La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIO RADIOGRAFICO DEL TORACE L'esame radiologico del torace è sicuramente il radiogramma più eseguito nelle Radiologie di tutto il mondo. Riveste ancora.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIO RADIOGRAFICO DEL TORACE L'esame radiologico del torace è sicuramente il radiogramma più eseguito nelle Radiologie di tutto il mondo. Riveste ancora."— Transcript della presentazione:

1 STUDIO RADIOGRAFICO DEL TORACE L'esame radiologico del torace è sicuramente il radiogramma più eseguito nelle Radiologie di tutto il mondo. Riveste ancora oggi importanza fondamentale nello staging e nel follow up di numerosissime affezioni.

2 PRIMA DELL’ESAME Identificazione Accertarsi  della corretta identificazione del Paziente  della correttezza dei dati che riporteremo sull'immagine (ID Paziente, Data,....)  dell'esame che andremo ad eseguire Accertarsi che le Pazienti in età fertile non siano in stato di gravidanza!!!

3 Ananmesi Raccogliere una accurata anamnesi che, tenendo conto del quesito clinico, rilevi notizie utili in fase di refertazione : Tosse? Febbre? Precedenti patologie polmonari? Fuma o fumava? Quanto? Patologie cardiache? Pregressi interventi chirurgici? (neoplasie?) Pregresse fratture costali? Com'è il respiro? ?

4 Far spogliare il Paziente a torace scoperto. Ogni oggetto che si interponga tra il fascio radiante e il detettore può produrre una falsa immagine. Spogliando il Paziente possiamo anche ispezionare la cute notando eventuali grossi nei o cicatrici che possono essere visibili sul radiogramma oltre ad essere indicative di pregressi interventi chirurgici. Il torace perfettamente scoperto deve essere la regola. In ogni regola ci sono le eccezioni che il TSRM deve applicare utilizzando il buon senso: se vediamo che la Paziente è molto a disagio nello spogliarsi (per pudore, per motivi religiosi,....) valuteremo l'opportunità di lasciare un indumento intimo che non abbia corpi estranei evidenti come ganci o bottoni. In alternativa possiamo fornire noi un camice di carta.

5 Spiegare al Paziente che gli chiederemo di fare una inspirazione profonda al termine della quale dovrà trattenere il respiro. Accertiamoci che abbia capito ed eventualmente facciamogli provare la manovra prima dell'esposizione.

6 PARAMETRI TECNICI KV - E' ormai da tutti accettato che nella radiografia toracica debbono essere utilizzate alte tensioni (> 120 KV). Le alte tensioni riducono sicuramente il contrasto dell'immagine ma ci permettono di visualizzare le strutture mediastiniche, retrocardiache e retrodiaframmatiche che altrimenti sarebbero invisibili. mA - mAs - Il tempo di posa deve essere il più breve possibile per ridurre al massimo il flou cinetico (cardiaco in particolare). DFF - La distanza fuoco film deve essere la maggiore possibile (ma almeno di cm nell'esame standard in ortostasi) per ridurre il flou geometrico e l'ingrandimento delle strutture in oggetto. Per gli stessi motivi la distanza tra il soggetto e il film deve essere la minore possibile

7 GrigliaGriglia - SI. Riduce le radiazioni diffuse e aumenta il contrasto e la definizione. FiltriFiltri - NO. Con i moderni materiali si ottiene un buon compromesso nella visualizzazione parenchima/mediastino. In passato sono stati studiati e prodotti filtri compensativi per visualizzare sullo stesso radiogramma strutture di densità diverse ma allo stato attuale appaiono superati e riservati, eventualmente, allo studio tomografico.

8 PROIEZIONE POSTERO-ANTERIORE

9

10 CRITERI DI CORRETTEZZA

11

12

13 The ribs play a role in assessing the adequacy of inspiration taken by the patient. The anterior end of approximately 5-7 ribs should be visible above the diaphragm in the mid- clavicular line. Less than this indicates an incomplete breath in, and more than 7 ribs or flattening of the diaphragm, suggests lung hyper-expansion. On this normal x-ray the anterior end of the 7th rib (*) intersects the diaphragm at the mid-clavicular line.

14 ESPANSIONE NORMALEIPER-ESPANSIONE

15 SOTTO-ESPOSIZIONE

16 ARTEFATTO DA CAPELLI

17 PROIEZIONE LATERO-LATERALE

18

19

20

21 PROIEZIONE ANTERO-POSTERIORE (TORACE A LETTO) Con questa definizione intendiamo comprendere, in questa sede, tutte le indagini del torace eseguite su Pazienti non in grado di mantenere la stazione eretta e quindi da realizzare con il soggetto seduto o in decubito. Questo esame può essere eseguito: In una diagnostica radiologica, utilizzando gli appositi apparecchi pensili, se il Paziente può essere trasportato dal Reparto di Degenza su carrozzina o barella Nel Reparto di degenza, al letto del paziente, con l'apparecchio mobile dedicato In Sala Operatoria, Terapia Intensiva, Ambulatorio di Broncoscopia od ovunque si trovi il Paziente in quel momento non trasportabile

22 L'esplorazione radiologica del Torace al letto del Paziente è spesso difficoltosa in quanto il malato è solitamente in condizioni critiche e poco collaborante. Occorre quindi, anche tenendo conto delle condizioni tecniche non ottimali in cui operiamo, ottenere il risultato iconografico migliore possibile. Si esegue comunemente la sola proiezione frontale in Antero-Posteriore (AP). In casi selezionati, e qualora il quesito clinico lo imponga, si può completare l'indagine con proiezioni complementari come il decubito laterale di Hessen (versamento pleurico?pneumotorace?).

23 Quando è possibile è preferibile eseguire l'esame a Paziente seduto. In caso è consigliato il decubito supino alle posizioni intermedie (semiseduto, semisupino,....). Questo approccio ha, tra l'altro, il vantaggio della riproducibilità, molto importante nei controlli frequenti.

24

25

26

27 In questa incidenza rispetto alla PA in ortostasi abbiamo una riduzione del volume polmonare e, soprattutto, un ingrandimento significativo dell'ombra cardiaca e del mediastino (circa 1/5) dovuto essenzialmente al fattore geometrico: il cuore è più lontano dal piano sensibile e la distanza del tubo radiogeno è ridotta. La variazione del flusso polmonare dovuta al decubito favorisce anche lo spostamento del volume circolatorio dalle basi verso l'alto e avremo quindi strutture vascolari agli ili più accentuate ma che dovrebbero mantenere profili netti e nitidi. Le vene polmonare e azygos appariranno dilatate. Tra gli effetti indesiderati ma inevitabili della posizione è obbligatorio ricordare che i fluidi e l'aria migrano: versamenti di piccola e media entità potrebbero non essere apprezzabili così come pnx, anche di entità importante. TORACE A LETTO: nota bene

28

29 INOLTRE…

30 ANATOMIA RADIOGRAFICA

31

32

33

34 Cardiothoracic ratio (CTR) = Cardiac Width : Thoracic Width

35

36

37

38

39

40


Scaricare ppt "STUDIO RADIOGRAFICO DEL TORACE L'esame radiologico del torace è sicuramente il radiogramma più eseguito nelle Radiologie di tutto il mondo. Riveste ancora."

Presentazioni simili


Annunci Google