La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Antropologia Culturale a.a. 2014-2015 LA RICERCA SUL CAMPO GIOVEDI 16 OTTOBRE 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Antropologia Culturale a.a. 2014-2015 LA RICERCA SUL CAMPO GIOVEDI 16 OTTOBRE 2014."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Antropologia Culturale a.a LA RICERCA SUL CAMPO GIOVEDI 16 OTTOBRE 2014

2 LA RICERCA SUL CAMPO

3 Il Campo Etnografia Ethnos = popolo Graphéin = scrivere Prima fase della ricerca antropologica Produzione testuale tipica dell’antropologia testuale Lavoro etnografico = lavoro sul campo Relazione privilegiata antropologo con il proprio campo. Condivide lingua, relazioni sociali, rituali con il gruppo umano studiatocampo

4 Etnografia (campo, raccolta dati) Sistematizzazione dati (etnologia) Testo etnografico (monografia etnografica- antropologia) Dal campo al testo

5 Gli antropologi e il “loro” campo Malinowski e I Trobriandesi Margaret Mead e i Samoani Franz Boas e i Kwakiutl

6 Agli albori del campo 2: la scuola britannica

7 Quando nasce idea di campo? : British Association Committe finanzia spedizioni nelle colonie

8 “Scienziati con formazione accademica che si definiscono antropologi” (G.W.Stocking, 1983) Prime indagini “sul campo” = missionari (discorso alterità)

9 Gli “antropologi da poltrona” Sir James Frazer Sir Edward James Tylor Charles Darwin

10 Herbert Spencer “Mai come adesso mi sono sentito vicino all’età della pietra” (Spencer, lettera a James Frazer)

11 Culture “altre” = oggetti da registrare con il metodo scientifico Il metodo etnografico degli “antropologi da poltrona” Acquisizione dati ottenuta mediante ricercatori già sul campo con elenchi di domande o questionari Caso degli “raccoglitori di informazioni” diventati semi- antropologi (a dx: Alfred Howitt, missionario e “ricercatore a distanza” di James Frazer)

12 I limiti della metodologia degli “antropologi da poltrona” 1 Questionari come strumenti ambigui (problema lingua dei nativi, “orientamento” nella risposta) 2 Mancanza di dati di prima mano, superficialità delle raccolte Nuovo impulso per l’antropologia sul campo: 1880 Distacco tra antropologia spontanea e antropologia moderna Periodo che finisce con spedizione allo Stretto di Torres = dati ancora molto vaghi e imprecisi

13 I primi antropologi sul campo Haddon, Spedizione allo Stretto di Torres, 1888 Torres British Association Committee Metodologia di Haddon e Seligman = influenza di Darwin e raccolta di informazioni “di seconda mano” Importanza spedizione: prima ricerca multidisciplinare, primo tentativo di produrre un filmato etnografico filmato etnografico

14 Field-work (ricerca sul campo) 1 Termine coniato da Haddon e mutuato da sua esperienza di zoologo 2 Importanza data da Haddon alla “scienza Cenerentola” e impiego di persone istruite per diventare dei ricercatori sul campo 3 Fieldwork: studio intensivo di aree limitate 4 Nascita scuola di Cambridge e metodo del survey etnograficoscuola di Cambridge

15 Bronislaw Malinowski

16 Malinowski (polacco e inglese di adozione) comincia la sua carriera come antropologo da poltrona Comincia la sua ricerca nel 1914 in Nuova Guinea, ma rimane deluso: “Ho poco a che fare con i nativi e non conosco la loro lingua” Episodio dell’isola di Mailu con fantasmi importanza contatto con i nativi

17 Le isole Trobriand,

18 Trobriandesi vivevano in piccoli villaggi Ogni villaggio era composto da un gruppo di uomini e le loro famiglie Abitanti dei villaggi erano uniti da legami matrimoniali Tra tutte le isole si svolgeva un complicato scambio di merci, il Kula.

19

20 Il lavoro sul campo di Bronislaw Malinowski

21 Situazione controversa di Malinowski come prigioniero = importanza rapporti tra antropologi, regimi coloniali, rapporti di forza e compromessi “Più vicino al villaggio si vive, meglio si riesce ad osservare gli indigeni” (Malinowski)

22 “la mia esperienza è che, chiedendo ai nativi le loro credenze e i loro usi, loro sono i diretti fruitori e partecipanti” “sono felice di essere da solo, specialmente quando osservo il villaggio”

23 Metodo di lavoro sul campo di Malinowsli: osservazione partecipante Spostamento dell’attenzione da “antropologia da veranda” a “tende in mezzo al villaggio”

24 I meriti del lavoro di Malinowski: la metodologia Presenza di contesto accademico in grado di recepire questioni metodologiche di M. Presa di coscienza che dati di campo erano interconnessi tra loro = società complessa, non a compartimenti stagni Lavoro nato sul campo e per il campo: linee guida di M. già nella Prefazione di Argonauti del Pacifico Occidentale (1922) Interesse al funzionamento di una società = corrente antropologica del funzionalismo

25 I limiti del lavoro di Malinowski Limiti metodologici: difficile osservare e partecipare allo stesso tempo. Contraddizione interna al metodo Presa di coscienza che immedesimazione totale non è possibile: scarto tra informatore e ricercatore Limiti della presunta “immersione totale” “esperienza empatica” dell’etnografo nella cultura studiata e della neutralità dell’etnografo Limiti del rapporto con informatori nel 1914: situazione coloniale, sfruttamento lavoro coatto ecc Limiti del presunto “isolamento dell’etnografo”: Malinowski lavorò sempre circondato da amministratori, missionari ecc…

26 Giornale di un antropologo (1967) Evento-shock in antropologia, considerazioni ambigue sul rapporto con i nativi, riconsiderazione ruolo antropologo

27 Cosa svelarono i diari… De- mitizzazione di una figura a metà umana e a metà magica Disagio dell’antropologo quando è sul campo: non sempre il campo è un’avventura entusiasmante Più osservazione che partecipazione. Malinowski appena tollerato dai nativi. Episodio del Kula


Scaricare ppt "Corso di Antropologia Culturale a.a. 2014-2015 LA RICERCA SUL CAMPO GIOVEDI 16 OTTOBRE 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google