La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTELLIGENZA EMOTIVA “QUESTO LIBRO E’ UNA GUIDA PER DARE UN SENSO LOGICO A CIO’ CHE SEMBREREBBE PROPRIO NON AVERNE” Daniel Goleman ROMA 08-10-2010 Presentazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTELLIGENZA EMOTIVA “QUESTO LIBRO E’ UNA GUIDA PER DARE UN SENSO LOGICO A CIO’ CHE SEMBREREBBE PROPRIO NON AVERNE” Daniel Goleman ROMA 08-10-2010 Presentazione."— Transcript della presentazione:

1 INTELLIGENZA EMOTIVA “QUESTO LIBRO E’ UNA GUIDA PER DARE UN SENSO LOGICO A CIO’ CHE SEMBREREBBE PROPRIO NON AVERNE” Daniel Goleman ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

2 LE EMOZIONI : UN CONTINENTE INESPLORATO DALLA PSICOLOGIA SCIENTIFICA. IL NOSTRO VIAGGIO SI PROPONE DI ARRIVARE A CAPIRE COSA SIGNIFICA PORTARE L’INTELLIGENZA NELLA SFERA DELL’EMOZIONE, E COME EMOZIONI TOSSICHE POSSANO METTERE A RISCHIO LA NOSTRA SALUTE FISICA, MENTRE L’EQUILIBRIO PSICOLOGICO PUO’ AIUTARCI A PROTEGGERE SALUTE E BENESSERE. I SENTIMENTI PIU’ PROFONDI, LE PASSIONIE I DESIDERI PIU’ INTENSI, SONO PER NOI GUIDE IMPORTANTISSIME, CHE HANNO AVUTO UNA GRANDE INFLUENZA SULLE VICENDE UMANE, E ALLE QUALI LA NOSTRA SPECIE DEVE IN GRAN PARTE LA PROPRIA ESISTENZA. OGNI EMOZIONE CI PREDISPONE ALL’AZIONE, CIASCUNA DI ESSE CI ORIENTA IN UNA DIREZIONE GIA’ RIVELATASI PROFICUA PER SUPERARE LE SFIDE DELLA VITA. IN OGNI EMOZIONE C’E’ QUINDI UNA IMPLICITA TENDENZA AD AGIRE,MA SE E’ VERO CHE NEL PASSATO PIU’ REMOTO LA PROPENZIONE ALLA COLLERA POTEVA COSTITUIRE UN VANTAGGIO IN TERMINI DI SOPRAVVIVENZA OGGI, TALE INCLINAZIONE PUO’ PORTARE A RISPOSTE DISASTROSE. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

3 LE NOSTRE DUE MENTI A TUTTI GLI EFFETTI OGGI ABBIAMO DUE MENTI, UNA CHE PENSA E UNA CHE SENTE. QUESTE DUE MODALITA’ DI CONOSCENZA COSI’ DIVERSE, INTERAGISCONO PER COSTRUIRE LA NOSTRA VITA MENTALE. NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI QUESTE DUE MENTI OPERANO IN GRANDE ARMONIA E LE LORO MODALITA’ SI INTEGRANO PER GUIDARCI NELLA REALTA’. QUANDO PERO’ LE PASSIONI AUMENTANO D’INTENSITA’ CAPITA CHE LA MENTE EMOZIONALE PRENDE IL SOPRAVVENTO QUANDO AD ESEMPIO SIAMO FOLLEMENTE INNAMORATI O TERRORIZZATI A MORTE, SIAMO IN BALIA DEL NOSTRO SISTEMA LIMBICO, TALI ESPLOSIONI EMOZIONALI SONO UNA SORTA DI SEQUESTRO NEURALE, IN QUEI MOMENTI IL SISTEMA LIMBICO DICHIARA LO STATO DI EMERGENZA IMPONENDO A TUTTO IL RESTO DEL CERVELLO IL PROPRIO IMPELLENTE ORDINE DI SEQUESTRO. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

4 LA SEDE DI TUTTE LE PASSIONI L’AMIGDALA E’ UA SPECIE DI MANDORLA, UNA SORTA DI CENTRALINA PROGRAMMATA PER INVIARE CHIAMATE D’EMERGENZA, STIMOLANDO LA SECREZIONE DEGLI ORMONI CHE INNESCANO LA REAZIONE DI COMBATTIMENTO O FUGA. FUNZIONA COME UN ARCHIVIO DI MEMORIA EMOZIONALE,L’ESTESA RETE DI CONNESSIONI NEURALI DELL’AMIGDALA LE CONSENTE, DURANTE UN’EMERGENZA EMOZIONALE, DI SEQUESTRARE GRAN PARTE DEL RESTO DEL CERVELLO, COMPRESA LA MENTE RAZIONALE E IMPORLE I SUOI COMANDI. ESSA PUO’ QUINDI INNESCARE UNA RISPOSTA EMOZIONALE, ATTRAVERSO UNA VIA DI EMERGENZA PRIVILEGIATA RISPETTO ALLA NEUROCORTECCIA CHE CORRISPONDE ALLA MENTE RAZIONALE. MA… I ROCORDI EMOZIONALI POSSONO RILEVARSI GUIDE FORVIANTI PERCHE’ AGISCONO PRIMA DI AVERE UNA PIENA CONFERMA DEL PERICOLO, ANTICIPANDO L’ATTIVAZIONE DEI PROCESSI NEO CORTICALI CHE HANNO IL COMPITO DI MANTENERE UN EQULILIBRIO NELLE RISPOSTE EMOZIONALI ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

5 INTELLIGENZA EMOTIVA Definizione: PER INTELIGENZA EMOTIVA, L’AUTORE INTENDE LA CAPACITA’ DI MOTIVARE SE STESSI E PERSITERE NEL PERSEGUIRE UN OBIETTIVO, NONOSTANTE LE FRUSTRAZIONI, E NEL CONTROLLARE GLI IMPULSI E RIMANDARE LE GRATIFICAZIONI. QUESTO TIPO DI INTELIGENZA E’ UN FATTORE POTENTE E DETERMINANTE NELLA NOSTRA VITA, A VOLTE PIU’ DEL Q.I. CHE SI LIMITA ALLA TRADIZIONALE VALUTAZIONE DI ABILITA’ VERBALI E NUMERICHE. IN REALTA’, PER FARLA BREVE, ESISTONO DIVERSI TIPI DI INTELLIGENZA, LA PAROLE CHIAVE IN QUESTA CONCEZIONE DI INTELLIGENZA E’ MULTIPLA. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

6 L’AUTOCONSAPEVOLEZZA L’AUTOCONSAPEVOLEZZA E’ UNA FORMA DI ATTENZIONE, NON REATTIVA E NON CRITICA, VERSO I PROPRI STATI INTERIORI(vd. Testimone). RICHIEDE L’ATTIVAZIONE DELLA NEOCORTECCIA, CI CONSENTE DI DARE UN NOME ALLE EMOZIONI PROVATE E DI AVERE UN CERTO CONTROLLO SU DI ESSE. AL DI SOTTO DELLA SOGLIA DELLA CONSAPEVOLEZZA, L’AUTORE CI METTE IN ALLERTA RISPETTO ALLE EMOZIONI CHE COVANO SOTTO LA CENERE, PERCHE’ ESSE POSSONO AVERE UN IMPATTO POTENTE E DISTRUTTIVO SUL NOSTRO MODO DI PERCEPIRE E REAGIRE ALLA VITA. SENZA CONSAPEVOLZZA NON POSSIAMO AGIRE MA SOLO SUBIRE. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

7 L’EQUILIBRIO E’ LA MIGLIORE COSA! L’EQUILIBRIO NON E’ LA SOPPRESSIONE DELLE EMOZIONI, NESSUNO CI CHIEDE CIO’, TUTTAVIA E’ IMPORTANTE CHE IL SENTIMENTO SIA PROPORZIONATO ALLA CIRCOSTANZA ; PASSANDO DALLA DEPRESSIONE ALLA COLLERA FURIOSA MINIAMO LA NOSTRA STABILITA’. E’ QUINDI IL RAPPORTO TRA EMOZIONI NEGATIVE E EMOZIONI POSITIVE CHE DETERMINA IL NOSTRO BENESSERE PSICOLOGICO. COLLERA, MALINCONIA, ANSIA… SONO COME DICE L’AUTORE LE EMOZIONI PIU’ DURE DA COTROLLARE E CHE PER LA MAGGIORE INFLUENZANO LA NOSTRA VITA. L’UNICO MODO PER USCIRE DA QUESTO TUNNEL E’ REPRIMERE L’IMPULSO. NON ESISTE UNA CAPACITA’ PSICOLOGICA PIU’ IMPORTANTE DEL SAPER RESISERE AGLI IMPULSI, ESSA E’ ALLA BASE E’ ALLA BASE DI OGNI TIPO DI AUTOCONTROLLO EMOTIVO! ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

8 IL FLUSSO la neurobiologia dell’eccellenza ENTRARE NEL FLUSSO E’ LA MASSIMA ESPRESSIONE DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA. RAPPRESENETA IL MASSIMO LIVELLO DI SFRUTTAMENTO DELLE EMOZIONI A SERVIZIO DELLA PRESTAZIONE…E’ LA NOSTRA SOLUZIONE!!! NEL FLUSSO TUTTE LE EMOZIONI SONO INCANALATE ED IN SINCRONIA IL CON IL COMPITO A CUI CI STIAMO DEDICANDO. SI E’ IN UNO STATO IN CUI GLI INDIVIDUI SONO TALMENTE ASSORBITI DA QUANTO STANNO FACENDO CHE PERDONO LA CONSAPEVOLEZZA DI SE STESI, MOSTRANDO UN CONTROLLO MAGISTRALE, LA PERSONA NON E’ PREOCCUPATA DI FAR BENE O DI FAR MALE, IL PURO E SEMPLICE PIACERE DELL’ATTO IN SE STESSO BASTA A MOTIVARLO E A GARANTIRE IL SUCCESSO. UNO STATO DI PROFONDA CONCENTRAZIONE E’ L’ESSENZA DEL FLUSSO. QUESTA GARANZIA DI SUCCESSO CI CONFERMA QUANTO SIA FONDAMENTALE LA CAPACITA’ DI INCANALARE LE EMOZIONI VERSO IL RAGGIUNGIMENTO DI UN FINE PRODUTTIVO. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Fiorella Tomassini

9 EMPATIA E AUTOCONSAPEVOLEZZA L’EMPATIA SI BASA SULL’AUTOCONSAPEVOLEZZA. QUANTO SIAMO PIU’ APERTI VERSO LE NOSTRE EMOZIONI, TANTO PIU’ SAREMO ABILI NEL LEGGERE QUELLE DEGLI ALTRI, E LA CHIAVE PER COMPRENDERE GLI ALTRI STA NELLA CAPACITA’ DI GUARDARE OLTRE, NEL VEDERE QUEI MESSAGGI CHE VIAGGIANO SUI CANALI DELLA COMUNICAZIONE NON VERBALE. PER ESSERE EMPATICO IL SOGGETTO DEVE ESSERE ABBASTANZA CALMO E RECETTIVO DA POTER RICEVERE I SOTTILI SEGNALI EMOZIONALI EMESSI DA UN’ALTRA PERSONA E MIMARLI NEL PRPRIO CERVELLO EMOZIONALE. ANCORA UNA VOLTA L’AMIGDALA FA DA PROTAGONISTA COME PARTE DI UN CIRCUITO CELEBRALE FONDAMENTALE PER L’EMPATIA. ROMA Presentazione a cura della Dott.saTomassini Fiorella

10 LE CAPACITA’ SOCIALI UN FATTORE DETERMINANTE AFFINCHE’ LE RELAZIONI INTERPERSONALI SIANO EFFICACI STA’ NELL’ABILITA’ CON LA QUALE L’INDIVIDUO ATTUA LA SINCRONIA EMOTIVA. GLI INDIVIDUI CHE NON SONO CAPACI DI RICEVERE E TRASMETTERE EMOZIONI, SONO DESTINATI A RELAZIONI INTERPERSOANLI PROBLEMATICHE, PERCHE’ SPESSO GLI ALTRI SI SENTONO A DISAGIO CON LORO, PUR NON RIUSCENDO A SPIEGARE PRECISAMENTE IL PERCHE’. QUINDI ESERCITARE INFLUENZA SUGLI ALTRI SIGNIFICA LETTERALMENTE. TRASCINARE LE LORO EMOZIONI (vd, capacità di leadership). L’INCAPACITA’ SOCIALE E’ MOLTO PIU’ DOLOROSA QUANDO SI MANIFESTA NEI BAMBINI, ESEMPIO LAMPANTE QUANDO UN BAMBINO SI TROVA A VOLERSI UNIRE A UN GRUPPO CHE STA GIOCANDO. QUESTO MOMENTO RIVELA VELOCEMENTE LE DIFFERENZE NELLE CAPACITA’ SOCIALI! MOMENTI COME QUESTI SE RIPETUTI SPESSO NELLA VITA DI UN BAMBINO POSSONO SEGNARE FORTEMENTE LA SUA CRESCITA EMOTIVA SIA IN SENSO POSITIVO CHE IN SENSO NEGATIVO. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Tomassini Fiorella

11 NEMICI INTIMI A PROPOSITO DI CAPACITA’ SOCIALI, PARLIAMO ORA DI UN ARGOMENTO CHE CI TOCCA TUTTI DA VICINO…PARLIAMO DEI VINCOLI EMOTIVI TRA MOGLIE E MARITO. ALLA BASE DELLE DIFFICOLTA’ DI UNA COPPIA C’E’ COME PRIMA COSA UN ELEMNTO BIOLOGICO NASCOSTOCHE RITROVIAMO NELLE DIFFERENZE TRA L’UNIVERSO EMOZIONALE DELLE BAMBINE E QUELLO DEI BAMBINI. VI SONO EFFETTIVAMENTE DUE REALTA’ EMOZIONALI, LE CUI RADICI SONO RINTRACCIABILI A LIVELLO BIOLOGICO MA ANCHE E SOPRATTUTTO A LIVELLO ESPERIENZALE. INFATTI I MASCHE E LE FEMMINE RICEVONO INSEGNAMENTI MOLTO DIVERSI SUL COME GESTIRE LE EMOZIONI, E QUESTE DIFFERENZE EDUCATIVE FINISCONO PER ALIMENTARE CAPACITA’ MOLTO DIVERSE, OSSIA LE DONNE SONO PIU’ PORTATE NELLA COMUNICAZIONE E NELL’ASCOLTO EMPATICO, GLI UOMINI INVECE SONO PIU’ PORTTATI VERSO L’AZIONE. NEL RAPPORTO MATRIMONIALE QUINDI E’ FONDAMENTALE NON TANTO ESSERE D’ACCORDO, CHE COME ABBIAMO VISTO PER MOTIVI DI DIFFERENZA DI GENERE NON RISULTA COMPLETAMENTE POSSIBILE, MA CIO’ CHE FA’ LA DIFFERENZA E’ IL RAGGIUNGERERE UN’INTESA SUL MODO IN CUI ESSRER IN DISACCORDO. Avranno poco senso quindi le liti interminabili fatte di collera o rassegnazione, e avrà invece sicuramente più successo quella che nella terapia di coppia viene chiamata come “ METODO xyz” ad esempio, ossia l’arte di parlare senza stare sulla difensive e senza attaccare. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa FiorellaTomassini

12 DIRIGERE CON IL CUORE ALTRA CAPACITA’ SOCIALE FONDAMENTALE PER L’AUTORE E ANCHE PER NOI COME COACH CHE ABBIAMO O CHE AVREMO A CHE FARE CON I DIRIGENTI AZIENDALI, E’ PROPRIO QUELLA CHE RIGUARDA LA DIMENSIONE AZIENDALE DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA. SUL LAVORO UN BASSO LIVELLO DI INTELLIGENZA EMOTIVA COMPORTA DEI COSTI AGGIUNTIVI, QUANDO QUESTI COSTI SONO INCONTROLLATI, LE AZINDE POSSONO ANCHE COLLASSARE. IN QUESTO SENSO, NEL NOSTRO SECOLO LE AZIENDE HANNO VISSUTO UNA RIVOLUZIONE RADICALE, OGGI IL VIRTUOSO DELLE CAPACITA’ PERSONALI RAPPRESENTA IL FUTURO. LA LEADERSHIP OGGI NON E’ PIU’ INTESA COME ESERCIZIO DI POTERE MA COME CAPACITA’ DI PERSUDERE LE PERSONE A LAVORARE PER UN OBIETTIVO COMUNE. CIASCUNO FA PARTE DEL SISTEMA, QUINDI LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI INTESO COME FEEDBACK CONSENTE AGLI INDIVIDUI DI CAPIRE COME STANNO SVOLGENDO IL PROPRIO LAVORO ED EVENTUALMENTE CORREGGERE IL TIRO. IN ASSENZA DEL FEEDBACK, L’INDIVIDUO BRANCOLA NEL BUIO, QUINDI L’EFFICIENZA E LA SODDISFAZIONE E LA PRODUTTIVITA’ DIPENDONO DAL MODO IN CUI VENGONO COMUNICATE LE INFORMAZIONI (FEEDBACK) SPESSO LE CRITICHE VENGONO PRESE COME ATTACCHI PERSONALI E CIO’ INDUCE AD ASSUMERE ATTEGGIAMENTI DIFENSIVI E AD EVITARE RESPONSABILITA’. LA SOLUZIONE E’ LA CRITICA COSTRUTTIVA CHE IN TERMINI PRATICI L’AUTORE SINTETIZZA IN: ESSERE SPECIFICI, OFFRIRE SOLUZIONI, ESSERE PRESENTI, ESSERE SENSIBILI. ALTRO ELEMENTO DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE E’ IL GRUPPO E NELLO SPACIFICO QUELLO CHE GOLEMAN CHIAMA IL Q.I. DEL GRUPPO, OSSIA L’INSIEME DELLE CAPACITA’ CHE AIUTANO LE PERSONE A INTERAGIRE ARMONIOSAMENTE. OGNI GRUPPO HA UN SUO QI CHE E’ EQUIVALENTE ALLA SOMMA TOTALE DEI TALENTI E DELLE CAPACITA’ DI TUTTE LE PERSONE COINVOLTE. LA CHIAVE PER OTTENERE UN ELEVATO QI E’ L’ARMONIA SOCIALE. L’ARMINIA CONSENTE AL GRUPPO DI TARRE IL MASSIMO VANTAGGIO DALLE CAPACITA’ DEI SUOI MEMBRI ROMA Presentazione a cura della Dott.ssaTomassini Fiorella

13 UN’OCCASIONE DA NON PERDERE IL MODO IN CUI I GENOTORI TRATTANO I BAMBINI HA CONSEGUENZE PROFONDE E DUREVOLI, COME GIA ‘ SAPPIAMO, L’EDUCAZIONE EMOZIONALE QUINDI OPERA ANCHE ATTRAVRESO I MODELLI CHE ESSI GLI OFFRONO MOSTRANDOGLI COME GESTISCONO I PROPRI SENTIMENTI. L’IMPATTO DEI GENITORI INZIA DALLA CULLA, E’ FONDAMENTALE DUNQUE CHE ESSI CAPISCANO A FONDO CHE LE LORO AZIONI POSSONO CONTRIBUIRE NOTEVOLMENTE A GENERARE FIDUCIA, CURIOSITA’, PIACERE NELL’APPRENDIMENTO, COMPRENZIONE DEI LIMITI ETC.. INOLTRE L’IMPATTO DEI GENITORI DETERMINA SE UN BAMBUINO ARRIVERA’ AD AVVERTIRE UN SENTIMENTO DI FONDAMENTALE FIDUCIA O SFIDUCIA, VERSO SE STESSO E LE PROPRIE CAPACITA’ E NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI..E’ NELLA RIPETIZIONI DI QUESTI EVENTI, CHE GLI PROCURANO SENTIMENTI DI FIDUCIA O SFIDUCIA, CHE SE PROLUNGATI NEGLI ANNI CREA NEL BAMBINO CAPACITA’ EMOTIVE E PROSPETTIVE DIVERSE, SOPRATTUTTO NEI PRIMI TRE- QUATTRO ANNI DI VITA. ROMA Presentazione a cura della Dott.ssaTomassini Fiorella

14 IL TEMPERAMENTO NON E’ DESTINO! IL TEMPERAMENTO E’ LO STATO D’ANIMO CHE CARATTERIZZA LA VITA EMOTIVA, L’AUTORE NE ELENCA DI ALCUNI COME: IL TIMIDO, LO SPAVALDO, L’ALLEGRO, IL MALINCONICO, CIASCUNO DI ESSI E’ RICONDUCIBILE AD UN DIVERSO TIPO DI ATTIVITA’ CELEBRALE. AD ESEMPIO I BAMBINI TIMIDI SEMBRANO VENIRE AL MONDO CON UN CIRCUITO NEURONALE CHE LI RENDE IPERATTIVI NEI CONFRONTI ANCHE DEGLI STRESS LEGGERI, PER CUI GLI BATTE PIU’ VELOCEMENTE IL CUORE ANCHE IN SITUAZIONI PER GLI ALTRI NON STRESSANTI, E QUESTO CONDIZIONA IL LORO MODO DI INTERAGIRE CON IL MONDO. MA IL TEMPERAMENTO NON E’ UN DESTINO, E’ POSSIBILE CALMARE UN’AMIGDALA IPER ECCITABILE. CIO’ CHE FA’ DAVVERO LA DIFFERENZA SONO LE RISPOSTE EMOTIVE CHE I BAMBINI APPRENDONO MENTRE CRESCONO, OSSIA IL MODO IN CUI IMPARANO A GESTIRE LA PROPRIA NATURALE TIMIDEZZA. DI NUOVO ANCHE IN QUESTA OCCASIONE, GOLEMAN SOTTOLINEA L’IMPOTANZA DELL’EDUCAZIONE E COME IN QUESTO CASO DA PARTE DEI GENITORI E DA PARTE DI TUTTE QUELLE RETI SOCIALI DI CUI FACCIAMO PARTE E DI CUI FANNO PARTE I NOSTRI FIGLI. NON A CASO L’ULTIMA PATRE DEL LIBRO E’ DEDICATA ALL’INSEGNARE A SCUOLA LE EMOZIONI…. ROMA Presentazione a cura della Dott.saTomassini Fiorella

15 INSEGNARE A SCUOLA LE EMOZIONI “La prima speranza di una nazione è risposta nella corretta educazione della sua gioventù”(Erasmo) LA SCIENZA DEL SE’ : OGGETTO DELLA SCIENZA DEL SE’ SONO I SENTIMENTI, I PROPRI E QUELLI CHE SCATURISCONO NEL RAPPORTO CON GLI ALTRI. IL PROGRAMMA DELLA SCIENZA DE SE’ SI PONE COME MODELLO L’INSEGNAMENTO DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA. I RAGAZZI IMPARANO CHE ESISTONO DIVERSE SCELTE PER REAGIRE A UN’EMOZIONE, E PIU’ MODALITA’ DI RISPOSTA SI CONOSCONO PIU’ LA NOSTRA VITA PUO’ ARRICCHIRSI. I CONTENUTI COMPRENDONO: L’AUTOCONSAPEVOLEZZA, LA CAPACITA’ DI COGLIERE I NESSI TRA PENSIERI SENTIMENTI E REAZIONI, PREVEDERE LE CONSEGUENZE DI UNA RISPOSTA EMOTIVA ED EVENTUALMENTE SCEGLIERE UN COMPORTAMENTO ALTERNATIVO… ALTRO ASPETTO AFFRONTATO NELLA SCIENZA DEL SE’, E’ COME CONTROLLARE LE EMOZIONI, SOPRATTUTTO QUELLE PIU’ IMPLACABILI E CHE CI PORTANO A REAZIONI FUORI LUOGO, IN POCHE PAROLE QUELLE DETTATE DALLA NOSTRA CARA VECCHIA AMICA AMIGDALA, CON L’OBIETTIVO DI CAPIRE COSA STA’ DIETRO A UN SENTIMENTO COSI’ FORTE E IMPROVVISO. UN’ABILITA’ FONDAMENTALECHE TROVIAMO DI NUOVO ANCHE QUI E’ L’EMPATIA, CHE COME SAPPIAMO E’ IL COMPRENDERE I SENTIMENTI ALTRUI. P.S. NELLA SCIENZA DEL SE’ NON VENGONO DATI VOTI, E’ LA VITA STESSA L’ESAME FINALE ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Tomassini Fiorella

16 UNA DOMANDA.. L’AUTORE CONCLUDE CON UNA DOMANDA: “DATA LA CRISI CHE NOI E I NOSTRI RAGAZZI CI TROVIAMO A FRONTEGGIARE, NON DOVREMMO ORA PIU’ CHE MAI INSEGNARE A OGNI BAMBINO QUESTE ABILITA’ CHE SONO LE PIU’ ESSENZIALI PER LA LORO VITA?.....E SE NON ORA, QUANDO? P.S. VERONICA, AMORE MIO… SEI UNA BAMBINA FORTUNATA!!! ROMA Presentazione a cura della Dott.ssa Tomassini Fiorella


Scaricare ppt "INTELLIGENZA EMOTIVA “QUESTO LIBRO E’ UNA GUIDA PER DARE UN SENSO LOGICO A CIO’ CHE SEMBREREBBE PROPRIO NON AVERNE” Daniel Goleman ROMA 08-10-2010 Presentazione."

Presentazioni simili


Annunci Google