La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10 GENNAIO 10 GENNAIO 2015 SABATO FERIA DEL TEMPO DI NATALE DOPO L'EPIFANIA UFFICIO DELLE LETTURE INVITATORIO V. Signore, apri le mie labbra R. e la mia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10 GENNAIO 10 GENNAIO 2015 SABATO FERIA DEL TEMPO DI NATALE DOPO L'EPIFANIA UFFICIO DELLE LETTURE INVITATORIO V. Signore, apri le mie labbra R. e la mia."— Transcript della presentazione:

1

2 10 GENNAIO 10 GENNAIO 2015 SABATO FERIA DEL TEMPO DI NATALE DOPO L'EPIFANIA UFFICIO DELLE LETTURE INVITATORIO V. Signore, apri le mie labbra R. e la mia bocca proclami la tua lode. Antifona Venite, adoriamo il Signore apparso tra noi. SALMO 66 Tutti i popoli glorifichino il Signore Sia noto a voi che questa salvezza di Dio viene ora rivolta ai pagani (At 28, 28) Dio abbia pietà di noi e ci benedica, * su di noi faccia splendere il suo volto; perché si conosca sulla terra la tua via, * fra tutte le genti la tua salvezza. Ti lodino i popoli, Dio, * ti lodino i popoli tutti. Esultino le genti e si rallegrino, † perché giudichi i popoli con giustizia, * governi le nazioni sulla terra. Ti lodino i popoli, Dio, * ti lodino i popoli tutti. La terra ha dato il suo frutto. * Ci benedica Dio, il nostro Dio, ci benedica Dio * e lo temano tutti i confini della terra. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen. Antifona Venite, adoriamo il Signore apparso tra noi.

3 Inno Prostràti i santi Magi adorano il Bambino, offron doni d'Oriente: oro, incenso e mirra. O simboli profetici di segreta grandezza, che svelano alle genti una triplice gloria! Oro e incenso proclamano il Re e Dio immortale; la mirra annunzia l'Uomo deposto dalla croce. Betlemme, tu sei grande fra le città di Giuda: in te è apparso al mondo il Cristo Salvatore. Nelle sue mani il Padre pose il giudizio e il regno: lo attestano concordi le voci dei profeti. Non conosce confini nello spazio e nel tempo il suo regno d'amore, di giustizia e di pace. A te sia lode, o Cristo, nato da Maria Vergine, al Padre e allo Spirito nei secoli dei secoli. Amen.

4 1^ Antifona Ricordati di noi, Signore, salvaci con la tua visita. SALMO 105, 1-18 (I) Bontà del Signore e infedeltà del popolo Tutte queste cose accaddero a loro come esempio e sono state scritte per ammonimento nostro, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (1 Cor 10,11). Celebrate il Signore, perché è buono, * eterna è la sua misericordia. Chi può narrare i prodigi del Signore, * far risuonare tutta la sua lode? Beati coloro che agiscono con giustizia * e praticano il diritto in ogni tempo. Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo, * visitaci con la tua salvezza, perché vediamo la felicità dei tuoi eletti, † godiamo della gioia del tuo popolo * con la tua eredità ci gloriamo. Abbiamo peccato come i nostri padri, * abbiamo fatto il male, siamo stati empi. I nostri padri in Egitto non compresero i tuoi prodigi, † non ricordarono tanti tuoi benefici * e si ribellarono presso il mare, presso il mar Rosso. Divennero gelosi di Mosè negli accampamenti, * e di Aronne, il consacrato del Signore. Allora si aprì la terra * e inghiottì Datan, e seppellì l'assemblea di Abiron. Divampò il fuoco nella loro fazione * e la fiamma divorò i ribelli. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen. 1^ Antifona Ricordati di noi, Signore, salvaci con la tua visita. Ma Dio li salvò per il suo nome, * per manifestare la sua potenza. Minacciò il mar Rosso e fu disseccato, * li condusse tra i flutti come per un deserto; li salvò dalla mano di chi li odiava, * li riscattò dalla mano del nemico. L'acqua sommerse i loro avversari; * nessuno di essi sopravvisse. Allora credettero alle sue parole * e cantarono la sua lode. Ma presto dimenticarono le sue opere, * non ebbero fiducia nel suo disegno, arsero di brame nel deserto, * e tentarono Dio nella steppa. Concesse loro quanto domandavano * e saziò la loro ingordigia.

5 2^ Antifona Siamo la comunità dell'alleanza, non dimentichiamo l'amore del nostro Dio. SALMO 105, (II) Si fabbricarono un vitello sull'Oreb, * si prostrarono a un'immagine di metallo fuso; scambiarono la loro gloria * con la figura di un toro che mangia fieno. Dimenticarono Dio che li aveva salvati, * che aveva operato in Egitto cose grandi, prodigi nel paese di Cam, * cose terribili presso il mar Rosso. E aveva già deciso di sterminarli, † se Mosè suo eletto non fosse stato sulla breccia di fronte a lui, * per stornare la sua collera dallo sterminio. Rifiutarono un paese di delizie, * non credettero alla sua parola. Mormorarono nelle loro tende, * non ascoltarono la voce del Signore. Lo irritarono anche alle acque di Meriba * e Mosè fu punito per causa loro, perché avevano inasprito l'animo suo * ed egli disse parole insipienti Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen. 2^ Antifona Siamo la comunità dell'alleanza, non dimentichiamo l'amore del nostro Dio. Egli alzò la mano su di loro * giurando di abbatterli nel deserto, di disperdere i loro discendenti tra le genti * e disseminarli per il paese. Si asservirono a Baal di Peor * e mangiarono i sacrifici dei morti, provocarono Dio con tali azioni * e tra essi scoppiò una pestilenza. Ma Finees si alzò e si fece giudice, * allora cessò la peste e gli fu computato a giustizia * presso ogni generazione, sempre.

6 3^ Antifona Salvaci, Signore, radunaci da tutte le nazioni. SALMO 105, (III) Non sterminarono i popoli * come aveva ordinato il Signore, ma si mescolarono con le nazioni * e impararono le opere loro. Servirono i loro idoli * e questi furono per loro un tranello. Immolarono i loro figli * e le loro figlie agli dèi falsi. Versarono sangue innocente, † il sangue dei figli e delle figlie * sacrificati agli idoli di Canaan; la terra fu profanata dal sangue, † si contaminarono con le opere loro, si macchiarono con i loro misfatti. L'ira del Signore si accese contro il suo popolo, * ebbe in orrore il suo possesso; e li diede in balìa dei popoli, * li dominarono i loro avversari, Salvaci, Signore Dio nostro, * e raccoglici di mezzo ai popoli, perché proclamiamo il tuo santo nome * e ci gloriamo della tua lode. Benedetto il Signore, Dio d'Israele † da sempre, per sempre. * Tutto il popolo dica: Amen. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen. 3^ Antifona Salvaci, Signore, radunaci da tutte le nazioni. li oppressero i loro nemici * e dovettero piegarsi sotto la loro mano. Molte volte li aveva liberati; † ma essi si ostinarono nei loro disegni * e per le loro iniquità furono abbattuti. Pure, egli guardò alla loro angoscia * quando udì il loro grido. Si ricordò della sua alleanza con loro, * si mosse a pietà per il suo grande amore. Fece loro trovare grazia * presso quanti li avevano deportati.

7 Versetto V. Il Figlio di Dio è venuto, e ha aperto i nostri occhi: R. ci ha fatto conoscere il vero Dio. Prima Lettura: Dal libro del profeta Isaia 63, 19b - 64, 11 Si implora la venuta del Signore Se tu squarciassi i cieli e scendessi! Davanti a te sussulterebbero i monti. Come il fuoco incendia le stoppie e fa bollire l'acqua, così il fuoco distrugga i tuoi avversari, perché si conosca il tuo nome fra i tuoi nemici. Davanti a te tremavano i popoli, quando tu compivi cose terribili che non attendevamo, di cui non si udì parlare da tempi lontani. Orecchio non ha sentito, occhio non ha visto che un Dio, fuori di te, abbia fatto tanto per chi confida in lui. Tu vai incontro a quanti praticano la giustizia e si ricordano delle tue vie. Ecco, tu sei adirato perché abbiamo peccato contro di te da lungo tempo e siamo stati ribelli. Siamo divenuti tutti come una cosa impura e come panno immondo sono tutti i nostri atti di giustizia, tutti siamo avvizziti come foglie, le nostre iniquità ci hanno portato via come il vento. Nessuno invocava il tuo nome, nessuno si riscuoteva per stringersi a te; perché tu avevi nascosto da noi il tuo volto, ci hai messo in balìa della nostra iniquità. Ma, Signore, tu sei nostro padre; noi siamo argilla e tu colui che ci dà forma, tutti noi siamo opera delle tue mani. Signore, non adirarti senza fine, non ricordarti per sempre dell'iniquità. Ecco, guarda: tutti siamo tuo popolo. Le tue città sante sono un deserto, un deserto è diventata Sion, Gerusalemme una desolazione. Il nostro tempio, santo e magnifico, dove i nostri padri ti hanno lodato, è divenuto preda del fuoco; tutte le nostre cose preziose sono distrutte. Dopo tutto questo, resterai ancora insensibile, o Signore, tacerai e ci umilierai sino in fondo? Responsorio Cfr. Is 56, 1: Mic 4, 9; Is 43, 3 R. Vicina è la tua salvezza, città di Dio: perché ti struggi nel dolore? Non hai chi ti consola, che ti lasci abbattere dalla tristezza? * Io ti salverò, dice il Signore, non temere: verrò a liberarti. V. Io sono il Signore Dio tuo, il Santo d'Israele, il tuo redentore. R. Io ti salverò, dice il Signore, non temere: verrò a liberarti.

8 Seconda Lettura: Dal «Commento su san Giovanni» di san Cirillo d'Alessandria, vescovo (Lib. 5, cap. 2; PG 73, ) L'effusione dello Spirito Santo su tutti gli uomini Quando colui che aveva dato vita all'universo decise con un'opera veramente mirabile, di ricapitolare in Cristo tutte le cose e volle ricondurre la natura dell'uomo alla sua condizione primitiva di dignità, rivelò che gli avrebbe concesso in seguito, tra gli altri doni, anche lo Spirito Santo; non era infatti possibile che l'uomo tornasse altrimenti ad un possesso duraturo dei beni ricevuti. Stabilisce dunque Dio il tempo della discesa in noi dello Spirito ed è il tempo della venuta del Cristo, che egli ci annunzia dicendo: «In quei giorni», cioè nel tempo del Salvatore nostro, «Io effonderò il mio Spirito su ogni creatura» (cfr. Gl 3, 1). Quando dunque l'ora della splendida misericordia di Dio portò sulla terra tra noi il Figlio Unigenito nella natura umana, cioè un uomo nato da una donna secondo la predizione delle Sacre Scritture, colui che è Dio e Padre concesse di nuovo lo Spirito e lo ricevette per primo il Cristo, come primizia della natura umana totalmente rinnovata. Lo attesta Giovanni quando dichiara: «Ho visto lo Spirito scendere dal cielo e posarsi sopra di Lui» (Gv 1, 32). Cristo ricevette lo Spirito in quanto uomo ed in quanto era conveniente per un uomo il riceverlo. Il Figlio di Dio, che fu generato dal Padre rimanendo a lui consostanziale, e che esiste prima della sua nascita umana, anzi assolutamente prima del tempo, non si ritiene offeso che il Padre, dopo la sua nascita nella natura umana, gli dica: «Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato» (Sal 2, 7). Il Padre afferma che colui che è Dio prima del tempo e da lui generato, viene generato oggi, volendo significare che nel Cristo accoglieva noi come suoi figli adottivi. Il Cristo infatti, poiché si è fatto uomo, ha assunto in sé tutta la natura umana. Il Padre ha il suo proprio Spirito e lo dà di nuovo al Figlio, perché anche noi lo riceviamo da lui come ricchezza e fonte di bene. Per questo motivo egli ha voluto condividere la discendenza di Abramo, come si dice nella Scrittura, e in tutto si è fatto simile a noi suoi fratelli. L'Unigenito Figlio non accoglie dunque per se stesso lo Spirito; infatti lo Spirito è lo Spirito del Figlio, ed è in lui, e viene dato per lui, come abbiamo già detto: ma poiché, fattosi uomo, il Figlio ebbe in sé tutta la natura umana, ha ricevuto lo Spirito per rinnovare l'uomo completamente e riportarlo alla sua prima grandezza. Usando dunque la saggezza della ragione e appoggiandoci alle parole della Sacra Scrittura, comprendiamo che Cristo ebbe lo Spirito non per se stesso, ma per noi; ogni bene, infatti, viene a noi per mezzo di Lui. Responsorio Ez 37, 27-28; cfr. Ger 31, 31; Eb 8, 8 R. Io sarò il loro Dio, essi saranno il mio popolo. Quando il mio santuario sarà in mezzo a loro per sempre, le genti lo sapranno: * io sono il Signore, che santifica Israele. V. Stabilirò con la casa d'Israele e con la casa di Giuda un'alleanza nuova:R. Io sono il Signore, che santifica Israele.

9 Orazione O Dio, che in Cristo tuo Figlio, hai rivelato a tutti i popoli la sapienza eterna, fa' risplendere su di noi la gloria del nostro Redentore perché giungiamo alla luce che non ha fine. Per Cristo nostro Signore. Amen. Benediciamo il Signore. R. Rendiamo grazie a Dio.


Scaricare ppt "10 GENNAIO 10 GENNAIO 2015 SABATO FERIA DEL TEMPO DI NATALE DOPO L'EPIFANIA UFFICIO DELLE LETTURE INVITATORIO V. Signore, apri le mie labbra R. e la mia."

Presentazioni simili


Annunci Google