La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA GUERRA DEI TRENT’ANNI. PRESUPPOSTI E CAUSE Impero asburgico diviso e frammentato (villaggi, città libere, Stati…) Contrasti religiosi: la Pace di Augusta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA GUERRA DEI TRENT’ANNI. PRESUPPOSTI E CAUSE Impero asburgico diviso e frammentato (villaggi, città libere, Stati…) Contrasti religiosi: la Pace di Augusta."— Transcript della presentazione:

1 LA GUERRA DEI TRENT’ANNI

2 PRESUPPOSTI E CAUSE Impero asburgico diviso e frammentato (villaggi, città libere, Stati…) Contrasti religiosi: la Pace di Augusta aveva siglato un accordo soltanto tra Cattolici e Luterani, restavano fuori le altre minoranze Prìncipi cattolici alla «riconquista» delle regioni luterane Dal 1526 Boemia e Ungheria passano all’Impero, ma le loro popolazioni sono in gran parte non cattoliche (luterane e hussite)

3 Dal Principe del Palatinato: l’UNIONE EVANGELICA (con l’appoggio della Boemia anticattolica, e del re di Francia Enrico IV) di conseguenza Dal Duca di Baviera: la LEGA CATTOLICA (con l’appoggio della Spagna) 1608 Rodolfo II ( ) Lettera di Maestà che concede anche ai Boemi la libertà di culto per smorzare la conflittualità dell’Unione evangelica

4 FERDINANDO DI STIRIA Successore alla corona di Boemia e Ungheria ( ) 1617 Tedeschizzazione e Cattolicizzazione abolisce la Lettera di Maestà avvia una restaurazione del Cattolicesimo impone funzionari tedeschi

5 1.Fase Boema Fase Danese Fase Svedese Fase Francese DIVISIONE CONVENZIONALE DEL CONFLITTO

6 I provvedimenti di Ferdinando di Stiria scatenano la reazione della popolazione boema 23 Maggio 1618: invasione del Palazzo reale di Praga e defenestrazione di due rappresentanti imperiali DEFENESTRAZIONE DI PRAGA

7 FASE BOEMA La defenestrazione di Praga del 23 Maggio 1618

8 Mentre Ferdinando di Stiria succede a Mattia al trono imperiale col nome di Ferdinando II, la nobiltà boema lo dichiara decaduto Nuovo sovrano boemo è proclamato Federico V già elettore del Palatinato, di fede calvinista e guida dell’Unione evangelica DEFENESTRAZIONE DI PRAGA Con Federico V Giacomo I d’Inghilterra Cristiano IV di Danimarca Venezia Province Unite Con Ferdinando II Massimiliano di Baviera (Lega cattolica) Spagna

9 Battaglia della Montagna Bianca Il generale Tilly e Massimiliano di Baviera guidano un esercito spagnolo e tedesco contro i ribelli boemi Federico V, duramente sconfitto, abbandona Praga 1620 Persecuzione ed espulsione dei protestanti I capi della rivolta boema vennero uccisi I nobili protestanti non direttamente coinvolti pesantemente multati Imposizione del Cattolicesimo e fuga dei protestanti SACRO MACELLO 1620 Gli Spagnoli occupano la Valtellina (cantone dei Grigioni) Collega la Lombardia (spagnola) e l’Austria (asburgica) In funzione antiolandese: può attaccare le Province Unite da più fronti

10 FASE DANESE Cristiano IV di Danimarca ( )

11 Il re di DANIMARCA Cristiano IV ( ) muove GUERRA ALL’IMPERO CRISTIANO IV E LA SUA GUERRA Il regno danese corre il rischio di essere assorbito dalla potenza imperiale In suo aiuto: FRANCIA, OLANDA, INGHILTERRA, SVEZIA In poco tempo l’offensiva danese SI CONCLUDE CON UN FALLIMENTO La Danimarca e la sua alleata, la Svezia di Gustavo II Adolfo, si trovano a combattere isolate Le altre potenze e i principi tedeschi protestanti danno scarso aiuto, mentre Jean Tilly conta sull’aiuto del potente Duca di Wallenstein, autorizzato dall’Imperatore a prelevare contributi alla popolazione per finanziare la guerra

12 PACE DI LUBECCA 1629 Danimarca fuori dalle vicende tedesche La Germania ingrandisce il suo potere a nord, sul Baltico, controllandone i mari

13 FERDINANDO II E WALLENSTEIN Nel 1629 emana l’Editto di Restituzione: obbligo di convertirsi al Cattolicesimo e di restituire le vecchie proprietà cattoliche occupate dai protestanti dal 1552 Altro progetto di Ferdinando II, a favore degli Asburgo: rendere la corona imperiale ereditaria Albrecht von Wallenstein Nobile Boemo, si arrichisce a dismisura acquistando a prezzi di fortuna terre confiscate ai ribelli Al comando di un esercito di oltre mercenari Vende i propri servizi all’Imperatore, dal quale ottiene diverse cariche e il titolo di Principe imperiale Ferdinando II

14 FASE SVEDESE Gustavo II Adolfo ( )

15 Il re di SVEZIA Gustavo II Adolfo ( ) muove GUERRA ALL’IMPERO GUSTAVO II E LA SUA GUERRA Dopo l’ampliamento del potere imperiale sul mare del Nord, a seguito della pace di Lubecca, la Svezia sente minacciata la sua egemonia sul Mar Baltico. Trova l’appoggio dei Principi protestanti di Sassonia e Brandeburgo Gustavo II possiede un ottimo esercito, col quale inizialmente riporta la vittoria clamorosa di Breitenfeld (1631) L’Impero reagisce, sconfiggendo gli svedesi a Lützen (1632), dove Gustavo II muore sul campo Intanto i francesi si muovono verso la germania, preoccupati dall’espansione svedese Seconda pesante sconfitta per gli svedesi a Nördlingen (1634)

16 L’ESERCITO DI GUSTAVO II ARTIGLIERIA armi ed equipaggiamenti più leggeri FUCILIERI tiratori di precisione ben addestrati e dotati di moschetto CAVALLERIA dotata anche di sciabole, attacca a ranghi serrati ESERCITO REGOLARE più motivato, a lunga ferma (20 anni, pagati dallo Stato)

17 PACE DI PRAGA 1635 Gli svedesi abbandonano la Germania Ferdinando II posticipa di 40 anni l’applicazione dell’Editto di Restituzione

18 FASE FRANCESE Luigi XIII ( ) e il Cardinale Richelieu ( )

19 Il re di FRANCIA Luigi XIII ( ) e il suo braccio destro, il Cardinale Richelieu, muovono GUERRA ALL’IMPERO LUIGI XIII, RICHELIEU E LA LORO GUERRA La preoccupazione che suscitava il rafforzamento unitario dell’Impero spinge la potenza francese ad intervenire In questa fase francese le ragioni legate all’egemonia sull’Europa prevalgono su quelle religiose: Luigi XIII e Richelieu (un cardinale) sono cattolici e attaccano sovrani come Ferdinando II e Filippo IV altrettanto cattolici, fino ad arrivare ad allearsi con le forze protestanti di Germania

20 La Francia attacca principalmente la Spagna La Spagna è presto in serie difficoltà, perché impegnata in tre diversi fronti In Francia: diretta nemica e confinante Nelle Province Unite: con cui è aperto un conflitto già da molto tempo In Germania: a sostegno di Ferdinando II e contro le ribellioni protestanti IMPERO E SPAGNAFRANCIA, OLANDA, SVEZIA VS La Spagna tenta di occupare Parigi, ma è bloccata e sconfitta nella Battaglia di Rocroi (1643) Ferdinando III, nuovo Imperatore, capisce che non può farcela, rinuncia alle sue pretese di dominio e iniziano i trattati di pace

21 PACE DI MÜNSTER 1648 La Spagna riconosce l’indipendenza delle Province Unite I Paesi Bassi restano alla Spagna (Stato cuscinetto)

22 PACE DI VESTFALIA 1648 Vi partecipano quasi 200 Paesi europei Fine delle guerre di religione Riconosce la legittimità anche del Calvinismo Cuius regio eius religio fino al 1624 Altre confessioni potevano essere praticate in privato Boemia agli Asburgo dove restava affermato il Cattolicesimo Gli eredi di Federico V riottennero il Palatinato La Svezia riacquisisce l’egemonia sul Baltico Indipendenza e neutralità della Svizzera Francia rafforzata sui confini tedeschi Germania frammentata in circa 350 entità politiche autonome La brama di restaurazione cattolica degli Asburgo e del papato definitivamente arrestata


Scaricare ppt "LA GUERRA DEI TRENT’ANNI. PRESUPPOSTI E CAUSE Impero asburgico diviso e frammentato (villaggi, città libere, Stati…) Contrasti religiosi: la Pace di Augusta."

Presentazioni simili


Annunci Google