La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI ELISUPERFICIE ED AREE PARCHEGGIO OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI ELISUPERFICIE ED AREE PARCHEGGIO OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI ELISUPERFICIE ED AREE PARCHEGGIO OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE

2 L’AREA OGGETTO DI INTERVENTO ELISUPERFICIE AREA PARCHEGGIO

3 L’AREA OGGETTO DI INTERVENTO AREA SUD AREA NORD

4 L’AREA OGGETTO DI INTERVENTO IL PARCHEGGIO ESISTENTE L’ACCESSO ALLE AREE PARCHEGGIO DA VIA ANNA FRANK

5 I SENTIERI DI AVVICINAMENTO E DECOLLO LATO OVEST LATO EST

6 PLANIMETRIA GENERALE

7 SEZIONI LONGITUDINALI

8 SEZIONI TRASVERSALI

9 IL PARCHEGGIO DA 25 POSTI AUTO

10 IL PARCHEGGIO DA 36 POSTI AUTO PENSILINE DI COPERTURA CON PANNELLI FOTOVOLTAICI

11 TEMPI E COSTI DELL’INTERVENTO COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO: € DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI: giugno 2009 (*) DURATA DEI LAVORI: 6 mesi FINANZIAMENTI: l’opera è interamente finanziata nell’ambito del Programma Straordinario di Investimenti in Sanità della Regione Emilia Romagna. COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO: € DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI: giugno 2009 (*) DURATA DEI LAVORI: 6 mesi FINANZIAMENTI: l’opera è interamente finanziata nell’ambito del Programma Straordinario di Investimenti in Sanità della Regione Emilia Romagna.

12 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE

13 L’AREA OGGETTO DI INTERVENTO PIANTA PIANO PRIMO

14 U.O. DI RADIOLOGIA PIANTA PIANO PRIMO R.M. DIAGNOSTICA T.A.C. ECOGRAFIA MAMMO- GRAFIA RIS- PACS

15 IL SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA

16 TEMPI E COSTI DELL’INTERVENTO COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO: € ,00 (IVA esclusa) DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI: SETTEMBRE 2009 FINE LAVORI: 31 DICEMBRE 2009 COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO: € ,00 (IVA esclusa) DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI: SETTEMBRE 2009 FINE LAVORI: 31 DICEMBRE 2009

17 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI CENTRALE TERMICA A CIPPATO OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE

18 COME: –MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI CENTRALE TERMICA A CIPPATO DI LEGNA PER IL RISCALDAMENTO DI AMBIENTI E PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA; PERCHE’: –BUONA DISPONIBILITA’ DI MATERIA PRIMA; –LA QUANTITA’ DI CO2 EMESSO NEL CICLO DELLA COMBUSTIONE È PARI A QUELLO ASSORBITO DALLA PIANTA NEL SUO CICLO VITALE. COME: –MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI CENTRALE TERMICA A CIPPATO DI LEGNA PER IL RISCALDAMENTO DI AMBIENTI E PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA; PERCHE’: –BUONA DISPONIBILITA’ DI MATERIA PRIMA; –LA QUANTITA’ DI CO2 EMESSO NEL CICLO DELLA COMBUSTIONE È PARI A QUELLO ASSORBITO DALLA PIANTA NEL SUO CICLO VITALE. IL LEGNO PER LA PRODUZIONE DELL’ENERGIA TERMICA

19 COS’E’ IL CIPPATO Il cippato o “CHIPS” è ottenuto dalla riduzione meccanica del legno in frammenti di piccoli dimensioni uniformi. Questa massa di piccole "schegge" prende il nome appunto di "CIPPATO“

20 Possibilità di contenerlo in silos; Caricamento automatico della massa di chips nella caldaia con sistemi di controllo elettronico; Produzione in loco; CARATTERISTICHE GENERALI DEL MATERIALE Umidità intorno al 30%; Dimensioni standard di circa 40x20x10 mm. Specie legnosa utilizzata: sono adatte tutte le specie utilizzate per la comune combustione. Possibilità di contenerlo in silos; Caricamento automatico della massa di chips nella caldaia con sistemi di controllo elettronico; Produzione in loco; CARATTERISTICHE GENERALI DEL MATERIALE Umidità intorno al 30%; Dimensioni standard di circa 40x20x10 mm. Specie legnosa utilizzata: sono adatte tutte le specie utilizzate per la comune combustione. VANTAGGIO NELL’USO DEL CIPPATO

21 LA MICRO FILIERA LEGNO ENERGIA

22 PIANTA PIANO SEMINTERRATO L’AREA OGGETTO DI INTERVENTO

23 PIANTA LOCALI CENTRALE TERMICA E SILO

24 POTENZA TERMICA COMPLESSIVA IMPIANTO: 696 kW CONSUMO DI GAS METANO EVITATO: circa m 3 /anno EMISSIONE DI CO 2 EVITATO: circa 360 ton/anno CONSUMO CIPPATO: circa 350 ton/anno RISPARMIO ATTESO SULLA SPESA PER COMBUSTIBILE PARI A CIRCA IL 25% POTENZA TERMICA COMPLESSIVA IMPIANTO: 696 kW CONSUMO DI GAS METANO EVITATO: circa m 3 /anno EMISSIONE DI CO 2 EVITATO: circa 360 ton/anno CONSUMO CIPPATO: circa 350 ton/anno RISPARMIO ATTESO SULLA SPESA PER COMBUSTIBILE PARI A CIRCA IL 25% CARATTERISTICHE DELL’IMPIANTO

25 COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO (Caldaia, opere edili, Silos Cippato): € FINANZIAMENTO: € A CARICO DELL’AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PARMA – SETTORE SERVIZIO AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE, SVILUPPO RURALE € A CARICO DELL’AZIENDA USL DI PARMA RITORNO DELL’INVESTIMENTO: CIRCA 5 ANNI INIZIO LAVORI: 1° OTTOBRE 2009 FINE LAVORI: 1° MAGGIO 2010 COSTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO (Caldaia, opere edili, Silos Cippato): € FINANZIAMENTO: € A CARICO DELL’AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PARMA – SETTORE SERVIZIO AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE, SVILUPPO RURALE € A CARICO DELL’AZIENDA USL DI PARMA RITORNO DELL’INVESTIMENTO: CIRCA 5 ANNI INIZIO LAVORI: 1° OTTOBRE 2009 FINE LAVORI: 1° MAGGIO 2010 COSTI DELL’IMPIANTO


Scaricare ppt "PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI ELISUPERFICIE ED AREE PARCHEGGIO OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO MARZO 2009SERVIZIO ATTIVITA’ TECNICHE."

Presentazioni simili


Annunci Google