La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia BORMIO 14 MARZO 2007 « La progettazione della durabilità in accordo alle Norme Tecniche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia BORMIO 14 MARZO 2007 « La progettazione della durabilità in accordo alle Norme Tecniche."— Transcript della presentazione:

1 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia BORMIO 14 MARZO 2007 « La progettazione della durabilità in accordo alle Norme Tecniche per le costruzioni: mix-design e prescrizioni di capitolato » Prof. Ing. Luigi Coppola « LA DURABILITA DEL CALCESTRUZZO »

2 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia RELAZIONE GENERALE (PARAGRAFO 10.2) Obbligatorietà della compilazione della ove indicare: Caratteristiche della costruzione e del sito Caratteristiche della costruzione e del sito CARATTERISTICHE DEI MATERIALI STRUTTURALI CARATTERISTICHE DEI MATERIALI STRUTTURALI TIPO DI AZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO TIPO DI AZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO Prestazioni attese in condizioni di esercizio Prestazioni attese in condizioni di esercizio Distorsioni attese Distorsioni attese CLASSE DELLA COSTRUZIONE E VITA DI SERVIZIO CLASSE DELLA COSTRUZIONE E VITA DI SERVIZIO

3 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PROGETTAZIONE ESECUZIONE COLLAUDO LIVELLI DI SICUREZZA

4 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CLASSI DI VITA UTILE CLASSE 1 : VITA UTILE 50 ANNI CLASSE 1 : VITA UTILE 50 ANNI CLASSE 2 : VITA UTILE 100 ANNI CLASSE 2 : VITA UTILE 100 ANNI La scelta è compito del Committente di concerto con il progettista.

5 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia DURABILITA PROPRIETA ESSENZIALE AFFINCHE I LIVELLI DI SICUREZZA VENGANO GARANTITI DURANTE LA VITA UTILE DI PROGETTO DELLOPERA PROPRIETA ESSENZIALE AFFINCHE I LIVELLI DI SICUREZZA VENGANO GARANTITI DURANTE LA VITA UTILE DI PROGETTO DELLOPERA

6 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia BLA, BLA, BLA ….. BLA, BLA, BLA …..

7 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia IL MUSEO DEGLI « ORRORI » PREZZIARIO OPERE EDILI DELLA PROVINCIA DI « MALGODI » 4/2006 PREZZIARIO OPERE EDILI DELLA PROVINCIA DI « MALGODI » 4/2006 Calcestruzzo in opera confezionato con m 3 0,400 di sabbia e 0,800 m 3 di ghiaia per m 3 di impasto a 300 kg di cemento R325 compresi i relativi casseri Calcestruzzo in opera confezionato con m 3 0,400 di sabbia e 0,800 m 3 di ghiaia per m 3 di impasto a 300 kg di cemento R325 compresi i relativi casseri COSTO…………………………al m 3 COSTO…………………………al m 3 da valutare caso per caso da valutare caso per caso

8 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER GETTI DI FONDAZIONE Calcestruzzo in opera confezionato con m 3 0,400 di sabbia e m 3 0,800 di ghiaia per m 3 di impasto gettato con lausilio di casseri ….a 200 kg di cemento R325/m 3 Calcestruzzo in opera confezionato con m 3 0,400 di sabbia e m 3 0,800 di ghiaia per m 3 di impasto gettato con lausilio di casseri ….a 200 kg di cemento R325/m 3 ……………………..al m 3 86,00 ……………………..al m 3 86,00

9 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia FINALITA Mettere a disposizione dei « SOGGETTI INFLUENZANTI » strumenti operativiI (PRATICI) : Mettere a disposizione dei « SOGGETTI INFLUENZANTI » strumenti operativiI (PRATICI) : - VOCI DI ELENCO PREZZI - VOCI DI ELENCO PREZZI - PRESCRIZIONI DI CAPITOLATO - PRESCRIZIONI DI CAPITOLATO - CAPITOLATO TIPO PER IL CALCESTRUZZO DESTINATO AD OPERE IN C.A. E C.A.P. - CAPITOLATO TIPO PER IL CALCESTRUZZO DESTINATO AD OPERE IN C.A. E C.A.P. che consentano di conseguire gli OBIETTIVI DI DURABILITA E I LIVELLI DI SICUREZZA PREFISSATI in forma economicamente sostenibile che consentano di conseguire gli OBIETTIVI DI DURABILITA E I LIVELLI DI SICUREZZA PREFISSATI in forma economicamente sostenibile

10 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia AZIONI (PAR ) ENTROPICHE ENTROPICHE - DEGRADO ENDOGENO - DEGRADO ENDOGENO - DEGRADO ESOGENO - DEGRADO ESOGENO

11 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia DEGRADO ENDOGENO DEGRADO DELLA STRUTTURA PROMOSSO DALLALTERAZIONE NATURALE DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE DEGRADO DELLA STRUTTURA PROMOSSO DALLALTERAZIONE NATURALE DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

12 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN 934-2

13 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN 934-2

14 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4.1 - Aggregati con massa volumica media del granulo non inferiore a 2.6 Kg/l A4.1 - Aggregati con massa volumica media del granulo non inferiore a 2.6 Kg/l A4.2 - Classe di contenuto di solfati AS0.2 e AS0.8 rispettivamente per gli aggregati grossi e per le sabbie; A4.2 - Classe di contenuto di solfati AS0.2 e AS0.8 rispettivamente per gli aggregati grossi e per le sabbie; A4.3 - Contenuto totale di zolfo inferiore allo 0.1%; A4.3 - Contenuto totale di zolfo inferiore allo 0.1%;

15 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

16 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A4.4 - Assenza di minerali nocivi o potenzialmente reattivi agli alcali (UNI-EN e UNI 8520/2) o in alternativa aggregati con espansioni su prismi di malta, valutate con la prova accelerata e/o con la prova a lungo termine in accordo alla metodologia prevista dalla UNI , inferiori ai valori massimi riportati nel prospetto 6 della UNI 8520 parte 2. A4.4 - Assenza di minerali nocivi o potenzialmente reattivi agli alcali (UNI-EN e UNI 8520/2) o in alternativa aggregati con espansioni su prismi di malta, valutate con la prova accelerata e/o con la prova a lungo termine in accordo alla metodologia prevista dalla UNI , inferiori ai valori massimi riportati nel prospetto 6 della UNI 8520 parte 2.

17 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

18 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A3.1) Additivo aerante conforme al prospetto 5 della norma UNI-EN A3.1) Additivo aerante conforme al prospetto 5 della norma UNI-EN A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4.5 – Aggregati non gelivi aventi assorbimento dacqua inferiore all1% o appartenenti alle classi F2 o MS25 in accordo alla UNI-EN A4.5 – Aggregati non gelivi aventi assorbimento dacqua inferiore all1% o appartenenti alle classi F2 o MS25 in accordo alla UNI-EN 12620

19 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

20 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER GLI INGREDIENTI UTILIZZATI PER IL CONFEZIONAMENTO DEL CONGLOMERATO A5) Cemento CE II/A-L 42.5R conforme alla norma UNI-EN A5) Cemento CE II/A-L 42.5R conforme alla norma UNI-EN A6) Ceneri volanti e fumi di silice conformi rispettivamente alla norma UNI-EN 450 e UNI-EN parte 1 e 2. A6) Ceneri volanti e fumi di silice conformi rispettivamente alla norma UNI-EN 450 e UNI-EN parte 1 e 2.

21 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI INUTILI DOSAGGIO DEGLI INGREDIENTI DOSAGGIO DEGLI INGREDIENTI (IMPOSSIBILE DA VERIFICARE AL MOMENTO DELLA FORNITURA) (IMPOSSIBILE DA VERIFICARE AL MOMENTO DELLA FORNITURA)

22 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI INUTILI FORMA DEGLI AGGREGATI FORMA DEGLI AGGREGATI TESSITURA DEGLI AGGREGATI TESSITURA DEGLI AGGREGATI DISTRIBUZIONE GRANULOMETRICA DEGLI AGGREGATI DISTRIBUZIONE GRANULOMETRICA DEGLI AGGREGATI

23 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CURVA OTTIMALE CALCESTRUZZI PER I QUALI LA CURVA E CONSIGLIATA FullerDosaggio di cemento: kg/m 3 ; consistenza: S2- S3 Fuller modificataDosaggio di cemento: kg/m 3 ; consistenza: S2- S3 BolomeyDosaggio di cemento: kg/m 3 ; consistenza: S4- S5 Bolomey modificata Dosaggio di cemento: >320 kg/m 3 ; consistenza: S4-S5 CubicaCalcestruzzi per diga; D > 63 mm; consistenza S1 o V3-V2 FauryCalcestruzzi per strutture prefabbricate con vibrazione a cassero

24 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia GRANULOMETRIAFORMA ANGOLARITA TESSITURA R ck, Lg, Segregazione

25 ACCERTARE CHE IL FORNITORE DI CALCESTRUZZO SIA IN GRADO DI PRODURRE IL CALCESTRUZZO RISPONDENTE ALLE SPECIFICHE DI CAPITOLATO DEFINITE IN FASE PROGETTUALE ACQUISIRE LA DOCUMENTAZIONE DI CONFORMITA DELLE MATERIE PRIME IMPIEGATE NELLA PRODUZIONE DEL CALCESTRUZZO ALLE NORME VIGENTI (UNI-EN 12620, UNI-EN 934-2, UNI-EN 1008, UNI-EN 197/1,ETC.) PRIMA DELLINIZIO DEI LAVORI DI COSTRUZIONE DELLOPERA CHI? QUANDO? COSA? IMPRESA e D.L. ACQUISIRE LA DOCUMENTAZIONE CHE LA PRODUZIONE DEL CALCESTRUZZO AVVENGA CON UN CONTROLLO DI PROCESSO IN ACCORDO ALLE « Linee guida sul calcestruzzo preconfezionato » CERTIFICATO DA UN ORGANISMO TERZO IMPRESA e D.L.

26 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia SCELTA DEL FORNITORE DEL CALCESTRUZZO (Capitolo 11-Norme Tecniche per le Costruzioni) In accordo con le indicazioni riportate nel D.M. 14/09/2005, il calcestruzzo a prestazione garantita secondo UNI-EN dovrà essere prodotto con un Processo Industrializzato in impianti dotati di un sistema di controllo del processo di produzione certificato da un organismo terzo indipendente accreditato dal Servizio Tecnico Centrale. In accordo con le indicazioni riportate nel D.M. 14/09/2005, il calcestruzzo a prestazione garantita secondo UNI-EN dovrà essere prodotto con un Processo Industrializzato in impianti dotati di un sistema di controllo del processo di produzione certificato da un organismo terzo indipendente accreditato dal Servizio Tecnico Centrale.

27 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia AZIONI (PAR ) ENTROPICHE ENTROPICHE - DEGRADO ENDOGENO - DEGRADO ENDOGENO - DEGRADO ESOGENO - DEGRADO ESOGENO

28 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia DURABILITA AL FINE DI OTTENERE LA PRESTAZIONE RICHIESTA IL PROGETTISTA POTRA FARE UTILE RIFERIMENTO ALLE INDICAZIONI CONTENUTE NELLE « LINEE GUIDA », OVVERO NELLE NORME UNI EN E UNI

29 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia 29 Classi di esposizione ambientale (EN 206-1, prospetto 1) classe Ambiente/agenti di degrado X0 assenza di rischio di corrosione delle armature o di attacco del cls. XC corrosione delle armature indotta da carbonatazione XD corrosione delle armature indotta da cloruri esclusi quelli provenienti dallacqua di mare XS corrosione da cloruri presenti nellacqua di mare XF degrado del cls. provocato da cicli di gelo/disgelo con o senza sali disgelanti XA attacco chimico del calcestruzzo

30 Classi di esposizione ambientale Esempio per differenti elementi strutturali di un edificio falda freatica PT aperto facciata copertura XC1 XC3 XC4 XC2; imp. XC4

31 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia Classe di esposiz. Rapporto a/c max Classe di resistenza min Dosaggio di cemento min (Kg/m 3 ) Coprif. (mm) XC10.60C25/ /30 XC20.60C25/ /40 XC30.55C28/ /40 XC40.50C32/ /45

32 Produzione di Calcestruzzo Produzione di Calcestruzzo Valori indicativi del preconfezionato 2005 Valori indicativi del preconfezionato 2005 R ck Minima (N/mm 2 ) R ck (N/mm 2 ) % Fond. (30) Fond. (30) Elevaz. allinterno (30) Elevaz. allinterno (30) Elevaz. Allesterno (40) Elevaz. Allesterno (40) > 35 7

33 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia Conglomerato cementizio per strutture in cemento armato di qualsiasi forma e dimensione con granulometria approvata dalla D.L. Conglomerato cementizio per strutture in cemento armato di qualsiasi forma e dimensione con granulometria approvata dalla D.L. R ck N/mm 2 R ck N/mm 2 PERLA DI…..

34 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia Conglomerato cementizio per opere in c.a.p. Conglomerato cementizio per opere in c.a.p. R ck N/mm 2 R ck N/mm 2 PERLA DI …

35 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

36 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER PLINTI TRAVI ROVESCE E PLATEE Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3

37 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER MURATURE DI SOTTERRANEO Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3

38 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER MURATURE DI ELEVAZIONE Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3

39 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER TRAVI, PILASTRI, SOLETTE, VANI SCALA E ASCENSORI Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie …gettato con lausilio di casseri A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 A) R ck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 B) R ck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3 C) R ck > 35 N/mm 2 ……… /m 3

40 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia R ck Fond. Mur. Cantin. Mur.Elev.PilastriTravi /m /m /m /m /m /m /m /m /m /m /m /m 3

41 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONE DI CAPITOLATO PROGETTISTA IN FASE PROGETTUALE CHI? QUANDO? COSA?

42 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO (FONDAZIONI) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B2) Classi di esposizione ambientale: XC2 B2) Classi di esposizione ambientale: XC2 B3) Rapporto a/c max: 0.60 B3) Rapporto a/c max: 0.60 B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(25/30) B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(25/30) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B6) Dosaggio minimo di cemento: 300 Kg/m 3 B6) Dosaggio minimo di cemento: 300 Kg/m 3

43 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia AMMINISTRAZIONI VIRTUOSE? R ck (N/mm 2 ) (N/mm 2 )CLASSECONSIST.PREZZO (/m 3 ) 30XC1-XC2S487,8-89,1 35 XC1-XC2- XC3 S4 93,1-95,2- 96,5 40 XC1-XC2- XC3-XC4 S499,6-100, ,1 45 S

44 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO (CLIMI RIGIDI) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 + XF3 B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 + XF3 B3) Rapporto a/c max: 0.50 B3) Rapporto a/c max: 0.50 B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(25/30) B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(25/30) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B6) Dosaggio minimo di cemento: 340 Kg/m 3 B6) Dosaggio minimo di cemento: 340 Kg/m 3 B7) Aria inglobata: % B7) Aria inglobata: % B7.1) Spacing < 250 μm B7.1) Spacing < 250 μm

45 STRUTTURAC(x/y) (N/mm 2 ) ARIAAGGR. NON GELIVO COPR. FONDAZIONEC25/30NONO 25 mm AEREA (SOLETTA BALCONE) C32/40NONO35mm AEREA IN CLIMA FREDDO C25/30SISI30mm PONTE IN MONTAGNA C28/35SISI45mm PARCHEGGI IN CLIMA FREDDO C35/45NONO45mm

46 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO B7) Aria intrappolata: % B7) Aria intrappolata: % B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1% B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1%

47 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

48 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO PER MURATURE DI SOTTERRANEO Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie ?? …gettato con lausilio di casseri Calcestruzzo in opera confezionato con inerti di idonee granulometrie ?? …gettato con lausilio di casseri A) Rck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 A) Rck > 25 N/mm 2 ……… /m 3 B) Rck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 B) Rck > 30 N/mm 2 ……… /m 3 C) Rck > 35 N/mm 2 ……… /m 3 C) Rck > 35 N/mm 2 ……… /m 3

49 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO B7) Aria intrappolata: % B7) Aria intrappolata: % B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1% B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1%

50 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO B7) Aria intrappolata: % B7) Aria intrappolata: % B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1% B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1%

51 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

52 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER IL CALCESTRUZZO B7) Aria intrappolata: % B7) Aria intrappolata: % B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1% B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1%

53 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia A/C Corrosione, gelo-disgelo, fuoco, ritiro, acidi

54 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

55 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

56 MANUFATTI ESTRUSIV4 PAVIMENTI A CASSERI SCORREVOLIV4 o S1 STRUTTURE A CASSERI RAMPANTIS3 PAVIMENTAZIONI REALIZZATE CON TECNICA LASER SCREED S3 FONDAZIONI A PLINTO, TRAVE ROVESCIA O A PLATEA S4 MURI DI VANI INTERRATIS4 PALI DI FONDAZIONES4 -S5 PILASTRIS4 TRAVI EMERGENTI E A SPESSORE DI SOLAIOS5 TRAVI INCLINATE DI TETTI A FALDES4 SOLETTE RAMPANTI DI SCALES3-S4 SOLETTES4-S5 PARETI DI TAGLIO E NUCLEI ASCENSORES4-S5 PAVIMENTAZIONE CON STESA MANUALE E LISCIATURA A STAGGIA VIBRANTE S5

57 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

58 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia Conglomerato cementizio per strutture in cemento armato di qualsiasi forma e dimensione CON LONERE DI EVENTUALI RIPRESE SULLE PARTI IN VISTA CON MALTA DI CEMENTO con granulometria approvata dalla D.L. Conglomerato cementizio per strutture in cemento armato di qualsiasi forma e dimensione CON LONERE DI EVENTUALI RIPRESE SULLE PARTI IN VISTA CON MALTA DI CEMENTO con granulometria approvata dalla D.L. Rck N/mm 2 Rck N/mm 2 CAPITOLATO « CHICCA »

59 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia S3S4S5 NO NE CENTRO SUD ISOLE TOTALE

60 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CLASSE DI CONSISTENZA INIZIALE RIAGGIUNTA DI ACQUA (kg/m 3 ) CLASSE DI CONSISTENZA FINALE S215-20S3 S225-30S4 S36-8S4 S310-15S5 S44-5S5

61 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

62 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

63 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

64 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER LA STRUTTURA C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni

65 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

66 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER LA STRUTTURA (FONDAZIONI) C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni

67 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

68 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

69 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

70 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI PER LA STRUTTURA C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C1) Copriferro minimo: 30 mm (40 per opere in c.a.p) C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 25.5 N/mm 2 C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 3-10 giorni C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 3-10 giorni

71 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

72 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

73 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

74 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia Classe di resistenza del calcestruzzo C25/30> C25/30 Esposizione della struttura AllinternoAllesternoAllinternoAllesterno Periodo di esecuzione dei getti Aprile-Settembre 3735 Periodo di esecuzione dei getti Ottobre-Marzo 71057

75 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia VOCE ELENCO PREZZI Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di elevazione di edifici che operano in servizio allesterno esposte direttamente allazione della pioggia, in classe di esposizione XC4 (UNI 11104), R ck 40 N/mm 2, Lavorabilità S4/S5, D max 32 mm, Cl 0.4 Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di elevazione di edifici che operano in servizio allesterno esposte direttamente allazione della pioggia, in classe di esposizione XC4 (UNI 11104), R ck 40 N/mm 2, Lavorabilità S4/S5, D max 32 mm, Cl 0.4

76 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia SCELTA DEL PRODUTTORE In accordo con le indicazioni riportate nel D.M. 14/09/2005, il calcestruzzo a prestazione garantita secondo UNI-EN dovrà essere prodotto con un Processo Industrializzato in impianti dotati di un sistema di controllo del processo di produzione certificato da un organismo terzo indipendente. In accordo con le indicazioni riportate nel D.M. 14/09/2005, il calcestruzzo a prestazione garantita secondo UNI-EN dovrà essere prodotto con un Processo Industrializzato in impianti dotati di un sistema di controllo del processo di produzione certificato da un organismo terzo indipendente.

77 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia INGREDIENTI A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A1) Acqua di impasto conforme alla UNI- EN 1008 A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A2) Additivo superfluidificante conforme ai prospetti 3.1 e 3.2 o superfluidificante ritardante conforme ai prospetti 11.1 e 11.2 della norma UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN A3) Additivo ritardante (eventuale solo per getti in climi molto caldi) conforme al prospetto 2 della UNI-EN 934-2

78 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia INGREDIENTI A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4) Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e In particolare: A4.1 - Aggregati con massa volumica media del granulo non inferiore a 2.6 Kg/l A4.1 - Aggregati con massa volumica media del granulo non inferiore a 2.6 Kg/l A4.2 - Classe di contenuto di solfati AS0.2 e AS0.8 rispettivamente per gli aggregati grossi e per le sabbie; A4.2 - Classe di contenuto di solfati AS0.2 e AS0.8 rispettivamente per gli aggregati grossi e per le sabbie; A4.3 - Contenuto totale di zolfo inferiore allo 0.1%; A4.3 - Contenuto totale di zolfo inferiore allo 0.1%; A4.4 - Assenza di minerali nocivi o potenzialmente reattivi agli alcali (UNI-EN e UNI 8520/2) o in alternativa aggregati con espansioni su prismi di malta, valutate con la prova accelerata e/o con la prova a lungo termine in accordo alla metodologia prevista dalla UNI , inferiori ai valori massimi riportati nel prospetto 6 della UNI 8520 parte 2. A4.4 - Assenza di minerali nocivi o potenzialmente reattivi agli alcali (UNI-EN e UNI 8520/2) o in alternativa aggregati con espansioni su prismi di malta, valutate con la prova accelerata e/o con la prova a lungo termine in accordo alla metodologia prevista dalla UNI , inferiori ai valori massimi riportati nel prospetto 6 della UNI 8520 parte 2.

79 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia INGREDIENTI A5) Cemento CE II/A-L 42.5R conforme alla norma UNI-EN A5) Cemento CE II/A-L 42.5R conforme alla norma UNI-EN A6) Ceneri volanti e fumi di silice conformi rispettivamente alla norma UNI-EN 450 e UNI-EN parte 1 e 2. A6) Ceneri volanti e fumi di silice conformi rispettivamente alla norma UNI-EN 450 e UNI-EN parte 1 e 2.

80 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN ) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN ) B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 B3) Rapporto a/c max: 0.50 B3) Rapporto a/c max: 0.50 B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(32/40) B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(32/40) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B6) Dosaggio minimo di cemento: 340 Kg/m 3 B6) Dosaggio minimo di cemento: 340 Kg/m 3 B7) Aria intrappolata: % B7) Aria intrappolata: %

81 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B9) Diametro massimo dellaggregato: 32 mm (Per interferri inferiori a 35 mm utilizzare aggregati con pezzatura 20 mm) B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B10) Classe di contenuto di cloruri del calcestruzzo: Cl 0.4 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B11) Lavorabilità al getto: S4 oppure S5 B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1% B12) Volume di acqua di bleeding (UNI 7122): < 0.1%

82 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia STRUTTURA C1) Copriferro minimo: 35 mm (45 per opere in c.a.p) C1) Copriferro minimo: 35 mm (45 per opere in c.a.p) C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 34 N/mm 2 C2) Controllo dellesecuzione dellopera: C(x/y)opera > 0,85 C(x/y) > 34 N/mm 2 C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore (o con altro metodo di protezione equivalente): 7 giorni

83 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

84 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

85 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia VOCE DI ELENCO PREZZI Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di fondazione massive (di grande spessore) in classe di esposizione XC2 (UNI 11104), R ck 30 N/mm 2, Lavorabilità S4/S5, D max 32 mm, Cl 0.4, cemento LH a basso sviluppo di calore in accordo alla UNI-EN 197/1-2006, dosaggio di cemento massimo 320 kg/m 3 Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di fondazione massive (di grande spessore) in classe di esposizione XC2 (UNI 11104), R ck 30 N/mm 2, Lavorabilità S4/S5, D max 32 mm, Cl 0.4, cemento LH a basso sviluppo di calore in accordo alla UNI-EN 197/1-2006, dosaggio di cemento massimo 320 kg/m 3

86 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia STRUTTURA C3) Protezione delle superfici casserate e non del getto con pannelli termoisolanti di polistirolo espanso estruso di spessore pari a 50 mm (o con materassini di equivalente resistenza termica) per almeno 7 giorni. Sulle superfici non casserate prima della predisposizione dei materassini termoisolanti coprire la superficie del calcestruzzo fresco con un foglio di politene. C3) Protezione delle superfici casserate e non del getto con pannelli termoisolanti di polistirolo espanso estruso di spessore pari a 50 mm (o con materassini di equivalente resistenza termica) per almeno 7 giorni. Sulle superfici non casserate prima della predisposizione dei materassini termoisolanti coprire la superficie del calcestruzzo fresco con un foglio di politene.

87 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia

88 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia PRESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER STRUTTURE DI ELEVAZIONE FACCIAVISTA (PILASTRI, TRAVI, CORPI SCALA E NUCLEI ASCENSORE, MURETTI DI RECINZIONE) DI FABBRICATI RESIDENZIALI, DI EDIFICI PUBBLICI O ADIBITI AD ATTIVITA COMMERCIALI O DEL TERZIARIO E MURI DI SOSTEGNO FACCIAVISTA CHE IN SERVIZIO SONO ESPOSTI ALLAZIONE DELLA PIOGGIA IN ZONE A CLIMA TEMPERATO PRESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER STRUTTURE DI ELEVAZIONE FACCIAVISTA (PILASTRI, TRAVI, CORPI SCALA E NUCLEI ASCENSORE, MURETTI DI RECINZIONE) DI FABBRICATI RESIDENZIALI, DI EDIFICI PUBBLICI O ADIBITI AD ATTIVITA COMMERCIALI O DEL TERZIARIO E MURI DI SOSTEGNO FACCIAVISTA CHE IN SERVIZIO SONO ESPOSTI ALLAZIONE DELLA PIOGGIA IN ZONE A CLIMA TEMPERATO

89 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia SOVRAPPREZZO PER CALCESTRUZZO FACCIAVISTA 5%? 5%?

90 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia VOCI DI CAPITOLATO Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di elevazione facciavista di edifici e muri di sostegno o di recinzione facciavista che operano in servizio allesterno esposti direttamente allazione della pioggia, in classe di esposizione XC4 (UNI 11104), Rck 40 N/mm 2, Lavorabilità S4, D max 32 mm, Cl 0.4, dosaggio di cemento minimo 350 kg/m 3 Calcestruzzo a prestazione garantita, in accordo alla EN 206, per strutture di elevazione facciavista di edifici e muri di sostegno o di recinzione facciavista che operano in servizio allesterno esposti direttamente allazione della pioggia, in classe di esposizione XC4 (UNI 11104), Rck 40 N/mm 2, Lavorabilità S4, D max 32 mm, Cl 0.4, dosaggio di cemento minimo 350 kg/m 3

91 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia INGREDIENTI A1) Acqua di impasto: acqua potabile conforme alla UNI-EN 1008 (è escluso lutilizzo di acque di riciclo) A1) Acqua di impasto: acqua potabile conforme alla UNI-EN 1008 (è escluso lutilizzo di acque di riciclo) A4) Durante lintera fornitura del conglomerato non debbono essere impiegati aggregati di diversa provenienza. Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e A4) Durante lintera fornitura del conglomerato non debbono essere impiegati aggregati di diversa provenienza. Aggregati provvisti di marcatura CE conformi alle norme UNI-EN e A.4.5 – Contenuto di impurezze organiche leggere inferiore a 0.25 e 0.05% rispettivamente per aggregati fini e grossi A.4.5 – Contenuto di impurezze organiche leggere inferiore a 0.25 e 0.05% rispettivamente per aggregati fini e grossi

92 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia INGREDIENTI A.5 Durante lintera fornitura del calcestruzzo deve essere impiegato cemento di una stessa partita. Per strutture facciavista bianche utilizzare cemento bianco. A.5 Durante lintera fornitura del calcestruzzo deve essere impiegato cemento di una stessa partita. Per strutture facciavista bianche utilizzare cemento bianco. Cenere volante conforme alla UNI-EN 450 avente un tenore di incombusto non superiore al 3%) Cenere volante conforme alla UNI-EN 450 avente un tenore di incombusto non superiore al 3%)

93 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia CALCESTRUZZO B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B1) Calcestruzzo a prestazione garantita (EN 206-1) B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 B2) Classi di esposizione ambientale: XC4 B3) Rapporto a/c max: 0.50 (la variazione del rapporto a/c deve essere contenuta a ) B3) Rapporto a/c max: 0.50 (la variazione del rapporto a/c deve essere contenuta a ) B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(32/40) B4) Classe di resistenza a compressione minima: C(32/40) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B5) Controllo di accettazione: tipo A (tipo B per volumi complessivi di calcestruzzo superiori a 1500 m 3 ) B6) Dosaggio minimo di cemento: 350 Kg/m 3 B6) Dosaggio minimo di cemento: 350 Kg/m 3 B6.1) Contenuto di cemento e di materiale fine passante a mm: 400 Kg/m 3 B6.1) Contenuto di cemento e di materiale fine passante a mm: 400 Kg/m 3

94 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia STRUTTURA C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore o con teli di plastica tenuti a 5 cm di distanza dalla superficie del calcestruzzo: 7 giorni C3) Scassero oppure durata minima della maturazione umida da effettuarsi mediante ricoprimento della superficie non casserata con geotessile bagnato ogni 24 ore o con teli di plastica tenuti a 5 cm di distanza dalla superficie del calcestruzzo: 7 giorni

95 Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia GRAZIE PER L ATTENZIONE


Scaricare ppt "Università di Bergamo Dipartimento di Progettazione e Tecnologia BORMIO 14 MARZO 2007 « La progettazione della durabilità in accordo alle Norme Tecniche."

Presentazioni simili


Annunci Google