La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodi di controllo Metodi indiretti (preventivi) Metodi diretti Modifica delle condizioni ambientali e/o di caratteristiche del substrato in modo da renderle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodi di controllo Metodi indiretti (preventivi) Metodi diretti Modifica delle condizioni ambientali e/o di caratteristiche del substrato in modo da renderle."— Transcript della presentazione:

1 Metodi di controllo Metodi indiretti (preventivi) Metodi diretti Modifica delle condizioni ambientali e/o di caratteristiche del substrato in modo da renderle sfavorevoli allo sviluppo dei biodeteriogeni Hanno valore preventivo Sempre applicati, quando possibile per inibire i fenomeni di degrado Eliminazione diretta dei biodeteriogeni Mezzi meccanici Mezzi fisici Mezzi chimici Messa a punto e valutazione dell’efficacia e della idoneità di prodotti e delle procedure per il controllo fenomeni di biodeterioramento.

2 S. Clemente – trattamento con UV-C

3 metodi più largamente utilizzati e sperimentati per il controllo dei biodeteriogeni Metodi chimici “Prodotti utilizzati come disinfettanti, disinfestanti, preservanti, antiparassitari, non agricoli, applicati per eliminare rendere innocui, impedire l’azione di qualsiasi organismo nocivo per l’uomo per gli animali, per i materiali ed i beni di consumo (esclusi gli alimenti )” D.Lgs. 174/2000 “Prodotti utilizzati come disinfettanti, disinfestanti, preservanti, antiparassitari, non agricoli, applicati per eliminare rendere innocui, impedire l’azione di qualsiasi organismo nocivo per l’uomo per gli animali, per i materiali ed i beni di consumo (esclusi gli alimenti )” D.Lgs. 174/2000 Si basano sull’uso di sostanze ad azione letale per gli organismi viventi definite con il termine generico di Biocidi

4 Requisiti dei biocidi utilizzati nel settore del restauro: Efficacia nei confronti delle diverse specie di organismi e microrganismi biodeteriogeni Assenza di interazioni negative con i diversi materiali costitutivi delle opere d’arte; Non interferenza con altri prodotti utilizzati nelle operazione di restauro Requisiti dei biocidi utilizzati nel settore del restauro: Efficacia nei confronti delle diverse specie di organismi e microrganismi biodeteriogeni Assenza di interazioni negative con i diversi materiali costitutivi delle opere d’arte; Non interferenza con altri prodotti utilizzati nelle operazione di restauro

5 Terreno colturale Solido Biocida miscelato al terreno Biocida distribuito in capsule (antibiotic assay disc) Liquido Provini di materiale lapideo-organico Valutazione della crescita Osservazione visivao al microscopio analisi colturali dosaggio dell’ATP Nel caso di Fotoautotrofi dosaggio della clorofilla osservazioneal microscopioin fluorescenza Modello sperimentale che si avvicina maggiormente alle condizioni reali di utilizzo Test in Situ Test in Situ Testdi laboratorio Testdi laboratorio Applicazione dei prodotti su aree limitate con alterazioni biologiche omogenee Verifica efficacia dose/effetto Durata della azionebiocida nel tempo Test di verifica dell’efficacia dei biocidi

6 Aggiunta del biocida a varie concentrazioni Inoculo della sospensione di microrganismi Lettura dello sviluppo Inoculo della sospensione di microrganismi Anello di inibizione Aggiunta del biocida a varie concentrazioni Antibiotic assay disc Test di laboratorio

7 OPP Test su provini Test in situ

8 Test di efficacia H 2 O 2 tamponata – su travertino Erbicidi e biocidi a confronto su cuscinetti di muschio – Ostia antica

9 Dopo 2 anni Verifica della durata nel tempo dell’effetto biocida Tasselli di prova con diversi biocidi: Preventol R80, Algophase, Metatin N5810/101 Messa a punto di protettivi addizionati con biocidi come sistemi di prevenzione

10 Efficacia trattamenti biocidi - Indagine al microscopio ottico a fluorescenza valutazione dei livelli di vitalità delle cellule fotosintetizzanti mediante osservazione dell’autofluorescenza della clorofilla (filtro di eccitazione passa banda da 450/490 nm e filtro di sbarramento a 520 nm)

11 Case Romane al Celio – verifica dell’efficacia dei trattamenti – dosaggio dell’ATP tecnica enzimatico – luminometrica, (McCarthy, 2001).

12 Interferenza con i materiali Applicazioni su manufatti storico artistici è problematica Interferenze con i materiali costitutivi dipendono : dalla reattività del principio attivo dalle caratteristiche dei coformulati e dei solventi utilizzati Non devono produrre variazioni cromatiche del substrato (incolori) Non devono determinare fenomeni di corrosione (se vi sono elementi metallici) Devono avere neutralità chimica (non devono dare reazioni acide o basiche) Il solvente utilizzato non deve produrre fenomeni di solubilizzazione indesiderati Prodotti usati su manufatti storico artistici

13 Osservazione delle modifiche morfologiche della superficie mediante microscopio ottico e microscopio elettronico a scansione. Misura della variazione cromatica per mezzo di colorimetri a riflessione. Il dato colorimetrico viene generalmente espresso in coordinate di colore nello spazio CIE-Lab. Misura della quantità di acqua assorbita per capillarità, al fine di valutare cambiamenti nell’affinità per l’acqua (variazioni microporosità superficiale). Misura delle variazioni di peso dei provini. Misura del rilascio di specie ioniche in soluzione mediante misure generiche di conducibilità o mediante analisi quali- quantitative in cromatografia ionica o con metodi fotometrici. Tali valutazioni sono effettuabili solo nel caso di provini trattati per immersione in soluzioni di biocida. Osservazione delle modifiche morfologiche della superficie mediante microscopio ottico e microscopio elettronico a scansione. Misura della variazione cromatica per mezzo di colorimetri a riflessione. Il dato colorimetrico viene generalmente espresso in coordinate di colore nello spazio CIE-Lab. Misura della quantità di acqua assorbita per capillarità, al fine di valutare cambiamenti nell’affinità per l’acqua (variazioni microporosità superficiale). Misura delle variazioni di peso dei provini. Misura del rilascio di specie ioniche in soluzione mediante misure generiche di conducibilità o mediante analisi quali- quantitative in cromatografia ionica o con metodi fotometrici. Tali valutazioni sono effettuabili solo nel caso di provini trattati per immersione in soluzioni di biocida. Inteferenza biocidi Materiali Lapidei Test su provini di materiale Parametri chiave, misurati prima e dopo i trattamenti, che permettono di rilevare eventuali alterazioni chimico-fisiche della pietra Inteferenza biocidi Materiali Lapidei Test su provini di materiale Parametri chiave, misurati prima e dopo i trattamenti, che permettono di rilevare eventuali alterazioni chimico-fisiche della pietra


Scaricare ppt "Metodi di controllo Metodi indiretti (preventivi) Metodi diretti Modifica delle condizioni ambientali e/o di caratteristiche del substrato in modo da renderle."

Presentazioni simili


Annunci Google