Resize-VHD -SizeBytes 120GB #Resize SCVMM PowerShell Get-SCVirtualMachine VMName | Get-SCVirtualDiskDrive | ?{$_.VirtualHardDisk -like VHDName} | Expand-SCVirtualDiskDrive -VirtualHardDiskSizeGB 120

29 Storage Quality of Service (QoS) QoS configurabile sul singolo virtual disk anche con VM Online Impostazione max IOPS (Limit) Impostazione min IOPS (Reserve), evento di notifica se la soglia non è garantita Configurabile tramite Hyper-V Management Console, PowerShell, WMI Monitorabile tramite PowerShell, WMI Controllo storage IOPS 4K I/O = 1 Normalized I/O 8K I/O = 1 Normalized I/O 10K I/O = 2 Normalized I/Os 16K I/O = 2 Normalized I/Os 20K I/O = 3 Normalized I/Os #Abilitazione resource metering per la VM Enable-VMresourcemetering -VMName VMName #Rilevamento metriche aggregate VM $VMReport = Measure-VM $VMName #Rilevamento metriche VHD $DiskInfo = $VMReport.HardDiskMetrics #Rilevamento metriche singolo virtual disk foreach ($Disk in $DiskInfo) { Write-Host $Disk }

30 DEMO Online resize OS VHDX e Storage QoS

31 NETWORKING Novità riguardanti il networking e l’architettura dei virtual switch

32 Virtual Receive Side Scaling (vRSS) Massimizza l’utilizzo di risorse ripartendo il traffico tra più processori virtuali Non è abilitato per default (abilitabile tramite Device Manager o PowerShell) Coesistenza con IPv4, IPv6, TCP, UDP, LBFO (NIC Teaming), Live Migration e NVGRE Estensione funzionalità RSS RSS in ambiente VM multi-core è limitato dal fatto che un singolo processore virtuale serve tutti gli interrupt di una scheda di rete virtuale NIC fisica Nodo 0 Nodo 1 RSS vProc vNIC vRSS #Abilitazione vRSS nella VM (Metodo 1) Enable-NetAdapterRSS -Name vAdapterName #Abilitazione vRSS nella VM (Metodo 2) Set-NetAdapterRSS -Name vAdapterName –Enable $True #Verifica abilitazione VMQ nell’host Get-NetAdapterVmq -Name AdapterName

33 NIC Teaming Distribuzione del carico di rete tra le NIC Ottimizza l’utilizzazione dell’hardware Il flusso TCP è ripartito su tutte le NIC Applicato al flusso in entrata e in uscita Nuova modalità: Dynamic Mode NIC Team TCP/IP Stack

34 Extended ACLs Parent Partition Virtual Switch Capture Extensions Filtering Extensions Forwarding Extension Virtual NIC Extension Miniport Extension Protocol ACL s Port ACLs configurate sul Virtual Switch Consente la gestione delle security polices in ambiente multitenant Le ACLs ora possono essere definite in base: Tipo di protocollo Socket port E’ possibile definire stateful firewall rule Configuazione tramite PowerShell Firewall e security policies Physical NIC In WS2012 era possibile solo abilitare o boccare il traffico da o verso un MAC o un IPv4/IPv6

35 Remote Live Monitoring Mirror e cattura traffico di rete per analisi locali e remote GUI experience con Message Analyzer Supporta remote offline traffic captures Filtraggio basato su indirizzi IP e VM Semplificazione monitoraggio In Windows Server 2012 il remote monitoring del traffico di rete era possibile, ma non semplice Successore di Network Monitor Server o client con Message Analyzer W7/WS2008 R2 e succ. 32/64 Bit Configurazione filtri e truncation tramite WMI Truncated network traffic redirected ETW events Windows Server 2012 R2

36 Networking state of the art Introdotto in Windows Server 2012 Introdotto in Windows Server 2012 R2 NIC Teaming DHCP failover Private virtual local area network (PVLAN) Hyper-V Network Virtualization Infrastruttura Multitenant OperativitàIntegrazioneAlta disponibilità Cross-premises connectivity Hyper-V Extensible Switch Hardware partners SMB 3.0 Multichannel Quality of Service (QoS) Performance SMB Direct Single Root I/O Virtualization (SR-IOV) Receive-Side scaling (RSS) Receive Segment Coalescing (RSC) Dynamic VM Queue (D-VMQ) IP Address Management (IPAM) Resource Metering PowerShell BranchCache DirectAccess DHCP failover Virtual Receive-Side scaling (vRSS) Cloud Gateways Standards based Switch Management Hyper-V Switch Hybrid Forwarding Enhanced HNV Diagnostics NIC Teaming Dynamic Mode IPAM for Virtualized Datacenters DNS Enhancements for Service Providers Remote Live Monitoring Test-NetConnection Hyper-V Switch Extended ACLs

37 CLUSTERING E REPLICA Novità riguardanti il clustering e la replica di Hyper-V

38 Live Migration Compressione Memoria VM compressa e migrata su connessione TCP/IP Protocollo SMB 3.0 SMB Direct se le NIC supportano RDMA SMB Multichannel rilevato automaticamente con utilizzo di connessioni multiple su più NIC Nuove opzioni oltre al TCP/IP VM Target host FC, FCoE, iSCSI, SMB, SAS Storage TCP/IP TCP/IP compresso SMB 3.0 Dati di configurazione Contenuto memoria Pagine di memoria modificate MEMORY Performance raddoppiate iWarp (10 Gb) RoCE (10/40 Gb), Infiniband (56 Gb) TCP/IP Compresso (più efficiente di SMB 3.0) Usa CPU Host 1 NIC 1 Gb o 10 Gb SMB (SMB Multichannnel) E’ possibile utilizzare NIC Teaming 2 più NIC 1Gb/10 Gb SMB (SMB Direct SMB Multichannel) Si possono usare fino a due connessioni per NIC Non è possibile utilizzare NIC Teaming 1 NIC RDMA

39 Cross version Live Migration Supporto a Live Migration da host WS2012 a host WS2012 R2 che consente la migrazione del cluster a WS2012 R2 senza downtime delle VM Occorre rimuovere la VM dal cluster PowerShell automation (Move-VM) Supporto a Share Nothing Live Migration per upgrade con cambio di storage Upgrade a 2012 R2 semplificato E’ possibile utilizzare Copy Cluster Role Wizard per spostare le VM Online su un nuovo cluster connesso alla stessa LUN. Terminato il wizard su vecchio cluster le VM vanno spente e il disco CSV va messo offline, quindi sul nuovo cluster si mette il disco CSV online e si accendono le VM Migrazione Hyper-V Cluster su CSV Creare un nuovo cluster 2012 R2 per avere HA durante l’upgrade Breve periodo di downtime delle VM Se i VHD sono su storage SMB 3.0 è necessario spostare solo la configurazione delle VM One-way migration

40 Failover Cluster VM mobility Host WS 2012 R2 Shutdown del nodo VM spostata sul nodo con più memoria libera rispettando la VM Prioritization Enable\Disable con la proprietà DrainOnShutdown VM network health detenction In caso di disconnessione su una virtual network protetta la VM viene spostata su un host connesso alla rete Se non viene trovato un host il nodo viene rimosso dal cluster e la VM trasferita su un altro nodo e riavviata Live Migration automatica E’ ancora consigliato impostare il nodo in maintenance mode

41 Dynamic witness Quando si usa il Dynamic Quorum (default) il voto del Witness viene conteggiato in modo dinamico in base al numero di nodi attivi e alla disponibiltà del Witness Se i nodi sono dispari il Witness non viene conteggiato Se il Witness è offline o failed non viene conteggiato Non è più necessario modificare la configurazione del quorum quando si aggiunge/rimuove un nodo Semplificazione configurazione quorum In WS2012 è stato introdotta la gestione dinamica del quorum sulla base dei nodi attivi Node & Disk MajorityNode Majority Configurazione raccomandata in WS2012 R2

42 Active Directory-Detached Cluster Il Failover Cluster non richiede registrazione di oggetti computer per i CNO (cluster name object) e VCO (virtual compuer object) in AD DS I network name (administrative access point) vengono registrati solo nel DNS I nodi devo ancora essere joinati al dominio Kerberos viene utilizzato per le comunicazioni intracluster NTLM viene utilizzato quando è necessaria un’autenticazione tra cluster network name Parziale indipendenza da AD A partire da WS2012 il failover cluster si avvia senza dipendenze da AD supportando DC esclusivamente virtuali Host WS 2012 R2

43 Hyper-V Replica Fail Extended Replication

44 HYPER-V VNEXT Novità in Windows Server Technical Preview

45 Virtual Machine Configuration Version Versione dei file di configurazione, saved state e snapshot della VM (su WS2012 R2 era la 5) La versione non viene automaticamente aggiornata al move, import della VM per consentire il move back a WS2012 R2 Se la versione non viene aggiornata manualmente non saranno disponibili le nuove features Il downgrade della configuration version da 6 a 5 non è possibile (una VM con configuration version a 6 non può girare su WS2012 R2) Versione 6 della configurazione della VM #Check della configuration version delle VM Get-VM * | Format-Table Name, Version #Upgrade della configuration version delle VM Update-VmConfigurationVersion vmname #Update-VmConfigurationVersiont è bloccato #sugli Hyper-V cluster se il cluster #functional level è Windows Server 2012 R2 Dopo l’upgrade della configuration version sarà possibile utilizzare il nuovo formato dei file di configurazione

46 Nuovo VM configuration file format Nuovi formato binari per i file di configurazione delle VM (.VMCX) Nuovo format binario per i file runtime state data delle VM (.VMRS) L’attuale formato del file di configurazione della VM era XML-based (.xml) L’attuale formato dei file runtime state data era già binario (.bin e.vsv) Formati.VMCX e.VMRS

47 Miglioramenti nell’Hyper-V Manager Alternate credentials support E’ possibile utilizzare un set di credenziali differenti quanto ci si connette ad un Windows Server vNext or Windows vNext remote host Down-level management E’ possibile gestire più versioni di Hyper-V (WS TP, W10 TP, WS 2012R2, W 8.1, WS2012, W8) Updated management protocol Ora Hyper-V Manager è in grado di comunicare con i remote host tramite il protocollo WS-MAN che permette autenticazione CredSSP, Kerberos o NTLM CredSSP permette la Live Migration senza abilitare la constrained delegation in AD WS-MAN semplifica le configurazioni per abilitare la gestione remote grazie al fatto che si connette per default sula porta TCP 80

48 Novità relative alle VM Set-VMFirmware vmname -SecureBootTemplate MicrosoftUEFICertificateAuthority

49 Rolling Hyper-V Cluster Upgrade Nuova feature del Failover Clustering che permette l’upgrade dell OS dei nodi da WS2012 R2 a WS TP senza arrestare workloads Hyper-V e Failover Clustering Il cluster funziona in Windows Server 2012 R2 feature level sino a che non sarà eseguito l’upgrade di tutti i nodi Occorre aggiornare manualmente il cluster functional level (cmdlet: Update-ClusterFunctionalLevel) Il downgrade del cluster functional level da WS TC a WS2012 R2 non è possibile E’ possibile spostare le VM tra i nodi WS TC e WS 2012 R2 Coesistenza nodi WS TC in cluster HV WS2012R2 Migliora il SLA evitando downtime https://technet.microsoft.com/en-us/library/52f5ef26-971f-4269-b dd #BKMK_RollingUpgrade

50 Novità nel ruolo Hyper-V e Storage Services Storage quality of service (QoS) E’ possibile creare QoS policies su Scale-Out File Server e assegnarle a VHD, VM, gruppi di VM, collezioni di data flows, Service o Tenant Production checkpoints Generati tramite la tecnologia di backup interna alle VM mediante l’uso del VSS per OS Windows e flush dei file system buffers in OS Linux Le nuove VM creeranno per default production checkpoints con possibilità di creare standard checkpoints Connected Standby compatibity Abilitando il ruolo Hyper-V su un computer che utilizza l’Always On/Always Connected (AOAC) power model, il Connected Standby power state è disponibile e funzionante

51 Storage Replica (SR) Replica a livello di blocco di tipo storage-agnostic Permette il disaster recovery e l’alta disponibilità del cluster La replica sincrona abilita il mirroring dei dati tra siti fisici garantendo la consistenza al livello di file system del volume senza perdita dati in caso di crash La replica asincrona permette l’estensione geografica del site con possibiltà di perdita dati Utilizza SMB3 Richiede software Microsoft end to end per storage e clustering (Hyper-V, Storage Replica, Storage Spaces, Cluster, Scale-Out File Server, SMB3, Deduplication e ReFS/NTFS) Gestione tramite Failover Cluster Manager e PowerShell Replica Storage tra server

52 QUESTIONS & ANSWERS


Scaricare ppt "HYPER-V STATO DELL’ARTE Ermanno Goletto MVP - MCSE - MCITP MCTS"

Presentazioni simili


Annunci Google