La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teoria e tecnica del giornalismo Modulo A “professione giornalistica”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teoria e tecnica del giornalismo Modulo A “professione giornalistica”"— Transcript della presentazione:

1 Teoria e tecnica del giornalismo Modulo A “professione giornalistica”

2 2 ARTICOLO 21 della COSTITUZIONE ITALIANA: Tutti hanno il diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni e censure

3 3 DUE SCUOLE DI PENSIERO: INDIVIDUALISTA art. 21 libertà di informazione coincide con la libertà di manifestazione del pensiero del giornalista FUNZIONALISTA art. 21 libertà di informazione coincide con il diritto dei cittadini ad essere informati

4 4 Legge del 3 febbraio del 1963 n. 69: ORDINE DEI GIORNALISTI LA PROFESSIONE DEL GIORNALISTA

5 5 Art.2: libertà di informazione e di critica; rispetto dei fatti; dovere della lealtà e della buona fede Questi sono i fondamenti del diritto di cronaca Legge 69/1963:

6 6 Art. 48 : gli iscritti all’albo che si rendono colpevoli di fatti non conformi al decoro e alla dignità professionale sono sottoposti a procedimento disciplinare

7 7 Legge 69/1963: Art. 51 : Sanzioni disciplinari - avvertimento; - censura; - sospensione dall’esercizio della professione per un periodo non inferiore ai 2 mesi e non superiore a un anno - radiazione dall’albo

8 8 1993: l’Ordine Nazionale dei Giornalisti e la Federazione della Stampa elaborano La Carta dei Doveri dei Giornalisti LA PROFESSIONE DEL GIORNALISTA

9 9 “Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali” ha sollevato polemiche perché, per la prima volta, veniva limitato per legge l’esercizio del diritto di cronaca in favore della tutela dei diritti della persona L’entrata in vigore della legge n. 675 del 1997:

10 10 Norme per la tutela della privacy nell’esercizio della professione giornalistica Si distingue tra privati cittadini e persone pubbliche Il Consiglio Nazionale dell’Ordine ha elaborato un codice deontologico (1997)

11 11 - Alcuni divieti espliciti previsti dal codice:  diffusione di notizie o immagini che offendono la dignità della persona  diffusione di immagini di persone in stato di detenzione  diffusione di dati analitici di interesse clinico relativi allo stato di salute delle persone  diffusione di descrizioni relative alle abitudini sessuali di persone identificabili o identificate  commenti che contengano discriminazioni

12 12 Il Codice Deontologico stabilisce anche:  il dovere di rettifica, già previsto dalla legge 69/1963  il principio secondo cui non si possono dare notizie di accusa che danneggiano la reputazione o la dignità di una persona senza dare l’opportunità di replica

13 13 Questo principio era stato già esplicitato nella Carta di Treviso Protocollo di Intesa su Informazione e Minori stipulato tra il Consiglio Nazionale dell’Ordine e la Federazione della Stampa e Telefono Azzurro Il Codice Deontologico stabilisce anche: − il diritto del minore alla riservatezza

14 14 LA CARTA DEI DOVERI DEI GIORNALISTI ITALIANI (8 luglio 1993)  È nata in un periodo di accese polemiche: Mani Pulite  È divisa in tre parti: Premessa, Principi e Doveri  Libertà di informazione e di stampa: è un diritto attivo dei giornalisti diritto passivo della collettività

15 15 4 punti fondamentali: 1. I DIRITTI DELLA PERSONA 2. IL DOVERE DI RETTIFICA 3. LA PRESUNZIONE DI INNOCENZA 4. LE INCOMPATIBILITA’ PROFESSIONALI LA CARTA DEI DOVERI DEI GIORNALISTI ITALIANI (8 luglio 1993)

16 16 I DIRITTI DELLA PERSONA È vietato: ● Fare discriminazioni per razza, religione, sesso,condizioni fisiche o mentali, opinioni politiche ● diffusione di notizie sulla vita privata delle persone Si riprendono i principi stabiliti nella Carta di Treviso, assimilando ai minori i disabili ei malati

17 17 IL DOVERE DI RETTIFICA  Il diritto dei cittadini di vedere rettificate notizie inesatte o ingiustamente lesive è inviolabile.  Il giornalista vi deve adempiere con tempestività e con “appropriato rilievo” anche senza una specifica richiesta da parte del cittadino.

18 18 LA PRESUNZIONE DI INNOCENZA  Il giornalista deve ricordare che ogni persona accusa di un reato è innocente fino alla condanna definitiva.  Il giornalista non deve costruire notizie in modo da presentare come colpevoli le persone che non siano state giudicate tali in un processo

19 19 INCOMPATIBILITA’ PROFESSIONALI I giornalisti non possono:  subordinare informazioni economiche o finanziarie a profitti personali o di terzi  scrivere articoli relativi ad azioni sulle cui quotazioni si hanno interessi diretti o indiretti  accettare pagamenti, premi, vacanze o elargizioni varie in relazione all’attività giornalistica  assumere incarichi per iniziative pubblicitarie contrastanti l’esercizio autonomo della professione

20 20 I poteri del direttore sono stabiliti dal contratto nazionale di lavoro giornalistico - Strumento che regola i rapporti all’interno delle aziende giornalistiche - stipulato tra FIEG e FNSI IL DIRETTORE

21 21 IL DIRETTORE  Dopo la nomina è tenuto a presentare un programma all’assemblea dei redattori  la proprietà assume e licenzia il direttore

22 22 IL COMITATO DI REDAZIONE  È l’organismo sindacale dei giornalisti di una testata  È costituito da 3 membri eletti dall’assemblea di redazione

23 23 IL CODICE DEONTOLOGICO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI  i giornalisti non devono usare metodi intrusivi (riprese con teleobiettivi; intercettazioni telefoniche, ecc…)  i giornalisti devono sempre dichiarare la propria identità  non si devono molestare persone che non vogliono rilasciare informazioni  non si possono seguire persone per raccogliere dati personali

24 24 IL CODICE DEONTOLOGICO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI  i dati devono essere controllati se non sono forniti direttamente dall’interessato  i dati personali devono essere costantemente aggiornati  vige il diritto al segreto professionale sulla fonte della notizia  dovere di rettifica dei dati personali inesatti

25 25 - IL CODICE DEONTOLOGICO PER IL TRATTAMENTODEI DATI PERSONALI  i dati personali possono essere trattati senza consenso ad esclusione di quelli che possono rivelare lo stato di salute o la vita sessuale dell’interessato  diritto di cronaca = diritto dovere del giornalista di esporre fatti veri rispettando i limiti del buon gusto anche nel linguaggio

26 26 - IL CODICE DEONTOLOGICO PER IL TRATTAMENTODEI DATI PERSONALI  se i dati personali relativi a origine razziale ed etnica, convinzioni religiose o filosofiche ecc., sono di interesse pubblico, possono essere trattati senza il consenso del diretto interessato

27 27 IL CODICE DEONTOLOGICO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI  MINORI: è vietato il trattamento di dati relativi allo stato di salute e sulla vita sessuale senza l’autorizzazione di chi esercita la patria potestà  è vietato pubblicare i nomi di vittime di violenze sessuali, i nomi di coniugi di persone coinvolte in casi di cronaca  è vietato l’uso di immagini e fotografie contrarie alla dignità della persona

28 28 Sopravvive nell’opinione pubblica lo stereotipo del giornalista paladino della verità ma occorre non dimenticare che il giornalista svolge il suo mestiere all’interno di circuiti di potere politico, economico, sociale e culturale Il giornalista

29 29 I 5 principi etici del giornalista (Lambeth) 1. Il principio di dire la verità 2. Il principio di giustizia (deve essere garantita l’imparzialità e il diritto d’opinione) 3. Il principio di libertà 4. Il principio di umanità 5. Il principio di responsabilità

30 30 Professione del giornalista una delle professioni più difficili da intraprendere. PROFESSIONE GIORNALISTA

31 31 Qualsiasi Non è necessaria né la laurea né il diploma TITOLI DI STUDIO RICHIESTI:

32 32 Ostacolo maggiore: − trovare un mezzo di informazione che vi assuma e vi consenta di fare i 18 mesi di "praticantato". Ci sono comunque alcune scuole riconosciute che possono sostituirsi al praticantato. − PRATICANTATO = periodo necessario per poter accedere all'esame di Stato per diventare giornalista professionista.

33 33 GIORNALISTI o PUBBLICISTI Per esercitare la professione:  non è necessario essere giornalisti professionisti  possono farlo anche i pubblicisti iscritti ad un apposito elenco

34 34 ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEI PUBBLICISTI REQUISITI: Non è necessario né il diploma né la laurea È necessario collaborare per almeno 2 anni con un giornale Essere regolarmente retribuiti per gli articoli scritti Presentare opportuna documentazione all’Ordine dei giornalisti


Scaricare ppt "Teoria e tecnica del giornalismo Modulo A “professione giornalistica”"

Presentazioni simili


Annunci Google