La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva cioè di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo".

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva cioè di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo"."— Transcript della presentazione:

1 "Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva cioè di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo".

2 DUREZZA TOTALE = DUREZZA PERMANENTE + DUREZZA TEMPORANEA DUREZZA PERMANENTE: solfati, nitrati, cloruri di Ca e Mg DUREZZA TEMPORANEA: bicarbonato di Ca e Mg (pp per riscaldamento) PARAMETROValore guida Temperatura °C pH6,5 – 8,5 Conducibilità elettrica 400 µS/cm 20°C Residuo fisso a 180°C 1500 mg/l Durezza totale °F

3 Parametro Valore guida Note Ammoniaca0,05 mg/l indice di un processo putrefattivo in atto (esiste una contaminazione di origine microbiologica che compromette la potabilità dell'acqua). Nitritiassenti indice di inquinamento recente; sono molto pericolosi perché, una volta ingeriti, formano le nitrosammine, sostanze tristemente note per le loro proprietà cancerogene. La pericolosità è elevata soprattutto per i bambini, sia in virtù del minor peso corporeo, sia per la maggiore velocità del metabolismo. Nitrati5 mg/l Il pericolo maggiore della contaminazione da nitrati deriva dalla loro trasformazione a nitriti all'interno dell'organismo. Cloruri25 mg/ll'eccesso di cloruri può essere associato alla contaminazione dell'acqua potabile da parte di urine e liquami

4 Controllare i parametri microbiologici consente di accertare che l’acqua non sia un veicolo di trasmissione di microrganismi patogeni. Le malattie più comuni causate da inquinamento microbiologico dell’acqua sono: tifo, paratifo, dissenteria, colera. E’ anche possibile che l’acqua veicoli virus come enterovirus, virus dell’epatite A, virus della poliomielite, o protozoi, o ancora uova ossiuri, tenie, ascaridi.

5 A questo scopo si utilizzano indici microbiologici, quali la determinazione della carica batterica totale (a 22 e a 36 °C) e gli indici di contaminazione fecale. Valori linee guida: Conta a 36°C20 (UFC/ml) Conta a 22 °C 100 (UFC/ml) L’analisi di coliformi totali e fecali è un indice più specifico di inquinamento fecale. Per questi ultimi, il più tipico microorganismo da ricercare è l’Escherichia Coli, di esclusiva origine fecale Limite di legge:0 (UFC/100ml)

6 La "fabbrica" dell'acqua L’acqua è la risorsa naturale per eccellenza, ma nonostante la sua naturale disponibilità non basta fare un buco nel terreno per poterne fruire. Per disporre di acqua sicura e controllata, distribuita nelle case in modo efficiente e reimmessa nell’ambiente dopo l’uso senza sostanze inquinanti, è indispensabile poter contare su un sistema d’impianti, reti e saperi estremamente articolato. Caratterizzato soprattutto da tecnologie d’avanguardia. Questo sistema è chiamato “ciclo idrico integrato”. Si tratta di una vera e propria “fabbrica dell’acqua” che, partendo dal prelievo della preziosa risorsa nelle forme disponibili sul territorio (sorgenti, fiumi, ecc.), la rende potabile e disponibile in ogni casa, fino a convogliarla e depurarla una volta utilizzata. Tutto questo avviene per fasi, ben distinte fra loro: 1)Captazione 2)Potabilizzazione 3)Distribuzione 4)Fognatura e Depurazione 5)Restituzione all'ambiente.

7  Captazione La prima fase del ciclo idrico è la captazione o prelievo. L’acqua è ‘raccolta’ per essere portata alle nostre case. La captazione può avvenire da laghi, fiumi, bacini artificiali (acque superficiali), da pozzi e falde (acque sotterranee) o da sorgenti, soprattutto in montagna.  Potabilizzazione Per essere bevuta e utilizzata senza rischi per la nostra salute, la risorsa idrica deve essere potabilizzata. Questa fase prevede che l’acqua sia sottoposta a trattamenti specifici, secondo la sua provenienza, che ne migliorino le caratteristiche fisiche, chimiche, biologiche fino a rispettare i parametri di qualità fissati dalle norme nazionali e internazionali. Distribuzione Solo a questo punto inizia la terza fase: la distribuzione. Attraverso la rete di tubature l’acqua potabile è condotta dai serbatoi d’accumulo alle nostre case.  Fognatura e depurazione Qualunque sia l’uso che ne facciamo, l’acqua finisce inevitabilmente nello scarico e da lì, attraverso la rete fognaria, arriva all’impianto di depurazione. Occorre ripulire il più possibile le acque reflue, prima che riprendano il loro viaggio verso il mare. Restituzione all'ambiente Al termine del ciclo le acque sono restituite all'ambiente. MONITORAGGIO E CONTROLLO


Scaricare ppt ""Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva cioè di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo"."

Presentazioni simili


Annunci Google