La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Al tempo dei Romani la visione del mondo era molto più religiosa ed unitaria della nostra. Un cambiamento, una variazione, un evento particolare, potevano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Al tempo dei Romani la visione del mondo era molto più religiosa ed unitaria della nostra. Un cambiamento, una variazione, un evento particolare, potevano."— Transcript della presentazione:

1 Al tempo dei Romani la visione del mondo era molto più religiosa ed unitaria della nostra. Un cambiamento, una variazione, un evento particolare, potevano rappresentare un segno inviato dagli dei, annunciatore di qualcosa che stava per accadere; tali segni decifrati attraverso il simbolismo e l’analogia avrebbero permesso all’individuo di adottare comportamenti adeguati per far fronte ad eventuali incombenze. Con l’aiuto di oggetti magici, specifici per le varie situazioni, segni come: l’inciampare, il canto di una cornacchia o di un gufo, un cattivo incontro, una parola casualmente udita, un sogno infausto, un’anfora d’olio che si rovesciasse per terra, sarebbero serviti ad evitare pericoli e guai e a predisporsi ad una vita più serena e fortunata grazie ad un'opportuna interpretazione. Prima dei Romani altri popoli come gli Egizi ed i Greci credevano nei culti misterici. Al contrario di questi popoli i Romani avevano per natura uno spirito pratico e concreto nonostante il quale ritenevano importare la divinazione, vista come il mezzo con cui gli dei si manifestavano indicando le loro volontà, con il quale giudicavano opportuno o meno intraprendere un'impresa o un'azione militare.

2 La curiosità accresce se si pensa a quali sarebbero potute essere le credenze che viaggiavano di porta in porta, di bocca in bocca nella città di Roma nei tempi passati e qui sotto ve ne sono riportate tra le più famose: Si doveva fare attenzione, durante le cerimonie religiose, i banchetti ed evitare azioni di cattivo augurio (starnutire, far cadere qualcosa, nominare i fulmini...), e sperare di notte di non fare sogni che presagissero eventi negativi. In una città dove era facile che si sviluppassero incendi era importante allontanare il pericolo scrivendo sulla porta della casa la parola “arseverse” (derivante forse da “averte ignem, cioè “contro il fuoco”). Anche i lampi e i fulmini facevano paura, e in quel caso si usava emettere un sibilo, fischiare. Nei confronti delle ombre, dei “fantasmi”, i Lemures, si adottano particolari rituali. In occasione delle feste Lemurie, il paterfamilias a mezzanotte, a piedi nudi, schioccando le dita. Mette in bocca delle fave nere, e poi le butta dietro le spalle pronunciando per nove volte le parole: “Le gitto e me redimo e i miei con queste fave!” e ancora “Ombre degli avi uscite!” Ambivalente il rapporto con il lupo, che da un lato è datore di vita e di fecondità (la lupa che nutre i gemelli Romolo e Remo; l'animale totem del Ver Sacrum; la barba di lupo che si attaccava dietro la porta per salvarsi dai sortilegi), dall'altro è legato al mondo degli inferi, alla violenza, alla malvagità. C'era la credenza nella possibilità che alcuni uomini potessero trasformarsi in lupi e di notte andassero a seminare morte e terrore negli ovili. Tali esseri (“versipelles”, cioè capaci di mutare, di trasformarsi, o anche “lupi hominari”, da cui “lupi mannari”) sono descritto da vari autori tra i quali Ovidio, che narrò della trasformazione di Licaone, re di Arcadia, il quale, in onore di Zeus, uccise un giovinetto e si cibò delle sue carni.

3 Nel “Satyricon” di Petronio, Nicerote racconta che una volta chiese ad un forte soldato di accompagnarlo a casa di un'amica; così al primo canto del gallo, sotto i raggi di una luna chiara, si misero in cammino e giunsero in un cimitero. Qui il soldato si avvicinò ad una lapide per un bisogno, quindi si spogliò, ed ecco che diventò un lupo e poi sparì nella vicina selva. Nicerote, terrorizzato, malgrado la paura, riesce a giungere a casa dell'amica che gli dice: “Se solo fossi arrivato un po' prima, almeno ci avresti dato una mano: un lupo è entrato nel recinto e ci ha massacrato tutte le pecore come un macellaio. Comunque, anche se è riuscito a scappare, non ha da stare allegro, perché un nostro servo gli ha trapassato il collo con la lancia”. Una volta tornato a casa, Nicerote trova il soldato a letto con un medico al suo capezzale che gli cura il collo ferito. Da quel giorno Nicerote non mangiò con lui nemmeno un pezzo di pane a costo della vita. Veniva considerato di cattivo augurio rovesciare vino,olio e acqua. Portava sfortuna un cane nero che entrava in casa. Era di cattivo auspicio un topo che faceva un buco in un sacco di farina. Malaugurio era una trave della classe che si spaccava senza motivo. Era anche solito ricorrere a scongiuri contro la jella oppure... evocare maledizioni attraverso l'utilizzo della magia nera. Uno scavo condotto da archeologi ha portato alla scoperta di oggetti che indicano che nel periodo tardo-imperiale si compivano riti oscuri presso le vicinanze della fontata di Anna Perenna. Si tratta di recipienti formati ciascuno tra tre cilindri di piombo messi l'uno dentro l'altro (come le matrioske) e tutti sigillati ermeticamente; il più interno contiene la fattura e un pupazzetto di forma umana impastato con acqua, farina e miele,che veniva infilato a testa in giù e rappresentava la persona da maledire. Si sono inoltre trovate una ventina di “Dfixiones”, cioè sottilissime lastre di piombo con sopra incise fatture e maledizioni. Defixiones e recipienti cilindrici venivano buttati nella fontana affinché raggiungessero l'aldilà attraverso i canali di deflusso dell'acqua.

4 Oltre ai numeri dei giorni dei vari mesi, numero di altra natura erano sgraditi al popolo di Roma: Consideravano infausto il secondo giorno di ogni mese. Ritenevano favorevoli i numeri dispari, specialmente il tre ed i suoi multipli. Il numero 17, secondo anche una serie di operazioni matematiche, era considerato come un elemento disturbatore, turbatore e compromettente; in Egitto è nel diciassettesimo giorno del mese di Athyr che muore il grande Dio Osiride; anche il biblico Diluvio Universale inizia il giorno 17 del secondo mese. A Roma, il 17 si scriveva XVII, che anagrammato si può leggere VIXI, cioè vissi, ho vissuto, al passato e non al tempo presente. I Romani, come anche noi, avevano delle feste e delle date particolari all'interno del loro calendario: Il mese di Febbraio era dedicato alla purificazione ed alla lustrazione. Il 14 Marzo cacciavano dalla città un vecchio coperto di pelli, Mamurio Venturio, il vecchio marzo, che simboleggiava l'anno vecchio, per aprire le porte alla Primavera. Il 21 Aprile, era in onore della dea Pale a cui offrivano beni, pregavano, accendevano fuochi su cui i pastori saltavano sfidandosi e compivano rituali con lo scopo di espiazione e propiziazione. Il mese di Maggio era considerato un mese inopportuno nel quale sposarsi dato che esso era dedicato alla purificazione. Il 23 Agosto sacrificavano dei piccoli pesci a Vulcano, dio del fuoco molto probabilmente per scongiurare, con degli animali che vivevano nell'acqua, il pericolo d'incendi. Il 13 Settembre, nel tempio Capitolino, piantavano un chiodo allo scopo di impedire che un evento rovinoso come: carestia, inondazione, epidemia, potesse colpire la comunità. In Ottobre purificavano le armi, al termine delle campagne di guerra.

5 Precedentemente, parlando dell'interpretazione dei segni divini sono entrati in ballo oggetti in grado di aiutare l'individuo a comprendere il volere delle divinità attraverso segni, avvenimenti e cambiamenti:Gli amuleti, numerosissimi e di varia natura, capaci di preservare dalle malattie e dai malefici e di stornare i cattivi influssi. Ne esistevano di varie forme e dimensioni, potevano essere in pietra o in metallo (quest'ultimi spesso portati sotto forma di gioielli). Le pietre preziose hanno, ciascuna, una specifica valenza magica e campo d'applicazione: L'Agata sarebbe efficace contro i morsi di ragni e scorpioni. L'Ambra un valido rimedio contro i gonfiori delle tonsille e del collo. L'Ametista, come lo Smeraldo, preserverebbe dall'ebbrezza, allontanerebbe le tempeste e contrasterebbe i veleni. Sulle pietre preziose o semi-preziose venivano poi incise immagini di divinità protettrici, come: Venere, Mercurio, Eros, la Fortuna, oggetti benauguranti,animali forti e combattivi.


Scaricare ppt "Al tempo dei Romani la visione del mondo era molto più religiosa ed unitaria della nostra. Un cambiamento, una variazione, un evento particolare, potevano."

Presentazioni simili


Annunci Google