La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE RAGIONI DELLO SCIOPERO GENERALE 12 DICEMBRE 2014 PUNTI NODALI DELLA NOSTRA PIATTAFORMA CONTRATTUALE triennio 2015-2017.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE RAGIONI DELLO SCIOPERO GENERALE 12 DICEMBRE 2014 PUNTI NODALI DELLA NOSTRA PIATTAFORMA CONTRATTUALE triennio 2015-2017."— Transcript della presentazione:

1 LE RAGIONI DELLO SCIOPERO GENERALE 12 DICEMBRE 2014 PUNTI NODALI DELLA NOSTRA PIATTAFORMA CONTRATTUALE triennio

2 CONTESTO Crisi economico-finanziaria, dal 2008 tagli alle risorse finanziarie e umane, altissimo il livello di disoccupazione 12,5% (8,5 MILIARDI e lavoratori in meno solo dopo legge Gelmini) Mancato rinnovo ed adeguamento della retribuzione dal 2010 al 2014 (in media gli insegnanti italiani hanno perso € e per gli ATA circa €) Ultimo contratto, parte normativa, risale al 2007 e non è più adeguato alla scuola reale Continui interventi legislativi che dal 2009 ad oggi stanno creando numerosi contenziosi e hanno ridotti i diritti Riforma Fornero che ha bloccato il turn over e creato gravissima disparità tra privato e pubblico, gravissime ingiustizie QUOTA 96 Riforma della Pubblica Amministrazione Riforma del modello contrattuale

3 DOPO LE GRANDI MANIFESTAZIONI SCIOPERO GENERALE 12 DICEMBRE : Politica economica Pubblica amministrazione Previdenza Jobs act

4 LEGGE DI STABILITA’ e POLITICHE ECONOMICHE LEGGE DI STABILITA’ e POLITICHE ECONOMICHE  Non ci sono misure di investimento pubblico e privato per lo sviluppo economico industriale  Non ci sono misure per incrementare la lotta all’evasione fiscale ( 60 M.li di corruzione e 180 M.li di evasione fiscale)  Nessuna misura per l’equità sul fronte delle pensioni  Non ci sono riduzioni della pressione fiscale

5 JOBS ACT E LEGGE DELEGA SUL LAVORO JOBS ACT E LEGGE DELEGA SUL LAVORO Per aumentare l’occupazione si riducono le tutele dei lavoratori, togliendole anche a chi le ha!!!! Art. 18: «il reintegro è previsto solo per il licenziamento discriminatorio e per specifici provvedimenti disciplinari dimostrati ingiustificati» NON RIGUARDA I PUBBLICI DIPENDENTI PERCHE’ PER LORO E’ IN ATTO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE PREVEDERA’ MECCANISMI SU PRINCIPI OMOGENEI AL JOBS ACT

6 LA LEGGE DI STABILITA’ scuola Bloccaper tutto il 2015  Blocca ulteriormente per tutto il 2015 il rinnovo economico del CCNL Taglia 2020 POSTI per i  Taglia 2020 POSTI per i lavoratori ATA Elimina gli esoneri e semiesoneri  Elimina gli esoneri e semiesoneri per i collaboratori del D.S.  Rimanda a gennaio  Rimanda a gennaio un eventuale riordino della commissione all’esame di stato scuola secondaria  Tagli sulle supplenze brevi, su ricerca, AFAM e fondo università  PREVEDE LA STABILIZZAZIONE DI UNA PRIMA TRANCE DI PRECARI UN ATTO DOVUTO-CHE SI FA PAGARE AI LAVORATORI- - UN ATTO DOVUTO-CHE SI FA PAGARE AI LAVORATORI-

7 CONTESTO Esclusione dal dialogo e dal confronto (vedi gli esiti anche degli ultimi 2 incontri Giannini-Madia) Il CCNL non esiste più nel lessico dei governi gli adeguamenti avvengono per interventi legislativi unilaterali e leggi delega TAGLIATI i finanziamenti per i lavoratori della scuola dalla LEGGE DI STABILTA’ e dal documento LA BUONA SCUOLA

8 Il documento la «BUONA SCUOLA» E’ terminata la consultazione e da gennaio iniziano gli interventi legislativi mediante legge delega o decreti legge. PREVEDE NESSUNA RISORSA AGGIUNTIVA NESSUNA RISORSA AGGIUNTIVA LA REVISIONE DELLO STATO GIURIDICO FUNZIONE DOCENTE LA REVISIONE DELLO STATO GIURIDICO FUNZIONE DOCENTE AZZERAMENTO SCATTI D’ANZIANITA’ CONTRO NUOVO REGOLAMENTO SCATTI DI MERITO A PARTIRE DAL 2019 AZZERAMENTO SCATTI D’ANZIANITA’ CONTRO NUOVO REGOLAMENTO SCATTI DI MERITO A PARTIRE DAL 2019

9 La SFIDA DI UN PROGETTO DI RIFORMA «LA BUONA SCUOLA» Vs «LA SCUOLA GIUSTA» 17 miliardi di investimenti nell’istruzione e formazione Obbligo scolastico a 18 anni Didattica laboratoriale ed inclusiva Orientamento Sostegno alla disabilità Flessibilità dei curricoli Attenzione alle aree svantaggiate e alle complessità organizzative e didattiche Collegialità Partecipazione Autonomia Apertura al territorio CCNL Una scuola rinnovata ha bisogno di docenti e ATA competenti, motivati e pagati Un’ idea alta di scuola, di qualità che ha bisogno di un buon CONTRATTO

10 All’altezza di tale idea la FLC propone nel CCNL. ADEGUAMENTO RETRIBUZIONE ADEGUAMENTO RETRIBUZIONE – Innalzare i livelli contrattuali più bassi (C.S. AA PRECARI) – Salvaguardare i redditi e potere d’acquisto – Ruolo unico docente – Progressioni economiche al personale a tempo determinato – Valorizzare l’impegno aggiuntivo, le responsabilità e la dignità del lavoro con risorse aggiuntive – Incrementare i fondi per il MOF

11 LA PROGRESSIONE DI CARRIERA Mantenere l’attuale progressione per scatti d’anzianità affiancando ad essa un nuovo sistema di valutazione e valorizzazione del LAVORO VALORIZZAZIONE DEL LAVORO: 3 ELEMENTI DI VALORIZZAZIONE DEL LAVORO: -ORARIO DI LAVORO POTENZIATO -ORARIO DI LAVORO POTENZIATO. Per incarichi specifici, per alcune figure di sistema con compiti aggiuntivi organizzativi e di coordinamento didattico con orario potenziato. Risorse aggiuntive che non gravano sul fondo, criteri di attribuzione degli incarichi stabiliti in sede di contrattazione integrativa -LAVORO D’AULA -LAVORO D’AULA. Per tenere insieme esperienza, formazione, produzione di materiale valutativo e didattico, pubblicazioni, attuazione di didattica innovativa e laboratoriale.. (in coerenza con quanto già definito nell’art. 31 del CCNL/2007). La valorizzazione deve essere funzionale al lavoro cooperativo e a specifici obiettivi definiti dal c.d. con criteri definiti a livello di CCN INTEGRATIVA -CONTESTO LAVORATIVO. -CONTESTO LAVORATIVO. Per il personale che assume impegno di permanenza pluriennale in contesti di istituti riconosciuti a livello nazionale di forte processo migratorio, aree a rischio…con INDENNITA’ MENSILE ACCESSORIA La VALORIZZAZIONE PROFESSIONALE e i relativi crediti formativi e/o professionali saranno la base per determinare dopo un a certa anzianità di servizio un’accelerazione nella percorrenza delle fasce retributive

12  NO A MISURAZIONI INDIVIDUALI DEL SAPERE  NO A COMPETIZIONE INDIVIDUALE  NO A GRADUATORIE D’ISTITUTO PER SCATTI  NO ALL’ AZZERAMENTO ANZIANITA’ SI’ A PAGARE DI PIU’ IL LAVORO SI’ A PAGARE CHI SI IMPEGNA DI PIU’ PER L’ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DELLA SCUOLA SI’ A PAGARE CHI FA RICERCA, FA INNOVAZIONE, FA ESPERIENZE DI SVILUPPO, DI MIGLIORAMENTO DELLA DIDATTICA PER OBIETTIVI DEFINITI DAL C.D. SI A PAGARE CHI LAVORA IN CONDIZIONI PIU’ DIFFICILI NO AGLI SCATTI DI MERITO SI’ A VALORIZZARE CHI LAVORA DI PIU’

13 ORARIO DI LAVORO DOCENTI ORARIO DI LAVORO DOCENTI I PUNTI ESSENZIALI: Ferme le attuali ore frontali di lezione Trasparenza di tutti i carichi di lavoro con rivisitazione dell’attuale art. 29 (obblighi funzionali) da articolare in 3 gruppi distinti: -ATTIVITA’ COLLEGIALI DI PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE -ATTIVITA’ COLLEGIALI DI PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE : formazione, programmazione, progettazione, valutazione -RAPPORTI CON LE FAMIGLIE E GLI ALUNNI -RAPPORTI CON LE FAMIGLIE E GLI ALUNNI: colloqui individuali, la consegna dei documenti di valutazione e le attività di orientamento -ATTIVITA’ INDIVIDUALI FUNZIONALI AL LAVORO D’AULA -ATTIVITA’ INDIVIDUALI FUNZIONALI AL LAVORO D’AULA preparazione lezioni, esercitazioni, predisposizione prove scritte e di valutazione, correzione prove ed elaborati.

14 FORMAZIONE DOCENTI FORMAZIONE DOCENTI L’insegnamento si svolge in una dimensione dinamica e in costante evoluzione. Per questo dopo la formazione iniziale, le competenze devono essere implementate alla luce di innovazioni ordinamentali, dei progressi sul terreno delle discipline e delle neuroscienze, in relazione al ridefinirsi del rapporto scuola- lavoro…. FORMAZIONE PROGRAMMATA, OBBLIGATORIA E FINANZIATA

15 REVISIONE PROFILI ATA REVISIONE PROFILI ATA – Ai C.S. vanno riconosciute una serie di funzioni già svolte di front office, di accoglienza ed inserimento stranieri, il pre e post scuola, sorveglianza mensa, assistenza dei disabili – Incremento degli assistenti tecnici – Incremento degli assistenti tecnici per lo svolgimento della didattica laboratoriale – Superamento delle specializzazioni di area, – Superamento delle specializzazioni di area, ponendo più attenzione alla funzione svolta più che ai compiti, previsione di una differenziazione di livello con l’area C – Per DSGA inquadramento a livello di funzionario direttivo – Per DSGA inquadramento a livello di funzionario direttivo. Nuovo concorso. Indennità variabile non a carico del FIS. Stabilizzazione su tutti i posti disponibili

16 FORMAZIONE ATA FORMAZIONE ATA Al personale neo-immesso in ruolo deve essere garantito il tutoraggio. A tutti un aggiornamento continuo e sostegno di formazione su tematiche di interculturalità, disagio, genitorialità, sistema scolastico… FLESSIBILITA’ ORARIA FLESSIBILITA’ ORARIA Fare trasparenza e chiarezza sui regimi orari. Riformulare l’articolazione delle 35 ore PARTECIPAZIONE AL PROGETTO SCUOLA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO SCUOLA Far partecipare il personale ATA nelle commissioni POF, in quelle di sicurezza, nei momenti in cui si discutono i PEI….

17 Nei prossimi mesi viene lanciata una consultazione ai lavoratori sui temi della piattaforma, ma non dobbiamo nascondere che il percorso di rinnovo del CCNL sarà lungo e tortuoso LE RSU hanno un ruolo fondamentale in questa partita Dobbiamo fare lo sforzo di mantenere l’unitarietà nonostante CISL

18 Istruzioni per la «LISTA RSU PERFETTA!» Confermare RSU in carica Integrare con nuovi candidati Rappresentare ogni categoria (docenti, ATA, EDUCATORI…) Rappresentare ogni ordine di scuola Max 4 candidati per 200 lavoratori, 8 per oltre 200 lavoratori SONO «GRADITI» CANDIDATI NON ISCRITTI FLC


Scaricare ppt "LE RAGIONI DELLO SCIOPERO GENERALE 12 DICEMBRE 2014 PUNTI NODALI DELLA NOSTRA PIATTAFORMA CONTRATTUALE triennio 2015-2017."

Presentazioni simili


Annunci Google