La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E’ immorale non dedicare all’ufficio, al quale si è richiesto di essere preposti, tutte le energie ed il tempo che sono necessari alla sua conduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E’ immorale non dedicare all’ufficio, al quale si è richiesto di essere preposti, tutte le energie ed il tempo che sono necessari alla sua conduzione."— Transcript della presentazione:

1

2 E’ immorale non dedicare all’ufficio, al quale si è richiesto di essere preposti, tutte le energie ed il tempo che sono necessari alla sua conduzione C. M. MARTINI The crown the servant and not the master of the State Antica massima britannica recuperata nel XVII secolo 2

3 CORRUZIONE Nasce da una posizione di DISPARITA’ fra chi è voce dell’Amministrazione ne esprime le determinazioni e i CITTADINI (fenomeno burocratico e pulviscolare - CdC) È quindi un concetto AMPIO: delitti contro la PA Malfunzionamento dell’Amministrazione Inquinamento dell’attività amministrativa 3

4 Economicità Efficienza Efficacia 4

5 Vincere l’impermeabilità dei comportamenti La COSCIENZA è un MUSCOLO Va allenato con disciplina come fossimo degli atleti 5 Tu puoi FARE DI PIU’ - Ti è possibile FARE MEGLIO Essere ONESTI è possibile ed è un’AVVENTURA STRAORDINARIA

6 6 Non è poi nemmeno una gran somma quella che certe persone pretendono per salvarti, per tirarti fuori di qui. E poi, non vedi come sono a buon mercato questi vigliacchi? Gente che si vende per poco. CRITONE Così muore uno Stato: sottrarre ad altri per sé e per la propria fazione, per la salute dello Stato è peggio della guerra e della carestia CICERONE Crimen repetundarum si ha quando un magistrato, con qualsiasi mezzo, consegua illeciti profitti patrimoniali a danno di popolazioni alleate o sottoposte al dominio romano LEX ACILIA Una casa dalle mura trasparenti Il principio della trasparenza nell’Antica Roma Il tribuno Marco Livio Druso

7 7 Nel 1938 in Inghilterra la penna sferzante di Winston Churchill denunciava un’abitudine a vivere «in una barbarie tanto più cupa in quanto tollerata da un’atonia morale coperta da una parvenza di progresso scientifico»

8 Costituzione della Repubblica Italiana è una SOMMA di IMPERATIVI ETICI diceva Stendhal «nell’avvicinarsi ad una Costituzione si prova un senso quasi religioso….» Art. 54…I cittadini cui sono affidate funzione pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge. Art. 97…I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. Art. 98 I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione. 8

9 9 «A suo avviso, la necessità di includere nella Costituzione alcune norme riguardanti la pubblica amministrazione sorge per due esigenze. Una prima è quella di assicurare ai funzionari alcune garanzie per sottrarli alle influenze dei partiti politici. Lo sforso di una costituzione democratica, oggi che al potere si alternano i partiti, deve tendere a garantire una certa indipendenza ai funzionari dello Stato, per avere un’amministrazione obiettiva della cosa pubblica e non un’amministrazione dei partiti» C. Mortati (da Atti della Costituente) «Una Costituzione deve sempre rispondere alle esigenze sentite nel determinato momento in cui si forma. Ora, una delle esigenze più profondamente sentite nel lomento presente è quella di attuare un’opera moralizzatrice specialmente nel campo della vita pubblica» C. Mortati (da Atti della Costituente)

10 10 «Brevi sono gli accenni, per la pubblica amministrazione, al buon andamento ed alla sua imparzialità. Un testo di costituzione non poteva dire di più; ma si avverte da tutti il bisogno che il Paese sia bene amministrato, che lo Stato non sia solo un essere politico, ma anche un buon amministratore secondo convenienza e secondo giustizia. E si sente la tacita invocazione ad una riforma profonda e semplificatrice» M. RUINI (da Atti della Costituente)

11 Il ruolo del dipendente pubblico Servitore dello Stato Diffusione di valori positivi Senso di appartenenza alle istituzioni Etica individuale Correttezza Imparzialità Avere l’ambizioso compito di rispondere ai cittadini e non alla macchina statale F. PATRONI GRIFFI Responsability of Ministers in accordance with the public will Antica massima britannica recuperata nel XVII secolo 11

12 Prevenzione e Lotta alla corruzione «…anche grazie a norme organiche, chiare e semplici si può ostacolare la corruzione, eliminando margini di incertezza e ambiguità, entro i quali più facilmente attecchisce il fenomeno. Quanto ai dati sull’incidenza della corruzione, devo appena sottolineare che non sussistono criteri univoci sulla base dei quali elaborare credibili stime quantitative; a maggior ragione risulta arduo esprimersi con riguardo alle dinamiche del fenomeno.» R. Squitieri Presidente della Corte dei Conti «La corruzione è causa e conseguenza della stagnazione dell’economia italiana. Per far ripartire il Paese non basta riformare il lavoro, bisogna combattere questi meccanismi più occulti.» Pier Carlo Padoan (OCSE, 2012) 12

13 Percezione Pubblica L’Italia dal 72° al 69° posto nella classifica di Trasparency International «…Non sempre un elevato numero di reati segnalati è un dato negativo perché potrebbe significare che in quel Paese i controlli funzionano efficacemente» Siim Kallas, già Commissario europeo per gli Affari amministrativi, gli Audit e la lotta antifrode «Dobbiamo combattere contro le tigri e le mosche allo stesso tempo indagare con fermezza i casi criminali degli alti funzionari e risolvere seriamente le tendenze nocive e i casi di corruzione che accadono alle persone» Xi Jinping, Presidente della Cina è – a mio avviso – una dimostrazione di civiltà I NOSTRI CITTADINI SONO LA MIGLIORE SENTINELLA 13

14 La Legge 190 del 6 novembre 2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione SISTEMA ORGANICO DI PREVENZIONE E REPRESSIONE  Contrasto alla corruzione burocratica  Individuazione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione  Disposizioni specifiche in tema di Trasparenza  Strategia Nazionale Anticorruzione ( PNA)  Prevenzione Amministrativa ( Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione)  Inasprimento sanzioni e perfezionamento catalogo reati  Incompatibilità ed Incandidabilità  Tutela del wistleblowing 14

15 Rapporto ANAC sul primo anno di attuazione della L.190/12 VERSO UNA POLITICA DELL’INTEGRITA’ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Superare la visione dell’adempimento amministrativo Affermare la cultura dell’integrità Valorizzare le politiche di prevenzione della corruzione all’interno di ciascuna amministrazione Formazione interna Interazione tra i soggetti istituzionali in materia di prevenzione Invito a perseguire azioni per una «Amministrazione Trasparente» al servizio del cittadino Forme diffuse di controllo sociale 15

16 Rapporto Anticorruzione 2014 La Commissione Europea ha evidenziato i passi compiuti dall’Italia La L. n.190 e i successivi decreti legislativi hanno rappresentato un significativo passo in avanti riguardo alla prevenzione della corruzione «ANAC prevalentemente svolge una funzione reattiva piuttosto che proattiva» Non è compito dell’ANAC svolgere una funzione di carattere investigativo e repressivo che si sostanzierebbe in una sovrapposizione con l’azione giudiziaria La missione è di limitare la frequenza e l’intensità della corruzione indirizzando i comportamenti delle amministrazioni attraverso la diffusione della trasparenza e delle regole di condotta e vigilando sulla loro applicazione effettiva 16

17 17 La legge n. 4 del 9 gennaio 2004 Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. ACCESSIBILITA’ USABILITA’ siti web facili e semplici da navigare Condivisione delle conoscenze e socializzazione dei saperi RI-USABILITA’ capitale di conoscenza condiviso TRASPARENZA

18 La Trasparenza è … oggi, il termine Trasparenza Amministrativa assuma due significati diversi:  Da un lato, quello che possiamo considerare il tradizionale diritto di accesso agli atti e ai documenti amministrativi che continua ad essere regolato dalla Legge n. 241/1990 con tutte le limitazioni legate al possesso di un interesse qualificato per poter accedere agli altri.  Dall’altro, il diritto di chiunque, senza alcuna restrizione, di leggere sui siti degli Enti le informazioni prescritte dal D. Lgs. 33 del 2013.

19 Gli ATTORI della trasparenza 19 o Il Responsabile della trasparenza All’interno di ogni amministrazione il responsabile per la prevenzione della corruzione svolge, di norma, le funzioni di Responsabile per la trasparenza (art. 43, d.lgs. n. 33/2013) Cosa significa quindi Trasparenza? «accessibilità totale delle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività delle Pubbliche Amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche» [d.lgs. n. 33/2013] Significa che, per molte informazioni, gli Enti non dovranno più aspettare che siano gli interessati a chiedere loro atti e documenti, ma dovranno proattivamente pubblicare i dati in loro possesso.

20 A cosa serve la Trasparenza? 20 Il legislatore ha preso atto che nella società dell’informazione La trasparenza è condizione di garanzia delle libertà individuali e collettive, nonché dei diritti civili, politici e sociali; l’accesso alle informazioni del settore pubblico integra il diritto ad una buona amministrazione e concorre alla realizzazione di una Amministrazione aperta, al servizio del cittadino. La trasparenza non serve solo a prevenire la corruzione, ma concorre ad attuare il principio democratico e numerosi principi di rilievo costituzionale e peraltro integra il diritto di partecipazione

21 - Riconosce in capo a chiunque un vero e proprio diritto di accesso a quelle informazioni e a quei dati (siano o meno contenuti in atti giuridici in senso stretto) per i quali risulti non adempiuto l’obbligo di pubblicità. - E’ svincolato dai requisiti di legittimazione dell'accesso previsto dalla l. n. 241/90. - E’ azionabile senza formalità, senza necessità di motivare l'istanza, senza dover dimostrare l'utilità dell'atto che si intende conoscere rispetto alle esigenze difensive del richiedente. - E’ un sistema fortemente innovativo, in grado di "costringere" le amministrazione ad assicurare la pubblicità che la legge prescrive. 21 Un nuovo diritto per i cittadini: l’accesso civico

22 Robert Klitgaard 1988: C = M + D – A. Corruption equals monopoly plus discretion minus accountability 22

23 Papa Francesco: Peccatore si, corrotto no La corruzione puzza, è come l’aria viziata o l’alito cattivo, chi ce l’ha non lo sente, sono gli altri che se ne accorgono e devono farlo notare per vincere l’impermeabilità di tanti comportamenti 23

24 Grazie Marco Villani Direttore Generale FormezPA 24


Scaricare ppt "E’ immorale non dedicare all’ufficio, al quale si è richiesto di essere preposti, tutte le energie ed il tempo che sono necessari alla sua conduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google