La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La diffusione del gioco d’azzardo tra i giovani Simone Feder.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La diffusione del gioco d’azzardo tra i giovani Simone Feder."— Transcript della presentazione:

1 La diffusione del gioco d’azzardo tra i giovani Simone Feder

2 Droga, è allarme Baby spacciatori nel parco di notte «Aumentata la sorveglianza» Tra i clienti dei pusher aumenta il numero dei minorenni Sgominata la baby gang: pestò a sangue gay e ragazzino ebreo La polizia ha fermato 3 ragazzi di 17 anni e uno di 18. In coma etilico a quattordici anni È arrivata poco prima di mezzanotte con in mano una bottiglia di vodka e non l’ha più lasciata finché non è finita in coma etilico Rovinato dal gioco si uccide a 19 anni. In migliaia a rischio Il ragazzo di Ischia aveva in tasca un biglietto: "Scusa mamma, ho perso tutti i nostri soldi" Titoli dai quotidiani

3 Immagini del quotidiano

4 Chi è problematico oggi il giovane che devia, il contesto nel quale è inserito o la società in cui è immerso? Che cos’è oggi la normalità?

5 LA SOCIETA’ Mancanza di paletti e regole precise e definite Proposta di cultura globale ma priva di altri contenuti, Importanza a ciò che è di moda e crea consumo Offerta di testimoni e modelli discutibili Difficile capire cos’è la NORMALITA’

6 LA FAMIGLIA Aumento del costo della vita Situazioni lavorative precarie e instabili Mancanza di tempo condiviso Tempi ristretti Fatica a collaborare con altre agenzie educative (scuola, oratorio…) “Bisogno” di spingere il figlio verso modelli sponsorizzati e pubblicizzati dalla televisione

7 MINORI VULNERABILI Ragazzini sempre più adultizzati dai genitori Immaturità del sistema cerebrale Sperimentazione di stili e esperienze Costruzione della propria identità Necessità di sentirsi appartenenti al gruppo Ricerca di esempi e idoli

8 ► Noia e insoddifazione diffusa ► Poca presenza figure educative ► Mancanza di valori stabili e condivisi ► Precariato e difficoltà di progettazione ► Episodi sempre più problematici ► Sensazionalismo dei giornali verso fatti di cronaca nera ► Grandi teorizzazioni e poca concretezza ► Giovani dipinti solo come delinquenti allo sbando Nuovi contesti sociali

9 2009 Assessorato Istruzione e Politiche Giovanili Tavolo Permanente sulla Prevenzione delle Dipendenze  Costituire una Rete Istituzionale tra soggetti impegnati sul territorio per studiare e contrastare l’abuso di sostanze e la diffusione di dipendenze tra la popolazione giovanile  Individuare periodicamente le tematiche emergenti connesse al fenomeno della dipendenza a livello nazionale e locale (la Rete come Osservatorio!)  Promuovere e coordinare iniziative per contrastare il fenomeno della dipendenza.

10 RICERCHE Nel 2012 è stata condotta una ricerca sugli istituti secondari superiori del Comune di Pavia inerente gli stili di vita degli adolescenti Nel 2013 è stata condotta una ricerca sugli istituti secondari superiori del Comune di Pavia inerente l’utilizzo di internet e dei social network negli adolescenti

11 Descrizione campione  1864 ragazzi, frequentanti la classe prima superiore  Maschi 50,1% e femmine il 49,9%  Nazionalità italiana nel 89%, straniera nell’11%  Età media di 15 anni  Situazione familiare: nel 50% la famiglia è composta da 4 persone, e i genitori sono in maggioranza sposati (77%)

12 Comportamenti a rischio La frequenza di utilizzo delle seguenti sostanze è: Sigarette Sigarette: il 16% fuma ogni giorno Alcolici: Alcolici: il 9% dei ragazzi più volte alla settimana

13 Psicofarmaci: Psicofarmaci: 0,8% li assume quotidianamente, il 2,6% li ha assunti con frequenza inferiore, il che può far pensare che siano non prescritti da un medico, ma per “sballare” il 14% dichiara di averne fatto uso 2,3% utilizza ogni giorno 5,3% dichiara di utilizzare stupefacenti frequentemente Il 46% dichiara di frequentare persone che fanno uso di sostanze stupefacenti

14  15% aver giocato almeno una volta alle slot (40% prima 10 anni)  12% degli studenti gioco d’azzardo on line  56% gioco per arricchirsi, 25% sfida, 17% passatempo 2% altro  Frequente l’acquisto di biglietti “Gratta e vinci”, comprati almeno una volta dal 49%  Il 26% dichiara di aver acquistato “gratta e vinci” nell’ultima settimana. Solo il 57% considera il gioco come un comportamento a rischio di dipendenza.

15  9% ha in casa un familiare che gioca abitualmente  LA SOCIETA’ PRENDE POSIZIONE: Nascita movimento No Slot Nascita movimento No Slot Supporto Bar NO SLOT Supporto Bar NO SLOT Incontri e manifestazioni di sensibilizzazione Incontri e manifestazioni di sensibilizzazione  LA FAMIGLIA PRENDE POSIZIONE: Mamme contro la distribuzione di biglietti gratis per sale gioco Mamme contro la distribuzione di biglietti gratis per sale gioco Figli che portano i genitori ad una presa in carico terapeutica Figli che portano i genitori ad una presa in carico terapeutica Ragazza che segue il padre tramite GPS nascosto in macchina Ragazza che segue il padre tramite GPS nascosto in macchina

16 Coping  Chi dichiara di non essere capace di affrontare i problemi dimostra una frequenza maggiore nel consumo di alcolici, stupefacenti, psicofarmaci e abuso di cibo  Incrementare le abilità di coping e autostima, come capacità protettive verso i comportamenti a rischio

17 Il 2,5% si ritiene “PER NULLA” capace di far fronte ai problemi di ogni giorno e il 16% POCO Il 15 % afferma di esserlo MOLTO ATTENZIONE AGLI ESTREMI: Narcisismo e bassa autostima possono entrambi generare problemi. Necessaria presenza degli adulti che aiutino a leggere la realtà delle situazioni e prevenire disagi futuri

18 Con chi parleresti dei tuoi problemi?  Amici e partner, perché da loro si sentono capiti e ascoltati  Gli adulti vengono scelti in percentuale molto minore (nell’ordine: familiari, prete, allenatore e scuola), per più del 60% non sono proprio da interpellare  Solo lo 0,9% parlerebbe con uno psicologo

19  L’86% dei ragazzi è convinto che gli amici proverebbero a fermarlo se stesse per fare qualcosa di sbagliato  Tuttavia gli amici potrebbero incidere anche sui comportamenti a rischio: il 24% dei ragazzi metterebbe in atto comportamenti pericolosi sotto la pressione degli amici, il 20% consumerebbe alcolici: Quanto i tuoi amici possono far pressione su di te nel: molto %poco %per niente % Comportamenti pericolosi Consumo alcol Consumo sigarette Aspetto esteriore Esperienze sessuali Giocare azzardo Andamento scolastico

20 Amici e adulti  Gli amici hanno più influenza sulla vita dei ragazzi, sia come confidenti, sia come persuasori nel fare cose positive o negative  I ragazzi si fidano dei pari e spesso si fanno trascinare dal gruppo  E’ necessario sostenere i genitori e ridare valore alla scuole e alle diverse figure adulte, perché i ragazzi trovino in loro dei punti di riferimento, che li ascoltino, senza giudicare, ma guidandoli verso i comportamenti più “sani”  E’ importante garantire ai ragazzi figure specialistiche a cui sentano di potersi riferire senza timori o difficoltà

21 - rapidità - annullamento distanze - anonimato - sperimentazione di una condizione virtuale di onnipotenza - possibilità di esplorare differenti aspetti della propria persona L’utilizzo di Internet: presuppone una dimensione affettiva, emotiva e relazionale forte richiede una capacità di reazione molto veloce non consente processi di elaborazione adeguata. L’esatto contrario di quello che serve nell’età evolutiva che richiede percorsi educativi graduali e tarati sui bisogni dei giovani. Nuove modalità di relazione

22 Quali insidie nasconde la rete? Mancanza di privacy Identità frammentate Relazioni virtuali Grooming Creazione di una morale 'personalizzata' Rischio di reati

23 GIOVANI E INTERNET  85% ha dichiarato di utilizzare il PC soprattutto per navigare, solo il 9% ha affermato di usarlo a fini di studio, il 6% lo userebbe per giocare.  96,1% del campione soprattutto in casa e preferibilmente nella propria camera (62,3%)  Il 79,9% utilizza il PC preferibilmente da solo  Gli strumenti più utilizzati per connettersi a internet sono il PC portatile e lo Smartphone. PERENNEMENTE COLLEGATI ALLA RETE

24 In rete ci sono 2500 giochi d'azzardo per i ragazzi da utilizzare con soldi veri o virtuali 17% dei ragazzi non crede che possa essere pericoloso giocare d’azzardo su internet

25

26 Emozione (E) Razionale (R) Azione (A) Emozione (E) (R)Azione (A) Oggi… Ieri… Eccesso emozionale senza un adeguato spazio di raffreddamento razionale che genera nel giovane un sovraccarico di “eccitazione”…

27 Oggi… Ieri… Domani… Emozione (R) Azione Eccitazione (A) Emozione (E) (R)Azione (A) Emozione (E) Razionale (R) Azione (A)

28 E’ NECESSARIO PARTIRE PRIMA…

29 Chi oggi è abituato a mangiare tutto e non avanzare il cibo? Quanto tempo trascorrono da soli senza sapere dove sono, cosa fanno e con chi sono? Quanto sentono l'esigenza di comunicarlo? Quanti giovani rispondono agli adulti come se parlassero a loro amici? - Quanto spesso sentiamo un linguaggio volgare e non adeguato? - Chi insegna oggi ai giovani le sane fatiche del crescere? - Che valore danno al denaro? Come imparano a gestirlo e guadagnarlo? I GIOVANI…

30 – Vacanze che diventano più importanti della scuola – Giustificazioni per assenze senza motivazioni valide – Permesso di tenere il telefono a scuola contro il regolamento – Compiti non fatti o fatti dal genitore – Ricerca della perfezione e della competitività senza regole – Critiche nei confronti di maestre/professori/allenatori senza mettere in discussione il comportamento del figlio – Disinteressamento rispetto alle iniziative e proposte fatte (conferenze, incontri con esperti, colloqui con gli insegnanti...) Quale messaggio arriva ai giovani? Quale idea di impegno, legalità e rispetto della società? … IN FAMIGLIA

31 Saper dire di NO quando necessario in modo deciso e autorevole, facendo in modo che interiorizzino, e quindi sentano propri, fin da piccoli certi valori Rispettare le regole per rispettare vita umana, è un concetto su cui bisogna insistere in modo intransigente

32 - Fondamentale l’apporto delle diverse agenzie educative - Condivisionedi valori e strategie per offrire una proposta educativa chiara - Patto di corresponsabilità tra le varie figure educative - Dialogo e confronto costante COLLABORAZIONE CONTESTI EDUCANTI

33 Delineare orizzonti più ampi, capaci di inglobare non solo i progetti personali, ma anche quelli di gruppi e comunità, nella prospettiva della solidarietà planetaria “Altruismo organizzato” Fare informazione e sensibilizzare i giovani e chi si occupa della loro formazione Renderli protagonisti del proprio personale percorso di crescita, incrementare la propria autostima e fare in modo che abbiano un loro ruolo all'interno di progetti importanti Proposte di esperienze ALTERNATIVE per sperimentare la sussidiarietà e la gratuità

34 Rivalutare e utilizzare in modo vantaggioso e produttivo le risorse umane e materiali disponibili Collaborazione tra diversi soggetti Catena educativa: tutti attori e fruitori Continuo scambio di energie e saperi Condivisione di esperienze forti e positive, che fanno 'sballare' VOLONTARIATO, PERCHE'?

35 Presenze mature e adulte Interessamento percepito dal giovane No complicità Chiare e definite prese di posizione Sostegno e accompagnamento discreto ma partecipe nelle scelte e nelle decisioni Stimolare la loro intraprendenza Guidarli lasciandosi coinvolgere dalle loro intuizioni LE FIGURE EDUCATIVE

36 Grazie per Blog:


Scaricare ppt "La diffusione del gioco d’azzardo tra i giovani Simone Feder."

Presentazioni simili


Annunci Google