La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO PER UNA DIDATTICA EFFICACE ASSOLO Anna Segreto Marzo 2015 1°incontro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO PER UNA DIDATTICA EFFICACE ASSOLO Anna Segreto Marzo 2015 1°incontro."— Transcript della presentazione:

1 L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO PER UNA DIDATTICA EFFICACE ASSOLO Anna Segreto Marzo °incontro

2 PER INIZIARE … Giro di tavolo Didattica efficace per me significa … Sono qui perché …

3 Classi numerose Eterogeneità Livelli di apprendimento diversificati Profili di apprendimento Carenti abilità relazionali Costrutti emotivi fragili Limitata autonomia Demotivazione Bisogni educativi speciali …

4 Gestione della classe Didattica per competenze Apprendimento non significativo Insoddisfazione per le routine abituali Personalizzazione dell’insegnamento Sviluppo di competenze sociali e civiche …

5 UNA DIDATTICA EFFICACE NON SEMBRA COMPATIBILE CON UNA IMPOSTAZIONE TRASMISSIVA PROSPETTIVE Apprendimento cooperativo Multimedialità Valutazione autentica Didattica laboratoriale Metacognizione Insegnamento sensibile alle differenze …

6 E’ un metodo di insegnamento e di apprendimento in cui la variabile significativa è la cooperazione tra gli studenti. Apprendimento cooperativo CHE COS’È? M. Comoglio L’insegnante da solo difficilmente potrà soddisfare la complessa gamma dei bisogni degli studenti.

7 Particolare cura è necessario dedicare alla formazione della classe come gruppo, alla PROMOZIONE DEI LEGAMI COOPERATIVI tra i suoi componenti, … DALLE INDICAZIONI 2012 La promozione e lo sviluppo di ogni persona stimola in maniera vicendevole la promozione e lo sviluppo delle altre persone: OGNUNO IMPARA MEGLIO NELLA RELAZIONE CON GLI ALTRI. Imparare non è solo un processo individuale. LA DIMENSIONE SOCIALE DELL'APPRENDIMENTO SVOLGE UN RUOLO SIGNIFICATIVO.

8 APPRENDIMENTO COOPERATIVO Si può definire il Cooperative Learning principi come un insieme di principi tecniche e di tecniche di conduzione della classe in base alle quali gli studenti lavorano gruppi eterogenei in piccoli gruppi eterogenei apprendimento per compiti di apprendimento valutazione individuale e ricevono una valutazione individuale dei risultati conseguiti.

9 UN Interdipendenza positiva Interazione faccia a faccia Pratica di competenze sociali Continua revisione del lavoro svolto Responsabilità individuale e di gruppo Johnson Sharan Kagan Cohen Danserau UN GRUPPO CHE FUNZIONA … K.Lewin M.Deutsch R.Lippitt

10 APPROFONDIAMO Studio in coppia A e B leggono il primo paragrafo. A ripete con le proprie parole - B corregge e integra

11 Imparare insieme Johnson Ricerca di gruppo Sharan Istruzione complessa Cohen Approccio strutturale Kagan MOLTI MODELLI PER LA COOPERAZIONE Comuni i principi

12 Facilitare l’apprendimento attraverso l’interazione simultanea INTERAZIONE SEQUENZIALE INTERAZIONE SIMULTANEA IN GRUPPI DI 4 INTERAZIONE SIMULTANEA IN COPPIA … Approccio strutturale S.KAGAN S.KAGAN

13 Facilitare l’apprendimento attraverso l’equa partecipazione PARI LIVELLO DI PARTECIPAZIONE DISUGUALE LIVELLO DI PARTECIPAZIONE Red, white, yellow,pink, green, black, …… …… Lavorando con un tuo compagno …… A e B a turno …… Red White Yellow Pink Green Black

14 PARI LIVELLO DI PARTECIPAZIONE Red, white, yellow,pin k, green, black, …… …… Lavorando con un tuo compagno …… A e B a turno …… Red White Yellow Pink Green Black Facilitare l’apprendimento attraverso l’equa partecipazione

15 Non è sufficiente mettere in gruppo gli alunni perché si costruiscano relazioni interpersonali positive e supporto reciproco nell’apprendimento. IL “TRUCCO” È STRUTTURARE!

16 STRUTTURE COOPERATIVE Modi semplici, ma rigorosi, per organizzare l’interazione tra alunni in compiti di apprendimento. Ogni struttura, combinandosi con contenuti diversi, crea attività diverse.

17 Un bagaglio di strutture Flash card Penne al centro Mescolatevi, fermatevi, coppia Controllo reciproco in coppia Giro in galleria Pensa, discuti in coppia, condividi Studio in coppia Puzzle ad una dimensione Spedisci le tue domande Teste numerate insieme Giro di tavolo

18 PROVIAMO INSIEME Pensa, discuti in coppia, condividi Comprendere durante l’ascolto UNA SERA A CENA... Mona Gardner Strutture semplici per una lezione cooperativa

19 Penne al centro 1.Date una definizione di INTERAZIONE SIMULTANEA. 2. Che cosa si intende per PARTECIPAZIONE EQUA? 3. Qual è la differenza tra STRUTTURA e ATTIVITA’? 4. Perché è importante STRUTTURARE una ATTIVITÀ? PROVIAMO INSIEME Quali sono i punti di forza di questa struttura? Quali sono i punti di forza di questa struttura? Pensa, discuti in coppia, condividi

20 ORA … STUDIAMO Studiate i passi della struttura Riflettete sulle abilità sociali connesse Ipotizzate possibili applicazioni nelle vostre classi Accordatevi sul modo più efficace per spiegare Partners I FASE: Coppia base (A+B) Ogni coppia analizza una struttura 1.CARTE FLASH 2.STUDIO IN COPPIA

21 Ripetete la procedura con altre due strutture Spiegatevi vicendevolmente la struttura Condividete gli esempi di utilizzo pensati nelle coppia base II FASE: NUOVE COPPIE (A+A) (B+B) 1.GIRO IN GALLERIA 2.CONTROLLO RECIPROCO

22 LETTURA COME ANTICIPAZIONE Che cosa ci sarà scritto? PIZZA ESEMPI - 1 FronteRetro L’ins. prepara 10 flash card per ciascuna coppia GIOCO A. Maestro B. Alunno Successivamente … Carte flash Quali sono i punti di forza di questa struttura? Quali sono i punti di forza di questa struttura?

23 ORGANULI DELLA CELLULA 1. E’ formato da acqua, sali minerali e sostanze organiche. 2. Nel citoplasma ci sono i vari organuli della cellula. ESEMPI -2 citoplasma FronteRetro Ogni coppia costruisce 10 flash card GIOCO A. Istruttore B. Allenato Carte flash

24 INCORAGGIARE E LODARE VERBALE NON VERBALE Così va proprio bene! Forza! Dai che ce la puoi fare Sono sicuro che la prossima volta … Stai migliorando Stai andando bene Ti stai impegnando! Complimenti! Vai alla grande Sorridere Guardarsi negli occhi Tono di voce “caldo” Avvicinarsi Annuire Pacca sulla spalla Darsi la mano Battere 5 OK con le dita Pollice in alto Applauso

25 METTIAMOCI ALLA PROVA Una lezione «tradizionale» Quali i punti critici di questa lezione? Pensa, discuti in coppia, condividi Quali le ricadute?

26  Attivazione  Lettura e comprensione  Organizzazione delle informazioni  Rielaborazione delle informazioni  Valutazione  Fissazione/Memorizzazione UN PUNTO DI FORZA!

27 ORA TOCCA A VOI! Immaginate di voler condurre l’attività descritta in modo più efficace. Provate ad inserire una o più strutture cooperative. Come impostereste le diverse fasi?

28 Confronto Esaminate la nuova versione di lezione. In coppia alternatevi nella lettura e nel commento. A quali problemi può dare risposta?

29 APPRENDIMENTO profondo Se ascolto… … vedo … pongo domande … discuto … applico … insegno Alto livello di elaborazione

30 COMPITO! Portate il materiale che potrebbe servirvi per progettare un’attività per la vostra classe. Che ne dite di sperimentare in classe almeno una struttura? Se volete, scaricate dal sito il materiale che potrebbe interessarvi.


Scaricare ppt "L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO PER UNA DIDATTICA EFFICACE ASSOLO Anna Segreto Marzo 2015 1°incontro."

Presentazioni simili


Annunci Google