La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’architettura dell’ottocento. Nell’800 molte città diventano centri industriali e cambiano il loro assetto urbanistico. Città come Londra e Parigi diventano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’architettura dell’ottocento. Nell’800 molte città diventano centri industriali e cambiano il loro assetto urbanistico. Città come Londra e Parigi diventano."— Transcript della presentazione:

1 L’architettura dell’ottocento

2 Nell’800 molte città diventano centri industriali e cambiano il loro assetto urbanistico. Città come Londra e Parigi diventano metropoli. C’è un aumento della popolazione che dalle campagne si sposta in città in cerca di lavoro. Pensiamo al caso di Terni che da abitanti nel 1884, anno della nascita delle acciaierie, passa a in pochi anni.

3 Nelle grandi città la borghesia, che gestisce la politica grazie ad una rappresentanza ristretta, inizia a costruire grandi viali a scapito di vecchi quartieri che vengono demoliti o ampliando vecchie strade esistenti.

4 A Parigi i grandi viali si chiameranno Boulevards (vedi lez. sull’Impressionismo)

5 PARIGI place de l’etoile PARIGI place de l’etoile place de l’etoile A Parigi un esempio è la place de l’etoile (stella) così detta perchè le dodici strade che vi confluiscono, dall’alto sembrano formare una stella a dodici punte

6 Napoli Corso Umberto I A Napoli, dopo il colera del 1884, si inizia la costruzione di grandi vie sventrando le aree urbane più congestionate. Qui si vede Corso Umberto I

7 TORINO

8 Anche in questo caso un esempio emblematico è quello di Corso Tacito a Terni, fortemente voluto dall’ammiraglio Benedetto Brin, viale che si va a sovrapporre all’antico centro storico eludendo l’antico tracciato del cardo (Via Roma – Corso Vecchio)

9

10

11

12 Cesare Bazzani Palazzina Alterocca (1903) Terni

13 Bazzani unisce passato e presente mescolando sapientemente una struttura classica di base colonne e lesene classiche, capitelli, architravi, glifi elementi moderni decorazioni Liberty pittoriche e di terracotta e uso di nuovi materiali come la ghisa con

14 lesene, glifi e capitelli laterali

15 colonnine di ghisa pitture e decorazioni in stile liberty

16

17 Si cominciano a vedere anche i primi esempi di architettura operaia, per accogliere con la costruzione di edifici destinati ad alloggi per gli operai. Ne è un tipico esempio il Palazzone di Terni Com’è oggi dopo il restauro Com’era nei primi anni del ‘900

18 In quegli anni Terni si trasformava, da borgo agricolo diventava "distretto industriale" e la popolazione passava da poco più di diecimila persone a quasi cinquantamila. Il "Palazzone" fu la prima risposta "razionale" alle esigenze abitative dei lavoratori che dalle campagne, dalle regioni vicine, da quelle del Nord calavano a Terni attratti dalle possibilità offerte dalla Manchester italiana. Situato lungo viale Brin, vicino alla fabbrica e, come desiderava la classe dirigente, lontano dal centro città Botteghe al piano terra e 72 appartamenti nei cinque piani

19 Gli impiegati e i dirigenti erano trattati decisamente meglio: case più rifinite, vicino al centro, e dotate di acqua corrente

20 ARCHITETTURA NEOCLASSICA GOTHIC REVIVAL

21 LONDRA Palazzo del Parlamento

22 Norvich St. John

23 L’architettura si rinnova nell’uso dei materiali nell’uso dei materiali (ferro, vetro, cemento armato) nelle tecniche costruttive nelle tipologie edilizie nelle tipologie edilizie (semplici e funzionali come porti, viadotti, stazioni ferroviarie, ponti, complessi industriali)

24 LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI Nel 1851 iniziarono le esposizioni universali. Sono insieme fiere commerciali e mostre scientifico-culturali temporanee che vengono realizzate, generalmente ogni 4/5 anni, nelle più importanti città del mondo. Venivano messi in vendita i prodotti esposti, dagli ascensori ai cannoni, dai telefoni ai motori a scoppio, ma allo stesso tempo venivano presentati ai visitatori i progressi scientifici raggiunti.

25 La prima Esposizione universale fu realizzata a Londra nel L'edificio che doveva ospitare le migliaia di espositori (circa ) si chiamava Crystal Palace, una gigantesca struttura trasparente in vetro e ferro edificata in soli nove mesi. Tutto smontabile, costruito con lastre di vetro e montanti in metallo, il Crystal Palace non danneggiò in alcun modo la natura circostante e anzi inglobò nella sua parte più alta, che raggiungeva i 24 m, alcuni antichi olmi di Hyde Park. ESPOSIZIONE DI LONDRA DEL 1851

26 Londra Crystal Palace 1851

27 L’entusiasmo dei londinesi per questa struttura fu enorme, e la impossibilità a tenerla stabilmente nell’Hyde Park fece si che, dopo essere stata smontata, fu ricostruita in un’altra parte della città. Evidentemente si tratta di una struttura sfortunata perchè dopo varie peripezie, fu distrutta definitivamente da un incendio nel 1936.

28 A questa Esposizione Universale ne seguirono altre ma particolarmente fu quella di Parigi in occasione del centenario della Rivoluzione Francese nell’anno

29 forza che lo sai! clicca per la soluzione

30 1889

31 Parigi Torre Eiffel

32 Costruita in due anni (utilizzando pezzi di ferro forgiato) in occasione dell’Esposizione Universale del 1889, anch’essa fu accolta con entusiasmo dai Parigini (anche se molti erano spaventati dalla mole e dall’altezza di oltre 300 metri). Si decise quindi di non smontarla. Da allora è divenuto il simbolo della Francia.

33 Londra Crystal Palace Parigi Biblioteca

34 Torino Mole Antonelliana

35 Milano Galleria Vittorio Emanuele ( ) La Galleria, dell’architetto Mengoni, è in stile “eclettico” con muratura e ferro e vetro a fare da copertura.

36 Torino Mole Antonelliana

37 E mentre in Italia nel 2014 ancora si discute se costruire o meno il Ponte sullo stretto di Messina, in America, già nel 1870, si costruiva il Ponte di Brooklyn (1825 m.), che collegava la terraferma con l’Isola di Manhattan. Il ponte, il primo in acciaio, è opera dell’ingegnere tedesco John Roebling, che morì prima che fosse terminato.

38 Torino Mole Antonelliana New York Ponte di Brooklyn ( )

39 Torino Mole Antonelliana

40 e si cominciano a costruire anche i primi grattacieli

41 Chicago reliance building Fu il primo grattacielo ad avere la maggior parte delle facciate in vetro.

42 A Chicago, dalla fine dell‘800 si costruirono i primi grattacieli che superavano i 13 piani. Poi la novità si estese a New York e a tutta l’America. I grattacieli erano costruiti con enormi strutture metalliche, travi che venivano montate dagli operai senza strutture di sicurezza fino ad una altezza di circa 300 metri

43 guarda il video


Scaricare ppt "L’architettura dell’ottocento. Nell’800 molte città diventano centri industriali e cambiano il loro assetto urbanistico. Città come Londra e Parigi diventano."

Presentazioni simili


Annunci Google